User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 56
Like Tree1Likes

Discussione: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    Le chiese cristiane, al pari degli antichi tempi pagani, vennero per secoli costruite codificando una serie di orientazioni astronomiche ben precise.
    Sin dalla prima Cristianità l'idea che un luogo di culto dovesse essere edificato in modo che l'abside fosse rivolto nella direzione del sorgere del Sole fu fatta propria dalla Chiesa e divenne una regola stabilita alla quale gli architetti dovettero attenersi in modo rigoroso.
    Le stelle che costellano le vallate alpine, ma anche i territori di pianura, mostrano chiaramente queste particolari orientazioni che riflettono localmente non solo le regole generali anticamente stabilite dalla Chiesa, ma anche alcune norme correlate con le date di celebrazione delle feste dei Santi maggiormente venerati nei luoghi in cui gli edifici vennero costruiti.
    Questo libro rappresenta il risultato di oltre cinque anni di ricerche durante i quali sono state studiate alcune centinaia di chiese antiche sia esaminando le attuali strutture, nei casi in cui i restauri operati durante i secoli non abbiano modificato in maniera rilevante la planimetria originale, sia esaminando i risultati degli scavi archeologici che hanno permesso di ricostruire le originali planimetrie.
    Il periodo storico in cui sono cronologicamente collocati i luoghi di culto studiati si stende dall'epoca della prima Cristianità, fino alla fine del Medioevo.
    Il principale obbiettivo delle ricerche è stato quello di scoprire quali fossero i criteri matematici, geometrici e astronomici applicati dagli architetti medioevali quando era loro commissionata la progettazione e la costruzione di una chiesa o più generalmente un luogo di culto cristiano e la metodologia utilizzata per applicarli concretamente.
    L'orientazione dei luoghi sacri rispetto alle direzioni astronomiche fondamentali, obbligò gli architetti, per lo più appartenenti all'ambiente monastico, anche ad eseguire precise osservazioni astronomiche per determinare le direzioni di riferimento.
    Molto spesso la metodologia operativa adottata era patrimonio segreto dell'architetto o della corporazione a cui esso apparteneva, quindi raramente esistono descrizioni esplicitamente documentate sulla carta.
    Quello che però è esistito ed in moltissimi casi esiste ancora oggi, è il prodotto di questi studi, cioè gli edifici sacri che, se studiati secondo un'ottica archeoastronomica ci restituiscono le informazioni codificate in essi e ci permettono di comprendere quali fossero le competenze e l'abilità degli architetti medioevali….







    1

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    Macchine del tempo e case per allevare lo spirito

    La nostre Chiese,Cattedrali sono state pensate anche come immensi orologi astronomici che scandendo i secoli, con la corsa danzante delle stelle, indicano, nel tabernacolo, l'Eterno, anzi: "Il punto di intersezione dell'eterno nel tempo" (Eliot).
    In basso: La Chiesa della Resurrezione. Santo Sepolcro, Gerusalemme.


  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    la sublime cupola della Cappella Chigi nella Basilica di Santa Maria del Popolo a @roma , con mosaici realizzati nel 1516 su disegno di Raffaello….
    Da molti è definito un mausoleo pagano dato che nelle cupola è riprodotto il cielo alla nascita del committente, l'astrologia accompagna un grande banchiere anche nell'ade.....




  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    Le pietre erranti..
    Portale Cattedrale di San Giusto,trieste
    una stele romana segata per lungo compone i piedritti del portale di San Giusto..
    I ritratti sono stati rimaneggiati secondo il gusto del tempo




  5. #5
    Jerome è defunto
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Località
    Cimitero
    Messaggi
    54,593
    Mentioned
    954 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    Molto interessante...

  6. #6
    Jerome è defunto
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Località
    Cimitero
    Messaggi
    54,593
    Mentioned
    954 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    Doppio

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    ntiche tradizioni pagane nel santuario di Oropa

    (tratto da https://luigi-pellini.blogspot.com/2...santuario.html)

    "La Pietra della Vita" , noto masso, oggetto di culto fin dai tempi più remoti. Si trova all'interno dell'area del Santuario di Oropa forse il più importante dei monti sacrisulle pendici dei monti non molto distante da Biella, a nord-est della chiesa principale, parzialmente murato all'interno di una capella costruita nel 1700 per cercare di nasconderlo. E' interessante notare che questo luogo di pellegrinaggio monumentale è uno dei maggiori d'Italia e forse il luogo di culto mariano più antico dell'occidente. Oggetto di culto una statua lignea che rappresenta una MADONNA NERA, reminescenza dei culti precristiani della Dea, simbolo femminile della Fecondità della Terra. Secondo la leggenda portata qui da S.Eusebio nel 369 mentre si nascondeva dalla persecuzione dei pagani che popolavano il piemonte. In realtà, la statua venerata nella basilica antica è di fattura gotica, probabilmente risalente al 1200. Sembra ovvio comunque che questo fosse già un importantissimo luogo di culto naturale precristiano. Sappiamo infatti dagli scritti di Mario Trompetto, che "in Vercelli prevaleva il politeismo romano mentre nelle valli alpine e nel Monferrato si conservava intatto il culto degli antichi celti tra i quali la venerazione di grandi massi erratici. Dove rifulse l'animo apostolico di Eusebio fu l'impegno nell'eliminare il paganesimo specialmente nei centri di antichissimo culto come ad Oropa e a Crea sostituendo il culto delle deità femminili celtiche con il culto della Madre di Dio, Maria."
    Sta di fatto che le prime cappelle e poi il santuario sorsero in un luogo già sacro, tra un gruppo di massi erratici considerati magici, un bosco sacro celtico e una fonte di acqua ancora oggi considerata miracolosa dai fedeli. La Basilica antica sorge su una delle pietre, considerata così sacrà che è stata lasciata a vista anche all'interno con tanto di candele e di offerte.
    Proprio qui troviamo la santissimo madonna nera e il dipinto di Sant'Eusebio che come un druido benedice le popolazioni e gli animali della valle stando in piedi sulle pietre magiche, esattamente come San Cornelio a Cranac.














  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    LA CHIESA DI S.MICHELE ARCANGELO, ANTICO TEMPIO PAGANO
    Questo tempio si trova a Perugia. E' l'ennesimo caso di tempio antico pagano "ritrasmormato" e soprattutto "riadattato" in chiesa cristiana. Ci troviamo in antico territorio dedicato ai misteri pagani, il tempio dalla pianta circolare ne è la prova.
    E' dedicato a S.Michele Arcangelo, figura molto antica legata a S.Giorgio, santo venerato in territorio ortodosso, soprattutto nella Cairo copta, luogo che ancora conserva il cristianesimo delle origini...
    Presenta alcuni simboli di protezione pagana, come la stella a cinque punte .
    Via del Tempio conduce direttamente alla chiesa paleocristiana di S.Michele Arcangelo. La si data ai secoli V o VI: dal 1036 appartenne al capitolo della cattedrale. L'edificio è a pianta centrale sul tipo di S.Stefano Rotondo a Roma; sull'ambulacro si aprivano quattro cappelle disposte a forma di croce greca; oggi, dopo recenti restauri, ne sono visibili due. Il vano centrale è separato dall'ambulacro da un giro di 16 colonne corinzie romane che sostengono il tiburio, evidentie materiale di spoglio, diverse per altezza e per tipo di marmo; i pulvini sopra i capitelli romani di stile corinzio testimoniano l'influsso bizantino-ravennate. Il tetto a tenda è sorretto da costoloni poggianti su eleganti peducci: questi, come il portale d'ingresso, sono d'età gotica. Facendo il giro dell'ambulacro da destra, si incontrano: un affresco del '300, il Battistero con affreschi di pittore umbro del secolo XV; un cippo romano dell'epoca di Marco Aurelio. L'altare è costituito da una lastra marmorea sopra un rocchio di colonna.










    1

  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le chiese cristiane costruite sul modello dei templi pagani

    La chiesa di san Pietro ad Agliate presenta una grande abbondanza di materiali romani reimpiegati nella costruzione dell'edificio sacro. Molte di queste testimonianze sono state riutilizzate come materiali per la costruzione non solo dell'attuale basilica ma anche in precedenza nella primitiva chiesa. Le testimonianze di quest'ultima sono affiorate nel 1990: alcune tombe che giacevano connesse al muro della originaria chiesa erano state costruite con l'impiego di frammenti di epigrafi romane. Questi materiali si potevano probabilmente facilmente rinvenire in loco e venivano pertanto reimpiegati per la costruzione delle tombe.
    Già nella muratura della facciata si scopre inserita una stele riferita a un Genio di cui purtroppo è stato abraso il nome. Entrando nella basilica si incontra, capovolta a sostegno della prima colonna della navata meridionale, una grande ara in serizzo con relativa epigrafe. Si tratta un altare pagano che un certo Vitalio dedicò a Giove Ottimo Massimo Conservatore pro salute dominorum suorum, per il bene e la buona sorte dei suoi padroni, per sé e per la sua famiglia.
    Questo Vitalio era probabilmente il fattore di un latifondo vicino ad Agliate, dove esisteva un luogo di culto, il santuario, dove alzare altari alle divinità.
    Situazione molto simile a quella della vicinissima Valle Guidino dove furono rinvenute quattro epigrafi, una delle quali dedicata dal guardaboschi, un certo Pilade, pro salute et Victoria del suo padrone Lucio Virginio Rufo. La dedica, che è propria soltanto agli imperatori, data l'iscrizione a circa il 69 d. C. dopo la vittoria di Rufo su Vindice e sembra posta da Pilade per festeggiarne la nomina, anche se mancata, alla dignità imperiale.
    Nella basilica di Agliate, il capitello della stessa prima colonna è un frammento di un'altra ara di serizzo che conserva ancora parte dell'inscrizione:
    SVIS OMNIBVS/ V SL M
    Appesi con ganci alla muratura della navata destra ci sono altre epigrafi romane. Una grande lastra funeraria riporta una invocazione agli Dei Mani dei coniugi Sextilii che si conclude con un esametro che esprime tutto il dolore e lo sconcerto dei parenti:
    CONIUGES HIC POSITI
    ACERBO FVNERE RAPTI
    Un'altra lapide funeraria, molto rozza, riporta alla prima riga DIMCOVIS, una stringa di difficile interpretazione. Questa lapide venne rinvenuta nel 1990, reimpiegata come fondo di una tomba cristiana appoggiata alla muratura della primitiva chiesa. In un'altra tomba posta a fianco della precedente, e ugualmente appoggiata al muro antico, si rinvenne una stele centinata con iscrizione ormai abrasa che è stata infissa sul prato a fianco del campanile.
    Questi due rinvenimenti dimostrano come i costruttori locali rinvenissero in loco i frammenti d'epoca romana che poi reimpiegavano anche in piccole costruzioni come potevano essere dei semplici loculi sepolcrali. Questa situazione è ben diversa dalle colonne e dai capitelli che furono utilizzati più tardi per la costruzione della basilica e che potrebbero essere stati trasportati da località anche lontane.
    Proseguendo lungo la navata destra si scopre che la quarta colonna di destra appoggia su un basamento che venne riconosciuto come un'ara per bruciare incenso. Il capitello a sua volta utilizza una parte di ara o di altare in marmo bianco. L'altra metà la ritroviamo come base della colonna che sta di fronte, nella navata di sinistra. Questa colonna è in granito rosso di Assuan. Sarebbe interessante riuscire a ricostruire il percorso che l'ha portata dall'Egitto ad Agliate.
    A sinistra, la quinta colonna è sormontata da un magnifico capitello su cui, a ogni lato, due delfini bevono da un kantharos dal quale emerge il tridente, scettro di Nettuno. Questo capitello ha fatto supporre, fin dal Settecento, che in Agliate fosse esistito un tempio dedicato a questa divinità, tanto più che questa divinità non era solamente marina ma anche fluviale. Sempre a sinistra, tornando verso l'uscita, la seconda colonna è un'importante esemplare di pietra miliare, certamente non di provenienza locale.
    In chiesa ci sono poi altri frammenti di iscrizioni d'epoca romana. Nel battistero attiguo alla chiesa è stata inserita nel muro una piccola ara dedicata da Lucio Valerio al dio Silvano, il che attesta l'esistenza di un culto d'ambito silvo pastorale con la divinizzazione delle forze della natura. Silvano era inoltre il dio dei confini e anche dei greggi e della pastorizia. Anche la piccola ara dedicata a Silvano è quasi sicuramente di provenienza locale essendo stata reimpiegata nella costruzione del campanile seicentesco, poi demolito nell'ultimo quarto del XIX secolo.
    Altre iscrizioni romane furono segnalate nell'Ottocento come provenienti da Agliate e lì conservate: oggi purtroppo non sono più disponibili e sono scomparse. Tra queste iscrizioni va ricordata quella in onore di Mercurio, una divinità cui frequentemente nelle campagne venivano dedicate lapidi votive, forse anche perché era l'interpretatio di una delle principali divinità celtiche…..






  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,426
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Chiese cristiane e riti pagani
    Di sideros nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-06-14, 20:26
  2. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-09-09, 21:51
  3. Di solito le chiese sono costruite sopra....
    Di sideros nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-11-08, 23:49
  4. Grandi templi erigono, a imitazione dei Pagani
    Di =DADOUKOS= nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 13-03-08, 23:54
  5. Perché non usano questi soldi per i templi pagani
    Di sideros nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 09-03-08, 22:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226