Napoli: De Sanctis, Grava (25' st Aronica), Cannavaro, Campagnaro, Maggio, Pazienza (30' st Sosa), Gargano, Dossena (20' st Zuniga), Hamsik, Cavani, Lavezzi. A disp. Iezzo, Santacroce, Yebda, Lucarelli. All. Mazzarri

Bari: Gillet, Raggi (23' st Belmonte), A.Masiello, Parisi, S.Masiello (14' pt Rossi), Alvarez, Almiron, Donati, Ghezzal, Kutuzov, Barreto (1' st Castillo). A disp. Padelli, Gazzi, Pulzetti, D'Alessandro. All. Ventura

Arbitro: De Marco di Chiavari
Marcatori: 12' pt Barreto (B), 30' pt Cavani (N), 42' st Cannavaro (N), 43' st Castillo (B)
Note: ammoniti Hamsik, Alvarez, Donati, Almiron, Parisi



Napoli - Che Napoli e che peccato. Davvero un sogno di fine estate che sfuma all'ultimo respiro. Paolo Cannavaro mette dentro il cuore di Capitano al minuto 87, però Castillo riprende la partita al minuto 88. E per gradire al 93' Cavani ha la palla della vittoria che non riesce a girare al volo in porta. Incredibile ma è il calcio ed è anche un epilogo ricco di emozioni in chiaro scuro in questo Napoli-Bari che finisce 2-2. Evidentemente son due squadre che quando si incontrano fanno scintille. L'anno passato, nel cinquantenario del San Paolo, fu un'altra sinusoide da pathos. Onore al bel calcio per due filosofie di gioco che pagano in termini di spettacolo e concretezza. La certezza azzurra è quella di Edinson Cavani, impressionante continuità: 4 gol in 3 partite. Il Matador pareggia il gol di Barreto e dà al Napoli la forza dell'impresa. Poi il finale che rovista tutte le sensazioni possibili. Ma resta la grande Anima del Napoli che riesce sempre ad incendiare la passione e riversare vagonate di adrenalina nell'Arena di Fuorigrotta. E adesso c'è il primo ciak della Napoli International, col debutto nel girone di Europa League, giovedì contro l'Utrecht al San Paolo. Il romanzo azzurro è appena cominciato. L'emozione continua...



Si comincia a tutto ritmo. Nel Napoli c'è Lavezzi che è una furia. Suo il primo diagonale che Gillet salva sul primo palo. Poi però passa il Bari su palla inattiva: angolo di Parisi e deviazione al volo di Barreto, 1-0. Il Napoli scatena la reazione. Al 17' cross di Dossena, girata di testa di Cavani, fuori di poco. Al 19' ci prova ancora Lavezzi: sinistro alto. Al 29' Bari in contropiede: Barreto va via in area e chiude in diagonale, palo. E dall'altro lato si infiamma il Napoli. Azione corale, Hamsik al limite tocca per Cavani a cavallo dell'area: destro secco ed angolato, 1-1.



Il Matador non perdona. Al 38' ancora Cavani prova ad arrampicarsi in area su cross di Dossena, destro alto. Al 44' il Matador prova l'assist per Hamsik che chiude di testa, bravissimo Gillet ad anticipare Cannavaro ad un nulla dal gol. Finisce il primo tempo: 1-1.



Nel secondo tempo la partita è sempre vibrante. Al 5' una grande uscita di De Sanctis blocca Almiorn in azione solitaria. Al 14' angolo di Lavezzi e colpo di tacco di Cavani. Al 18' Hamsik ruba palla ai trenta metri, attacca larea e tira di sinistro: Gillet para in due tempi. Al 37' Campagnaro su azione d'angolo trova lo spiraglio di sinistro e ancora Gillet salva.



Poi il finale incredibile. Azione profonda di Lavezzi, cross dalla destra, palla che arriva a Cannavaro che stoppe tira benissimo di destro: 2-1. Sorpasso azzurro all'87esimo. Ma il Bari riesce a trovare la strada del gol subito con una penetrazione di Almiron che trova al centro Castillo: 2-2. Poi l'arrembaggio azzurro che culmina con un cross di Sosa (entrato nel finale) che pesca Cavani sul secondo palo, tiro al volo alto. E' l'ultima emozione di una partita vibrante. Adesso arriva l'Europa, giovedì al San Paolo un'altra sfida da brividi...