User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34
Like Tree11Likes

Discussione: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

  1. #1
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    52,939
    Mentioned
    650 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    "Stop ai fondi Ue a chi viola lo Stato di diritto”. Ma Lega e Cinque Stelle non votano a favore
    Via libera dell’Europarlamento alle norme anti-corruzione che potrebbero penalizzare Ungheria e Polonia. Contrario il partito di Salvini, astenuti gli eurodeputati M5S

    Nel giorno in cui il Movimento Cinque Stelle lancia l’offensiva contro lo spreco di denaro Ue, puntando il dito verso gli stipendi dei commissari, c’è stato un voto molto significativo al Parlamento europeo. L’aula di Strasburgo ha infatti approvato un progetto di legge che prevede la sospensione o addirittura il taglio dei fondi europei per quei governi che non rispettano lo Stato di diritto e non combattono frode e corruzione. Una misura che ha un duplice obiettivo: rimettere in cima alla lista i valori Ue e al tempo stesso assicurare una corretta gestione dei fondi europei. I due partiti italiani di maggioranza, Lega e Cinque Stelle, non hanno votato a favore.

    I Movimento ha deciso di astenersi, mentre gli eurodeputati leghisti hanno votato contro.
    Si sono opposti anche gli esponenti dei partiti che sono al governo in Ungheria, Polonia e Romania, che temono di essere il bersaglio di questa normativa. Contro la Polonia è stata infatti attivata la procedura prevista dall’articolo 7 per le violazioni dello Stato di diritto e proprio l’Europarlamento ha chiesto di fare lo stesso con l’Ungheria (ma i governi non si sono ancora espressi). La prossima della lista potrebbe essere la Romania, guidata da un governo che è finito sotto la lente di Bruxelles proprio per le recenti riforme della Giustizia che mettono a rischio lo Stato di diritto. I tre Paesi sono anche tra i maggiori beneficiari dei fondi europei, dunque una condizionalità legata allo Stato di diritto rischia di lasciarli a bocca asciutta.

    Secondo il testo approvato oggi dall’Eurocamera, la Commissione avrà il compito di accertare alcuni elementi, tra cui l’indipendenza degli organi giurisdizionali, la prevenzione e la repressione dell’evasione fiscale, un’adeguata attività di indagine nella repressione delle frodi e della corruzione, il recupero di fondi indebitamente versati o la collaborazione con l’Ufficio europeo antifrode. Nel caso in cui rilevasse delle anomalie, l’esecutivo Ue (che sarà affiancato da un gruppo di esperti nominati dai parlamenti nazionali) dovrà segnalare la situazione ed eventualmente decidere di sospendere o ridurre l’erogazione dei fondi europei, che andrebbero a finire nella riserva del bilancio Ue.

    Per diventare legge, il provvedimento approvato ieri (397 voti a favore, 158 contrari e 69 astensioni) deve ancora percorrere diverse tappe. Innanzitutto deve esprimersi il Consiglio, cioè i governi. E sembra essere proprio qui l’ostacolo maggiore perché certamente non mancheranno le resistenze. I Paesi dell’Est che oggi si sentono maggiormente nel mirino potrebbero infatti trovare nel governo italiano un alleato di peso per bloccare la norma.
    https://www.lastampa.it/2019/01/17/e...1I/pagina.html

    No comment
    zefiro likes this.

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    81,913
    Mentioned
    146 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Hanno votato a favore tutti i gruppi più istituzionali, mentre l’ala euroscettica ha preferito votare contro. La loro posizione è emersa chiaramente in una serie di interventi durante il dibattito di mercoledì sera. Jonathan Arnott, un europarlamentare britannico eletto con l’UKIP e che siede nello stesso gruppo del Movimento 5 Stelle, ipotizza che con la nuova legge «una commissione [europea] che non è stata eletta potrà giudicare dei governi che invece sono stati eletti», col rischio che l’intervento sia di tipo «politico
    zefiro likes this.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Nov 2018
    Località
    Mondo turboglobalista sorosiano.
    Messaggi
    1,891
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Citazione Originariamente Scritto da adry571 Visualizza Messaggio
    Hanno votato a favore tutti i gruppi più istituzionali, mentre l’ala euroscettica ha preferito votare contro. La loro posizione è emersa chiaramente in una serie di interventi durante il dibattito di mercoledì sera. Jonathan Arnott, un europarlamentare britannico eletto con l’UKIP e che siede nello stesso gruppo del Movimento 5 Stelle, ipotizza che con la nuova legge «una commissione [europea] che non è stata eletta potrà giudicare dei governi che invece sono stati eletti», col rischio che l’intervento sia di tipo «politico
    Quindi meglio la corruzione immagino. Ha senso.
    Malandrina and discovery like this.

  4. #4
    In hoc papero vinces
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    49,690
    Mentioned
    397 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    8

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Quì si capisce meglio (sia mai che i giornali del gruppo espresso disegnino un quadro completo della situazione)

    https://www.ilfattoquotidiano.it/201...tiene/4904704/

    Ue, Parlamento: “Stop fondi a Paesi corrotti che non rispettano Stato di diritto”. Lega vota contro, M5s si astiene

    Nel mirino Polonia e Ungheria, per le quali l'Europa ha attivato l'articolo 7 proprio a causa dell'approvazione di leggi che mettono a rischio l'indipendenza della magistratura e contro migranti e minoranze. M5s: "Criteri vaghi". L'eurodeputato dem Brando Benifei: "Sconcertante il voto di Lega e 5 Stelle"

    Stop ai fondi strutturali per i Paesi che non rispettano lo Stato di diritto interferendo con il lavoro dei tribunali o che non contrastano la frode e la corruzione. Come ad esempio, Polonia e Ungheria, per le quali è stato attivato l’articolo 7 proprio a causa dell’approvazione di leggi che mettono a rischio l’indipendenza della magistratura e contro migranti e minoranze. Il Parlamento europeo ha detto sì al progetto di regolamento basato su una proposta della Commissione Ue, che ora dovrà essere negoziato con i ministri dell’Unione.

    Il via libera è arrivato con 367 voti favorevoli, 158 contrari e 69 astensioni. Tra i contrari anche la Lega di Salvini, che si unisce ai partiti al potere nel blocco di Visegrad – incluso il suo alleato sovranista Viktor Orban – mentre il Movimento 5 Stelle si è astenuto. “Pur condividendo il coinvolgimento del Parlamento europeo sulla richiesta di sanzioni rispetto alla proposta iniziale della Commissione – riferiscono fonti M5s a ilfattoquotidiano.it -, la definizione dei criteri indicati dal progetto di regolamento è troppo vaga. Con l’astensione vogliamo prendere le distanze dal rischio, che oggi è presente, di sanzioni a governi che non siano simpatici alla Commissione di turno”. Il testo approvato in plenaria fa riferimento esplicito proprio ai casi di Polonia e Ungheria, che hanno violato a più riprese i principi fondativi dell’Europa e sono tra i principali destinatari dei fondi europei (Varsavia al primo posto in Ue). E minaccia di mettere in stand by miliardi di finanziamenti destinati proprio ai Paesi dell’est.

    Prima del voto finale, il Parlamento ha respinto tre emendamenti a firma di Efdd (dove siede M5s), Enf (gruppo della Lega) ed eurodeputati dell’Europa orientale: tutti proponevano di rigettare in toto la proposta di regolamento. Quello di oggi per l’eurodeputato dem Brando Benifei è “un comportamento di voto di Lega e 5 stelle più che sconcertante, che danneggia profondamente gli interessi e i diritti dei cittadini italiani”. Per Benifei “è inconcepibile come forze di governo possano opporsi a norme che mirino a garantire che i soldi spesi dagli stati membri provenienti dai fondi comunitari siano vincolati al rispetto dei valori fondamentali e dello stato di diritto, requisiti imprescindibili per una sana gestione finanziaria. Come se non bastasse – conclude – non riescono nemmeno a mettersi d’accordo su come votare sul voto finale. Ennesima figuraccia, imbarazzante e preoccupante”.

    L’iter della proposta – Prevede una sanzione doppia, perché i fondi Ue sono erogati in cofinanziamento, quindi la quota mancante dovrà essere coperta dallo Stato in questione. Se il testo entrerà in vigore, l’esecutivo comunitario, assistito da un gruppo di esperti indipendenti, dovrà stabilire le carenze degli Stati e decidere le misure da attuare, che potrebbero includere la sospensione dei pagamenti del bilancio Ue o la riduzione dei prefinanziamenti. La decisione, però, sarà attuata dopo un passaggio politico, cioè dopo l’approvazione del Parlamento e del Consiglio Ue (a maggioranza qualificata). I fondi ai paesi considerati inadempienti saranno sbloccati da Parlamento e ministri Ue una volta che avranno rimediato alle carenze individuate.

    I criteri – La Commissione potrà stabilire che lo Stato di diritto è minacciato qualora siano compromessi uno o più dei seguenti elementi: il corretto funzionamento delle autorità dello Stato membro preposte ad eseguire il bilancio dell’Unione; la corretta operatività delle autorità preposte al controllo finanziario; adeguate indagini nella repressione delle frodi (incluse le frodi fiscali), corruzione o altre violazioni che riguardano l’esecuzione del bilancio dell’Unione; il controllo giurisdizionale da parte di organi giurisdizionali indipendenti; il recupero di fondi indebitamente versati; la prevenzione e la repressione dell’evasione fiscale e della concorrenza fiscale; la collaborazione con l’Ufficio europeo per la lotta antifrode e, se lo Stato membro interessato vi aderisce, con la Procura europea. Il gruppo di esperti sarà composto da un membro nominato dal Parlamento di ciascuno Stato membro e da 5 nominati dall’Eurocamera. La procedura prevede anche la protezione dei beneficiari finali dei fondi, ai quali i governi dovranno garantire il pagamento delle somme dovute.

    Le misure – A seconda della portata delle carenze e della procedura di gestione di bilancio, la Commissione può decidere su una o più misure, tra cui la sospensione degli impegni, l’interruzione dei termini di pagamento, la riduzione dei prefinanziamenti e la sospensione dei pagamenti. A meno che la decisione non disponga diversamente, il governo dovrebbe comunque attuare il rispettivo programma o fondo dell’Ue ed effettuare i pagamenti ai beneficiari finali, come i ricercatori o le organizzazioni della società civile. La Commissione dovrebbe inoltre occuparsi di assistere i beneficiari e fare in modo che essi ricevano gli importi dovuti. La Commissione presenterebbe poi una proposta di storno al Parlamento e ai ministri dell’Ue per trasferire nella riserva di bilancio un importo corrispondente al valore delle misure proposte. La decisione prende effetto dopo quattro settimane, a meno che il Parlamento, deliberando a maggioranza dei voti espressi, o il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata (in modo che nessuno Stato membro possa bloccare una decisione), la modifichino o la respingano. Una volta che la Commissione avrà stabilito che i disavanzi sono stati eliminati, l’importo sarà sbloccato con la stessa procedura.
    Far ragionare un idiota non è impossibile, è inutile

    Si dissero tra loro le cellule: "facciam parte dello stesso organismo, dobbiamo abbattere tutte le barriere (cellulari)". E così fecero, e l'organismo si sciolse e morì

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Aug 2011
    Messaggi
    2,189
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Con l’astensione vogliamo prendere le distanze dal rischio, che oggi è presente, di sanzioni a governi che non siano simpatici alla Commissione di turno
    ecco il motivo

  6. #6
    SuperMod
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    44,606
    Mentioned
    289 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Citazione Originariamente Scritto da zefiro Visualizza Messaggio
    non ho letto l'articolo perché ora non ho tempo, vorrei sapere da voi che l'avete letto se le violazioni allo stato di diritto che prevedono sanzioni comprendono anche il buttare giù i migranti (anche incinte) dai treni o lasciare migranti nel bosco di notte
    se è previsto, o anche solo se non è vietato dalla legislazione di quel paese è sicuramente una violazione che comporta le sanzioni.
    Dario likes this.
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

  7. #7
    Piddino Intransigente
    Data Registrazione
    10 Nov 2013
    Messaggi
    9,527
    Mentioned
    182 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Citazione Originariamente Scritto da elnick Visualizza Messaggio
    se è previsto, o anche solo se non è vietato dalla legislazione di quel paese è sicuramente una violazione che comporta le sanzioni.
    Esattamente. Nella Beneamata Unione Europea chi non rispetta i migranti merita tutto il male possibile, anche una rivoluzione colorata se necessario.
    Perchè l'amore per i migranti è giustamente uno dei valori fondanti della Beneamata Unione Europea.
    Inutile ovviamente aggiungere che il Beneamato Partito Democratico ha votato a favore
    Come dice il mio amico Dav: "La narrazione sul Pd di questi anni è opera di quelle 2 bande di falsari, cialtroni ed incapaci che stanno sfasciando il nostro paese. Ne stiamo avendo conferma ogni giorno che passa."

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    14,213
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Per diventare legge, il provvedimento approvato ieri (397 voti a favore, 158 contrari e 69 astensioni)
    deve ancora percorrere diverse tappe.

    Innanzitutto deve esprimersi il Consiglio, cioè i governi.

    E sembra essere proprio qui l’ostacolo maggiore perché certamente non mancheranno le resistenze.

    I Paesi dell’Est che oggi si sentono maggiormente nel mirino potrebbero infatti
    trovare nel governo italiano un alleato di peso per bloccare la norma.



    speriamo che dopo le prossime elezioni europee,
    tutte questi balzani provvedimenti, vengano stracciati.
    Eridano and monorazziale like this.

  9. #9
    Pallone gonfiato
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    20,869
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    18 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Citazione Originariamente Scritto da zefiro Visualizza Messaggio
    ecco il motivo
    La scusa vorrai dire.

    L'M5S per non fare dispetto all'alleato della Lega si astiene.

    Comunque per il momento non è ancora legge.

    Per il resto le critiche sono alquanto ridicole visto che la sanzione non deve solo ottenere l'approvazione della Commissione europea, ma pure quella del Parlamento e del Consiglio Ue.
    Dario likes this.

  10. #10
    SuperMod
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    44,606
    Mentioned
    289 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: La Lega, il M5s e gli amici dell'Est Europa

    Citazione Originariamente Scritto da Capitano Visualizza Messaggio
    Esattamente. Nella Beneamata Unione Europea chi non rispetta i migranti
    sbagliato, non esistono norme specifiche nell'unione europea, quelle sono cagate del destrume razzista.
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Stati Uniti d' Europa, Europa dell' est e Russia.
    Di Murru nel forum Politica Europea
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 14-07-16, 12:24
  2. [OT per gli ospiti]e gli amici degli amici degli amici...
    Di LupaNera (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03-10-07, 23:58
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23-07-07, 12:35
  4. Dittature dell'Est Europa. dentro l'Europa. contro l'Europa
    Di Myrddin-Merlino nel forum Politica Estera
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 27-05-07, 13:52
  5. Link a Dittature dell'Est Europa. dentro l'Europa. contro l'Europa
    Di Lupus in Fabula nel forum Politica Europea
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 23-05-07, 12:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225