User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 15 di 15
Like Tree2Likes

Discussione: Partito Marxista-Leninista Italiano

  1. #11
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    331 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Partito Marxista-Leninista Italiano

    Citazione Originariamente Scritto da Pestis nigra Visualizza Messaggio
    La loro favella che inserisce "neofascismo" dappertutto non è poi troppo dissimile dal sentire del comunista comune, quindi non so perché prendiate in giro i compagni del PMLI, visto che d'altronde Salvini è fascista anche per voi.
    1) Dove vedi che li prendo in giro? Io li adoro...
    2) Non sono il comunista da "Salvini fascista", anche se "ducetto Felpa" non è male da dire almeno per lo stile
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    Fan delle Istituzioni
    Data Registrazione
    21 Sep 2013
    Località
    Lamezia Terme
    Messaggi
    6,512
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Partito Marxista-Leninista Italiano

    Il PMLI è forse l'unico partito neostalinista con cui mi trovo abbastanza d'accordo, sarà per la loro forte impronta maoista. Mi piacerebbe che fossero piu' attivi sui social però
    La destra è pericolosa, una minaccia esistenziale per l'Umanità

  3. #13
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    331 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Partito Marxista-Leninista Italiano

    Citazione Originariamente Scritto da il tuo nemico Visualizza Messaggio
    Il PMLI è forse l'unico partito neostalinista con cui mi trovo abbastanza d'accordo, sarà per la loro forte impronta maoista. Mi piacerebbe che fossero piu' attivi sui social però
    C'hanno un sito del neolitico.

    P.S. Se ti piacciono i maoisti, vedi sto sito: https://proletaricomunisti.blogspot.com/
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

  4. #14
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    331 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Partito Marxista-Leninista Italiano

    Per il ritiro della legge sulla estradizione, per il suffragio universale e la democrazia
    Non si placa la lotta di piazza delle masse di Hong Kong
    I socialimperialisti di Pechino si tengono pronti per un eventuale intervento militare


    Che la sospensione delle contestate modifiche della legge sulle estradizioni per renderle possibili verso la Cina e Taiwan annunciata a metà giugno e dichiarata morta dalla governatrice Carrie Lam lo scorso 9 luglio non avrebbe arrestato il movimento di protesta delle masse di Hong Kong era evidente; ritenendo che la questione della legge fosse solo uno dei tanti passaggi coi quali il governo di Pechino potrebbe accelerare il percorso di inglobamento della città governata in base a un protocollo che ne preserva l'autonomia politica, economica e giudiziaria fino al 2047, come definito nell'intesa negoziata nel 1997 tra la Cina e l'ex potenza coloniale inglese la protesta non aveva smobilitato e anzi aveva alzato il tiro chiedendo le dimissioni del capo dell’esecutivo Carrie Lam, un'inchiesta sulla brutalità della polizia durante le proteste, il rilascio degli arrestati e infine maggiori libertà democratiche a partire dall'elezione del governo da parte del parlamento e non attraverso la nomina di un comitato ristretto usato da Pechino per controllare la regione. Punti che ha tenuto fermi nella lotta di piazza che da tre mesi, e in particolare con una serie di grandi manifestazioni, scuote la regione amministrativa speciale cinese. La sempre più pesante repressione della polizia e gli arresti degli elementi più attivi non ha riportato la situazione sotto il controllo dell'amministrazione locale spingendo i socialimperialisti cinesi a minacciare un eventuale intervento militare.
    Il pieno controllo di Hong Kong per il governo di Pechino significa il controllo di una zona che nel tempo è divenuta sede di uno dei centri finanziari internazionali più importanti del mondo, con una sviluppata economia capitalistica basata soprattutto sul settore terziario tanto che la moneta, il Dollaro di Hong Kong, è l'ottava valuta più scambiata al mondo. I sistemi giuridico, legislativo e scolastico erano modellati su quello inglese instaurati durante il periodo coloniale dal 1842 al 1997, quando Hong Kong è divenuta una regione amministrativa speciale cinese in base alla Dichiarazione congiunta sino-britannica firmata a Pechino nel 1984. La Cina si vedeva riconosciuta la sovranità sulla regione, sulla sua politica estera e sulla difesa, ma si impegnava a non modificare il sistema economico e politico della città almeno fino al 2047, secondo il principio “un paese, due sistemi”. Quello stesso meccanismo che Pechino pensa di poter replicare per rimettere la mani su Taiwan. Se fallisce a Hong Kong, salta il progetto.
    Il primo tentativo di Pechino di accelerare i tempi dell'annessione è del luglio 2014 con l'annuncio del governo di una riforma del sistema elettorale per nominare l'esecutivo, ben lontana da libere elezioni. Un forte movimento di protesta con manifestazioni e occupazioni spinto da organizzazioni studentesche e sociali, conosciuto come la “Rivoluzione degli ombrelli” coi quali i manifestanti si difendevano dai gas lacrimogeni e urticanti della polizia, spinse il parlamento a bocciare la modifica alla legge elettorale. Restava comunque il controllo di Pechino sulla elezione del governatore, sulla Carrie Lam scelta nel 2017 con l'opposizione alle ingerenze dei socialimperialisti cinesi che non era morta e pronta a riesplodere alla prima occasione. Quella creata dalla governatrice con la proposta di modifica della legge sulle estradizioni presentata ai primi del 2019 e ritenuta dal movimento di protesta un cavallo di Troia della Cina per proporre altre modifiche legislative.
    Dalle prime proteste nel mese di aprile si passava alle manifestazioni di massa, la prima del 9 giugno, agli scontri con la polizia alle centinaia di arresti. E le proteste sono passate dall'opposizione alle modifiche legislative all'aperta ribellione contro l'ingerenza di Pechino e alle richieste di libertà e autonomia, di suffragio universale e la democrazia, con blocchi provvisori del traffico stradale, aereo e ferroviario e l'organizzazione di uno sciopero generale, il primo in 50 anni. Dal 9 giugno sarebbero state arrestati oltre 420 manifestanti, alcune decine dei quali fermati con false accuse di crimini che prevedono fino a 10 anni di carcere.
    A metà agosto, tramite il Global Times, tabloid dell'organo ufficiale del Partito comunista cinese, Pechino avvertiva e minacciava che “non aveva ancora deciso se intervenire con la forza per sedare la rivolta di Hong Kong ma questa opzione è chiaramente a disposizione”. Al consigliere di Trump sulla sicurezza nazionale John Bolton, che aveva intimato alla Cina di non ripetere i massacri di una “nuova piazza Tiananmen”, il governo di Pechino rilanciava le sue accuse verso “forze straniere” che fomentavano la protesta mentre un editoriale del Quotidiano del Popolo ammoniva fin dal titolo, “Inutile per Washington giocare la carta Hong Kong” e accusava gli Usa di voler “distruggere la città”.
    I socialimperialisti di Pechino non vogliono intromissioni da parte dei concorrenti imperialisti di Washington e tengono sotto pressione la situazione di Hong Kong nella cui area, dalla quale passa già una quota significativa delle sue importazioni, stanno investendo per costruire una grande zona economica e finanziaria in grado di rivaleggiare con quelle di San Francisco e Tokyo. Una prospettiva che richiede una maggiore integrazione di Hong Kong nella Cina continentale senza attendere le scadenze del 2047.

    4 settembre 2019

    PMLI - Non si placa la lotta di piazza delle masse di Hong Kong
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

  5. #15
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    331 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Partito Marxista-Leninista Italiano

    Il califfo dello Stato Islamico al Baghdadi nomina il suo successore

    L’8 agosto al Baghdadi, califfo dello Stato islamico (IS), in un comunicato tramite l’agenzia di propaganda “Amaq” ha annunciato la nomina di Abu Omar Turmani, nome di battaglia Abdullah Qardash, come suo successore. Nella nota l’IS afferma che “Il califfo e combattente Abu Bakr al Baghdadi ha nominato il combattente Abdullah Qardash per occuparsi dei musulmani all’interno dello Stato islamico”.
    Originario di Tal Afar in Iraq, Qardash ha finora rivestito la carica di responsabile degli affari di sicurezza dell’IS. Laureato all’università di Mosul è stato detenuto nel carcere di Bucca, nel governatorato di Bassora, gestito dagli americani dopo l’invasione imperialista del 2003, per la sua attività in al Qaeda. Noto all’interno dell’IS come “Il professore” per la sua profonda conoscenza dell’islamismo, Qardash è stato anche alto ufficiale nell’esercito di Saddam Hussein e negli ultimi 5 anni ha assunto più di un incarico, tra i quali quello di più stretto consigliere militare di al Baghdadi.
    La nomina del successore del califfo conferma che l’IS non è morto, come annunciato nel suo ultimo video del 29 aprile scorso e che la sua leadership rappresentata da al Baghdadi, più volte dato per morto o ferito gravemente dalla santa alleanza imperialista che ha posto sulla sua testa una taglia di 25 milioni di dollari, è intenzionata a non capitolare all’imperialismo.
    Dal campo intanto si apprende che centinaia di militanti dell’IS continuano a rientrare in Iraq. Secondo i servizi segreti iracheni negli ultimi 8 mesi almeno 1000 combattenti sono tornati a vivere nella parte centrale e settentrionale del Paese, dove sono ancora presenti gruppi in armi, molti dei quali nascosti nelle centinaia di tunnel sotterranei. Da lì conducono attacchi notturni contro i leader delle comunità locali e contro le forze di sicurezza irachene. Anche a Samarra e Nukhayb e nelle aree circostanti nel centro e nel nord dell’Iraq si registrano nuovi attacchi dell’IS.


    4 settembre 2019

    PMLI - Il califfo dello Stato Islamico al Baghdadi nomina il suo successore
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Il Partito Marxista-Leninista Italiano sta con l’ISIS
    Di il diavoletto di Choruǧ nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 18-10-15, 10:39
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-05-13, 22:02
  3. partito comunista italiano marxista-leninista!
    Di José Frasquelo nel forum Fondoscala
    Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 26-02-13, 14:34
  4. Partito Marxista-leninista Italiano
    Di max.wildminds nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-10-06, 14:24
  5. partito marxista leninista italiano
    Di jonny nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-09-04, 11:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226