User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
Like Tree2Likes

Discussione: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

  1. #1
    Thought Police
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    5,593
    Mentioned
    241 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Il Post

    In un’intervista al quotidiano Libero, la ministra per le Regioni Erika Stefani ha accusato i suoi colleghi del Movimento 5 Stelle di aver rallentato il percorso che dovrebbe portare a garantire maggiore autonomia alle tre regioni del Nord che ne hanno fatto richiesta in base all’articolo 116 della Costituzione: Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto (queste ultime due tramite un referendum consultivo nell’ottobre 2017).


    Il governo e la stessa Stefani avevano assicurato nei mesi scorsi che un primo decreto legge sull’autonomia regionale sarebbe stato approvato entro la fine dell’anno. Il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini lo aveva ripetuto. Oggi però, con il governo impegnato a cercare di approvare entro la fine del 2018 la manovra economica, oltre che i decreti legge per reddito di cittadinanza e quota cento, sembra sempre più difficile che le promesse di Stefani e Salvini possano essere mantenute.

    Nella sua intervista a Libero, Stefani ha accusato direttamente alcuni ministri del Movimento 5 Stelle, che nonostante le sue sollecitazioni a fornire pareri e valutazioni non hanno partecipato in alcun modo al progetto. «Non ho avuto riscontro dai ministri della Salute, dell’Ambiente e della Giustizia e poi da Lavoro e Sviluppo economico, i dicasteri di Di Maio», ha detto la ministra, indicando tutti ministeri a guida Movimento 5 Stelle.

    Ufficialmente il M5S è favorevole all’autonomia e Di Maio stesso lo ha ripetuto lo scorso primo dicembre, ricordando che il Movimento sostenne i referendum ed è intenzionato a mettere in pratica la volontà degli elettori. In pratica, però, il suo partito non sembra così entusiasta di fronte alle implicazioni che potrebbe avere una concessione di maggiore autonomia alle regioni settentrionali.

    La concessione dell’autonomia è prevista dal terzo comma dell’articolo 116 della Costituzione, in cui si stabilisce che le regioni con i bilanci in ordine possono chiedere di vedersi assegnate maggiori competenze rispetto a quelle previste normalmente. La scuola, ad esempio, è una competenza statale, che le regioni virtuose potrebbero chiedere di gestire direttamente. L’elenco di competenze è molto lungo, ma esclude una serie di temi, come la tutela dell’ordine pubblico, che rimane in ogni caso esclusiva competenza dello stato. Inoltre, lo stato non ha alcun obbligo di assecondare le richieste delle regioni, nemmeno se queste sono sostenute da un referendum popolare (come hanno fatto Veneto e Lombardia).

    L’articolo 116 è stato invocato per la prima volta lo scorso anno, ed è anche per questo che si discute molto su quali sarebbero le sue conseguenze.

    Il presidente della regione Veneto Luca Zaia, uno dei sostenitori del referendum, ha sostenuto che con la riforma sarà possibile trattenere in regione fino ai nove decimi delle tasse riscosse in Veneto: attualmente una grossa parte viene raccolta dallo stato e redistribuita alle regioni italiane più povere. Sono in molti a temere che il vero obiettivo della concessione di maggiore autonomia sia ridurre il flusso di risorse dalle aree più ricche a quelle più povere del paese. È questo il timore espresso in un appello sostenuto dal quotidiano napoletano Il Mattino e firmato da numerosi intellettuali. Nell’appello, la richiesta di maggiore autonomia viene definita una forma di “secessione dei ricchi del Nord”.

    Quello di un taglio dei trasferimenti sembra essere anche il timore dei ministri del Movimento 5 Stelle, che nelle regioni del Sud hanno il loro principale bacino di voti. Stefani racconta che è dalla fine di ottobre che il suo testo sull’autonomia è pronto e che le uniche cose che ancora mancano sono le opinioni degli altri ministri e una decisione del ministero dell’Economia che assegni alle tre regioni le nuove risorse. Stefani sostiene anche di aver ricevuto dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, la garanzia che il testo sarebbe arrivato in Consiglio dei ministri entro l’autunno: i ritardi dei ministri del Movimento nel rispondere rischiano però di ritardare l’approvazione del decreto.

    Stefani ha risposto alle critiche sulla “secessione dei ricchi” sostenendo che all’inizio la concessione di maggiore autonomia non produrrà significativi cambiamenti nella distribuzione delle risorse tra Nord e Sud del paese. Nella prima fase della riforma, ha spiegato, le varie regioni riceveranno finanziamenti per gestire le “nuove competenze” sulla base dei costi storici sostenuti fino a quel momento. La regione Veneto, ad esempio, riceverà per le nuove attività di sua competenza la stessa cifra spesa dallo stato negli anni precedenti. Solo in un secondo momento, ha spiegato Stefani, si passerà a utilizzare i costi standard, cioè a stabilire in maniera centralizzata il costo di un determinato prodotto o servizio e quindi erogare alla regione quella cifra (indipendentemente dal fatto che in passato spendesse di meno o di più).

    Questo scenario appare molto lontano dalle richieste dei presidenti di regione e degli altri leghisti, come il presidente del Veneto, Luca Zaia, che chiedevano invece di poter trattenere sul loro territorio la stragrande maggioranza delle tasse raccolte. Soltanto quando il governo approverà definitivamente un qualche tipo di testo sarà possibile capire se l’autonomia è più vicina ai desideri di Zaia e dell’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che parlavano della possibilità di trattenere al Nord decine di miliardi di euro, o se invece sarà una soluzione più simile a quella spiegata dal ministro Stefani, con pochi cambiamenti nel flusso delle risorse. Una soluzione, quest’ultima, che sarebbe probabilmente più facile da accettare per i ministri del Movimento 5 Stelle.
    Femminismo radicale, censura del porno, persecuzione della prostituzione e del neofascismo, matrimoni gay, socialdemocrazia, libero mercato regolato, dalla parte di Ucraina, Israele, ribelli siriani e dissidenti venezuelani

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    44,554
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    L'italia è uno stato irriformabile.
    Può essere abbattuto solo manu militari, così come è stato edificato.
    Salvo decisioni dei suoi proprietari, i banchieri della City di Londra.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    Liberale Cattivo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    32,118
    Mentioned
    207 Post(s)
    Tagged
    35 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Speriamo che vada avanti e che anche la mia regione la richieda.
    "I socialisti sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. Tutto questo con i soldi degli altri."

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    18,850
    Mentioned
    27 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    mi associo, spero che anche la mi la chieda, ma è il pd a governarla quindi...
    orgogliosamente detentore della tessera numero 4 di "e ma il pd" (Gonfu for ever).

  5. #5
    Date e vi sarà chiesto.
    Data Registrazione
    22 Sep 2014
    Messaggi
    5,109
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Il Post

    In un’intervista al quotidiano Libero, la ministra per le Regioni Erika Stefani ha accusato i suoi colleghi del Movimento 5 Stelle di aver rallentato il percorso che dovrebbe portare a garantire maggiore autonomia alle tre regioni del Nord che ne hanno fatto richiesta in base all’articolo 116 della Costituzione: Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto (queste ultime due tramite un referendum consultivo nell’ottobre 2017).


    Il governo e la stessa Stefani avevano assicurato nei mesi scorsi che un primo decreto legge sull’autonomia regionale sarebbe stato approvato entro la fine dell’anno. Il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini lo aveva ripetuto. Oggi però, con il governo impegnato a cercare di approvare entro la fine del 2018 la manovra economica, oltre che i decreti legge per reddito di cittadinanza e quota cento, sembra sempre più difficile che le promesse di Stefani e Salvini possano essere mantenute.

    Nella sua intervista a Libero, Stefani ha accusato direttamente alcuni ministri del Movimento 5 Stelle, che nonostante le sue sollecitazioni a fornire pareri e valutazioni non hanno partecipato in alcun modo al progetto. «Non ho avuto riscontro dai ministri della Salute, dell’Ambiente e della Giustizia e poi da Lavoro e Sviluppo economico, i dicasteri di Di Maio», ha detto la ministra, indicando tutti ministeri a guida Movimento 5 Stelle.

    Ufficialmente il M5S è favorevole all’autonomia e Di Maio stesso lo ha ripetuto lo scorso primo dicembre, ricordando che il Movimento sostenne i referendum ed è intenzionato a mettere in pratica la volontà degli elettori. In pratica, però, il suo partito non sembra così entusiasta di fronte alle implicazioni che potrebbe avere una concessione di maggiore autonomia alle regioni settentrionali.

    La concessione dell’autonomia è prevista dal terzo comma dell’articolo 116 della Costituzione, in cui si stabilisce che le regioni con i bilanci in ordine possono chiedere di vedersi assegnate maggiori competenze rispetto a quelle previste normalmente. La scuola, ad esempio, è una competenza statale, che le regioni virtuose potrebbero chiedere di gestire direttamente. L’elenco di competenze è molto lungo, ma esclude una serie di temi, come la tutela dell’ordine pubblico, che rimane in ogni caso esclusiva competenza dello stato. Inoltre, lo stato non ha alcun obbligo di assecondare le richieste delle regioni, nemmeno se queste sono sostenute da un referendum popolare (come hanno fatto Veneto e Lombardia).

    L’articolo 116 è stato invocato per la prima volta lo scorso anno, ed è anche per questo che si discute molto su quali sarebbero le sue conseguenze.

    Il presidente della regione Veneto Luca Zaia, uno dei sostenitori del referendum, ha sostenuto che con la riforma sarà possibile trattenere in regione fino ai nove decimi delle tasse riscosse in Veneto: attualmente una grossa parte viene raccolta dallo stato e redistribuita alle regioni italiane più povere. Sono in molti a temere che il vero obiettivo della concessione di maggiore autonomia sia ridurre il flusso di risorse dalle aree più ricche a quelle più povere del paese. È questo il timore espresso in un appello sostenuto dal quotidiano napoletano Il Mattino e firmato da numerosi intellettuali. Nell’appello, la richiesta di maggiore autonomia viene definita una forma di “secessione dei ricchi del Nord”.

    Quello di un taglio dei trasferimenti sembra essere anche il timore dei ministri del Movimento 5 Stelle, che nelle regioni del Sud hanno il loro principale bacino di voti. Stefani racconta che è dalla fine di ottobre che il suo testo sull’autonomia è pronto e che le uniche cose che ancora mancano sono le opinioni degli altri ministri e una decisione del ministero dell’Economia che assegni alle tre regioni le nuove risorse. Stefani sostiene anche di aver ricevuto dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, la garanzia che il testo sarebbe arrivato in Consiglio dei ministri entro l’autunno: i ritardi dei ministri del Movimento nel rispondere rischiano però di ritardare l’approvazione del decreto.

    Stefani ha risposto alle critiche sulla “secessione dei ricchi” sostenendo che all’inizio la concessione di maggiore autonomia non produrrà significativi cambiamenti nella distribuzione delle risorse tra Nord e Sud del paese. Nella prima fase della riforma, ha spiegato, le varie regioni riceveranno finanziamenti per gestire le “nuove competenze” sulla base dei costi storici sostenuti fino a quel momento. La regione Veneto, ad esempio, riceverà per le nuove attività di sua competenza la stessa cifra spesa dallo stato negli anni precedenti. Solo in un secondo momento, ha spiegato Stefani, si passerà a utilizzare i costi standard, cioè a stabilire in maniera centralizzata il costo di un determinato prodotto o servizio e quindi erogare alla regione quella cifra (indipendentemente dal fatto che in passato spendesse di meno o di più).

    Questo scenario appare molto lontano dalle richieste dei presidenti di regione e degli altri leghisti, come il presidente del Veneto, Luca Zaia, che chiedevano invece di poter trattenere sul loro territorio la stragrande maggioranza delle tasse raccolte. Soltanto quando il governo approverà definitivamente un qualche tipo di testo sarà possibile capire se l’autonomia è più vicina ai desideri di Zaia e dell’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che parlavano della possibilità di trattenere al Nord decine di miliardi di euro, o se invece sarà una soluzione più simile a quella spiegata dal ministro Stefani, con pochi cambiamenti nel flusso delle risorse. Una soluzione, quest’ultima, che sarebbe probabilmente più facile da accettare per i ministri del Movimento 5 Stelle.
    Ovviamente deve essere graduale altrimenti salta tutto! Ma inevitabile!
    Non c'è uomo così virtuoso che, se dovesse sottoporre tutti i suoi pensieri e tutte le sue azioni al giudizio della legge, non meriterebbe di essere impiccato dieci volte nella vita.
    Michel de Montaigne

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    22 Mar 2016
    Messaggi
    7,002
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    L'italia è uno stato irriformabile.
    Può essere abbattuto solo manu militari, così come è stato edificato.
    Salvo decisioni dei suoi proprietari, i banchieri della City di Londra.
    E delal nostra cara €uropa...........

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    22 Mar 2016
    Messaggi
    7,002
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Iniziamo a dare un uniformità a tutte òe regioni.
    Togliamo le Regioni a STATUTO SPECIALE. Tutte a statuto ordinario.
    Kavalerists likes this.

  8. #8
    Valsesiano-Padano-Europeo
    Data Registrazione
    07 Jan 2010
    Località
    Valsesia
    Messaggi
    1,186
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Citazione Originariamente Scritto da vituperiopisa Visualizza Messaggio
    Iniziamo a dare un uniformità a tutte òe regioni.
    Togliamo le Regioni a STATUTO SPECIALE. Tutte a statuto ordinario.
    Non sono d'accordo, si potrebbe renderle tutte a statuto speciale.
    Ma non a statuto speciale come le razziste regioni del nord (Friuli, VDA o TAA..), applichiamo a tutte lo statuto speciale della regione Sicilia!
    Eridano likes this.
    Abbiamo lasciato sparire tanti sentieri, abbiamo lasciato incolti prati e boschi: siamo perduti in un esodo senza terre promesse. Ma la nostra terra promessa è qui, tra questi monti e questi sassi, qui per stillare latte e miele da questa dura terra

  9. #9
    Thought Police
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    5,593
    Mentioned
    241 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Sì all'autonomismo delle regioni prospere e industrializzate d'Italia!
    Femminismo radicale, censura del porno, persecuzione della prostituzione e del neofascismo, matrimoni gay, socialdemocrazia, libero mercato regolato, dalla parte di Ucraina, Israele, ribelli siriani e dissidenti venezuelani

  10. #10
    Cromag
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    34,323
    Mentioned
    241 Post(s)
    Tagged
    45 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Che fine ha fatto l’autonomia per le regioni del Nord

    Le Regioni del Nord ancora non hanno comunicato a Roma quanta quota di debito pubblico intendono prendersi...
    BAGLIONI FUORI DAI COGLIONI![/URL]

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 09-04-13, 01:10
  2. Che fine ha fatto il tuo voto?... Che fine ha fatto la democrazia?
    Di acquazzurra nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-01-13, 21:02
  3. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 27-02-08, 18:41
  4. «Più autonomia per le regioni di centrodestra»
    Di LELEfantino nel forum Padania!
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 22-07-06, 20:00
  5. Lombardo e il Movimento per l'Autonomia... si ma 'autonomia' di che e da che?
    Di Federico III nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 66
    Ultimo Messaggio: 01-02-06, 15:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225