User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Nazione sarda: Referendum.

    Rompere gli indugi.


    Nel febbraio del 2013, in qualità di presidente di Sardigna Libera, mi adoperai per convocare il direttivo del “Movimento” al fine di promuovere un’azione politica frutto di analisi e riflessioni in decenni di militanza nazionalitaria, indipendentista e sardista.
    Questo il testo:

    Il Direttivo è convocato per sabato 23 febbraio 2013 alle ore 10.30 a Bauladu per discutere sul seguente o.d.g.:
    • proposta di azione politica per il riconoscimento istituzionale della Nazione Sarda;
    • varie ed eventuali.
    Dopo il ritrovo all’ingresso di Bauladu ci trasferiremo presso l’abitazione di ………….
    È previsto pranzo. Si prega dare conferma partecipazione.
    Cagliari, 18/02/2013
    Il Presidente ……………
    Il Segretario politico ………….


    La convocazione saltò per impegni inderogabili della Segreteria politica (Claudia Zuncheddu faceva parte del Consiglio della Regione Sarda) e venne aggiornata per l’8 di marzo, con tutti gli accorgimenti che la ricorrenza suggeriva.
    Anche quella riunione, a cui partecipammo in tre, per gli stessi motivi lasciò in sospeso qualunque decisione. Successivamente, dopo qualche settimana, assieme ai due componenti oristanesi del direttivo, andammo a Cagliari per illustrare a Claudia i contenuti della proposta, che devo dire non suscitò grande entusiasmo.
    In seguito, dopo un iniziale interessamento presso l’Ufficio Legale del Consiglio regionale e presso il Tribunale di Cagliari, il progetto si arenò per “presunti” costi non sostenibili. Senza alcuna specificazione.
    Quella delusione, assieme ad altre motivazioni, mi portarono a dare le dimissioni da presidente di Sardigna libera, rese note subito dopo la chiusura delle urne alle elezioni “regionali” del 16 febbraio 2014, ma già formalizzate in precedenza.
    Questa la sintesi dell’antefatto.
    Qui, intendo esplicitare nei post successivi, le argomentazioni di quella proposta politica, a mio avviso inderogabile, rivolta a tutti i Partiti e Movimenti politici nazionalitari presenti in Sardegna.
    In realtà era già contenuta in una sorta di “manifesto” piuttosto articolato e documentato, tanto che l’argomento occupava la decima traccia di 12 che ne comprendeva, dovendo accompagnare e suffragare l’iniziativa. Ovviamente, l’elaborazione dell’intero documento fu sospesa e accantonata, diciamo per “difficoltà” personali.
    Proverò ad impegnarmi, in un thread apposito, nel riprendere e sviluppare quel documento, in una sorta di work in progress, anticipandone il titolo: Pesài s’Indipendentzia.
    La proposta di Referendum l’ho estrapolata per l’occasione, così come era stata descritta.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione sarda: Referendum.

    10. Referendum di appartenenza alla Nazione sarda.


    Appurato in termini incontrovertibili che la Sardegna e il suo Popolo costituiscono una Nazione, dal punto di vista geografico, storico, linguistico, culturale in senso ampio, distinta da quella italiana, resta un solo elemento non definito ma determinante, in grado di affermarne istituzionalmente la sua esistenza: l’esplicitazione della coscienza, consapevolezza, volontà da parte del Popolo sardo, di esserne protagonista ed espressione politica, con tutti gli effetti che ne derivano.
    Ma qual è lo strumento attraverso cui dovrebbe essere espressa tale volontà?
    Tendiamo ad escludere che un simile riconoscimento possa scaturire dal Parlamento italiano, tramite una eventuale introduzione del concetto di Nazione sarda nella attuale Costituzione; anche ammesso che tutti i parlamentari rappresentanti la Sardegna siano concordi.
    Ciò infatti equivarrebbe ad affermare che l’Italia è uno Stato plurinazionale e, pertanto, salterebbe la sovrapposizione Stato – Nazione, la sinonimia e presunto assioma (di cui abbiamo detto in precedenza) contenuti nella Costituzione.
    Infatti, una simile eventualità, metterebbe in crisi l’attuale assetto istituzionale in quanto altre “nazionalità” presenti nel territorio dello Stato potrebbero legittimamente avanzare tale riconoscimento.
    Neppure l’approvazione unanime di una deliberazione del Consiglio regionale della Sardegna in tal senso, sortirebbe l’effetto di una serena presa d’atto da parte degli Organi dello Stato a tutela della Costituzione. L’esempio che ha fatto scuola, è la bocciatura della Corte Costituzionale che ha negato l’associazione del termine “sovranità” al Popolo sardo.
    Così come la sua introduzione in una eventuale riforma dello Statuto della RAS, poco probabile in Consiglio regionale ma anche eventualmente attraverso una Assemblea Costituente, sarebbe sufficiente per scalfire sul piano politico – istituzionale l’attuale condizione subordinata di Regione Autonoma.
    A questo punto, va ricordato che non potrà esserci un riconoscimento della Nazione sarda senza una auto-affermazione esplicita e inequivocabile del Popolo sardo.
    Dunque, l’unico strumento democratico, capace di certificare e sancire questa volontà, è un REFERENDUM di consultazione popolare.
    Per quanto sia stato talvolta abusato in passato come strumento di “democrazia partecipata”, un simile Referendum evidenzierebbe, senza alcuna retorica, una nuova ed esaltante prospettiva per tutti coloro che sono e vogliono sentirsi parte della Comunità sarda. Forse, per la prima volta nella storia millenaria della Sardegna, l’intero Popolo sardo sarebbe chiamato a pronunciarsi sulla propria identità di Nazione.
    In sostanza, sarà possibile affermare democraticamente, al cospetto dell’Italia, dell’Europa e del Mondo intero, questa volontà e consapevolezza. Ma l’aspetto politico, sociale e culturale più straordinario sarebbe che i Sardi si riconoscerebbero in un’unica entità collettiva a cui appartenere, per scelta e volontà, oltre che “di fatto”.
    Ciascuno avente diritto, avrebbe modo di esprimere la propria identità e quella collettiva, manifestando una nuova consapevolezza, interrogandosi e scegliendo di essere protagonista del proprio avvenire, in quanto Sardo. Avvertire cioè quella particolare coesione, “su sentidu”, che darebbe valore politico di identità, singola e collettiva allo stesso tempo, da sempre negata.
    Potrebbe essere anche la prima volta che un popolo è chiamato ad esprimere democraticamente tale volontà; sarebbe l’espressione più eclatante di appartenenza che la storia della Sardegna abbia conosciuto.
    L’indizione del REFERENDUM avrebbe un impatto molto significativo in tutto l’iter della sua esplicazione.
    Intanto, attraverso la raccolta delle firme si avrebbe modo di svolgere una prima fase di sensibilizzazione e informazione sul significato dell’essere Nazione e di volerlo manifestare, in tutti i suoi risvolti culturali, sociali, politici ed economici.
    Nella ipotesi di una significativa adesione già durante la raccolta delle firme e soprattutto della auspicata indizione del REFERENDUM, si aprirebbe la fase importante di dibattito e confronto nella società sarda, tra tutte le sue espressioni culturali, sociali e politiche più o meno organizzate.
    L’idea di Nazione sarda, ormai patrimonio acquisito e trasversale pressoché in tutti gli schieramenti politici, da “sinistra” a “destra”, passando per il “centro”, non sarebbe appannaggio di un gruppo di parte, ma avrebbe l’impatto di una corale manifestazione di consapevolezza, maturità ed assunzione di responsabilità di tutta la Comunità sarda nel suo insieme.
    Si avrebbe modo, in sostanza, di poter sensibilizzare tutti i sardi, attraverso i mezzi di informazione, su di un concetto ancora adesso sottovalutato, espresso “sottotraccia” ed il cui significato resta precluso ai più o, come tuttora accade, occultato e travisato dalla cultura “italianista”, a cominciare dalla “disin-formazione” operata nella scuola.
    Dopodiché, col responso della volontà popolare, si aprirebbe comunque una nuova fase nel rapporto istituzionale tra la Sardegna e lo Stato italiano.
    Ma un eventuale consenso attorno all’affermazione dell’idea di Nazione sarda, aprirebbe la porta verso l’agognata autodeterminazione e l’assunzione di responsabilità per costruire, in Sardegna, una società non più oppressa ma finalmente libera di esprimere tutte le sue potenzialità, con l’unico obiettivo di favorire e realizzare il benessere e le aspirazioni dei Sardi.
    Naturalmente, ogni componente politica presente in Sardegna avrebbe modo di mostrare tutte le sfumature della propria sensibilità nell’immaginare una Sardegna - Nazione secondo i propri valori e ideali.
    Relativamente alla tipologia del REFERENDUM, per quanto l’attuale normativa prevede possa essere solo consultivo, riteniamo che questo sia comunque vincolante per l’Assemblea “Regionale”. Non deve limitarsi cioè ad una semplice consultazione, un auspicio, ma una dichiarazione di volontà.
    Nella riscrittura del rapporto istituzionale tra lo Stato e la Sardegna, andrà chiaramente espressa la risoluzione nell’affermare la consistenza della Nazione sarda, non più “Regione Autonoma” ma soggetto istituzionale distinto, con ampie garanzie affinché il Popolo sardo possa gradualmente dotarsi di tutti gli strumenti per la propria autodeterminazione e, se o quando lo riterrà opportuno, del diritto all’indipendenza.
    Esiti dell’espletamento del REFERENDUM.
    L’impatto ed effetto di questa azione politica avrebbe una forza dirompente nel dibattito politico in Sardegna: “l’uovo di Colombo” sul quale si è girato attorno senza cogliere questo passaggio che, dal nostro punto di vista, riteniamo assolutamente indispensabile e determinante.
    Qualora l’esito referendario dovesse sancire la consapevolezza e volontà del Popolo sardo di dichiararsi Nazione, si porrebbero immediatamente alcuni passaggi istituzionali di portata storica.
    La Sardegna non sarebbe più una semplice Regione seppure a Statuto speciale, dello Stato italiano, in termini di articolazione amministrativa e territoriale ed emanazione delle sue strutture e apparati.
    Si potrà infatti chiedere a ragion veduta di procedere al riconoscimento, all’interno della Costituzione attuale, dell’esistenza della Nazione sarda, ravvisando in tal modo l’attuale natura plurinazionale dello Stato.
    Altro esito logico dovrà essere l’approvazione non di una “revisione” dell’attuale Statuto della RAS, quanto piuttosto la stesura di una “Carta costituzionale” della Nazione Sarda, non più quindi “Regione Autonoma”.
    L’organismo che dovrà sovrintendere alla scrittura della nuova Costituzione sarda, non potrà che essere una Assemblea costituente. I contenuti dovranno prevedere il trasferimento graduale di tutte le competenze attualmente attribuite allo Stato. Naturalmente tali competenze verrebbero assunte dalla Nazione sarda solo nel momento in cui ci saranno le condizioni strutturali, (normative, finanziarie, umane) per una loro amministrazione completa e indipendente. Nelle more dei passaggi delle consegne istituzionali, verrebbero mantenute tutte le norme vigenti dello Stato italiano.

  3. #3
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione sarda: Referendum.

    Quesito referendario.


    In previsione del Referendum, venne formulato anche il quesito, mutuato dalle varie proposte di riscrittura e modifica dello Statuto, presentate nelle ultime legislature, appresso sintetizzato, ma suscettibile di modifiche:

    “Ritieni che il popolo sardo, il territorio della Sardegna e delle sue isole, il mare e il cielo di appartenenza, l’ambiente e il paesaggio, la lingua, la cultura e l’eredità storica, materiale e immateriale della Sardegna costituiscono la Nazione sarda e come tale deve essere riconosciuta a tutti i livelli istituzionali anche nel contesto internazionale?”

    Ovviamente, l’organizzazione di un procedimento referendario presuppone la costituzione di un collegio politico che comprenda la rappresentanza di tutte le formazioni che intendono aderirvi e aperta a ogni contributo.
    Tra le varie iniziative da intraprendere durante le fasi di svolgimento del referendum sarebbe auspicabile ad esempio una Conferenza internazionale sul concetto di Nazione oggi.

  4. #4
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione sarda: Referendum.

    Naturalmente ho seguito con riguardo l’iniziativa delle “Primarias” del Partito dei Sardi, in cui la semplice dichiarazione di appartenere alla Nazione sarda era la pre-condizione per partecipare ad una consultazione virtuale per la scelta di uno dei candidati a Presidente della regione sarda.
    Pur non condividendo la presa di distanza di alcune formazioni indipendentiste circa la concezione di “nazione storica” VS “nazione di volontà”, a mio avviso non contrapposte, ho trovato inaccettabile e miserevole sfruttare a fini elettoralistici l’argomento in questione.
    Ciò non mi sorprende, considerato il curriculum politico della leadership del Pds, il cui indipendentismo può essere annoverato nell’autoreferenzialità, o più propriamente in un indipendentismo onanista, con tutto il rispetto per Onan e il “coitus interruptus”.
    Mi chiedo infatti quale risultato concreto potesse scaturire nello strumentalizzare, sminuendo e piegando a proprio uso, le potenzialità politiche di tale portata, semplicemente per scegliere un candidato all’interno di una sigla politica, la dichiarazione di appartenenza alla Nazione sarda.
    Tuttavia, penso che di “indipendentismo onanista” siano affetti, chi più chi meno, la maggior parte dei Partiti e Movimenti cosiddetti identitari, compreso chi scrive.
    Da decenni, per non dire dal dopoguerra, assistiamo al sempre più affannoso mobilitarsi e denunciare i soprusi e le ingiustizie che quotidianamente si presentano e l’elenco sarebbe lungo.
    Sia ben chiaro che tutte le forme di lotta, denuncia e resistenza da parte delle organizzazioni indipendentiste, sardiste o genericamente identitarie sono sacrosante, ma con quali risultati?
    Ecco pertanto la necessità di “alzare il livello” di consapevolezza, mirando al nodo fondamentale del rapporto tra Sardegna e Stato.
    Il Referendum popolare di appartenenza alla Nazione sarda è la prima risposta.

    PS: solo recentemente ho rintracciato e visionato una discussione molto interessante su FB in merito al tema:
    https://www.facebook.com/photo.php?f...type=3&theater

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-11-13, 10:09
  2. la 28 Nazione della Unione Europea: la Nazione Rom
    Di pietroancona nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-09-10, 15:31
  3. Non esiste la lingua sarda,non esiste la nazione sarda!
    Di Pisittu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 23-09-08, 23:39
  4. Nord Nazione, Padania Nazione o Nazioni Padano-Alpine?
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 09-06-03, 14:43
  5. Dati allarmanti..per la nazione Emelia e per la nazione Rumagna
    Di Celtic Pride (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-11-02, 12:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226