User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
Like Tree5Likes
  • 2 Post By Shiiva
  • 1 Post By Baboden
  • 2 Post By Lawrence d'Arabia

Discussione: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

  1. #1
    Voce dalla Madre Russia
    Data Registrazione
    11 Mar 2014
    Località
    Mosca, Russia
    Messaggi
    8,019
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    57

    Thumbs up Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto



    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha fatto un altro passo decisivo verso una crisi costituzionale. Ha dichiarato che stava prendendo in considerazione l'introduzione di uno stato di emergenza nel paese al fine di rompere la resistenza del congresso in materia di adempiere ai punti chiave del programma elettorale presidenziale. Il fatto che le dichiarazioni del leader americano sull'imposizione di uno stato di emergenza, che gli conferisce seri diritti aggiuntivi, lo rende particolarmente piccante nelle condizioni del cosiddetto shutdown, cioè lo "spegnimento" dei ministeri, dipartimenti e agenzie federali, dovuto al fatto che Trump non ha potuto concordare un bilancio statale per il 2019. Se lo stato di emergenza viene introdotto sullo sfondo dello "shutdown", si scopre che il presidente e la sua amministrazione saranno di fatto l'unica struttura pienamente funzionale (e sicuramente la più influente) nel sistema di governo americano. Questa prospettiva crea sia molte opportunità per le ambizioni personali del presidente, sia il rischio di essere accusato di usurpare il potere.

    Il pretesto (e questo è proprio il pretesto) di un possibile stato di emergenza è stato il conflitto attorno al cosiddetto Muro di Trump sul confine con il Messico, che lui stesso ha fatto forse l'elemento più importante del suo programma presidenziale. "Il muro di Trump" è, da un lato, un modo completamente pratico di proteggere dai migranti illegali, che infastidiscono così gli elettori che hanno votato per il candidato repubblicano, e dall'altro un chiaro simbolo che il presidente degli Stati Uniti non ha tradito i suoi elettori dopo l'ingresso trionfante in White la casa È molto probabile che l'esasperazione della crisi associata al muro stesso sia dovuta al fatto che l'amministrazione Trump ha visto nelle votazioni una caduta del rating di credibilità del presidente e che i suoi leali sostenitori stanno iniziando a sentirsi deluso da lui, principalmente a causa della sua incapacità di rispettare le promesse lo stesso muro o almeno pianta Hillary Clinton). Probabilmente, la scelta del tema dell'aggravamento politico è stata proprio la risposta alla domanda: cosa è più facile "spingere" - mandare la signora Clinton in prigione o la costruzione del "muro di Trump"? L'amministrazione Trump scelse la costruzione del muro e fu lanciata una catena di eventi che potrebbe portare a una crisi costituzionale su vasta scala se nessuna delle parti accettasse un compromesso doloroso e piuttosto umiliante.

    Se si guarda alla questione dei "muri di Trump" esclusivamente dal punto di vista finanziario, allora la rabbia con cui il Partito Democratico resiste alla sua costruzione diventa completamente incomprensibile. Inoltre, dimostra anche una disponibilità inflessibile a tollerare la "disconnessione" delle strutture del governo federale e il concomitante malcontento di una parte della società americana, che giustamente vede nei Democratici la ragione dell'attuale crisi politica. Il prezzo del "Muro di Trump" in dollari è solo di 5,6 miliardi, che è niente 'per il bilancio federale degli Stati Uniti. Considerando il fatto che l'amministrazione Trump ha già aumentato il debito pubblico statunitense di 1,9 trilioni di dollari in due anni, è chiaro che il problema non ha nulla a che fare con la finanza. Il problema è questo: se il muro è veramente costruito, molto probabilmente diventerà un metodo abbastanza efficace per limitare la migrazione illegale. Questa sarà una grande vittoria politica per il presidente, ma non solo. Ridurre le migrazioni illegali (e negli Stati Uniti ora, secondo le stime più prudenti, ci sono circa dieci milioni di immigrati clandestini) - questo è anche un serio limite delle possibilità di aumentare l'elettorato del Partito Democratico, che conta su una regolare amnistia di massa di immigrati clandestini. Inoltre, i repubblicani temono che "gli immigrati illegali" stiano già votando alle elezioni americane: il fatto è che gli standard americani per tenere elezioni "giuste" sono molto diversi dalla Russia e in molti stati, ad esempio, si può votare senza produrre alcun documento identificativo. La videosorveglianza non viene condotta nei seggi elettorali (a differenza della Russia) e vi è l'opportunità di votare per corrispondenza secondo uno schema che consente di effettuare massicce falsificazioni senza problemi. Secondo uno studio del 2014 pubblicato sulla rivista scientifica americana Election Studies, i migranti che non hanno la cittadinanza americana non solo votano in maniera massiccia nelle elezioni americane, ma influenzano anche i risultati chiave (ad esempio, la vittoria di Barack Obama nel North Carolina o il Partito Democratico posto chiave al Senato alle elezioni del 2010). Vale la pena notare che, tenendo conto di queste caratteristiche del sistema elettorale americano, qualsiasi rivendicazione da parte dei politici americani per il diritto morale di insegnare alla Russia a tenere elezioni sembra divertente in modo omosessuale.

    È doppiamente ridicolo vedere come ogni tentativo dei repubblicani di attuare le cosiddette leggi sull'elettore - "leggi sull'identificazione degli elettori" - si rompa sulle accuse di razzismo e repubblicani ogni volta che si ritirano, nonostante le evidenti illusioni di tali accuse.

    In questo contesto più ampio e politico, l'essenza del conflitto intorno al muro diventa molto più chiara e perché la sua costruzione diventerà per gli elettori conservatori ordinari un simbolo che Trump può davvero vincere in un problema chiave per loro. Ma il fatto che probabilmente dovrà introdurre uno stato di emergenza per questo (oltre a usare unità dell'esercito per la sua costruzione) è già un indicatore del degrado del sistema politico americano fino all'incapacità quasi completa. L'uso (o anche la minaccia d'uso) di tali trucchi da parte del presidente è un chiaro segno di una repubblica delle banane arretrata. Di recente, letteralmente sotto i nostri occhi, un ricevimento simile (sebbene non con un'emergenza, ma con la legge marziale) è stato tentato dal presidente di un paese vicino alla Russia, che non può essere sospettato di un alto livello di sviluppo della civiltà.

    È buffo che attraverso la squallida lustro imperiale degli Stati Uniti, i contorni giallo-blu di un paese del terzo mondo stiano iniziando ad apparire, e questa è probabilmente un'ottima notizia per coloro che sono stanchi dell'attuale egemone mondiale. Con una tale vita politica disfunzionale gli imper vivono poco.

    Ivan Danilov aka Crimson Alter
    RigorMontis and Sparviero like this.
    Dicono che in Ucraina c'e' una guerra tra ucraini e russi.
    Non e' vero: gli ucraini e i russi combattono da entrambi le parti.
    In realta' e' la guerra tra i discendenti di quelli che hanno vinto nel 1945 e i discendenti di quelli che hanno perso.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Oct 2018
    Messaggi
    1,564
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    7

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Citazione Originariamente Scritto da Shiiva Visualizza Messaggio
    Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto



    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha fatto un altro passo decisivo verso una crisi costituzionale. Ha dichiarato che stava prendendo in considerazione l'introduzione di uno stato di emergenza nel paese al fine di rompere la resistenza del congresso in materia di adempiere ai punti chiave del programma elettorale presidenziale. Il fatto che le dichiarazioni del leader americano sull'imposizione di uno stato di emergenza, che gli conferisce seri diritti aggiuntivi, lo rende particolarmente piccante nelle condizioni del cosiddetto shutdown, cioè lo "spegnimento" dei ministeri, dipartimenti e agenzie federali, dovuto al fatto che Trump non ha potuto concordare un bilancio statale per il 2019. Se lo stato di emergenza viene introdotto sullo sfondo dello "shutdown", si scopre che il presidente e la sua amministrazione saranno di fatto l'unica struttura pienamente funzionale (e sicuramente la più influente) nel sistema di governo americano. Questa prospettiva crea sia molte opportunità per le ambizioni personali del presidente, sia il rischio di essere accusato di usurpare il potere.

    Il pretesto (e questo è proprio il pretesto) di un possibile stato di emergenza è stato il conflitto attorno al cosiddetto Muro di Trump sul confine con il Messico, che lui stesso ha fatto forse l'elemento più importante del suo programma presidenziale. "Il muro di Trump" è, da un lato, un modo completamente pratico di proteggere dai migranti illegali, che infastidiscono così gli elettori che hanno votato per il candidato repubblicano, e dall'altro un chiaro simbolo che il presidente degli Stati Uniti non ha tradito i suoi elettori dopo l'ingresso trionfante in White la casa È molto probabile che l'esasperazione della crisi associata al muro stesso sia dovuta al fatto che l'amministrazione Trump ha visto nelle votazioni una caduta del rating di credibilità del presidente e che i suoi leali sostenitori stanno iniziando a sentirsi deluso da lui, principalmente a causa della sua incapacità di rispettare le promesse lo stesso muro o almeno pianta Hillary Clinton). Probabilmente, la scelta del tema dell'aggravamento politico è stata proprio la risposta alla domanda: cosa è più facile "spingere" - mandare la signora Clinton in prigione o la costruzione del "muro di Trump"? L'amministrazione Trump scelse la costruzione del muro e fu lanciata una catena di eventi che potrebbe portare a una crisi costituzionale su vasta scala se nessuna delle parti accettasse un compromesso doloroso e piuttosto umiliante.

    Se si guarda alla questione dei "muri di Trump" esclusivamente dal punto di vista finanziario, allora la rabbia con cui il Partito Democratico resiste alla sua costruzione diventa completamente incomprensibile. Inoltre, dimostra anche una disponibilità inflessibile a tollerare la "disconnessione" delle strutture del governo federale e il concomitante malcontento di una parte della società americana, che giustamente vede nei Democratici la ragione dell'attuale crisi politica. Il prezzo del "Muro di Trump" in dollari è solo di 5,6 miliardi, che è niente 'per il bilancio federale degli Stati Uniti. Considerando il fatto che l'amministrazione Trump ha già aumentato il debito pubblico statunitense di 1,9 trilioni di dollari in due anni, è chiaro che il problema non ha nulla a che fare con la finanza. Il problema è questo: se il muro è veramente costruito, molto probabilmente diventerà un metodo abbastanza efficace per limitare la migrazione illegale. Questa sarà una grande vittoria politica per il presidente, ma non solo. Ridurre le migrazioni illegali (e negli Stati Uniti ora, secondo le stime più prudenti, ci sono circa dieci milioni di immigrati clandestini) - questo è anche un serio limite delle possibilità di aumentare l'elettorato del Partito Democratico, che conta su una regolare amnistia di massa di immigrati clandestini. Inoltre, i repubblicani temono che "gli immigrati illegali" stiano già votando alle elezioni americane: il fatto è che gli standard americani per tenere elezioni "giuste" sono molto diversi dalla Russia e in molti stati, ad esempio, si può votare senza produrre alcun documento identificativo. La videosorveglianza non viene condotta nei seggi elettorali (a differenza della Russia) e vi è l'opportunità di votare per corrispondenza secondo uno schema che consente di effettuare massicce falsificazioni senza problemi. Secondo uno studio del 2014 pubblicato sulla rivista scientifica americana Election Studies, i migranti che non hanno la cittadinanza americana non solo votano in maniera massiccia nelle elezioni americane, ma influenzano anche i risultati chiave (ad esempio, la vittoria di Barack Obama nel North Carolina o il Partito Democratico posto chiave al Senato alle elezioni del 2010). Vale la pena notare che, tenendo conto di queste caratteristiche del sistema elettorale americano, qualsiasi rivendicazione da parte dei politici americani per il diritto morale di insegnare alla Russia a tenere elezioni sembra divertente in modo omosessuale.

    È doppiamente ridicolo vedere come ogni tentativo dei repubblicani di attuare le cosiddette leggi sull'elettore - "leggi sull'identificazione degli elettori" - si rompa sulle accuse di razzismo e repubblicani ogni volta che si ritirano, nonostante le evidenti illusioni di tali accuse.

    In questo contesto più ampio e politico, l'essenza del conflitto intorno al muro diventa molto più chiara e perché la sua costruzione diventerà per gli elettori conservatori ordinari un simbolo che Trump può davvero vincere in un problema chiave per loro. Ma il fatto che probabilmente dovrà introdurre uno stato di emergenza per questo (oltre a usare unità dell'esercito per la sua costruzione) è già un indicatore del degrado del sistema politico americano fino all'incapacità quasi completa. L'uso (o anche la minaccia d'uso) di tali trucchi da parte del presidente è un chiaro segno di una repubblica delle banane arretrata. Di recente, letteralmente sotto i nostri occhi, un ricevimento simile (sebbene non con un'emergenza, ma con la legge marziale) è stato tentato dal presidente di un paese vicino alla Russia, che non può essere sospettato di un alto livello di sviluppo della civiltà.

    È buffo che attraverso la squallida lustro imperiale degli Stati Uniti, i contorni giallo-blu di un paese del terzo mondo stiano iniziando ad apparire, e questa è probabilmente un'ottima notizia per coloro che sono stanchi dell'attuale egemone mondiale. Con una tale vita politica disfunzionale gli imper vivono poco.

    Ivan Danilov aka Crimson Alter
    Mah, io sarei favorevolissimo che Trump rompa gli indugi per introdurre uno stato di emergenza...speriamo bene...

  3. #3
    Razzismo ieri,oggi,sempre
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    24,362
    Mentioned
    300 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Daje tromba, falli neri!
    Hitler or Hell.

  4. #4
    Il Professore
    Data Registrazione
    15 Jan 2016
    Messaggi
    16,662
    Mentioned
    1114 Post(s)
    Tagged
    77 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Se l'unico modo per uscire dall'impasse è attuare lo stato d'emergenza ben venga questa scelta. Intanto pare ci siano nuove ipotesi sul materiale per costruire il muro. https://www.google.it/url?sa=t&rct=j...DM6LWUz3Tjf8yJ
    RigorMontis likes this.
    Rendiamo grazie alla sezione più bella, più chic e raffinata del forum. Qual'è? dovreste saperlo anche senza chiederlo.

  5. #5
    Voce dalla Madre Russia
    Data Registrazione
    11 Mar 2014
    Località
    Mosca, Russia
    Messaggi
    8,019
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    57

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Citazione Originariamente Scritto da Baboden Visualizza Messaggio
    Se l'unico modo per uscire dall'impasse è attuare lo stato d'emergenza ben venga questa scelta.
    Dicono che in Ucraina c'e' una guerra tra ucraini e russi.
    Non e' vero: gli ucraini e i russi combattono da entrambi le parti.
    In realta' e' la guerra tra i discendenti di quelli che hanno vinto nel 1945 e i discendenti di quelli che hanno perso.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    57,656
    Mentioned
    331 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Ivan Danilov

    https://sputniknews.com/authors/ivan_danilov/


    L'ennesimo ridicolo articolo!!

  7. #7
    Voce dalla Madre Russia
    Data Registrazione
    11 Mar 2014
    Località
    Mosca, Russia
    Messaggi
    8,019
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    57

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Citazione Originariamente Scritto da paulhowe Visualizza Messaggio
    https://sputniknews.com/authors/ivan_danilov/


    L'ennesimo ridicolo articolo!!
    Ah! Bene, grazie! Non sapevo che c'e' anche in inglese.
    Dicono che in Ucraina c'e' una guerra tra ucraini e russi.
    Non e' vero: gli ucraini e i russi combattono da entrambi le parti.
    In realta' e' la guerra tra i discendenti di quelli che hanno vinto nel 1945 e i discendenti di quelli che hanno perso.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    19,966
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Trump va per il rotto

    vabbè questo è un invito a geralt e suoi persecutori

    il fatto è che gli standard americani per tenere elezioni "giuste" sono molto diversi dalla Russia e in molti stati, ad esempio, si può votare senza produrre alcun documento identificativo. La videosorveglianza non viene condotta nei seggi elettorali (a differenza della Russia) e vi è l'opportunità di votare per corrispondenza secondo uno schema che consente di effettuare massicce falsificazioni senza problemi. Secondo uno studio del 2014 pubblicato sulla rivista scientifica americana Election Studies, i migranti che non hanno la cittadinanza americana non solo votano in maniera massiccia nelle elezioni americane, ma influenzano anche i risultati chiave (ad esempio, la vittoria di Barack Obama nel North Carolina o il Partito Democratico posto chiave al Senato alle elezioni del 2010).

    la fantastica democrazia americana, attenta alle influeeehehahah.....

    tenendo conto di queste caratteristiche del sistema elettorale americano, qualsiasi rivendicazione da parte dei politici americani per il diritto morale di insegnare alla Russia a tenere elezioni sembra divertente in modo omosessuale.




    La cosa più ridicola è che si sono impuntati sulla questione più stupida che le precedenti amministrazioni non hanno rinnegato, il muro, questi hanno il cervello in impeachment.

    Citazione Originariamente Scritto da Lawrence d'Arabia Visualizza Messaggio
    Trump allunga il muro di Clinton e Obama: ecco tutta la verità

    il 9 ottobre 2014, l’allora segretario della Sicurezza Interna di Barack Obama, Jeh Johnson, mostrava a media assai poco critici (almeno rispetto a quelli di oggi) i risultati del boom nella costruzione alla frontiera messicana delle “fences”. O come le chiamerebbe Trump oggi, del “muro”.

    “Erano appena 77 miglia (124 Km) nel 2000 mentre”, diceva fiero ed applaudito dai giornalisti presenti Johnson, quel 9 ottobre 2014 “grazie al lavoro congiunto delle amministrazioni Clinton, Bush Jr ed Obama per rafforzare la nostra sicurezza, oggi le barriere (e cioè il muro) al confine con il Messico occupano almeno 700 miglia”, ovvero 1.127 chilometri, non uno di meno.
    Sparviero and Shiiva like this.
    "Non abbiamo l'unione sociale ma solo quella economica e finanziaria. Finchè non capiamo questo, non capiremo perché i populisti hanno tanto successo!". Gabriele Zimmer
    Gratteri: "L'Ue è una prateria per le mafie"

  9. #9
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    23,043
    Mentioned
    270 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Citazione Originariamente Scritto da Baboden Visualizza Messaggio
    Se l'unico modo per uscire dall'impasse è attuare lo stato d'emergenza ben venga questa scelta. Intanto pare ci siano nuove ipotesi sul materiale per costruire il muro. https://www.google.it/url?sa=t&rct=j...DM6LWUz3Tjf8yJ
    CHi impone lo stato d'emergenza per qualche migliaio di immigrati ammette coi fatti che non ha nessuna capacità di gestire tutti i giorni 300 milioni di yankee. E' un'ammissione di inettitudine, altro che un merito!
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

  10. #10
    Razzismo ieri,oggi,sempre
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    24,362
    Mentioned
    300 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato di emergenza negli Stati Uniti: Trump va per il rotto

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    CHi impone lo stato d'emergenza per qualche migliaio di immigrati ammette coi fatti che non ha nessuna capacità di gestire tutti i giorni 300 milioni di yankee. E' un'ammissione di inettitudine, altro che un merito!
    lo sai che al momento in USA sono attivi una trentina di "stati di emergenza"?

    è solo un escamotage
    Hitler or Hell.

 

 

Discussioni Simili

  1. Gli Stati Uniti sono stati in guerra 222 anni su 239 che esistono come stato
    Di LupoSciolto° nel forum Anticapitalismo, Sovranità, Socialismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 29-11-18, 21:05
  2. Risposte: 93
    Ultimo Messaggio: 20-09-18, 04:24
  3. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 01-08-18, 21:43
  4. Gli Stati Uniti sono stati in guerra 222 anni su 239 che esistono come stato
    Di Estremista di destra nel forum Politica Estera
    Risposte: 83
    Ultimo Messaggio: 15-10-16, 10:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225