User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Avamposto
    Ospite

    Predefinito Turchia: domani referendum costituzionale, banco di prova per Erdogan

    11-09-10

    TURCHIA: DOMANI REFERENDUM COSTITUZIONE, GRANDE BANCO PROVA PER ERDOGAN



    (ASCA-AFP) - Ankara, 11 set - Gli elettori turchi domani si recheranno alle urne per un referendum sulla revisione della Costituzione.

    La consultazione sara' un importante banco di prova per il primo ministro Recep Tayyip Erdogan, il cui partito e' al potere dal 2002. Il Premier infatti sostiene di portare avanti delle riforme liberali, ma i laici lo accusano di guidare il paese verso un ritorno all'Islam. I sondaggi annunciano uno scrutinio molto serrato. Uno degli argomenti cruciali del referendum riguarda la revoca della impunita' per i colpevoli del colpo di stato militare del 1980. In totale verranno rivisti 26 articoli della Costituzione, scritta nel 1982 dalla giunta militare.

    La votazione si svolgera' 30 anni dopo il colpo di stato, il terzo nella storia della Turchia, dopo quelli del 1960 e del 1971. Il Partito al potere Giustizia e Sviluppo (Akp) ha promesso di porre fine alla ''tutela militare'' sulla politica.

    Salutato dall'UE come ''un passo nella giusta direzione'', la riforma proposta limita anche le prerogative della giustizia militare e modifica la struttura delle due corti del paese, la Corte Costituzionale e il Consiglio superiore della magistratura (HSYK), che si occupa della nomina dei giudici e dei pubblici ministeri.

    Secondo l'opposizione laica e nazionalista, la riforma mettera' a rischio l'indipendenza della giustizia, minando la separazione dei poteri e permettendo ai membri dell'AKP un maggiore controllo sul potere giudiziario prima delle elezioni nel 2011.

    La riforma prevede anche la dissoluzione dei partiti politici in controllo del Parlamento e la concessione di maggiori diritti in materia di tutela dell'infanzia.



    TURCHIA DOMANI REFERENDUM COSTITUZIONE GRANDE BANCO PROVA PER ERDOGAN - Agenzia di stampa Asca

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Avamposto
    Ospite

    Predefinito Rif: Turchia: domani referendum costituzionale, banco di prova per Erdogan

    La Turchia vota per il suo futuro

    Venerdì 10 Settembre 2010 23:00 .di mazzetta

    Il 12 settembre la Turchia andrà ad un referendum relativo a una serie di modifiche costituzionali che avvicineranno lo stato turco alle democrazie europee. Il fatto che a promuovere le riforme ci sia il partito “islamico” al governo, ha offerto ai partiti dell'opposizione il pretesto per gridare all'islamizzazione dello Stato. Ma si tratta di riforme a lungo attese, perché destinate a rimuovere alcune anomalie nella Costituzione scritta nel 1982 dai militari che, con un golpe, avevano preso il potere nel 1980.

    La storia moderna della Turchia è fatta di ripetuti interventi dei militari nella politica del paese. I militari si considerano custodi della laicità dello Stato e dell'impronta kemalista sulla Turchia moderna; ma è più che evidente che negli anni il collante ideologico che ha tenuto insieme lo “stato profondo” turco si è indebolito molto e che superiori interessi economici hanno spinto la Turchia verso la rimozione di queste vistose anomalie.

    In realtà lo stato profondo in Turchia è tutt'altro che sconfitto, l'emergere dello scandalo di Ergenekon (una rete clandestina simile alla Gladio italiana, ma molto più attiva ed efficiente) ha messo in luce l'esistenza di progetti golpisti ben oltre il 2000 e l'esistenza di nocciolo duro che non si rassegna all'idea di una democrazia turca che non sia tenuta sotto scacco da quella che negli anni è diventata una specie di mafia.

    Una mafia partecipata da parti della burocrazia statale e dell'esercito, che agiscono insieme alla criminalità organizzata e politica per manipolare il livello di tensione nella società, al fine di promuovere disegni che con la democrazia hanno ben poco a che fare. Attività che si coronano con il controllo del sistema giudiziario, platealmente intimorito e reticente quando si tratta di giudicare i militari o gli scandali più eclatanti.

    Le riforme costituzionali mirano principalmente a trasferire il potere di nomina di alcuni giudici al Parlamento, all'introdurre il diritto allo sciopero e ai contratti collettivi per i dipendenti pubblici e, elemento non irrilevante, revocano l'immunità garantita agli autori del sanguinoso golpe del 1980 Golpe che oltre a fare una strage traghettò la Turchia nel mare aperto del mercato globale, di fatto allineando il paese alla visione economica di Reagan. Molti anni più tardi i partiti vicini ai golpisti perderanno il potere, sprecando un grande vantaggio di consensi in inconcludenti inciuci mafiosi e spianando così la strada agli “islamici” dell'AKP. Oggi alle opposizioni non resta molto altro da fare che gridare al pericolo islamico, visto che i sondaggi sembrano sostenere la speranza di una vittoria robusta per i referendum voluti dal governo.

    Il potere in questo caso non sembra logorare Erdogan e il suo partito, le opposizioni sono divise e troppo lontane tra loro per sperare di diventare maggioranza. Oltre ai partiti che si richiamano alla “turchità” si oppongono ai referendum i due partiti curdi: quello legale e quello dichiarato fuorilegge, che ha il proprio leader imprigionato in una fortezza su un'isola da quando il governo italiano non decise unirsi a quello turco nel ritenerlo un “terrorista”. Per i curdi le riforme costituzionali non prevedono spazi per le loro richieste d'autonomia e quindi la nuova costituzione é da respingere.

    Non che non traspaia un certo autolesionismo da una posizione del genere, soprattutto considerando che la Costituzione, così com'è, rende molto più dure le ipotesi di reazione dello Stato turco alle intemperanze dei curdi e che a difendere lo status quo sono in prima fila proprio quei militari che hanno usato i curdi per decenni, massacrandoli a piacimento. I curdi sembrano al momento intenzionati a sfruttare la frattura tra Turchia e Israele e sembrano godere d'improvvisa popolarità sui media occidentali.

    Della “questione curda” non si sentiva parlare da quando i curdi furono “liberati” da Saddam, anche se ai turchi e agli iraniani fu concesso di bombardare l'Iraq per combatterli meglio (ma questo non lo ha detto nessuno). Oggi invece emergono accuse di “crimini di guerra” contro l'esercito turco; il timing somiglia alla storia dei curdi gassati da Saddam in grazia d'Occidente, che poi diventano un capo d'accusa quando Saddam piace di meno.

    A giudicare sono sempre quei paesi che hanno armato sia la Turchia che l'Iraq ed è facile prevedere che i curdi rischieranno per l'ennesima volta di fare la fine dei vasi di coccio tra quelli di ferro. Il governo Erdogan è sembrato più dialogante con loro, ma non è riuscito a frenare i militari e nemmeno a darsi la forza di supportare l'introduzione dell'autonomia curda nella Costituzione. Il problema di Erdogan è tutto nel riuscire a conservare il consenso che ha guadagnato e per farlo sembra disposto a più di un compromesso; l'agenda del suo governo ha poco per l'Islam, molto per i grandi capitali e per l'aspirazione all'ingresso nella UE dalla porta principale.

    In questa chiave, più nazionalista che prettamente “islamica”, è forse opportuno leggere l'attivismo diplomatico della Turchia, anche se le iniziative prese per porsi come mediatore nella questione iraniana e risolutore dell'assedio di Gaza non hanno fruttato grandi applausi all'estero, e in patria sono stati letti come manifestazioni d'orgoglio e di rilevanza da parte del paese. Azioni volte a tranquillizzare chi pensa alla difesa della “turchità” e a sottrarre ossigeno e militanti all'estrema destra nazionalista, quella capace di far uccidere il sacerdote italiano don Santoro solo per creare scompiglio e permettere ad altri estremisti della destra europea di gridare al pericolo islamico.

    Strategia della tensione, provocazioni fin troppo evidenti ed elementari che però non mancano di sortire effetti a largo raggio, ben oltre il Bosforo. Se il referendum passerà, la Turchia sarà un po' più vicina all'Europa e alla democrazia, anche se qualcuno dirà che è un passo verso la sua islamizzazione. Quella che in Turchia dicono che è inevitabile se si toglie il potere ai militari, e quella che in Europa dicono di temere, senza mai citare il problema posto dall'esistenza e dalle pessime azioni dei nazionalisti turchi e dell'inquietante “stato profondo”.

    Una strana asimmetria, perché l'Europa delle cancellerie parla dei problemi di democrazia posti dal potere dell'esercito turco, mentre le opinioni pubbliche sono invece orientate a vedere la questione dal punto di vista del temibile ingresso in Europa di milioni di musulmani turchi. Che però in Europa (e nella Nato e in tutto il resto) ci sono già, anche se non hanno il bollino blu.



    La Turchia vota per il suo futuro

  3. #3
    Avamposto
    Ospite

    Predefinito Rif: Turchia: domani referendum costituzionale, banco di prova per Erdogan

    Il 56,8% favorevole a riforma. 17,6% ancora indecisi

    Roma, 11 set. (Apcom) - Il 56,8% degli elettori turchi sarebbe intenzionato a votare "sì" al referendum sulla riforma della Costituzione, in programma domani, proposto dal governo di ispirazione islamica. Lo rivela un sondaggio dell'istituto Konda realizzato il 4 e 5 settembre scorsi, secondo cui un 17,6% degli intervistati si dichiara ancora indeciso. La consultazione è un vero e proprio voto di fiducia al governo di Recep Tayyip Erdogan, che, in vista delle elezioni politiche del prossimo anno, punta tutto su questa riforma, rischiando di dover affrontare un voto anticipato nel caso di vittoria del "no". Il referendum va parzialmente a modificare la costituzione del 1982, figlia del golpe militare del 1980 e di cui, con una drammatica coincidenza, il 12 settembre cade il trentesimo anniversario. La maggioranza islamico-moderata presenta il voto come un'occasione unica per uniformarsi alle normative europee. Posizione condivisa da Bruxelles, che ha ribadito il suo sostegno alla riforma. Per l'opposizione invece è una scorciatoia per liberarsi della magistratura e dei militari (da sempre scettici nei confronti dell'esecutivo al potere), limitandone le sfere di influenza. (Con fonte Afp)



    APCom - Turchia/ Referendum costituzione, sondaggio dà vittoria ai "sì"

 

 

Discussioni Simili

  1. Domani Referendum Costituzionale in Venezuela!
    Di -Duca- nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-12-07, 17:56
  2. Iraq banco di prova per la nuova guerra preventiva.
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 17-11-04, 02:46
  3. Ora il banco di prova è il tracciato di pace
    Di Roderigo nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-04-03, 15:22
  4. Irak: Banco Di Prova
    Di comunardo2002 nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-11-02, 16:11
  5. Banco di prova per l'Ulivo e i girotondi
    Di yurj nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-09-02, 18:08

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226