User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Freezer

Discussione: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

  1. #1
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,101
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    Home Il Meglio della Settimana Come è iniziato e cosa vuole il movimento dei gilets jaunes?
    Come è iniziato e cosa vuole il movimento dei gilets jaunes?
    16 Dic 2018 · 0 Comment

    di ENZO TRENTIN – Come è iniziato e cosa vuole il movimento dei gilets jaunes? È partito da una Petizione lanciata il 29 maggio 2018 da Priscillia Ludosky per denunciare l’aumento dei prezzi dei carburanti che, secondo il governo, è necessario per la transizione ecologica, ma soprattutto per denunciare la falsa argomentazione ecologica avanzata per giustificare l’ennesima sovra-tassazione. Inizialmente, tramite un video pubblicato su Facebook, si invitava a manifestare mettendo tutti il gilet giallo sul cruscotto del veicolo come segno di supporto per il movimento.

    Oggi le rivendicazioni vanno ben oltre e l’urgenza della situazione è evidente. Gli sviluppi si possono seguire tramite il sito ufficiale dei gilets jaunes [http://giletsjaunes.e-monsite.com/pa...sentation.html ]. Le rivendicazioni e le proposte investono la stessa democrazia occidentale. E mentre il governo francese lancia accuse (peraltro subito smentite) al Cremlino retto da Vladimir Putin o dalla Casa Bianca retta da Donald Trump, a Parigi le autorità cercano di gettare acqua sul fuoco, soprattutto per evitare la realizzazione di nuove manifestazioni che sono state già indette. L’attenzione è concentrata verso il presidente Emmanul Macron. Tutti sperano che le misure in questione diano un nuovo impulso, alla riconciliazione nazionale, per porre fine alla crisi che prosegue nelle strade da circa un mese. Macron ha fatto qualche concessione, ma i gilets jaunes non appaiono soddisfatti.

    Tuttavia la questione sembra essersi allargata, e può essere sinteticamente così riassunta:

    Non si tratta più di mettere al suo posto di Emmanul Macron un altro oligarca, a che pro – dicono i gilets jaunes – sbattersi sull’asfalto, intirizziti e sotto la pioggia? Quando una maggioranza di cittadini non vuole più pagare le tasse ed esprime la sua diffidenza verso le strutture intermedie (partiti, sindacati, associazioni …) che li turlupinano da anni, quando l’astensione diventa il partito di maggioranza, quando centinaia di migliaia di francesi bloccano il paese per domandare le dimissioni del capo dello Stato, ciò significa che l’attuale “democrazia rappresentativa” (che non ha più di democratico che il nome) è fallita.
    Dobbiamo ricostituire la nostra sovranità inventando altre forme di organizzazione.
    La grande forza del nostro movimento che inquieta le élites, è di aver saputo resistere a ogni forma di recupero politico, sindacale o da parte di portavoce autoproclamati in cerca della luce della ribalta.
    Perché questo duri, dobbiamo fare in modo che i nostri rappresentanti ci rappresentino davvero.
    Noi non vogliamo più un mondo senza contatto, e diffidiamo della moda delle nuove tecnologie di comunicazione che ci rendono dipendenti e quindi vulnerabili, e che gonfiano la spaventosa fattura energetica, e ambientale del digitale.
    Niente può sostituire il contatto umano diretto. Se si devono istituire dei delegati a livello di ogni comitato popolare locale, si invitano le centinaia di gruppi di Gilets jaunes a dotarsi di una capanna come nel Comune di Commercy o di una “casa del popolo” come nel Comune di St. Nazaire. Insomma di un luogo di riunione e organizzazione. Che si coordinino tra loro, a livello locale e dipartimentale in assoluta uguaglianza. È così che vinceremo perché è qualcosa che lassù non sono abituati a gestire! E incute loro una paura boia. [un tema da noi affrontato qui https://www.vicenzareport.it/2018/09...o-non-governa/ ]
    Vorremmo ricordare alcune modalità della democrazia diretta che dovrebbero soddisfare l’organizzazione del nostro movimento e per estensione quello della nostra democrazia futura. [altro tema che abbiamo trattato qui https://www.vicenzareport.it/2018/05...razia-diretta/ ] Non sono idee nuove perché sono state pensate e messe in atto ad Atene più di 2500 anni fa e applicate in forme diverse da varie popolazioni del medioevo in Europa, durante la rivoluzione francese, inglese o americana, la Comune di Parigi, i soviet russi del 1905, la rivoluzione spagnola del 1936, l’insurrezione ungherese del 1956 e oggi in Chiapas e nel [https://eleuthera.it/scheda_libro.php?idlib=427 ] Rojava.
    L’assemblea generale: al livello locale, quello del quartiere o del comune; tocca al popolo riunito in assemblea e non a qualche eletto, dibattere e decidere degli affari che lo riguardano ed eleggere i cittadini che lo rappresenteranno a livello regionale e nazionale.
    L’estrazione a sorte: i candidati alle elezioni regionali o nazionali, come i consiglieri municipali sono sorteggiati tra i cittadini per assicurare una giusta rappresentazione di tutte le categorie sociali e l’esclusione di tutti gli assetati di potere. [tema affrontato anche qui https://www.vicenzareport.it/2018/11...sse-dirigente/ ]
    Il mandato unico: la rappresentanza del popolo non è una carriera, e i nostri rappresentanti devono essere concentrati sui loro compiti piuttosto che sulla loro rielezione.
    Il mandato imperativo: un eletto può eseguire unicamente le decisioni per le quali è stato espressamente incaricato dalle assemblee di cittadinanza e nient’altro.
    La revocabilità: ogni rappresentante deve poter essere dimesso dalle sue funzioni in ogni momento, tramite il voto di quelli che rappresenta, se tradisce il mandato per il quale è stato eletto. Vedasi il Recall qui [https://en.wikipedia.org/wiki/Recall_election ]
    La rotazione dei compiti: dai più ingrati ai più gratificanti tutti vi partecipano.

    I Gilets jaunes non devono diventare un partito o un sindacato in più. La politica non è un lavoro da specialisti ma l’impegno di individui autonomi che formano un popolo: la democrazia diretta presuppone l’elaborazione di un’educazione vera e rigorosa per formare questo tipo d’individuo. Il progetto richiede, per permettere il coinvolgimento di tutti, il tempo libero che ci manca crudelmente per tessere legami sociali: lo si dovrà strappare al quotidiano (lavoro, trasporti, tempo libero che abbrutisce, ecc.). La sfida colossale di elaborare una democrazia diretta sembra più abbordabile se si pensa innanzi tutto al livello locale, prima di federarsi a livelli superiori.

    Al diavolo la follia municipalista, dicono i governanti e i loro collaborazionisti. Attenti al disordine, gridano quelli che pensano, spesso a torto, di aver tutto da perdere dal cambiamento. Affermano di capire le recriminazioni dei gilets jaunes. Ma questi ultimi non vogliono i discorsi utopici, i commenti degli intellettuali organici della destra, o le spacconate dell’ultrasinistra, e dei loro compari di sinistra. Cercheranno di far filtrare il messaggio che non è realizzabile, penseranno i più bendisposti, cui l’idea piacerebbe, ma non ci credono. Tutti quanti non riescono ancora a staccarsi dal modo di pensare statalista. I cittadini, invece devono prendere in pugno i propri affari. Sono i soli a poter immaginare e costruire la Comune dei Comuni senza Cesari né tribuni.

    Non è per comprendere meglio la nostra collera e le nostre rivendicazioni – proseguono i gilets jaunes – che il governo vuole dei “rappresentanti”: è per inquadrarci e seppellirci! Come con le direzioni sindacali, cercano degli intermediari, della gente con cui potrà negoziare. Persone sulle quali potrà far pressione per calmare l’eruzione. Il potere vuole gente che potrà in seguito recuperare e spingere a dividere il movimento per sotterrarlo. Se nominiamo dei “rappresentanti” e dei “portavoce”, ciò finirà per renderci passivi. Peggio: avremo in fretta riprodotto il sistema che funziona dall’alto in basso, come le canaglie che ci dirigono. Quei cosiddetti “rappresentanti del popolo” che si riempiono le tasche, che fanno leggi che ci impestano la vita e che servono gli interessi degli ultraricchi!

    I sanculotti del 2018 non sopportano più l’alterigia di un potere che vanta la riuscita individuale per giustificare la diseguaglianza, che disprezza quanti non ce la fanno da soli, proteggendo i ricchi e schiacciando gli altri. Se sconfitti, i Gilets jaunes dovranno rientrare nei ranghi, tacere e continuare a gestire come possono la fine del mese. Il loro movimento è condannato a spegnersi per stanchezza e sotto la forza del diritto? No, se decidono di organizzarsi altrimenti riprendendo contatto con la democrazia diretta e con il federalismo dei comuni autonomi. Naturalmente quanti si appellano al popolo a ogni piè sospinto: militanti di sinistra, libertari, sindacalisti, partitanti non staranno a guardare quando questo popolo prenderà in mano i suoi affari. Cercheranno di ristabilire il “loro” ordine, la mercificazione, l’inquinamento e riconquisteranno gli Champs-Elysées. Domani vi sfileranno i militari per celebrare l’Austerlitz macroniana! I piccoli marchesi del Parlamento, ancora grondanti di paura, giubileranno. I burocrati si riaddormenteranno.

    Solo a condizione di far rivivere, qui e ora, i principi democratici ereditati dalla storia dei popoli – dicono -, riprenderemo in mano le nostre esistenze, lasciandoci un’occasione di trasmettere ai nostri figli una Terra abitabile e la possibilità di crescervi in maniera dignitosa. Si tratta di bloccare questo sistema di produzione-consumo demenziale, magari chiamando al boicottaggio commerciale e solidale delle feste di fine anno.

    Da tutte queste enunciazioni si comprende come il tentativo di alcuni ambienti italiani di riproporre il fenomeno gilets gialli nella penisola (e lo scriviamo con tutti i condizionali possibili) non abbia molta credibilità. Uno dei capi dei gilet gialli italiani è Ivan della Valle, ex deputato grillino torinese espulso dal M5s per il caso rimborsi; affiancato dall’imprenditore torinese [https://www.agi.it/cronaca/gilet_gia...ws/2018-11-29/ ] Giancarlo Nardozzi, presidente di GOIA (Gruppo organizzato indipendente ambulanti di Torino). La pagina Facebook [https://www.facebook.com/Coordinamen...3057177993124/ ] del Coordinamento Nazionale Gilet Gialli Italia, in una decina di giorni piace a oltre 4.000 persone. Tuttavia sembra che l’approccio non sia quello coerente con l’iniziativa francese. L’ennesima «Operazione distrazione»? Qui, [https://www.facebook.com/torinoggi.i...U2MzA0NDI2MTI/ ] in un video in diretta danno voce a sindacalisti, consiglieri comunali, e politici di vari schieramenti. Ovverosia quei “rappresentanti” che i cugini francesi dichiarano di voler Bypassare. Altre perplessità sull’iniziativa torinese nascono dal fatto che in Francia hanno deciso di agire in collegamento per scambiarsi informazioni al loro interno, e favorire la comunicazione con l’esterno; mentre a Torino hanno già messo in piedi un coordinamento che presume quei leader che gli omologhi d’oltrealpe dichiarano di non volere

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,578
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    Itagliani e francesi.
    Mentalità molto diverse.
    Un popolo ed un'accozzaglia.
    Da noi sempre la furbizia intesa come superiore all'intelligenza.
    Per questo si arriverà alla guerra civile.
    Inevitabile, prima o poi.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #3
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,101
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    non vedo l'ora : so da che parte stare.
    ma non succederà.

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,912
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    Citazione Originariamente Scritto da dimecan Visualizza Messaggio
    non vedo l'ora : so da che parte stare.
    ma non succederà.
    Non succederà.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,578
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    Succederà.
    Non certo provocata dai Padani.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,578
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    OMAGGIO ai francesi in lotta (loro)
    https://www.maurizioblondet.it/omagg...in-lotta-loro/
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,578
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    Francia, i foulard rossi si uniscono ai gilet gialli nelle proteste contro il governo © REUTERS / Jean-Paul Pelissier
    POLITICA

    214 18.01.2019URL abbreviato 0 0 0
    L'ondata di proteste in Francia non si limita ai gilet gialli. Stanno crescendo i meno noti rappresentanti del movimento dei foulard rossi, costituito da insegnanti e docenti delusi dai sindacati tradizionali: chiedono azioni di protesta incisive dal blocco delle lezioni al rifiuto di fare le pagelle.

    Dal 12 dicembre, quando il movimento è stato costituito, oggi circa 60mila persone sono già diventati militanti. Nell'articolo di Sputnik si discute la possibile unificazione delle varie forze di protesta con i militanti dei movimenti ed i leader sindacali.

    Gilet gialli, foulard rossi, sirene blu… L'ondata di proteste che ha travolto la Francia acquista nuovi colori. Come i gilet gialli, i movimenti sopracitati sono apparsi su Facebook. Come i loro più noti predecessori, vogliono essere ascoltati senza ricorrere a metodi tradizionali. I foulard rossi sono apparse il 12 dicembre come movimento prevalentemente composto principalmente da insegnanti, potendo contare oggi sulla militanza di 60mila persone. E' un numero impressionante in appena un mese, soprattutto considerando che ci sono solo 880mila insegnanti in tutto il Paese. Aumenti in busta paga, aumenti dei fondi per l'istruzione, il riconoscimento dell'importanza della scuola, etc…. Delusi dal movimento sindacale, intendono passare all'azione in prima linea: occupano le scuole, non danno i voti, invitano i genitori a non portare i bambini a scuola… Il primo raduno dei militanti del movimento si è svolto il 12 gennaio non lontano dal liceo Enrico IV, in cui aveva studiato il presidente Emmanuel Macron. Il secondo si è svolto il 16 gennaio presso il rettorato dell'Accademia cretese (rectorat de Créteil).

    Dopo gli interventi dei gilet gialli e delle forze dell'ordine, le proteste si sono diffuse nell'istruzione. Sta avvenendo una fusione tra le varie forze di protesta?

    "Sono sorpreso che non sia accaduto prima. Già da 20 anni prevedono che sarebbe avvenuto tra 10 anni.

    Ora arriva davvero dalla gente, dal basso, questo spaventa il governo.

    Nel corso degli anni hanno perso valore la maggior parte delle professioni, ora le varie categorie professionali stanno iniziando a protestare una dopo l'altra. Non siamo alla fine, penso che arriverà il turno di medici e dei farmacisti. Secondo me, si stanno unendo nella lotta, ma chi è al potere farà tutto il possibile per impedirlo. Avverrà quando i contadini protesteranno per le strade contemporaneamente ai funzionari pubblici, quando i sindacati manifesteranno con i piccoli commercianti, i tassisti con le ferrovie francesi. In breve, l'alleanza tra poujadismo e la lotta di classe ", ha dichiarato all'edizione francese di Sputnik Rodolphe Dumouch, insegnante di scienze e membro del movimento dei foulard rossi.

    Albert-Jean Mougin, ex vice segretario del sindacato dei docenti di licei e università (Syndicat national des lycées et collèges — SNALC), ritiene che la lotta è lontano dalla vittoria:

    "Alcuni rappresentanti dei gilet gialli stanno cercando di creare una forza politica. Ma si scopre che sembra qualcosa come il villaggio di Asterix e Obelix, che combattono da soli contro le forze dell'Impero Romano. Non ci si riesce a mettere d'accordo.

    Forse c'è una nuova forma di protesta permanente tra la gente. Ma non può durare a lungo.

    L'importante è ritornare, come risultato di un ampio dibattito nazionale, ad un'efficace democrazia e rappresentanza. Ma serve che i francesi tornino a fidarsi di quelli che li governano. Tuttavia non è un fenomeno puramente francese. Altri paesi affrontano un problema simile, ad esempio Germania, Inghilterra, ecc."

    Pierre Chantelot, segretario nazionale del sindacato SNESUP-FSU, è un po' più ottimista riguardo alla possibile unione dei manifestanti:

    "Gilet gialli, sirene blu, foulard rossi… È come un arcobaleno. Ma non vale la pena sottovalutare il risentimento dei francesi. Alla fine questi movimenti si fonderanno e ci sono già segnali incoraggianti.

    Dove i gilet gialli stanno protestando, i pensionati prendono il testimone, sostituiscono i lavoratori, le persone comunicano, si scambiano opinioni. I gilet gialli trionfano dove è fallito il Nuit debout (serie di manifestazioni contro la riforma del lavoro di Hollande). Il fattore umano è decisivo, questa è una cosa positiva."

    https://it.sputniknews.com/politica/...ssi-sindacati/
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,900
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    Ecco , la rivolta è già finita ...
    ventunsettembre likes this.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,578
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: interpretazione di Trentin sul fenomeno francese dei gilet gialli

    Spero di no.
    Li ho visti determinati.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Cosa succede in Francia con i “gilet gialli”
    Di LupoSciolto° nel forum Anticapitalismo, Sovranità, Socialismo
    Risposte: 101
    Ultimo Messaggio: 20-07-19, 16:55
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-12-18, 09:09
  3. i gilet gialli contro macron
    Di anton nel forum Politica Europea
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 07-12-18, 20:53
  4. Brigitte Bardot si schiera con i Gilet Gialli
    Di Majin Murru nel forum Politica Europea
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 02-12-18, 18:44
  5. GILET GIALLI. LA MARCIA SU PARIGI . I preparativi .
    Di Maxadhego nel forum Politica Europea
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 02-12-18, 17:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226