User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
Like Tree2Likes
  • 1 Post By dimecan
  • 1 Post By dimecan

Discussione: derivati : il tallone d'Achille della Germania

  1. #1
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,101
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito derivati : il tallone d'Achille della Germania

    Derivati: il tallone d’Achille della Germania

    “Banche, allarme derivati: valgono 33 volte il PIL Mondiale”. Questo il titolo che l’autorevolissimo Il Sole 24 ore, a firma Antonella Olivieri, ha recentemente pubblicato. 33 volte il PIL mondiale vuol dire 2,2 milioni di miliardi di euro, oppure, se volete, 2.200 trilioni di euro.

    Che, essendo 33 volte il PIL mondiale, significa che questi strani "derivati" sono equivalenti a tutta l'attività umana del pianeta nel corso degli ultimi 33 anni. Cosa siano questi "derivati" è presto detto: sono dei pezzi di carta, chiamati titoli, che rappresentano l'ultimo grido in materia finanziaria. Ultimo grido è la parola giusta, perché adesso si comincia a gridare spaventati di quello che potrebbe succedere, come appunto dice Il Sole24ore. C'è solo da sperare che il grido non sia davvero l'ultimo.

    Il fatto è che questa immensa massa di denaro, diciamo virtuale, si trova sul "Mercato" e pretende di essere valorizzata. Senza esagerare facciamo due calcoli: a un tasso d'interesse minimo del 2% i possessori di questa massa di denaro dovrebbero ricevere, sotto forma d'interessi, circa il 2/3 dl PIL mondiale di quest'anno. E questo dovrebbe ripetersi per i prossimi 33 anni. Insomma scopriamo di essere tutti mostruosamente indebitati per il resto delle nostre vite, nei confronti dei possessori di questi "derivati".

    © AFP 2018 / Luca Bruno
    Speculazione derivati: la pacchia continua
    Ma chi sono questi "possessori"? Le banche. Non tutte nello stesso modo, cioè nelle stesse quantità, ma sono proprio le banche. Secondo i dati forniti dalla Olivieri, che a sua volta usa quelli forniti da R&S Mediobanca, le prime 27 banche europee ne hanno, tutte insieme, per 283 trilioni (ovvero 283 mila miliardi di euro). Vediamo la classifica delle prime tre e cominceremo a capire meglio ciò che succede, anzi ciò che è già accaduto. Al primo posto tra questi possessori di derivati c'è la Deutsche Bank, con 48,26 trilioni; al secondo posto troviamo la Barclay (40,48 trilioni); al terzo posto c'è il Credit Suisse (24,53 trilioni). Se guardiamo alla situazione d'oltre Oceano, scopriamo che le prime tre banche americane riempite di derivati sono, nell'ordine, la JPMorgan (40,34 trilioni), la Citigroup (38,4 trilioni) e la bank of America (25,57 trilioni).

    Dal che si deduce che i banchieri americani sono stati relativamente meno "infettati" di quelli europei, ma è una magra consolazione. Il quadro è comunque davvero allarmante: circa dieci anni dopo la crisi del 2007-2008 il volume dei derivati si è più che triplicato. Erano allora circa 660 trilioni, cioè 11 volte il Pil mondiale, oggi sono 2.200 trilioni. Siccome già allora fu chiaro che si trattava di carta straccia, dovettero intervenire tutte le banche centrali principali (Federal Reserve, BCE, Banca d'Inghilterra, Banca del Giappone) per evitare il crollo generale della finanza mondiale. Lo fecero stampando moneta a più non posso, per comprare quella carta straccia con denaro fresco in modo da impedire che non ci fosse più la liquidità necessaria a far muovere la macchina dell'economia mondiale.

    Intesa Sanpaolo
    © AFP 2018 / Oliver Morin
    Italia: stampa tedesca, banche e investitori nazionali sempre più necessari per sostenibilità debito
    Fu il famoso quantitative easing, consistente nel comprare titoli fasulli, prestando denaro fresco a tasso zero. Qualcuno pensò, o finse, di fermare il disastro "educando" i banchieri a rapinare di meno. In realtà si accettò la regola del too big to fail (troppo grandi per fallire). Le grandi banche d'investimento, private come lo erano le banche Centrali, quindi loro alleate e sorelle, continuarono ad agire irresponsabilmente. Certe, le prime, che le seconde sarebbe intervenute a salvarle. Del resto avrebbe dovuto essere evidente che non si potevano educare i grandi banchieri mediante altri grandi banchieri.

    Fallita dunque la "lezione pedagogica", la Federal Reserve, due anni fa, ha deciso di terminare il quantitative easing. E la Banca Centrale Europea, tramite Mario Draghi, annuncia che farà altrettanto il 31 dicembre dell'anno in corso. Ma il problema che costoro hanno di fronte è lo stesso di dieci anni fa, soltanto che è da moltiplicare per quasi quattro volte.

    Deutsche Bank
    © REUTERS / Toby Melville/Files
    Deutsche Bank: via 450 miliardi di euro di asset da Londra a causa della Brexit
    E nessuno ha la ricetta per risolverlo. Basta prendere in esame, in Europa, lo stato della Deutsche Bank. La più grande banca della prima economia europea ha nelle sue casseforti virtuali titoli spazzatura (cioè non vendibili) per 15 volte il PIL dell'intera Germania. Ecco un caso clamoroso di too big to fail. La questione dunque si pone in termini diversi: non chi salverà la Deutsche Bank, ma piuttosto chi salverà la Germania. I "mercati" si comportano come se la prima fosse già tecnicamente fallita. La seconda sta fallendo politicamente. Un'azione DB vale oggi meno di 8 euro, a fronte del record di 116 euro del 2007. Gli asset nominali della banca si aggirano attorno a un trilione e mezzo, contro soli 15 miliardi di capitalizzazione. Il rapporto, del tutto insostenibile, e di 1/100.

    In questa situazione è anche il destino della Germania e dei sogni che furono della signora Angela Merkel. Sogni di una Europa "tedesca". Con un Presidente americano che, per giunta, non vede l'ora di dare un colpo risolutivo alle velleità europee di autonomia. Vista da Washington la Germania di oggi ha nella Deutsche Bank il suo tallone d'Achille.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,929
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    La serpe londinese sul suolo tedesco.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,101
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    sono stati gli americani a inventare i titoli spazzatura (junk bonds) coi loro infernali algoritmi incomprensibili

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,913
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    Citazione Originariamente Scritto da dimecan Visualizza Messaggio
    sono stati gli americani a inventare i titoli spazzatura (junk bonds) coi loro infernali algoritmi incomprensibili
    La stessa mentalità che sta rovinando la scienza , che va staccandosi dall'esperienza diretta .Il contrario della mentalità di Tesla per andare dietro a fantasmi che esistono solo dentro gli acceleratori di particelle.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  5. #5
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,101
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    gli acceleratori di particelle sono stati molto utili per scoprire nuove sub particelle dopo aver fatto collidere particelle ordinarie tra loro. ad ogni notevole aumento di velocità alla fine dei giri si scoprirono nuove sub particelle e così succederà ancora finché, alla fine dei giri preparatori alla collisione, si raggiungerà (forse) la velocità della luce.
    ad ogni innalzamento notevole della velocità di impatto sono sempre uscite classi nuove di sub particelle. è un metodo molto costoso, ma per indagare questi nuovi mondi di sub particelle non c'è alternativa.
    per quanto riguarda gli ultimi andazzi della scienza (soprattutto americana) condivido le tue preoccupazioni.
    ventunsettembre likes this.

  6. #6
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,665
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    sui derivati è dal 2008-2010 che sento parlare di POTENZIALE bolla esplosiva... come per il dollaro e certi debiti privati/pubblici
    ma in quasi dieci anni non è successo quasi niente, boh

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,585
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    Citazione Originariamente Scritto da dimecan Visualizza Messaggio
    gli acceleratori di particelle sono stati molto utili per scoprire nuove sub particelle dopo aver fatto collidere particelle ordinarie tra loro. ad ogni notevole aumento di velocità alla fine dei giri si scoprirono nuove sub particelle e così succederà ancora finché, alla fine dei giri preparatori alla collisione, si raggiungerà (forse) la velocità della luce.
    ad ogni innalzamento notevole della velocità di impatto sono sempre uscite classi nuove di sub particelle. è un metodo molto costoso, ma per indagare questi nuovi mondi di sub particelle non c'è alternativa.
    per quanto riguarda gli ultimi andazzi della scienza (soprattutto americana) condivido le tue preoccupazioni.
    Hai perfettamente ragione.
    ora si tenta si costruire un nuovo acceleratore enorme con finanziamenti universali, tanto è il costo.
    Ma ne dovrebbe valere la pena: non si tratta solo di micro particelle. Forse si apre la via a qualcosa di inimmaginabile.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,101
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    già. potrebbe forse apparire la materia oscura.
    Eridano likes this.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,913
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    Citazione Originariamente Scritto da dimecan Visualizza Messaggio
    gli acceleratori di particelle sono stati molto utili per scoprire nuove sub particelle dopo aver fatto collidere particelle ordinarie tra loro. ad ogni notevole aumento di velocità alla fine dei giri si scoprirono nuove sub particelle e così succederà ancora finché, alla fine dei giri preparatori alla collisione, si raggiungerà (forse) la velocità della luce.
    ad ogni innalzamento notevole della velocità di impatto sono sempre uscite classi nuove di sub particelle. è un metodo molto costoso, ma per indagare questi nuovi mondi di sub particelle non c'è alternativa.
    per quanto riguarda gli ultimi andazzi della scienza (soprattutto americana) condivido le tue preoccupazioni.
    Sai , il sospetto che abbiamo perduto modi alternativi di conoscenza in me è molto forte . Sopratutto il fatto di lavorare a fianco di ingegneri di varia forma e tipo , mi ha portato a pensare che si sia selezionato un modo di conoscere il mondo e progettare parecchio limitante .Ci deve essere qualcosa che non va quando una persona incapace di pensiero astratto e logico arriva ad avere la sigla Ing. sulla rubrica telefonica aziendale.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  10. #10
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,665
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: derivati : il tallone d'Achille della Germania

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Ci deve essere qualcosa che non va quando una persona incapace di pensiero astratto e logico arriva ad avere la sigla Ing. sulla rubrica telefonica aziendale.
    tieni conto della qualità di molte "squole itagliane" e magari anche delle varie lauree comprate (negli anni '80-'90 girava anche un "tariffario" di certi atenei dell'area Campana), di "quelle facilitate" e "quelle telefonate"

 

 

Discussioni Simili

  1. Derivati: il tallone d’Achille della Germania
    Di Condor nel forum Politica Europea
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-12-18, 07:53
  2. Il tallone d'achille 2 - la vendetta
    Di Gualerz nel forum Fondoscala
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-11-09, 19:54
  3. Tallone D'achille, Onda D'urto, Trasformazione
    Di oggettivista nel forum Politica Estera
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-09-08, 18:21
  4. Il Tallone d'Achille....
    Di Proteus_Hermes nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-03-07, 19:36
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-08-06, 01:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226