User Tag List

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34
Risultati da 31 a 34 di 34
Like Tree35Likes

Discussione: La nausea per un mondo “corretto” (di Marcello Veneziani)

  1. #31
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    20,038
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Re: La nausea per un mondo “corretto” (di Marcello Veneziani)

    i radicali avevano e hanno un appoggio mediatico e finanziario infinito.

    oltre che la pazienza, servono i soldi
    Perseo likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #32
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 May 2013
    Località
    Delegazione Apostolica di Spoleto
    Messaggi
    4,726
    Mentioned
    199 Post(s)
    Tagged
    50 Thread(s)

    Predefinito Re: La nausea per un mondo “corretto” (di Marcello Veneziani)

    Citazione Originariamente Scritto da Eric Draven Visualizza Messaggio
    Salvini sa benissimo che se su molti temi a partire dall'immigrazione e del parere sull'UE riesce a rigirarsi i grillini come vuole, su alcuni temi i grillini riescono ad essere ancora granitici ed ad affermare la loro indole sinistra.

    mediaticamente parlando, anche solo far presente che la legge Cirinnà, se sottoposta all'esame della Consulta, verrebbe smontata, non è sostenibile. perchè non solo ti troveresti contro il circo tv radio giornali, ma pure gran parte dei grillini.

    dobbiamo considerarci ancora minoranza mediatica, per questo Salvini, che è un pragmatico, tende a tenere i toni bassi su questi temi.

    solo in un parlamento con una maggioranza di cdx ed un PDR non ostile (non dimentichiamoci che tra meno di 3 anni scade il mandato di Mattarella e mai come a questo giro ci potrebbe essere la possibilità di avere al Quirinale non dico un amico, ma almeno non un nemico) puoi pensare quantomeno di ridiscutere la legge sull'aborto e la Cirinnà.

    sul divorzio invece ho i miei seri dubbi che gli italiani siano diposti a rinunciarvi, specialmente in un'epoca bergogliana come questa
    Sul divorzio hai (purtroppo) ragione, ma appunto, se siamo arrivati a questo punto, credo dipenda anche dal fatto che quando ci sarebbe stato ancora il modo di lottare, non lo si è fatto.
    Anche le considerazioni sulle possibilità di azione nell'attuale quadro politico sono ovviamente condivisibili e riconosco anche che, con una Chiesa Cattolica che a momenti beatifica Pannella, è sicuramente difficile per un politico mettersi a fare quello più papista del Papa. (La cirinnà non è passata che per questo motivo). Quello però a cui mi riferivo io non era tanto l'azione politica concreta, ma l'idealità, al limite il mero slogan identitario.
    I due partiti che più si sono opposti alle unioni civili, una volta che questa sono passate, a poco più di un anno di distanza, non ne hanno praticamente fatto menzione in campagna elettorale, magari hanno proclamato "non consentiremo mai le adozioni gay o l'utero in affitto", ma sul rivedere l'obbrobrio che era stato fatto passare da uno dei governanti meno popolari che mai ci siano stati in Italia, non si è detto nulla. Questo per me è sconfortante e indice di subalternità. Non si può avere come orizzonte ideale solo il fare da diga alle ulteriori porcate prossime venture, dando sempre per irrimediabilmente acquisite quelle che sono già passate. Se si è fieri dei propri valori, non si può rinunciare alla speranza di riconquistare la maggioranza dei consensi.

  3. #33
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    1,128
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: La nausea per un mondo “corretto” (di Marcello Veneziani)

    Citazione Originariamente Scritto da Flaviogiulio Visualizza Messaggio
    Assolutamente, anche perché i sinistri odierni sono mediamente anche più permalosi dei contemporanei di Guareschi e se trovano chi gli mette alla berlina i loro dogmi, gli parte l'embolo e danno il "meglio" di sé.
    Vero, di gran lunga più permalosi, fideisti e quindi limitati dei loro corrispettivi di 50-60 anni fa. Non c'è proprio confronto. Prendiamo ad esempio il tipico contadino umbro classe 1900-1910 che votava comunista (generazione dei miei nonni). Infinatamente più libero mentalmente ed interiormente dei "sinistri" odierni; oltre che tanta sostanza umana in più. Gli epigoni moderni non sanno nemmeno dove stia di casa la libertà.
    Sparviero and Flaviogiulio like this.

  4. #34
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    20,038
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Re: La nausea per un mondo “corretto” (di Marcello Veneziani)

    Citazione Originariamente Scritto da Flaviogiulio Visualizza Messaggio
    Sul divorzio hai (purtroppo) ragione, ma appunto, se siamo arrivati a questo punto, credo dipenda anche dal fatto che quando ci sarebbe stato ancora il modo di lottare, non lo si è fatto.
    Anche le considerazioni sulle possibilità di azione nell'attuale quadro politico sono ovviamente condivisibili e riconosco anche che, con una Chiesa Cattolica che a momenti beatifica Pannella, è sicuramente difficile per un politico mettersi a fare quello più papista del Papa. (La cirinnà non è passata che per questo motivo). Quello però a cui mi riferivo io non era tanto l'azione politica concreta, ma l'idealità, al limite il mero slogan identitario.
    I due partiti che più si sono opposti alle unioni civili, una volta che questa sono passate, a poco più di un anno di distanza, non ne hanno praticamente fatto menzione in campagna elettorale, magari hanno proclamato "non consentiremo mai le adozioni gay o l'utero in affitto", ma sul rivedere l'obbrobrio che era stato fatto passare da uno dei governanti meno popolari che mai ci siano stati in Italia, non si è detto nulla. Questo per me è sconfortante e indice di subalternità. Non si può avere come orizzonte ideale solo il fare da diga alle ulteriori porcate prossime venture, dando sempre per irrimediabilmente acquisite quelle che sono già passate. Se si è fieri dei propri valori, non si può rinunciare alla speranza di riconquistare la maggioranza dei consensi.
    a fine mese c'è questa convenzione della famiglia a Verona, sarebbe interessante capire che forza rappresentativa hanno davvero.
    Flaviogiulio and Sparviero like this.

 

 
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34

Discussioni Simili

  1. La nausea per un mondo “corretto”
    Di Noumeno nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 110
    Ultimo Messaggio: 07-03-19, 09:37
  2. Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 17-02-18, 10:17
  3. POLITICA/ Marcello Veneziani su Gianfranco Fini
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25-04-10, 22:09
  4. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 24-02-10, 16:55
  5. Persino Marcello Veneziani prende per i fondelli i bananas
    Di beppe2 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 01-05-06, 23:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226