User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 61
Like Tree21Likes

Discussione: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

  1. #1
    C'mon Bert
    Data Registrazione
    18 Jan 2013
    Messaggi
    1,939
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Wink Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    Si preannunciano tempi bui per gli spilorci che chiedono il rimborso dei danni subiti a causa delle condizioni del manto stradale, la sindaco ha mangiato la foglia:
    «essendo il dissesto delle strade un fatto oramai noto e una caratteristica comune a tutto l'asfalto capitolino, il compito di evitarle spetta agli automobilisti che devono adottare comportamenti diligenti per non subire danni»

    Roma, arriva primo risarcimento per danni da buche, sara' anche l'ultimo?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Disilluso cronico
    Data Registrazione
    25 Nov 2009
    Località
    All your base are belong to us
    Messaggi
    12,649
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    A questo punto non ci possono essere parole, solo silenzi angosciati (ed angoscianti) o rotolarsi in terra dalle risate.
    Grillo&Casaleggio faranno bene a dirle di non uscire più pubblicamente con sue idee perché provoca danni enormi al Movimento ogni volta che apre bocca. A meno che non sia stata una loro idea...
    .
    L'ultimo uomo ad essere entrato in Parlamento con intenzioni oneste.

    Non basta negare le idee degli altri per avere il diritto di dire "Io ho un'idea". (G. Guareschi)

  3. #3
    Libertarian
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Località
    Non oltre il 30° N
    Messaggi
    26,252
    Mentioned
    50 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    Dovete imparare a conviverci con le buche. Ti compri una moto da trial e questo non succede, cos'è questa pretesa immotivata di girare in macchina?
    I vincenti hanno sempre una soluzione ad ogni problema, i no(n)euro hanno sempre una scusa.

  4. #4
    Eretico Impenitente
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    Purgatorio
    Messaggi
    32,253
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    Citazione Originariamente Scritto da ZZandro Visualizza Messaggio
    Si preannunciano tempi bui per gli spilorci che chiedono il rimborso dei danni subiti a causa delle condizioni del manto stradale, la sindaco ha mangiato la foglia:
    «essendo il dissesto delle strade un fatto oramai noto e una caratteristica comune a tutto l'asfalto capitolino, il compito di evitarle spetta agli automobilisti che devono adottare comportamenti diligenti per non subire danni»

    Roma, arriva primo risarcimento per danni da buche, sara' anche l'ultimo?
    Raggi ha ragione, lamentarsi delle buche a Roma è come lamentarsi della neve a Cervinia.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2012
    Messaggi
    22,716
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    levare subito alla patente a chi non è in grado di evitare le buche.

  6. #6
    SuperMod
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    43,979
    Mentioned
    252 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    ... ma non risarciranno più nemmeno un povero grullo che ammira le strade lisce come biliardi sul Facebook della Maravillosa?
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

  7. #7
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    79,658
    Mentioned
    132 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    Dura lex, sed lex


    https://www.motorbox.com/auto/magazi...no-prevedibili




    SENTENZA DELLA CASSAZIONE: SE L'AVVALLAMENTO È AMPIO E LA VISIBILITÀ BUONA, NESSUN INDENNIZZO. PESA LA DISATTENZIONE DEL CONDUCENTE


    Nulla da fare, per il malcapitato, nemmeno in terzo grado: la Cassazione sottoscrive le motivazioni addotte nei primi due processi e rigetta la richiesta. Secondo la Corte, infatti "l'attore non avrebbe provato, come era suo preciso onere, i requisiti della non visibilità e della non prevedibilità integranti gli estremi dell'insidia stradale di cui l'amministrazione locale era stata chiamata a rispondere".

    LE MISURE CONTANO In altre parole, visto il contesto diurno (quindi con buona visibilità) e la considerevole ampiezza della buca stessa, il motociclista avrebbe dovuto adottare una condotta di guida più attenta. La giurisprudenza in materia è ricca di esempi: già in passato, la Cassazione aveva stabilito come "anche nell'ipotesi di danno da insidia stradale, la valutazione del comportamento del danneggiato è di imprescindibile rilevanza, potendo tale comportamento, se ritenuto colposo, escludere del tutto la responsabilità dell'ente pubblico preposto alla custodia e alla manutenzione della strada stessa". Automobilisti e motociclisti italiani avvisati: strade come grooviere? Un motivo in più per rallentare. Risparmiando la carrozzeria, le gomme, e la sventura di una causa persa.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2012
    Messaggi
    22,716
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    Citazione Originariamente Scritto da adry571 Visualizza Messaggio
    https://www.motorbox.com/auto/magazi...no-prevedibili




    SENTENZA DELLA CASSAZIONE: SE L'AVVALLAMENTO È AMPIO E LA VISIBILITÀ BUONA, NESSUN INDENNIZZO. PESA LA DISATTENZIONE DEL CONDUCENTE
    levare subito la patente se uno non è in grado di distinguere una buca buona da una cattiva.
    comunque ottimo, che ce frega di riparare se poi possiamo non rimborsare? logica grillina.
    amaryllide likes this.

  9. #9
    SuperMod
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    43,979
    Mentioned
    252 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    Citazione Originariamente Scritto da adry571 Visualizza Messaggio
    https://www.motorbox.com/auto/magazi...no-prevedibili




    SENTENZA DELLA CASSAZIONE: SE L'AVVALLAMENTO È AMPIO E LA VISIBILITÀ BUONA, NESSUN INDENNIZZO. PESA LA DISATTENZIONE DEL CONDUCENTE
    ... per cui la strategia lungimirante della giunta grulla di rendere le buche sempre più ampie e profonde sarà premiata.
    ZZandro and amaryllide like this.
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

  10. #10
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    79,658
    Mentioned
    132 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Raggi, colpo di grazia ai truffatori della strada.

    Che cos’è il caso fortuito?
    Il caso fortuito è tutto ciò che non dipende dalla volontà o dalla colpa del proprietario della strada e che non è da questi prevedibile ed evitabile. Gli esempi principali sono due:

    il margine di tempo ristretto per approntare la manutenzione della strada: se, sul più bello, la strada si apre per via di un violento acquazzone e si crea una voragine, le autorità non hanno la possibilità né di segnalare la situazione di pericolo, né tantomeno di ovviare alla stessa mettendo in sicurezza il tratto stradale. Quindi, quando il pericolo si è verificato da poco, si può parlare di caso fortuito e l’eventuale danno non viene risarcito dal Comune;
    la condotta del danneggiato: l’automobilista deve sempre guidare tenendo gli occhi ben fissi sulla strada, non potendosi distrarre o oltrepassare i limiti. Se finisce in una buca a causa del suo comportamento imprudente o negligente non può che prendersela con sé stesso ed alcun risarcimento gli sarà dovuto.
    È proprio sulla scorta di questo secondo ragionamento che vengono negati, nella maggior parte dei casi, i risarcimenti per le cadute sulle buche stradali. Ecco alcuni esempi:

    quando la buca è di grosse dimensioni: tanto più è ampia la fossa, tanto più è visibile, tanto maggiore è la possibilità per l’automobilista di evitarla. Solo le buche nascoste (che cioè consistono in una insidia o in un trabocchetto) possono dar luogo a risarcimento del danno; si pensi a una piccola voragine aperta sul margine della strada, coperto dall’acqua o dalle foglie;
    quando la condizione di luce e visibilità del luogo consente di accorgersi della presenza della buca: è più facile ottenere un risarcimento per i danni causati da una buca per un incidente avvenuto di notte che di giorno, sempre che la strada non sia ben illuminata;
    quando il danneggiato conosce la strada: chi percorre tutti i giorni la stessa via è consapevole della presenza di pericoli e, pertanto, se si distrae non può accampare diritto al risarcimento. Il che significa, ad esempio, che se la buca si trova vicino casa è più difficile ottenere i danni dal Comune;
    quando la strada è in condizioni di palese dissesto: chi sceglie di percorrere una via dove è evidente la presenza di buche e la mancata manutenzione lo fa a proprio rischio e pericolo e, in caso di caduta, non può poi prendersela con il Comune. Il tribunale di Lecce, a riguardo, ha detto che, nel caso in cui il conducente di un ciclomotore abbia riportato lesioni in seguito alla caduta in una profonda buca piena d’acqua del manto stradale, non opera la presunzione di responsabilità a carico dell’ente proprietario della strada se le condizioni di dissesto della strada erano ben note e facilmente avvistabili dal danneggiato che, pertanto, avrebbe dovuto tenere un comportamento idoneo ad evitare il pericolo [3].
    quando l’automobilista va veloce: è chiaro che chi supera i limiti di velocità non può poi pretendere il risarcimento per una buca che, se si fosse proceduto nel rispetto delle regole, sarebbe stata facilmente visibile. Peraltro, la segnaletica può non essere sufficiente, visto che ognuno deve adeguare la propria andatura alle concrete condizioni della strada e del traffico; col risultato che, se dopo una pioggia la strada presenta numerose crepe, l’automobilista dovrà moderare ulteriormente la propria velocità. Spesso il superamento del limite di velocità è stato considerato una concausa del danno, dando luogo a un concorso di colpa;
    quando l’automobilista o il pedone è distratto: non si può camminare con la testa tra le nuvole. Secondo la Cassazione, una buca di grandi dimensioni, collocata a ridosso del marciapiede e tale da indurre i pedoni a transitare sulla strada, e non sul marciapiede, proprio allo scopo di evitarla» fa emergere «la violazione, da parte del pedone, dei propri doveri di diligenza», ossia l’obbligo di controllare “dove si mettono i piedi”.
    Sentenze a favore dell’automobilista: cause vinte per buche stradali
    Passiamo ora in rassegna le più recenti sentenze che hanno visto coinvolti gli automobilisti in cause di risarcimento del danno contro i Comuni o altri enti pubblici a seguito di una caduta in una buca stradale.

    Si tenga però conto che, anche quando si riesca a vincere il giudizio, il risarcimento è tutt’altro che scontato: spesso infatti bisogna attendere anni per vedere i soldi oppure bisogna procedere con l’esecuzione forzata. Neanche in quest’ultimo caso l’esito è scontato visto che spesso l’ente ha le casse vuote. Bisognerà allora procedere a un giudizio di ottemperanza il cui costo a volte supera di gran lunga il danno subito.

    Tribunale Roma, sez. XII, 01/02/2018, n. 2261
    Va riconosciuto il risarcimento per la caduta a causa di un dissesto sul marciapiede ricoperto di foglie. Nel caso di una buca completamente ricoperta dalle foglie presenti sull’intero marciapiede, deve ritenersi che la presenza del dissesto sul tratto di strada non sia percepibile ed evitabile con ordinaria avvedutezza da parte del pedone. Ciò a maggior ragione per l’insussistenza di valida ed effettiva alternativa rispetto al transito sulla pavimentazione, poiché lo strato di foglie copriva il marciapiede intero. Va pertanto dichiarata la responsabilità del Comune per i danni subiti dal pedone in conseguenza della caduta a causa del detto dissesto non visibile.


    Cassazione ord. n. 6034/2018 del 13.03.2018
    Spetta il concorso di colpa al ciclista caduto su una buca stradale nel Comune ove circolava. Spetta all’amministrazione dimostrare che il danneggiato non ha rispettato le regole di prudenza anche quando la buca è di grosse dimensioni e su una strada illuminata.

    Tribunale Torre Annunziata, sez. I, 20/12/2017, n. 3169
    In caso di caduta avvenuta per una buca presente sul marciapiede, responsabile oggettivo del sinistro è l’ente proprietario della strada, salvo che questi dimostri di non aver potuto far nulla per evitare il danno; nel caso di specie, spetta quindi al Comune risarcire il danno non patrimoniale per le lesioni subite in occasione del sinistro causato da un’anomalia della strada e non riferibile né ad una condotta del danneggiato, né ad altro fattore indipendente dal rapporto di custodia.

    Cassazione civile, sez. III, 30/11/2017, n. 28665
    L’automobilista che voglia dimostrare la presenza della buca stradale può certamente valersi di una fotografia che rappresenta le condizioni concrete della strada. Ma attenzione: dalla foto deve emergere anche la data in cui la stessa è stata scattata altrimenti non può costituire una valida prova (e al Comune non spetta neanche contestarne la validità).


    Cassazione civile, sez. VI, 26/09/2017, n. 22419
    L’ente proprietario d’una strada aperta al pubblico transito risponde per difetto di manutenzione, dei sinistri riconducibili a situazioni di pericolo connesse alla struttura o alle pertinenze della strada stessa, salvo che si accerti la concreta possibilità per l’utente danneggiato di percepire o prevedere con l’ordinaria diligenza la situazione di pericolo. Nel compiere tale ultima valutazione, si dovrà tener conto che quanto più questo è suscettibile di essere previsto e superato attraverso l’adozione di normali cautele da parte del danneggiato, tanto più il comportamento della vittima incide nell’evento passando da un concorso di colpa all’intera responsabilità a carico del danneggiato.

    Cassazione civile, sez. III, 28/07/2017, n. 18753
    Il semplice accertamento dell’eccesso di velocità da parte dell’automobilista non esclude che questi possa aver diritto al risarcimento per la buca stradale se risulta che, anche tenendo un’andatura adeguata, questi avrebbe ugualmente subito il danno [4].

    Cassazione civile, sez. III, 28/07/2017, n. 18753
    L’ente gestore della strada è responsabile anche per gli elementi esterni alla carreggiata. La custodia esercitata dal proprietario o dal gestore della strada non è limitata alla sola carreggiata ma si estende anche agli elementi accessori o pertinenze. Questo significa che se anche il danneggiato ha violato le regole del codice della strada, l’amministrazione è responsabile del danno se risulta che la presenza di un’adeguata barriera avrebbe potuto opporsi all’urto da parte del mezzo ed evitare l’infortunio (nella specie, il conducente era uscito dalla carreggiata precipitando dentro una buca, a margine della stessa, che assumeva essere né presegnalata né protetta).


    Tribunale Roma, sez. XII, 05/07/2017, n. 13646
    La buca stradale di vaste dimensioni, in assenza di prove di un eccesso di velocità del conducente, configura insidia stradale. L’avvallamento determinato dalla buca di vaste dimensioni in una parte della strada di piena percorrenza, configura – in assenza di ogni dimostrazione di un eccesso di velocità del conducente l’autovettura – una condizione dei luoghi invisibile ed imprevedibile tale da determinare una situazione di pericolo ed insidiosa.

    Tribunale Roma, sez. XIII, 01/03/2017, n. 4150
    Danni da insidia su strada pubblica: la responsabilità della p.a. si presume salvo prova di imprevedibilità dell’evento dannoso. In tema di omessa custodia da parte della pubblica amministrazione, l’ente proprietario di una strada aperta al pubblico transito si presume responsabile, ai sensi dell’art. 2051 c.c., dei sinistri riconducibili alle situazioni di pericolo connesse in modo immanente alla struttura o alle pertinenze della strada stessa, indipendentemente dalla sua estensione, salvo che dia la prova che l’evento dannoso era imprevedibile e non tempestivamente evitabile o segnalabile (nel caso di specie, nonostante le dimensioni della buca presente nel marciapiede, non viene ravvisata alcuna condizione di pericolo occulto per difetto del requisito della non visibilità).

    Pertanto, in tema di responsabilità civile e danno da cose in custodia, anche nell’ipotesi di Pubblica Amministrazione – nel caso di specie buca sulla strada – la stessa deve dare prova del caso fortuito, ossia dell’oggettiva impossibilità, per l’ente comunale, e per esso dell’impresa appaltatrice, di venire a conoscenza e di intervenire, sull’insidia, eliminandola.

    Tribunale Salerno, sez. II, 07/10/2016, n. 4494
    In tema di sinistro a seguito di una caduta in una buca situata sul manto stradale l’ente locale è responsabile salvo che dia la prova che l’evento dannoso era imprevedibile e non tempestivamente evitabile o segnalabile, tale tipo di responsabilità prescinde dall’accertamento del carattere colposo dell’attività o del comportamento del custode e ha natura oggettiva, necessitando, per la sua configurabilità, del mero rapporto eziologico tra cosa ed evento, prescindendo altresì, dall’accertamento della pericolosità della cosa stessa.

    Danno da buche sulla strada
    Si può avere il risarcimento dal Comune?
    Play Video

    note
    [1] Art. 2043 cod. civ.

    [2] Art. 2051 cod. civ. In materia, la giurisprudenza ha affermato alcuni importanti principi. In particolare: (i) sussiste un obbligo generale di adottare, nonostante la discrezionalità della P.A., misure atte a scongiurare situazioni di obiettivo pericolo; (ii) per le strade aperte al traffico, è configurabile la responsabilità ex art. 2051 c.c., dell’ente pubblico proprietario, una volta accertato che il fatto dannoso si è verificato a causa di una anomalia della strada stessa, salvo che quest’ultimo non dimostri di non avere potuto far nulla per evitare il danno; (iii) infine, l’ente proprietario supera la presunzione di colpa quando la situazione che provoca il danno si determina non come conseguenza di un precedente difetto di diligenza nella sorveglianza della strada, ma in maniera improvvisa, atteso che solo quest’ultima — al pari della eventuale colpa esclusiva dello stesso danneggiato in ordine al verificarsi del fatto — integra il caso fortuito previsto dall’art. 2051 c.c., quale scriminante della responsabilità del custode. La sentenza quindi afferma che per gli enti pubblici proprietari di strade aperte al pubblico transito è in linea generale applicabile l’art. 2051 c.c., in riferimento alle situazioni di pericolo immanentemente connesse alla struttura o alle pertinenze della strada, indipendentemente dalla sua estensione (ex multis, Cass. civ., 29 marzo 2007, n. 7763; Cass. civ., 2 febbraio 2007, n. 2308; Cass. civ., 3 aprile 2009, n. 8157). Relativamente alla condotta del danneggiato la sentenza prosegue sostenendo che il custode, in questo caso il Comune di Taranto, avrebbe dovuto provare che il fatto del terzo o del danneggiato abbia i requisiti dell’autonomia, dell’eccezionalità, dell’imprevedibilità e dell’inevitabilità, che sia, dunque, idoneo a produrre l’evento, escludendo fattori causali concorrenti. (cfr. Cass. civ., 14 ottobre 2011, n. 21286).

    [3] Trib. Lecce sent. n. 1954/2017.

    [4] In tema di responsabilità civile, qualora l’evento dannoso si ricolleghi a più azioni o omissioni, il problema del concorso delle cause trova soluzione nell’art. 41, c.p., in virtù del quale il concorso di cause preesistenti, simultanee o sopravvenute, anche se indipendenti dall’omissione del colpevole, non esclude il rapporto di causalità fra dette cause e l’evento, essendo quest’ultimo riconducibile a tutte, tranne che si accerti l’esclusiva efficienza causale di una di esse. In particolare, in riferimento al caso in cui una delle cause consista in una omissione, la positiva valutazione sull’esistenza del nesso causale tra omissione ed evento presuppone che si accerti che l’azione omessa, se fosse stata compiuta, sarebbe stata idonea ad impedire l’evento dannoso ovvero a ridurne le conseguenze, non potendo esserne esclusa l’efficienza soltanto perché sia incerto il suo grado di incidenza causale. (Nella specie, concernente il risarcimento dei danni derivati da un incidente stradale concretizzatosi nell’uscita di un autoveicolo dalla carreggiata e nel successivo ribaltamento del veicolo medesimo in una buca presente sulla banchina, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata – che aveva escluso la responsabilità dell’Ente custode della strada, sul presupposto che il conducente avesse mancato di tenere una velocità adeguata – affermando che il giudice del merito avrebbe dovuto valutare se, nonostante la velocità, l’auto si sarebbe comunque fermata sulla banchina, senza cadere nella buca, qualora quest’ultima fosse stata adeguatamente protetta dall’Ente preposto alla manutenzione).

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 15-12-17, 21:20
  2. "Virginia Raggi ha una grazia innata e un collo da cigno"
    Di Ashur nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-12-17, 01:02
  3. Quattro si per dargli il colpo di grazia finale
    Di Andromeda nel forum Elezioni amministrative 2011 e Referendum 2011
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 03-06-11, 13:45
  4. 'Gli Ogm? Il colpo di grazia per la nostra agricoltura'
    Di Sandinista nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-02-10, 14:29
  5. Il finiano Granata e il colpo di grazia alla razza italiana.
    Di socialistaprussiano nel forum Destra Radicale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 23-09-09, 19:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225