User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
Like Tree4Likes
  • 1 Post By l'inquirente
  • 2 Post By occidentale
  • 1 Post By Guy Fawkes

Discussione: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

  1. #1
    Essere di un altro mondo
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    7,128
    Mentioned
    369 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    Nonostante lo Stato maggiore lasci Roma all'8 settembre 1943, il re d'Italia Vittorio Emanuele III decide di non abbandonare (azione peraltro compiuta da quasi tutti i regnanti europei di paesi occupati dall'Asse) la capitale italiana di fronte all'invasione punitiva tedesca denominata Operazione Alarico. La moglie Elena del Montenegro, Rosa d'oro della cristianità, viene mandata al sicuro in Vaticano, dove si ricongiunge con la figlia Mafalda e il figlio Umberto si reca nella Sardegna liberata e successivamente a Salerno. Il re decide di rimanere saldamente al Quirinale, mentre la Wehrmacht in due giorni sottomette le esigue difese italiane schierate in città, ma non offre alcuna collaborazione ai tedeschi, ben consapevole di essere uno degli artefici del tradimento del Patto d'Acciaio.

    Il 23 settembre 1943, il Comando tedesco, che ritiene la presenza del monarca nella capitale italiana un ostacolo alla sua amministrazione militare, forse su ordine dello stesso Hitler, arresta Vittorio Emanuele III a Villa Savoia (lo spargimento di sangue è evitato dal monarca che decide di consegnarsi), venendo imbarcato su un aereo con destinazione Monaco di Baviera. Viene poi trasferito a Berlino e infine deportato nel lager di Buchenwald, vicino Weimar. Gli viene fatto divieto di rivelare la propria identità segreta (per scherno i nazisti lo chiamano Kleiner König). Nel campo di concentramento gli viene riconosciuto un particolare riguardo: occupa una baracca ai margini del campo insieme ad un ex ministro socialdemocratico tedesco con la moglie, ha lo stesso vitto degli ufficiali SS, molto più abbondante e di migliore qualità rispetto agli altri internati. Condivide poi un compagno di camera Testimone di Geova, figura molto importante per lui. La vita del campo e il freddo invernale intenso provano molto l'anziano monarca. Malgrado il tentativo di segretezza dei tedeschi, la notizia che il re d'Italia si trova a Buchenwald si diffonde. Dalle testimonianze si apprende che i prigionieri italiani sentono parlare del loro re, recluso come loro. Si sa che mangia pochissimo e che quando può fa in modo che quel poco che gli arrivi in più sia distribuito a chi ha più bisogno, addirittura alcuni lo riconoscono e tentano di parlargli.

    Vittorio Emanuele III rimane internato per tutto l'anno successivo, mentre in Italia imperversano la Resistenza partigiana, il figlio di fatto lo rappresenta di fronte al Comitato di Liberazione Nazionale come Luogotenente generale del Regno con Badoglio, le deportazioni e le rappresaglie naziste si fanno più feroci e Mussolini è tornato a spadroneggiare al Nord, ben lieto di essersi levato di torno l'altro diarca che gli aveva concesso il potere vent'anni prima.

    Il 5 giugno 1944, dopo la liberazione alleata di Roma, il principe Umberto di fronte alle richieste monarchiche di assumere la corona, rifiuta per rispetto del padre, di cui non si hanno notizie o non certe. La questione istituzionale è rinviata dopo la fine della guerra.

    Il 26 agosto 1944, gli aerei Alleati bombardano Buchenwald, la baracca in cui il re è prigioniero viene distrutta e riporta gravi ferite. Viene recuperato da alcuni deportati italiani, ricoverato nell'infermeria ma assistito volutamente in ritardo dal personale del lager (come poi ha testimoniato il radiologo internato Fausto Pecorari). Le sue condizioni peggiorano e due giorni dopo muore. Poco prima della sua dipartita, dice ai suoi soccorritori: «Sento che per me sarà difficile guarire, voi siete giovani, potete farcela... Se mai la fortuna vi aiuterà a tornare, fatemi un bel regalo, salutatemi i miei figli e ricordatevi di me non come di un re, ma come un vostro fratello italiano». Il suo corpo, grazie ad un sacerdote boemo del campo, Joseph Tyl, non viene cremato, ma messo in una bara di legno e seppellito in una fossa comune a Weimar e indicato col numero 262 "uomo sconosciuto".

    Dopo alcuni mesi, sette marinai di Gaeta, già appartenenti alla Regia Marina ed ex internati, non appena liberi trovano fra mille la sua tomba anonima e si tassano per apporvi una lapide identificativa.

    Nell'aprile 1945, alla Liberazione, sui quotidiani il popolo italiano apprende della morte di Vittorio Emanuele III in Germania (la moglie Elena ne è stravolta), la sua figura viene rivalutata ampiamente dato il suo "strappo" antifascista e il suo "sacrificio", anche in alcuni ambienti di sinistra. Il 9 maggio 1945 Umberto II diventa re d'Italia e accoglie con tutti gli onori al Quirinale i sette marinai che hanno identificato la tomba di suo padre, poi trasportata nel 1946 al Pantheon di Roma.

    Inutile dire come vada il referendum istituzionale...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    27 Aug 2010
    Messaggi
    14,998
    Mentioned
    570 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    CarA

    ma quella era talmente alta che per leccare la fighessa alla regina Margherita questa stava in piedi e lui in punta di piedi touttA.
    Però suo figlio UmbertA era donna touttA e era pure presidentessa onoraria di Gaycon e con la mie amichecche @Umberta e @Minchiuss abbiamo visto le prove.
    Minchiuss likes this.

  3. #3
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    72,466
    Mentioned
    569 Post(s)
    Tagged
    59 Thread(s)

    Predefinito Re: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    Citazione Originariamente Scritto da l'inquirente Visualizza Messaggio
    CarA

    ma quella era talmente alta che per leccare la fighessa alla regina Margherita questa stava in piedi e lui in punta di piedi touttA.
    Però suo figlio UmbertA era donna touttA e era pure presidentessa onoraria di Gaycon e con la mie amichecche @Umberta e @Minchiuss abbiamo visto le prove.
    Evapora, scemo.
    Rotwang and Sparviero like this.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  4. #4
    Disilluso cronico
    Data Registrazione
    25 Nov 2009
    Località
    All your base are belong to us
    Messaggi
    13,463
    Mentioned
    103 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    Possibilità dura, ma francamente dubito avrebbe preso il posto di Mafalda di Savoia: personaggio di caratura troppo alta e con diversi contatti con case reali e cancellerie di mezzo mondo.
    Una pedina troppo preziosa per poter essere sprecata in questo modo: l'avrebbero internato in qualche località segreta e ben sorvegliato, per usarlo come mezzo di scambio.
    Flaviogiulio likes this.
    .
    L'ultimo uomo ad essere entrato in Parlamento con intenzioni oneste.

    Non basta negare le idee degli altri per avere il diritto di dire "Io ho un'idea". (G. Guareschi)

  5. #5
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    31,590
    Mentioned
    70 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Nonostante lo Stato maggiore lasci Roma all'8 settembre 1943, il re d'Italia Vittorio Emanuele III decide di non abbandonare (azione peraltro compiuta da quasi tutti i regnanti europei di paesi occupati dall'Asse) la capitale italiana di fronte all'invasione punitiva tedesca denominata Operazione Alarico. La moglie Elena del Montenegro, Rosa d'oro della cristianità, viene mandata al sicuro in Vaticano, dove si ricongiunge con la figlia Mafalda e il figlio Umberto si reca nella Sardegna liberata e successivamente a Salerno. Il re decide di rimanere saldamente al Quirinale, mentre la Wehrmacht in due giorni sottomette le esigue difese italiane schierate in città, ma non offre alcuna collaborazione ai tedeschi, ben consapevole di essere uno degli artefici del tradimento del Patto d'Acciaio.

    Il 23 settembre 1943, il Comando tedesco, che ritiene la presenza del monarca nella capitale italiana un ostacolo alla sua amministrazione militare, forse su ordine dello stesso Hitler, arresta Vittorio Emanuele III a Villa Savoia (lo spargimento di sangue è evitato dal monarca che decide di consegnarsi), venendo imbarcato su un aereo con destinazione Monaco di Baviera. Viene poi trasferito a Berlino e infine deportato nel lager di Buchenwald, vicino Weimar. Gli viene fatto divieto di rivelare la propria identità segreta (per scherno i nazisti lo chiamano Kleiner König). Nel campo di concentramento gli viene riconosciuto un particolare riguardo: occupa una baracca ai margini del campo insieme ad un ex ministro socialdemocratico tedesco con la moglie, ha lo stesso vitto degli ufficiali SS, molto più abbondante e di migliore qualità rispetto agli altri internati. Condivide poi un compagno di camera Testimone di Geova, figura molto importante per lui. La vita del campo e il freddo invernale intenso provano molto l'anziano monarca. Malgrado il tentativo di segretezza dei tedeschi, la notizia che il re d'Italia si trova a Buchenwald si diffonde. Dalle testimonianze si apprende che i prigionieri italiani sentono parlare del loro re, recluso come loro. Si sa che mangia pochissimo e che quando può fa in modo che quel poco che gli arrivi in più sia distribuito a chi ha più bisogno, addirittura alcuni lo riconoscono e tentano di parlargli.

    Vittorio Emanuele III rimane internato per tutto l'anno successivo, mentre in Italia imperversano la Resistenza partigiana, il figlio di fatto lo rappresenta di fronte al Comitato di Liberazione Nazionale come Luogotenente generale del Regno con Badoglio, le deportazioni e le rappresaglie naziste si fanno più feroci e Mussolini è tornato a spadroneggiare al Nord, ben lieto di essersi levato di torno l'altro diarca che gli aveva concesso il potere vent'anni prima.

    Il 5 giugno 1944, dopo la liberazione alleata di Roma, il principe Umberto di fronte alle richieste monarchiche di assumere la corona, rifiuta per rispetto del padre, di cui non si hanno notizie o non certe. La questione istituzionale è rinviata dopo la fine della guerra.

    Il 26 agosto 1944, gli aerei Alleati bombardano Buchenwald, la baracca in cui il re è prigioniero viene distrutta e riporta gravi ferite. Viene recuperato da alcuni deportati italiani, ricoverato nell'infermeria ma assistito volutamente in ritardo dal personale del lager (come poi ha testimoniato il radiologo internato Fausto Pecorari). Le sue condizioni peggiorano e due giorni dopo muore. Poco prima della sua dipartita, dice ai suoi soccorritori: «Sento che per me sarà difficile guarire, voi siete giovani, potete farcela... Se mai la fortuna vi aiuterà a tornare, fatemi un bel regalo, salutatemi i miei figli e ricordatevi di me non come di un re, ma come un vostro fratello italiano». Il suo corpo, grazie ad un sacerdote boemo del campo, Joseph Tyl, non viene cremato, ma messo in una bara di legno e seppellito in una fossa comune a Weimar e indicato col numero 262 "uomo sconosciuto".

    Dopo alcuni mesi, sette marinai di Gaeta, già appartenenti alla Regia Marina ed ex internati, non appena liberi trovano fra mille la sua tomba anonima e si tassano per apporvi una lapide identificativa.

    Nell'aprile 1945, alla Liberazione, sui quotidiani il popolo italiano apprende della morte di Vittorio Emanuele III in Germania (la moglie Elena ne è stravolta), la sua figura viene rivalutata ampiamente dato il suo "strappo" antifascista e il suo "sacrificio", anche in alcuni ambienti di sinistra. Il 9 maggio 1945 Umberto II diventa re d'Italia e accoglie con tutti gli onori al Quirinale i sette marinai che hanno identificato la tomba di suo padre, poi trasportata nel 1946 al Pantheon di Roma.

    Inutile dire come vada il referendum istituzionale...
    Magari fosse andata così... ma Re Vittorio non se ne andò da Roma per viltà, non aveva paura di morire, temeva che senza di lui Re Umberto non fosse stato in grado di concludere un patto di cobelligeranza con gli anglo americani, senza quel patto con un esercito italiano ancora nemico, gli alleati avrebbero smembrato l'Italia, i Francesi avrebbero invaso tutto il Nord Ovest, e chissà dove sarebbe arrivato l'esercito di Tito, la gente non si rende ancora a pieno quale servigio abbia dato il Re alla nazione...

  6. #6
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    31,590
    Mentioned
    70 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    Citazione Originariamente Scritto da Guy Fawkes Visualizza Messaggio
    Possibilità dura, ma francamente dubito avrebbe preso il posto di Mafalda di Savoia: personaggio di caratura troppo alta e con diversi contatti con case reali e cancellerie di mezzo mondo.
    Una pedina troppo preziosa per poter essere sprecata in questo modo: l'avrebbero internato in qualche località segreta e ben sorvegliato, per usarlo come mezzo di scambio.
    Umberto II voleva rimanere a Roma..., ma gli venne vietato dal padre, francamente per salvare la monarchia serviva un tributo di sangue, Mafalda non bastava, ci voleva una testa coronata...

  7. #7
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Jul 2017
    Località
    Terni
    Messaggi
    334
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    e se fosse morto in Albania nell'attentato di tre anni prima?

  8. #8
    Disilluso cronico
    Data Registrazione
    25 Nov 2009
    Località
    All your base are belong to us
    Messaggi
    13,463
    Mentioned
    103 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Vittorio Emanuele III viene deportato a Buchenwald

    Citazione Originariamente Scritto da Hero of Sky Visualizza Messaggio
    e se fosse morto in Albania nell'attentato di tre anni prima?
    Quello apre tutta una serie di differenti scenari, andrebbe discussa in uno scenario a parte.
    .
    L'ultimo uomo ad essere entrato in Parlamento con intenzioni oneste.

    Non basta negare le idee degli altri per avere il diritto di dire "Io ho un'idea". (G. Guareschi)

 

 

Discussioni Simili

  1. Re Vittorio Emanuele III d'Italia
    Di Cattivo nel forum Monarchia
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 04-10-13, 21:21
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-10-13, 20:11
  3. Informazioni su una foto di Vittorio Emanuele III
    Di Lucio76 nel forum Monarchia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-04-13, 06:32
  4. ...e ora tocca a Vittorio Emanuele III, levare le tende
    Di Dogma nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 15-12-11, 01:19
  5. Corsi e ricorsi storici: Napolitano e Vittorio Emanuele III
    Di Rasputin nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 27-11-09, 16:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226