User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
Like Tree14Likes

Discussione: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

  1. #1
    Centralista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Friuli
    Messaggi
    13,937
    Mentioned
    232 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Un secolo fa l’assassinio di Rosa Luxemburg

    In occasione di importanti anniversari (ad esempio: fondazione della Terza Internazionale, Rivoluzione cubana, fondazione della Repubblica Popolare Cinese, Autunno Caldo) il nostro sito comincia la pubblicazione d una serie di contributi di approfondimento e dibattito su ciascuno di questi fondamentali avvenimenti a partire dal centenario dell’assassinio di Rosa Luxemburg.

    di Maria Carla Baroni

    Il 15 gennaio 2019, al rifluire dell’insurrezione spartachista, a Berlino veniva assassinata Rosa Luxemburg, insieme a Karl Liebknecht, dai Freikorps, i gruppi paramilitari agli ordini del governo socialdemocratico di Gustav Noske. Marxista libertaria , femminsita, internazionalista e consiliarista, è stata una delle figure più nobili del movimento operaio internazionale. Lo stesso Lenin la definì un’aquila, pur elencando gli errori che, dal suo punto di vista, Luxemburg aveva commesso contestandolo, contestandone soprattutto il centralismo. Fu invece apprezzata da Gramsci –teorico del consiliarismo – per l’idea dell’imperialismo come espressione del capitale finanziario, per il modo in cui impostava il rapporto tra lotta politica, partito e sindacati e per la tesi della rivoluzione comunista come opera delle masse e non di un segretario di partito, pur essendo fondamentale la guida di un partito.

    Poiché parlava fluentemente il russo potè sempre seguire, sin dagli esordi, il dibattito nel movimento rivoluzionario russo pur militando, dopo aver lasciato la natia Polonia, nella socialdemocrazia tedesca. Ma fu proprio in URSS che la sua opera fu censurata, mutilata, distorta e, con lo stalinismo, dimenticata. Fu dimenticato, fin da Lenin, soprattutto il contributo di Rosa Luxemburg all’evoluzione del movimento delle donne da suffragista a femminista, come ricordò Raya Dunayevskaya, autrice di una insuperata monografia sulla sua figura.

    Fu merito di Lelio Basso nel 1967 riportarla all’attenzione della sinistra italiana, mettendo in luce l’originalità di saggi e lettere che, nel vero solco tracciato da Marx, coniugavano socialismo e libertà individuale. Cito in proposito due brani tratti dall’introduzione a “Rosa Luxemburg, Scritti politici, a cura di Lelio Basso” : “Il problema centrale di Rosa Luxemburg, il problema intorno a cui ruota tutta la sua opera teorica e anche tutta la sua azione pratica, è il problema della rivoluzione socialista: ”Perché e come arriveremo noi in generale alla meta finale dei nostri sforzi?” . E ancora: “ L’opera della Luxemburg consiste…proprio nello sforzo di calare il metodo dialettico di Marx nel vivo della lotta di classe , di farne non solo un metodo per l’interpretazione della storia e l’analisi della società presente, ma un metodo applicato altresì per fare la storia, cioè applicato all’azione di grandi masse e alla costruzione cosciente del futuro”.

    A conclusione di questo breve ricordo cito dal discorso che Luxemburg tenne il 31 dicembre 1918 al congresso di fondazione del Kpd, il Partito comunista tedesco: “noi oggi viviamo nel più preciso significato della parola verità che appunto Marx ed Engels per la prima volta hanno enunciato come base scientifica del socialismo in quel documento grandioso che è il “Manifesto comunista”: il socialismo diventerà una necessità storica”.

    Mai come ora – in questo 2019 su cui gravano le conseguenze della grande crisi economica strutturale iniziata nel 2007/2008 con l’aumento delle disuguaglianze e la povertà crescente, dell’abbattimento dei diritti del lavoro reso possibile anche dalla fine dell’esperienza sovietica, dei cambiamenti climatici e della distruzione sistematica di territorio, ambiente e salute causati dal modo di produrre capitalistico – il socialismo è una necessità storica, in primo luogo per la permanenza della vita sul nostro pianeta.

    Forse anche noi, comunisti e comuniste del nuovo millennio, dovremmo rileggere Rosa Luxemburg. Intanto, PERCHE’ NON DEDICARLE LA TESSERA PCI DEL 2019?

    https://www.ilpartitocomunistaitalia...osa-luxemburg/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Centralista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Friuli
    Messaggi
    13,937
    Mentioned
    232 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Un omaggio a Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht

    Traduzione di brani dal “Contributo del Partito Comunista del Messico”, presentato dal compagno Pavel Blanco Cabrera, segretario del PCM, il 12 gennaio a Città del Messico al convegno “Omaggio del Comitato di Karl, Rosa e i comunisti spartachisti”.

    Lenin, all’apertura del Primo Congresso dell’Internazionale comunista, dichiarò con forza che Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht erano i migliori rappresentanti della Terza Internazionale, nonostante i dibattiti di quasi due decenni in cui si scontrò con Luxemburg, e riassunti in Appunti di un pubblicista nel 1922[1]. Vogliamo soffermarci soprattutto nel periodo della prima guerra imperialista e l’era delle rivoluzioni sociali che si apre nel 1917 con la Grande Rivoluzione socialista d’Ottobre.

    «Rosa Luxemburg sbagliò sulla questione dell’indipendenza della Polonia; sbagliò nel 1903 nella sua valutazione del menscevismo; sbagliò nella sua teoria dell’accumulazione del capitale; sbagliò nel luglio 1914, quando, con Plekhanov, Vendervelde, Kautsky ed altri, sostenne la causa dell’unità tra bolscevichi e menscevichi; sbagliò; in ciò che scrisse dal carcere nel 1918 (corresse poi la maggior parte di questi errori tra la fine del 1918 e l’inizio del 1919, dopo esser stata rilasciata). Ma a dispetto dei suoi errori lei era – e per noi resta – un’aquila. E i comunisti di tutto il mondo si nutriranno non solo del suo ricordo, ma della sua biografia e di tutti i suoi scritti (nelle pubblicazioni disordinatamente aggiornate dai comunisti tedeschi, solo parzialmente scusabili dalle tremende perdite subite durante la loro dura battaglia) serviranno da utili manuali nella formazione delle future generazioni di comunisti di tutto il mondo. “Dal 4 agosto 1914 la socialdemocrazia tedesca è stata un fetido cadavere” – questa dichiarazione renderà il nome di Rosa Luxemburg famoso nella storia del movimento proletario internazionale.»

    Abbiamo ampiamente citato Lenin, e anche conoscendo queste discussioni, noi affermiamo che siamo dalla parte dei bolscevichi e di Lenin, ma allo stesso modo riconosciamo e ammiriamo il lavoro teorico e politico della Rivoluzione Rosa Rossa e dei suoi e nostri compagni spartachisti.

    Andiamo in particolare alla rivoluzione tedesca del 1918.

    Nonostante il manifesto di Basilea, la Seconda Internazionale, corrosa dall’opportunismo e dal riformismo, già in piena decomposizione, in aperto tradimento delle sue origini e principi, aperto tradimento del proletariato internazionale, chiamò a partecipare alla guerra, sostenendo le rispettive borghesie contro i loro fratelli lavoratori di altre nazioni. Andò contro l’opposizione all’interno del movimento operaio, organizzato in Zimerwald, che comprendeva due organizzazioni rivoluzionarie, i bolscevichi russi e i tedeschi che formavano lo spartachismo. Esemplare fu il comportamento di Karl Liebknecht che, essendo deputato, votò contro i crediti di guerra e si oppose pubblicamente, nonostante i costi, compreso l’arresto[2].

    Questo processo di decomposizione della Seconda Internazionale aveva il suo epicentro nel Partito Socialdemocratico di Germania (SPD), che aveva cominciato a distorcere, travisandole, le opere di Marx e, come sappiamo, arrivando alla fine a mutilare i testi di Engels, quando era ancora in vita, come accadde con la famosa introduzione del 1895 a La lotta di classe in Francia, atto contro il quale egli protestò.

    L’essenza dell’opportunismo sta nel fatto di credere che, con lo sviluppo del partito operaio e della sua influenza, si potrebbero conquistare gradualmente i cambiamenti attraverso le riforme e aumentando la forza elettorale e parlamentare della socialdemocrazia, per cui la rivoluzione non è più necessaria, né la violenza rivoluzionaria, né il rovesciamento dello stato borghese, né la dittatura del proletariato, né il programma di massima. Come essenza del riformismo vale l’affermazione di Bernstein che “il movimento è tutto e il fine è nulla”.

    All’interno della SPD contro questo abbandono del marxismo, c’era una resistenza – che in principio coinvolgeva anche Karl Kautsky, che poi si aggregò all’opportunismo – in cui emergevano Rosa Luxemburg, Franz Mehring, Clara Zetkin e Karl Liebknecht. Fuori dalla Germania, chi si scontra molto presto soprattutto con l’opportunismo è Lenin, non solo contro quanto espresso in Germania, ma contro la sua personificazione in Russia, i menscevichi, con una differenza importante: in Russia i rivoluzionari adottavano misure per formare un proprio partito, senza gli opportunisti e contro gli opportunisti, che si tempra in questa lotta e nelle tre rivoluzioni che vivono: quella del 1905, del febbraio e dell’ottobre 1917, la rivoluzione socialista.

    I rivoluzionari tedeschi aspettano da molti anni per fare questo passo, in realtà hanno grande fiducia nel conquistare le masse lavoratrici socialdemocratiche e non concordano con l’idea del partito di quadri e delle norme leniniste e i principi di organizzazione del centralismo democratico. Quando non è più sostenibile appartenere al SPD per la questione della guerra, si aggregano a una posizione intermedia, del Partito Socialdemocratico Indipendente di Kautsky, ed è solo nel dicembre 1918, quando scoppia la rivoluzione, che fanno il passo della creazione del Partito comunista tedesco (KPD).

    È vero che erano già raggruppati nella Lega di Spartaco, ma ci sono molte differenze tra ciò che può fare una corrente politica o un partito d’avanguardia.

    Perché il compito del partito della classe operaia, del partito rivoluzionario della nostra epoca, del partito comunista non è solo quello di agitare ed educare; non è solo unire, come diceva Engels, il socialismo scientifico con il movimento operaio; ha a che fare con la coscienza di classe, che è quanto bene sostiene il Che fare?, oltre il movimento dei lavoratori, ha a che fare con il compito dello stato maggiore della classe operaia nella lotta rivoluzionaria, al fine di determinare l’offensiva, il ritiro e le manovre necessarie, sia durante l’ascesa che il riflusso della lotta di classe, e soprattutto nei momenti storici della situazione rivoluzionaria, i “giorni che valgono anni”, in cui si condensano tutte le contraddizioni di classe, secondo Lenin:

    – L’impossibilità per le classi dominanti di mantenere il loro dominio in modo immutabile; questa o quella crisi dei “vertici”, una crisi della politica della classe dominante, apre una crepa attraverso la quale scoppia il malcontento e l’indignazione delle classi oppresse. (“quelli sopra non possono più vivere come prima”)

    – Un aggravamento, più alto del solito, della miseria e delle avversità delle classi oppresse. (“quelli di sotto non vogliono vivere come prima”)

    – Una notevole intensificazione, per le ragioni sopra indicate, dell’attività delle masse, che in tempi “pacifici” si fanno sfruttare tranquillamente, ma in tempi turbolenti sono spinti dalla crisi, così come i “vertici”, a un’azione storica indipendente.

    In quei momenti sarebbe fatale vacillare o improvvisare. È qui che il Partito e i suoi quadri esigono tutta la sua qualità, la sua preparazione accumulata negli anni, nei decenni.

    È stato molto importante il passo compiuto dagli spartachisti dal 30 dicembre 1918 al 2 gennaio 1919, al Primo Congresso del Partito Comunista e l’adozione di un programma rivoluzionario e di classe basato sul marxismo, ma si era perso molto tempo, un tempo prezioso per la preparazione, l’esperienza. Il dibattito può essere visto negli Atti del Primo Congresso del KPD con manifestazioni di estremismo, la mancanza di coesione, un problema della fraseologia, per cui non vi era alcuna precisione scientifica in slogan e obiettivi tattici affrontati.

    Pertanto riteniamo che il Partito Comunista è un elemento essenziale della e inseparabile dalla rivoluzione socialista, e quindi in ogni momento dobbiamo lavorare per la sua costruzione, i suoi legami con la classe e la sua guida rivoluzionaria. Oggi, consideriamo non solo sbagliato, ma qualcosa di patetico che alcuni che si definiscono marxisti continuano militando nelle formazioni sociali come MORENA[3], Syriza, PODEMOS, Die Linke, il PT brasiliano, etc. con l’argomento che ci sono le masse.

    Un’altra lezione fondamentale riguarda il ruolo della socialdemocrazia. Non solo è il tradimento del marxismo, la sua decomposizione, essa è anche stata integrata come un pilastro del dominio capitalista, come un forte pilastro della dittatura di classe della borghesia. “Agenti della borghesia nel movimento operaio”, così furono chiamati dai bolscevichi, per il loro ruolo in Germania, quando con la Repubblica di Weimar diventano i pompieri della rivoluzione, diventano una forza d’urto della controrivoluzione e questa funzione non è attribuibile solo a Ebert e Noske.

    Non solo della socialdemocrazia tedesca di quegli anni, parliamo anche di quella che è una caratteristica generale della socialdemocrazia di allora e di oggi.

    Si parla per esempio del vergognoso intervento militare del governo socialdemocratico di Lula ad Haiti, il supporto alla guerra e all’anticomunismo di tutta la socialdemocrazia in Europa, Syriza che attacca il movimento dei lavoratori della Grecia con misure brutali svalutazione del lavoro e austerità, o della Guardia nazionale, l’attacco brutale contro i giovani con lavoro precario senza diritti di libertà cedendo ai monopoli, il treno Maya[4], le Zona Economiche Esclusive, il TMEC[5] firmato dalla nuova socialdemocrazia in Messico.

    Traiamo la lezione della Rivoluzione spartachista: dobbiamo condurre una lotta inconciliabile contro la socialdemocrazia in tutti i campi, senza compromessi, millimetro per millimetro. […]

    Vogliamo dire anche che abbiamo espresso il nostro parere sul ruolo controrivoluzionario di fondazioni finanziate dall’UE per diffondere posizioni anti-comuniste e illusioni socialdemocratiche, come quella che si chiama come la rivoluzionaria Rosa Luxemburg, infangandone il nome, e funziona in diversi paesi, compreso il Messico. È anche vergognoso che sindacalisti e ONG di rinnegati del marxismo ricevano finanziamenti dalla Fondazione Friedrich Ebert,[6] uno dei carnefici della classe operaia tedesca.

    Rendiamo sincero omaggio ai nostri compagni tedeschi e seguendo l’esempio dato con coraggio da Karl Liebknecht, diciamo che la lotta contro l’imperialismo non è contro qualcosa di esterno, che è la lotta contro la nostra propria borghesia, che dobbiamo rovesciare per ottenere il potere operaio, la socializzazione dei mezzi di produzione, il controllo dei lavoratori, la pianificazione centrale dell’economia, ciò che, seguendo la Critica del programma di Gotha, chiamiamo socialismo-comunismo.

    Grazie mille

    ————-

    [1] Scritto a fine febbraio del 1922. Pubblicato per la prima volta sulla Pravda n° 87 del 16 aprile 1924.

    [2] Benché si opponesse alla partecipazione tedesca alla prima guerra mondiale, il 4 agosto 1914 Liebknecht votò a favore dei crediti di guerra per disciplina di partito. La sera stessa venne fondato il gruppo, con il nome originario Gruppe Internationale (Gruppo Internazionale) su iniziativa di Rosa Luxemburg. Alla successiva votazione del 2 dicembre dello stesso anno su di una nuova tranche di crediti di guerra, invece, Liebknecht fu l’unico deputato al Reichstag a votare contro. A partire dal gennaio 1916 il Gruppo iniziò la pubblicazione di un proprio giornale dal titolo Spartakusbriefe (lettere di Spartaco). Per questa ragione divenne noto col nome di “Gruppo Spartaco” (Spartakusgruppe) o Spartakus.

    [3] Morena (noto anche come Movimiento Regeneración Nacional, dal nome dell’associazione civile che lo ha dato alla luce) è un partito politico messicano di sinistra, creato nel 2011 come associazione di natura politica, che ha partecipato alla campagna presidenziale alle elezioni federali del 2012, insieme alla coalizione del Movimento progressista. È affiliato al Forum di San Paolo.

    [4] Mega opera ferroviaria, sui cui impatti ecologici, economici, sociali e culturali sul patrimonio archeologico è stata espressa forte opposizione.

    [5] Nuovo accordo di libero scambio tra Stati Uniti, Messico e Canada firmato il 30 novembre scorso a Buenos Aires, prima dell’inizio del vertice dei leader del G20. L’accordo sostituisce il NAFTA.

    [6] Un ufficio di questa associazione è presente anche a Roma.

    Un omaggio a Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht | La Riscossa

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Dec 2009
    Località
    Morte al liberismo!
    Messaggi
    13,588
    Mentioned
    130 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Mi pare che Luxemburg e Liebknecht espressero molti dubbi sulla teoria e sull'operato di Lenin e da quel momento, gli spartachisti non ebbero buoni rapporti con la III Internazionale.

    PMLI Chi era Rosa Luxemburg

    Certo, quelli del PMLI sono settari all'inverosimile. Ma esistevano comunque differenze tra la comunista tedesca e il leader dei bolscevichi russi.
    Socialismo patriottico

  4. #4
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    23,944
    Mentioned
    323 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Citazione Originariamente Scritto da LupoSciolto° Visualizza Messaggio
    Mi pare che Luxemburg e Liebknecht espressero molti dubbi sulla teoria e sull'operato di Lenin e da quel momento, gli spartachisti non ebbero buoni rapporti con la III Internazionale.

    PMLI Chi era Rosa Luxemburg

    Certo, quelli del PMLI sono settari all'inverosimile. Ma esistevano comunque differenze tra la comunista tedesca e il leader dei bolscevichi russi.
    Ovvio che c'erano. Ci ha pensato la storia a dare ragione a Lenin e torto alla Luxemburg. La lotta di classe non si può fare con i guanti, visto che proprio la sua uccisione senza nemmeno un processo (e successivamente l'avvento del nazismo) provano che di fronte alla violenza assoluta che è disposta a usare la borghesia per difendere i suoi privilegi di classe, quella proletaria al massimo è legittima difesa. Anche se rimane il fatto che rispetto alla teppa socialdemocratica era comunque di un altro pianeta.
    Paul Levi desidera adesso particolarmente guadagnare i favori della borghesia (e di conseguenza quelli della II Internazionale e dell’Internazionale due e mezzo, che sono i suoi agenti) ripubblicando proprio le opere di Rosa Luxemburg in cui essa ha avuto torto. Noi rispondiamo a ciò con le parole di una buona fiaba russa: accade a volte alle aquile di scendere persino più in basso delle galline, ma mai alle galline di salire al livello delle aquile. Rosa Luxemburg si è sbagliata sulla questione dell’indipendenza della Polonia; si è sbagliata nel 1903 nella sua valutazione del menscevismo; si è sbagliata nella sua teoria dell’accumulazione del capitale; si è sbagliata quando, nel luglio 1914, accanto a Plekhanov, Vandervelde, Kautsky, ecc., ha difeso l’unificazione dei bolscevichi e dei menscevichi; si è sbagliata nei suoi scritti dalla prigione nel 1918 (per altro, essa stessa, dopo essere uscita di prigione, alla fine del 1918 e all’inizio del 1919 ha corretto una gran parte dei suoi errori). Ma malgrado i suoi errori essa è stata e rimane un’aquila; e non soltanto il suo ricordo sarà sempre prezioso per i comunisti del mondo intero, ma anche la sua biografia e le sue opere complete (nella cui pubblicazione i comunisti tedeschi mettono un ritardo impossibile: non li si può scusare parzialmente che in considerazione delle loro enormi perdite in una lotta durissima) costituiranno una lezione utilissima per l’educazione di numerose generazioni di comunisti del mondo intero. “La socialdemocrazia tedesca dopo il 4 agosto del 1914 è un fetido cadavere”: è con questa sentenza che il nome di Rosa Luxemburg entrerà nella storia del movimento operaio mondiale. Mentre invece nel cortile posteriore del movimento operaio, tra i mucchi di letame, le galline come Paul Levi, Scheidemann, Kautsky e tutta questa confraternita ammireranno soprattutto, ovviamente, gli errori della grande comunista. A ciascuno il suo.
    (le lodi di Lenin alla Luxemburg nelle note di un pubblicista che il PMLI non cita per intero)
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

  5. #5
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,790
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    Ovvio che c'erano. Ci ha pensato la storia a dare ragione a Lenin e torto alla Luxemburg.
    A me sembra proprio il contrario visto il fallimento dell'esperienza bolscevica (nel senso che non si è avvicinata neanche minimamente al suo obiettivo, che era una società senza classi veramente democratica).
    Jerome likes this.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

  6. #6
    Centralista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Friuli
    Messaggi
    13,937
    Mentioned
    232 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Citazione Originariamente Scritto da Gian_Maria Visualizza Messaggio
    A me sembra proprio il contrario visto il fallimento dell'esperienza bolscevica (nel senso che non si è avvicinata neanche minimamente al suo obiettivo, che era una società senza classi veramente democratica).
    La decolonizzazione e sconfiggere il nazismo sono solo noccioline! Finché non si raggiunge il "vero comunismo" tanto vale stare a prendere il sole col colonialismo e il fascismo!

  7. #7
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,790
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    La decolonizzazione e sconfiggere il nazismo sono solo noccioline!
    In ogni caso non c'entrano niente con il socialismo.
    Jerome likes this.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

  8. #8
    Malapartiano
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Località
    Cthulhu Party's antifeminist section
    Messaggi
    45,953
    Mentioned
    746 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Citazione Originariamente Scritto da LupoSciolto° Visualizza Messaggio
    Certo, quelli del PMLI sono settari all'inverosimile.
    Sono completamente fuori di testa, più che settari.
    L PMLI APPOGGIA L?IS CONTRO LA SANTA ALLEANZA IMPERIALISTA (Comunicato dell'Ufficio Stampa)
    COME LA SEPPIA, LA FEMMINISTA (...) NUOTA A SUO AGIO NELLA MENZOGNA.
    (Arthur Schopenhauer, riveduto)

  9. #9
    Centralista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Friuli
    Messaggi
    13,937
    Mentioned
    232 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Citazione Originariamente Scritto da Gian_Maria Visualizza Messaggio
    In ogni caso non c'entrano niente con il socialismo.
    Infatti Cuba (per citare un esempio di socialismo reale ancora esistente) garantisce sanità, scuola e università gratuita, piena occupazione con tutti i diritti garantiti e salario dignitoso e però loro non vanno bene perché c'è la "diddadura". Le solite argomentazioni piccolo-borghesi contro il socialismo! Come pretendi di emancipare il proletariato se non gli dai nulla perché non è "vero socialismo" (concetto non dialettico), quello non ti seguirà mai e poi mai (ricordi i rapporti materiali di cui parlano Marx e Engels?).

  10. #10
    Centralista
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Friuli
    Messaggi
    13,937
    Mentioned
    232 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito Re: L'assassinio di Rosa Luxembourg, 100 anni fa

    Citazione Originariamente Scritto da Jerome Visualizza Messaggio
    OFF TOPIC

    Infatti la mia grande organizzazione nel 2013 gli ha risposto così al loro comunicato su di noi: Risposta ironica al Pmli... - Senza Tregua

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-11-18, 12:08
  2. A novantotto anni dall’assassinio di rosa luxemburg
    Di MaIn nel forum Comunismo e Socialismo Libertario
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-01-17, 14:14
  3. 100 R: Ronald Reagan, 100 anni
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 10-02-11, 01:35
  4. Sulla Morte Di Rosa Luxembourg
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-05-06, 10:46
  5. Luxembourg
    Di spantax nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-08-04, 12:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226