User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree5Likes
  • 3 Post By Gianluca
  • 2 Post By ugobagna

Discussione: Fake news su Bolsonaro

  1. #1
    Forum Admin
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    23,461
    Mentioned
    829 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Fake news su Bolsonaro

    ho visto su FB questo pezzo del Post
    https://www.ilpost.it/2019/01/03/le-...EatVzta6UieT94

    Le prime cose che ha fatto Bolsonaro
    Come promesso, il nuovo presidente del Brasile ha preso decisioni che danneggeranno l'ambiente e le persone indigene e LGBT

    Jair Bolsonaro, del Partito Social-liberale, nazionalista e conservatore, è diventato presidente del Brasile l’1 gennaio. Bolsonaro, che aveva vinto le elezioni dello scorso ottobre, è considerato un estremista di destra: ha più volte espresso opinioni populiste, sessiste, omofobe, misogine, anti-ambientaliste e ha rimpianto i tempi della dittatura. Il suo vice presidente e diversi ministri importanti del suo nuovo governo sono ex ufficiali militari. I deputati che lo sostengono, il giorno della cerimonia, lo hanno salutato alzando le mani facendo con le dita il gesto della pistola. Poche ore dopo il suo insediamento, Bolsonaro – che nel suo discorso ha criticato “la correttezza politica” e ha sventolato la bandiera del Brasile dicendo che «non sarà mai rossa» – ha preso delle decisioni che confermano le sue posizioni e alcune promesse fatte in campagna elettorale: soprattutto contro le persone indigene e le persone LGBT.

    In campagna elettorale, Bolsonaro aveva dichiarato di voler rivedere l’organizzazione dei ministeri e di integrare quello dell’Ambiente con quello dell’Agricoltura. Tra le sue priorità, aveva detto, c’erano lo sfruttamento dei territori riservati agli indigeni (che costituiscono circa il 15 per cento dell’intero territorio del paese e in cui è vietato, appunto, lo sfruttamento agricolo e minerario) e l’eliminazione dei diritti che ne garantivano loro la gestione. Ora, con un ordine esecutivo, Bolsonaro ha effettivamente tolto la gestione dei loro territori alle popolazioni indigene affidandola alla ministra dell’Ambiente, Tereza Cristina Dias, che rappresenta le lobby dei proprietari agricoli.

    La gestione dell’identificazione, della delimitazione e della demarcazione delle riserve indigene è invece controllata dalla Fondazione Nazionale per gli Indigeni (Funai, Fundaçao Nacional do Indio) che dipendeva dal ministero della Giustizia. Bolsonaro, per indebolirne il peso, l’ha però spostata sotto il controllo del ministero delle Donne, della Famiglia e dei Diritti Umani, affidato a Damares Alvares, avvocata e pastore evangelico antiabortista e molto conservatrice. Alves è co-fondatrice di Atini, un gruppo controverso che ha come obiettivo l’evangelizzazione delle comunità indigene e che è sotto indagine da parte dei pubblici ministeri per incitamento all’odio razziale.

    La nuova ministra dell’Agricoltura, Tereza Cristina Dias, ha difeso i nuovi provvedimenti di Bolsonaro negando che il settore agricolo sia cresciuto a spese dell’ambiente e aggiungendo che la forza degli agricoltori brasiliani ha generato «accuse infondate» da parte di alcuni gruppi internazionali. Nel dibattito è intervenuto tra gli altri anche Silas Malafia, un influente telepredicatore amico intimo di Bolsonaro: ha detto che i paesi che si sono sviluppati hanno abbattuto secoli fa le loro foreste e che avrebbero dovuto pagare, se volevano che il Brasile preservasse l’Amazzonia: «Dovremmo conservare tutto perché i gringos hanno distrutto ciò che avevano?».

    Bolsonaro ha poi affidato al segretario del suo governo ampi poteri per intervenire sul lavoro delle organizzazioni non governative che operano in Brasile, da lui spesso prese di mira.


    Mercoledì 2 gennaio, infine, il nuovo ministro della Salute, Luiz Henrique Mandetta, ha detto che ci saranno tagli alla spesa dell’assistenza sanitaria per gli indigeni, senza però dare ulteriori dettagli. Tutte queste decisioni hanno immediatamente causato le proteste dei leader indigeni: «Ci sarà un aumento della deforestazione e della violenza contro le popolazioni indigene», ha detto ad esempio Dinaman Tuxá: «I popoli indigeni sono difensori e protettori dell’ambiente». E Sônia Guajajara, che si era candidata alla vicepresidenza per il Partito Socialismo e Libertà (PSOL), ha scritto che «lo smantellamento è già iniziato» evocando anche, per le popolazioni a cui appartiene, il rischio di genocidio.

    A poche ore dall’insediamento, Bolsonaro ha poi firmato una misura già pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in cui si escludono le persone LGBT dall’elenco di ciò di cui si dovrà occupare il nuovo ministero delle Donne, della Famiglia e dei Diritti Umani. Il giorno prima del suo insediamento, il nuovo presidente aveva inoltre tenuto un discorso durante il quale aveva promesso di combattere contro la cosiddetta “ideologia gender”. Tra le nuove linee guida governative per la promozione dei diritti umani sono esplicitamente citate «le donne, i bambini e gli adolescenti, i giovani, gli anziani, i disabili, i neri, le minoranze etniche e sociali», ma le persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) non sono menzionate.
    ma su FB ho trovato chi ha fatto parecchi rilievi a questo pezzo:

    1) "Il suo vice presidente e diversi ministri importanti del suo nuovo governo sono ex ufficiali militari".

    Diversi: il Ministro della Difesa, che è sempre un militare; il Ministro del "Gabinete de Segurança Institucional", che è sempre un militare; e il Ministro dell'Energia. Insomma, abbiamo 1 Ministro militare. Lui è comunque il direttore del programa nucleare brasiliano, un uomo che è uno dei più autorevoli in materia di energia nel Brasile e perciò è considerato da tutti un tecnocrata. In altre parole, non è stato scelto in ragione dello status di militare.

    2) "Ha preso delle decisioni che confermano le sue posizioni e alcune promesse fatte in campagna elettorale: soprattutto contro le persone indigene e le persone LGBT".

    Anche contro i lavoratori, perché ha chiuso il Ministero del Lavoro. Anche contro la cultura nazionale, perché ha chiuso il Ministero della Cultura. Non gli piace mica il calcio, vuole fare sì che il Brasile perda un'altra partita contro la Germania per 7x1, perché ha chiuso anche il Ministero dello Sport.

    3) "In campagna elettorale, Bolsonaro aveva dichiarato di voler rivedere l’organizzazione dei ministeri e di integrare quello dell’Ambiente con quello dell’Agricoltura".

    E non l'ha fatto, purtroppo.

    4) "Ora, con un ordine esecutivo, Bolsonaro ha effettivamente tolto la gestione dei loro territori alle popolazioni indigene affidandola alla ministra dell’Ambiente, Tereza Cristina Dias, che rappresenta le lobby dei proprietari agricoli."

    Tereza Cristina è la Ministra dell'Agricoltura. Il Ministro dell'Ambiente si chiama Ricardo Salles. Inoltre, Bolsonaro non ha "tolto la gestione dei loro territori". La gestione resta in mano agli índios. La verità è che la FUNAI (Fundação Nacional do Índio), che prima era l'incaricata della demarcazione di nuove terre indigene, ora non lo è più. Tale competenza ora spetta al Ministero dell'Agricoltura. Insomma, hanno semplicemente inventato e distorto tutto, dai ministri al contenuto del decreto.

    5) "La gestione dell’identificazione, della delimitazione e della demarcazione delle riserve indigene è invece controllata dalla Fondazione Nazionale per gli Indigeni (Funai, Fundaçao Nacional do Indio) che dipendeva dal ministero della Giustizia. Bolsonaro, per indebolirne il peso, l’ha però spostata sotto il controllo del ministero delle Donne, della Famiglia e dei Diritti Umani, affidato a Damares Alvares, avvocata e pastore evangelico antiabortista e molto conservatrice".

    La prima frasi è vera, come ho menzionato nel numero 4, e come ho anche detto prima, tale competenza è stata spostata verso il Ministero dell'Agricoltura, non verso il Ministero dei Diritti Umani. In altre parole, hanno semplicemente inventato questa cosa del Ministero dei Diritti Umani che gestisce la FUNAI solo per menzionare le opinioni personali della Ministra, che infatti sono di merda, e creare l'idea secondo la quale ci sarebbe una gestione assurda delle riserve. Ma, insomma... Assurdo.


    6) "La nuova ministra dell’Agricoltura, Tereza Cristina Dias, ha difeso i nuovi provvedimenti di Bolsonaro negando che il settore agricolo sia cresciuto a spese dell’ambiente e aggiungendo che la forza degli agricoltori brasiliani ha generato «accuse infondate» da parte di alcuni gruppi internazionali".

    Ora hanno ammesso che Tereza Cristina è la Ministra dell'Agricoltura, ottimo. Infatti ha ragione, e sono i numeri a provarlo, ripetto quello che ho scritto prima: l'aumento della produzione agricola brasiliana si deve molto di più all'aumento nella produttività che all'aumento nell'area coltivata.

    E ciò si deve anche ai diversi problemi di infrastruttura nel Brasile. È semplicemente stupido produrre nella foresta Amazzonica se puoi aumentare la meccanizzazione della tua fattoria e raddoppiare la produttività, per esempio, senza dover affrontare una serie di ostacoli logistici della produzione in un posto del cazzo. Le persone a volte si dimenticano che la foresta amazzonica non è un bosco carino con degli animaletti che sorridono, è un posto terribile, estremamente complesso dal punto di vista dell'attività economica e, in più, è pessimamente collegato alle altre regioni o all'estero.

    Insomma, accuse infondate, ma senza le virgolette.

    7) "Nel dibattito è intervenuto tra gli altri anche Silas Malafia, un influente telepredicatore amico intimo di Bolsonaro: ha detto che i paesi che si sono sviluppati hanno abbattuto secoli fa le loro foreste e che avrebbero dovuto pagare, se volevano che il Brasile preservasse l’Amazzonia: «Dovremmo conservare tutto perché i gringos hanno distrutto ciò che avevano?»".

    Non è amico intimo di Bolsonaro, è un pastore evangelico. E ha anche appoggiato Lula nel 2003, Lula nel 2006, Dilma nel 2010 e Dilma nel 2014. Amicissimo di Bolsonaro e dei conservatori, come si vede.

    8) "Bolsonaro ha poi affidato al segretario del suo governo ampi poteri per intervenire sul lavoro delle organizzazioni non governative che operano in Brasile, da lui spesso prese di mira".

    Questa affermazione è semplicemente una fake news. Non ha neanche senso.

    9) "Mercoledì 2 gennaio, infine, il nuovo ministro della Salute, Luiz Henrique Mandetta, ha detto che ci saranno tagli alla spesa dell’assistenza sanitaria per gli indigeni, senza però dare ulteriori dettagli".

    È vero, ma ha dato una serie di "ulteriori dettagli", tra cui il fatto che sarà fatta innanzitutto un'approfondita analisi delle spese perché ci sono infinite denuncie di corruzione e spreco di soldi pubblici. Insomma, con più efficienza nella spesa pubblica ha promesso che farà ciò che sembra un miracolo: taglierà le spese e aumentarà i servizi.


    per quanto mi riguarda mi piace la frase:
    "ha più volte espresso opinioni populiste, sessiste, omofobe, misogine, anti-ambientaliste e ha rimpianto i tempi della dittatura"
    ma sono sicuro che ha anche dei difetti

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Mar 2011
    Messaggi
    1,927
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Fake news su Bolsonaro

    Citazione Originariamente Scritto da Gianluca Visualizza Messaggio
    ho visto su FB questo pezzo del Post
    https://www.ilpost.it/2019/01/03/le-...EatVzta6UieT94



    ma su FB ho trovato chi ha fatto parecchi rilievi a questo pezzo:

    1) "Il suo vice presidente e diversi ministri importanti del suo nuovo governo sono ex ufficiali militari".

    Diversi: il Ministro della Difesa, che è sempre un militare; il Ministro del "Gabinete de Segurança Institucional", che è sempre un militare; e il Ministro dell'Energia. Insomma, abbiamo 1 Ministro militare. Lui è comunque il direttore del programa nucleare brasiliano, un uomo che è uno dei più autorevoli in materia di energia nel Brasile e perciò è considerato da tutti un tecnocrata. In altre parole, non è stato scelto in ragione dello status di militare.

    2) "Ha preso delle decisioni che confermano le sue posizioni e alcune promesse fatte in campagna elettorale: soprattutto contro le persone indigene e le persone LGBT".

    Anche contro i lavoratori, perché ha chiuso il Ministero del Lavoro. Anche contro la cultura nazionale, perché ha chiuso il Ministero della Cultura. Non gli piace mica il calcio, vuole fare sì che il Brasile perda un'altra partita contro la Germania per 7x1, perché ha chiuso anche il Ministero dello Sport.

    3) "In campagna elettorale, Bolsonaro aveva dichiarato di voler rivedere l’organizzazione dei ministeri e di integrare quello dell’Ambiente con quello dell’Agricoltura".

    E non l'ha fatto, purtroppo.

    4) "Ora, con un ordine esecutivo, Bolsonaro ha effettivamente tolto la gestione dei loro territori alle popolazioni indigene affidandola alla ministra dell’Ambiente, Tereza Cristina Dias, che rappresenta le lobby dei proprietari agricoli."

    Tereza Cristina è la Ministra dell'Agricoltura. Il Ministro dell'Ambiente si chiama Ricardo Salles. Inoltre, Bolsonaro non ha "tolto la gestione dei loro territori". La gestione resta in mano agli índios. La verità è che la FUNAI (Fundação Nacional do Índio), che prima era l'incaricata della demarcazione di nuove terre indigene, ora non lo è più. Tale competenza ora spetta al Ministero dell'Agricoltura. Insomma, hanno semplicemente inventato e distorto tutto, dai ministri al contenuto del decreto.

    5) "La gestione dell’identificazione, della delimitazione e della demarcazione delle riserve indigene è invece controllata dalla Fondazione Nazionale per gli Indigeni (Funai, Fundaçao Nacional do Indio) che dipendeva dal ministero della Giustizia. Bolsonaro, per indebolirne il peso, l’ha però spostata sotto il controllo del ministero delle Donne, della Famiglia e dei Diritti Umani, affidato a Damares Alvares, avvocata e pastore evangelico antiabortista e molto conservatrice".

    La prima frasi è vera, come ho menzionato nel numero 4, e come ho anche detto prima, tale competenza è stata spostata verso il Ministero dell'Agricoltura, non verso il Ministero dei Diritti Umani. In altre parole, hanno semplicemente inventato questa cosa del Ministero dei Diritti Umani che gestisce la FUNAI solo per menzionare le opinioni personali della Ministra, che infatti sono di merda, e creare l'idea secondo la quale ci sarebbe una gestione assurda delle riserve. Ma, insomma... Assurdo.


    6) "La nuova ministra dell’Agricoltura, Tereza Cristina Dias, ha difeso i nuovi provvedimenti di Bolsonaro negando che il settore agricolo sia cresciuto a spese dell’ambiente e aggiungendo che la forza degli agricoltori brasiliani ha generato «accuse infondate» da parte di alcuni gruppi internazionali".

    Ora hanno ammesso che Tereza Cristina è la Ministra dell'Agricoltura, ottimo. Infatti ha ragione, e sono i numeri a provarlo, ripetto quello che ho scritto prima: l'aumento della produzione agricola brasiliana si deve molto di più all'aumento nella produttività che all'aumento nell'area coltivata.

    E ciò si deve anche ai diversi problemi di infrastruttura nel Brasile. È semplicemente stupido produrre nella foresta Amazzonica se puoi aumentare la meccanizzazione della tua fattoria e raddoppiare la produttività, per esempio, senza dover affrontare una serie di ostacoli logistici della produzione in un posto del cazzo. Le persone a volte si dimenticano che la foresta amazzonica non è un bosco carino con degli animaletti che sorridono, è un posto terribile, estremamente complesso dal punto di vista dell'attività economica e, in più, è pessimamente collegato alle altre regioni o all'estero.

    Insomma, accuse infondate, ma senza le virgolette.

    7) "Nel dibattito è intervenuto tra gli altri anche Silas Malafia, un influente telepredicatore amico intimo di Bolsonaro: ha detto che i paesi che si sono sviluppati hanno abbattuto secoli fa le loro foreste e che avrebbero dovuto pagare, se volevano che il Brasile preservasse l’Amazzonia: «Dovremmo conservare tutto perché i gringos hanno distrutto ciò che avevano?»".

    Non è amico intimo di Bolsonaro, è un pastore evangelico. E ha anche appoggiato Lula nel 2003, Lula nel 2006, Dilma nel 2010 e Dilma nel 2014. Amicissimo di Bolsonaro e dei conservatori, come si vede.

    8) "Bolsonaro ha poi affidato al segretario del suo governo ampi poteri per intervenire sul lavoro delle organizzazioni non governative che operano in Brasile, da lui spesso prese di mira".

    Questa affermazione è semplicemente una fake news. Non ha neanche senso.

    9) "Mercoledì 2 gennaio, infine, il nuovo ministro della Salute, Luiz Henrique Mandetta, ha detto che ci saranno tagli alla spesa dell’assistenza sanitaria per gli indigeni, senza però dare ulteriori dettagli".

    È vero, ma ha dato una serie di "ulteriori dettagli", tra cui il fatto che sarà fatta innanzitutto un'approfondita analisi delle spese perché ci sono infinite denuncie di corruzione e spreco di soldi pubblici. Insomma, con più efficienza nella spesa pubblica ha promesso che farà ciò che sembra un miracolo: taglierà le spese e aumentarà i servizi.


    per quanto mi riguarda mi piace la frase:
    "ha più volte espresso opinioni populiste, sessiste, omofobe, misogine, anti-ambientaliste e ha rimpianto i tempi della dittatura"
    ma sono sicuro che ha anche dei difetti
    Ovviamente i nostri amici marxisti-leninisti fuori tempo massimo non replicheranno in alcun modo, al massimo ripubblicheranno le solite vecchie dichiarazioni, a me Bolsonaro non piace particolarmente ma per criticarlo bisognerebbe attenersi ai fatti, non alle fantasie...

  3. #3
    Razzismo ieri,oggi,sempre
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    24,362
    Mentioned
    300 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Fake news su Bolsonaro

    Bravo Gianluca che smaschera le balle di regime!
    Hitler or Hell.

  4. #4
    Forum Admin
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    23,461
    Mentioned
    829 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Fake news su Bolsonaro

    Citazione Originariamente Scritto da Sparviero Visualizza Messaggio
    Bravo Gianluca che smaschera le balle di regime!
    l'ho trovata su FB
    cmq il Post è proprio fake news...

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Oct 2015
    Messaggi
    15,171
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Fake news su Bolsonaro

    Citazione Originariamente Scritto da Gianluca Visualizza Messaggio
    l'ho trovata su FB
    cmq il Post è proprio fake news...
    pure su ucraina e siria glie ne ho pizzicate parecchie al post
    solo che ti cancellano i commenti
    in europa c'è chi paga e chi prende....


    http://www.europarl.europa.eu/news/i...i-stati-membri

 

 

Discussioni Simili

  1. L’attentato a Bolsonaro
    Di tommasololi nel forum Politica Estera
    Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 15-09-18, 20:31
  2. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 28-08-18, 10:58
  3. News, news, news...
    Di Hieronimus nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-03-04, 09:57
  4. News * news * newS
    Di I-DAVE nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10-10-03, 20:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225