User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Armi strategiche e diritti dei lavoratori

    Armi strategiche e diritti dei lavoratori
    di Marco Della Luna - 02/09/2010

    Che si prenderà le ultime scorte di petrolio, nickel, rame etc.? Chi resterà senza queste commodities e dovrà rinunciare al proprio benessere? Le risorse naturali, e alcuni metalli specialmente, si avviano rapidamente all’esaurimento, anche a causa del forte consumo da parte dell’esplosiva economia cinese, che guida la corsa all’accaparramento anche di terre agricole e di fonti d’acqua. La riserve calano, la competizione per assicurarsele si accende, e le potenze dotate di armi nucleari strategiche, quindi in grado di imporsi in questa competizione togliendo le risorse alle altre, sono tre: USA, Russia e Cina. Le altre, tutte le altre, non avendo vettori nucleari intercontinentali, non possono eseguire rappresaglie, quindi possono essere fermate con la minaccia o l’attuazione di un attacco nucleare o anche convenzionale da parte di USA o Russia o Cina, o un’occupazione finalizzata all’impianto della democrazia quando si vuole vendere materie prime e petrolio in particolare senza passare per il Dollaro. Gli altri paesi nucleari, ossia Francia, Gran Bretagna, Israele, India, Pakistan, Corea del Nord, hanno vettori nucleari difensivi, incapaci di colpire un eventuale aggressore lontano migliaia di chilometri, quindi inutili come deterrente contro di esso. La Nato ha armi strategiche intercontinentali, ma le controllano gli americani, quindi non sono certo al servizio degli interessi europei. Se esistesse una federazione europea capace di una sua politica di autotutela, si doterebbe, come prima priorità, di missili balistici intercontinentali con testate da 20 megatoni e di sottomarini nucleari con altri analoghi vettori strategici. Sarebbe la più grande potenza economico-industriale, con 600 milioni di abitanti, e potrebbe ‘partecipare alla spartizione delle risorse planetarie. Invece non lo farà.
    La Cina ha un sistema monetario che le consente di finanziare la spesa pubblica e gli investimenti sia interni che all’estero senza contrarre debito, sicché riesce non solo a crescere vertiginosamente, ma anche a fare incetta delle risorse planetarie, dalle miniere africane ai ristoranti di Venezia, togliendole praticamente a costo zero a paesi come l’Italia che invece affondano in un indebitamento pubblico e privato che oramai si riconosce essere irredimibile, inestinguibile. Inoltre la Cina ha un esercito di un miliardo – ripetesi: un miliardo – di lavoratori disciplinati e zelanti, con pochi diritti e poche pretese, senza scioperi, e con la loro smisurata forza produttiva invade settori di mercato globale occidentali, compresi molti di quelli tradizionalmente italiani. Inoltre, anche in fatto di ricerca e innovazione tecnologica è in grado di raggiungere o surclassare la maggior parte dei competitori sul mercato globale in molti settori, mentre l’Italia da vent’anni perde posizioni in fatto di produttività, infrastrutture, quote di mercato, ricerca e innovazione, efficacia della sua scuola. Non parliamo del confronto con altre potenze emergenti quali India, Russia, Brasile. Nello scacchiere mondiale, l’Italia, come soggetto politico, conta zero. Conta come area di conquista e sfruttamento di altri.
    Poiché queste cose non vengono (per ora) dette né capite a livello di opinione pubblica, si può ancora esaltarsi coi sindacalisti, con Bagnasco e compagnia bella per il reinserimento forzato nel posto di lavoro degli operai della Fiat di Melfi e raccontare alla gente che oggi c’è da combattere contro la logica della globalizzazione finanziaria per preservare i diritti salariali e non conquistati dai lavoratori italiani in decenni di lotte sindacali democratiche. Quei diritti possono essere giustissimi – non si discute – ma sono finiti, finiti senza ritorno, poiché l’evoluzione geostrategica e geoeconomica (assieme all’involuzione e stagnazione del sistema-paese italiano) ha eliminato il loro presupposto, che era il fatto che l’Italia era una potenza economica e tecnologica in crescita, con un reddito e una produttività pro capite comparativamente elevati. L’Italia dei decenni scorsi poteva viver bene e dedicarsi al contempo ai grandi obiettivi sociali e ideali, ai diritti dei lavoratori senza pari doveri, al 27 politico per tutti gli studenti, all’assistenzialismo a pioggia, perché la generazione precedente aveva lavorato sodo e con poche pretese; e perché i giganti asiatici non si erano ancora svegliati; e anche perché allora l’indebitamento pubblico era basso e c’era molto spazio per spendere a deficit e indebitare le generazioni future. Ora la pacchia è finita, arriva lo scontro con la realtà, e l’Italia è un paese vecchio e ristagnante, sempre più ingessato dai suoi debiti e simultaneamente schiacciato da sistemi-paese concorrenti molto più produttivi, dinamici, innovativi, nonché in grado di prendersi con la forza le risorse di cui hanno bisogno, e – nel caso della Cina – addirittura di finanziare senza indebitarsi la propria espansione economica e il lavoro per il suo sterminato esercito di lavoratori e consumatori.


    Armi strategiche e diritti dei lavoratori, Marco Della Luna
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Armi strategiche e diritti dei lavoratori

    In Cina qualcosa sta cambiando. E' da 3 anni che i lavoratori, in particolare quelli della ultima generazione, creano grattacapi con rivolte, scioperi, sabotaggi. Si son rotti anche là le scatole di passare troppo tempo in scatoloni di metallo spesso per paghe del cavolo. Il regime cinese cerca di trovare un compromesso tollerando l' aumento delle buste paga così ci sono più soldi per comprare e tollerando la riduzione degli orari così resta tempo per spendere e consumare: un modo di tenere alti i ricavi delle imprese nazionali. Anche questo scenario, in contesto glabalizzato, spinge i lavoratori occidentali a lavorare e produrre di più per paghe più basse così nel tentativo di riuscire a vendere ai consumatori cinesi (le nostre merci risentono sempre dei costi trasporto via mare o aereo).
    Anche in Bangladesh i lavoratori insorgono, mentre in India le varie guerriglie maoiste si allargano.

    Un altro problema di non poco conto è che queste economie emergenti come Cina e India impossessandosi di numerose tradizionali linee di appovviggionamento di materie prime delle aziende occidentali, potrebbero causare disoccupazione nei nostri paesi. L' aumento dei costi delle materie prime per diminuzione della loro quantità a fronte di una domanda in crescita lo vediamo ad esempio quando andiamo a rifornire la macchina.
    Ultima modifica di Avanguardia; 03-09-10 alle 00:21

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Sep 2010
    Messaggi
    1,609
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Armi strategiche e diritti dei lavoratori

    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    In Cina qualcosa sta cambiando. E' da 3 anni che i lavoratori, in particolare quelli della ultima generazione, creano grattacapi con rivolte, scioperi, sabotaggi. Si son rotti anche là le scatole di passare troppo tempo in scatoloni di metallo spesso per paghe del cavolo. Il regime cinese cerca di trovare un compromesso tollerando l' aumento delle buste paga così ci sono più soldi per comprare e tollerando la riduzione degli orari così resta tempo per spendere e consumare: un modo di tenere alti i ricavi delle imprese nazionali. Anche questo scenario, in contesto glabalizzato, spinge i lavoratori occidentali a lavorare e produrre di più per paghe più basse così nel tentativo di riuscire a vendere ai consumatori cinesi (le nostre merci risentono sempre dei costi trasporto via mare o aereo).
    Anche in Bangladesh i lavoratori insorgono, mentre in India le varie guerriglie maoiste si allargano.

    Un altro problema di non poco conto è che queste economie emergenti come Cina e India impossessandosi di numerose tradizionali linee di appovviggionamento di materie prime delle aziende occidentali, potrebbero causare disoccupazione nei nostri paesi. L' aumento dei costi delle materie prime per diminuzione della loro quantità a fronte di una domanda in crescita lo vediamo ad esempio quando andiamo a rifornire la macchina.


    Probabilmente hai ragione però c'è anche da dire che i dirigenti della repubblica popolare non hanno certo la mano morbida contro rivolte e sommovimenti da parte della classe operai come delle minoranze etniche o confessionali presenti in Cina.

    Difficilmente penso che avranno la forza per cambiare un capitalismo selvaggio in piena crescita come quello cinese.
    “Non vi è socialismo senza nazionalizzazione e socializzazione delle industrie” STANIS RUINAS

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Armi strategiche e diritti dei lavoratori

    Citazione Originariamente Scritto da stanis ruinas Visualizza Messaggio
    Probabilmente hai ragione però c'è anche da dire che i dirigenti della repubblica popolare non hanno certo la mano morbida contro rivolte e sommovimenti da parte della classe operai come delle minoranze etniche o confessionali presenti in Cina.

    Difficilmente penso che avranno la forza per cambiare un capitalismo selvaggio in piena crescita come quello cinese.
    Diciamo che sta avvenendo qualche compromesso tra classe operaria e oligarchia cinese: quest' ultima pressata da rivolte, insubordinazioni e esplosione di problemi psichici che ha ricaduta sul rendimento lavorativo, fa qualche concessione, mentre i lavoratori spenderanno e consumeranno di più, prevalentemente prodotti interni e di paesi africani che forniscono materie prime alla Cina, mentre le merci occidentali sono penalizzate da forti dazi. Talune concessioni, che non cambiano comunque molto il quadro della condizione operaia cinese, spezzano però il malcontento e attenuano il potenziale sovversivismo, arrivando ad una condizione di stabilità per il regime, la quale resta tenuta alle palle dai gravissimi problemi ambientali, climatici e di approvviggionamento delle risorse che forzano la Cina a fare il bullo con Giappone, America etc. Il costo del lavoro in Cina resta ancora molto basso e la produttività così alta che l' invasione di queste merci distrugge le economie occidentali, danneggiando soprattutto la piccola e la media impresa manifatturiera, in futuro a rimetterci potranno essere anche le grandi industrie occidentali, quelle che fanno macchine, aerei (i padroni comunque sono ora più interessati a privatizzare acqua, terreni, scuole, etc. le cose insomma di cui si avrà sempre bisogno per avere potere e rendita).
    A fermare il super-capitalismo in Cina sarà la drastica riduzione delle materie prime e molto probabilmente le guerre per contendersele.
    Ultima modifica di Avanguardia; 03-12-10 alle 16:00

 

 

Discussioni Simili

  1. Diritti per lavoratori e disoccupati
    Di TEBELARUS nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-10-12, 21:26
  2. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 05-09-10, 16:42
  3. Diritti dei lavoratori dipendenti.
    Di Erenis nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-07-07, 15:29
  4. Carta dei diritti dei Lavoratori!
    Di Danny nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 04-07-05, 20:36
  5. Russia: Putin, "Stiamo elaborando nuove armi strategiche"
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-05-03, 11:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226