User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 41
Like Tree16Likes

Discussione: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzata

  1. #1
    Essere di un altro mondo
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    7,119
    Mentioned
    368 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzata

    Più di due milioni e mezzo di italiani pagano per il sesso, anche se in Italia la prostituzione non è illegale, ma neanche permessa. Al contrario, nel 2002, la Germania ha approvato una legge per legalizzare la prostituzione, in modo che diventasse un lavoro uguale a ogni altro. Le cosiddette “sex workers” avrebbero pagato le tasse, firmato regolari contratti di lavoro, avuto diritto a una pensione e a un’assicurazione sanitaria. La speranza era che la legalizzazione avrebbe ostacolato lo sfruttamento ad opera delle organizzazioni criminali e avrebbe permesso alle prostitute di lavorare in condizioni più sicure e confortevoli.

    Da quando la legge è passata, la Germania ha assistito a un boom impressionante del mercato del sesso ed è diventata la nazione con il più alto numero per capita di prostitute. Il numero dei clienti è cresciuto a ritmi altrettanto vertiginosi, anche per via del fiorente turismo sessuale. Uomini europei e americani che un tempo volavano in Thailandia ad affollare i distretti a luci rosse di Bangkok, ora pianificano vacanze a Berlino e a Stoccarda. Ci sono case chiuse per tutti i gusti. Da favolosi palazzi in stile moresco dove i clienti si rilassano nell’hammam, fino a roulotte parcheggiate nelle aree di sosta delle autostrade, per soddisfare i camionisti di passaggio. Per i più entusiasti, esistono bordelli con tariffe a prezzo fisso. I clienti pagano da 50 a 100 euro per entrare e poi possono avere tutte le donne che vogliono: sono elegantemente chiamati bordelli “all you can fuck”.

    Senza dubbio, la legalizzazione ha favorito l’aumento della prostituzione. Ma quanto ha migliorato la condizione delle lavoratrici del sesso? A quanto pare, per niente. Un’inchiesta scioccante del Telegraph ha sollevato il velo sul cosiddetto paradiso tedesco del sesso. Le prostitute non hanno un contratto di lavoro, né la pensione. Le assicurazioni sanitarie chiedono parcelle esorbitanti a causa della pericolosità dell’attività per la salute. Da quando la legge è passata, solo 44 sex workers si sono registrate per accedere ai benefit previsti per la categoria. In più, la legalizzazione ha portato un aumento enorme dell’offerta di sesso a pagamento e a un forte calo dei prezzi. Come riportato da Der Spiegel, il rilancio al ribasso dovuto alla competizione porta le ragazze ad accettare a prezzi sempre più stracciati pratiche sempre più pericolose, come sesso senza preservativo, sadomaso e gang bang. Le condizioni nei bordelli più squallidi e in quelli a prezzo fisso sono spaventose. Alcune donne lavorano anche 20 ore al giorno, dormendo nelle stanze in cui si prostituiscono, ricorrendo alle droghe e all’alcol per sostenersi e diventandone dipendenti. E, come ogni buon lavoratore, a fine mese pagano le tasse al governo tedesco.

    Le condizioni delle lavoratrici del sesso non sembrano migliorate dopo la legalizzazione. Ma quello che è peggio è che il tentativo di ostacolare le organizzazioni criminali dedite alla tratta di esseri umani ha finito invece per renderle molto più potenti. La stragrande maggioranza delle prostitute che lavorano in Germania sono donne dell’Est Europa. Si tratta soprattutto di ragazze giovanissime, che vengono dall’Estonia, dalla Romania, dalla Croazia e dalla Bulgaria. Ce ne sono alcune libere da costrizioni esterne, se non si considerano costrizioni la fame, la mancanza di prospettive e il bisogno di mantenere i famigliari. Ma moltissime altre sono vittime della tratta di esseri umani.

    Molte giovani che partono dai Balcani raccontano una storia simile. Paesini sperduti, lavoro inesistente, padri e compagni violenti e schiavi dell’alcool. Poi una ragazza incontra un uomo di cui si innamora e che le promette di portarla ad ovest. Il sogno d’amore s’infrange quando l’innamorato comincia a picchiarla e la fa prostituire rubandole i soldi dell’incasso. Questa forma di reclutamento è così diffusa da essersi guadagnata persino un nome: il metodo del “lover boy”. Altre donne vengono ingannate da vaghi amici di famiglia che vivono oltre confine, che promettono di trovar loro un impiego come commesse o come baby-sitter. Una volta partite, requisiscono loro i documenti, le minacciano e le sfruttano facendole prostituire. L’unica cosa che vedranno della Germania è una stazione di servizio e una fila infinita di clienti.

    Ci sono anche ragazze che finiscono vittime dello sfruttamento pur avendo deciso volontariamente di andare a prostituirsi all’estero. Sperando di guadagnare facilmente soldi in condizioni decenti, si mettono in mano a gruppi di “facilitatori” del loro paese che promettono di organizzare il viaggio e di trovar loro un buon posto di lavoro. Quando arrivano in Germania, i facilitatori si rivelano dei magnaccia del tipo più crudele. Le picchiano, le violentano e le minacciano di rifarsi sulle loro famiglie se proveranno a scappare. Dopo ogni giorno passato dentro un bordello, dopo aver visto decine di clienti, le donne dividono ciò che devono pagare in tasse con ciò che va ai loro protettori.

    La legge sulla legalizzazione della prostituzione in Germania non ha potuto nulla contro la tratta. Come fare ad assicurarsi che le prostitute siano libere? Chiederlo alle donne stesse, non è una soluzione. Le vittime di tratta sono intrappolate dalle minacce verso le loro famiglie e dal terrore di essere rispedite a casa nell’ignominia, in comunità che non accetterebbero mai il loro passato. Chiederlo ai tenutari delle case chiuse ha lo stesso, deludente, risultato. Per come si è sviluppato il sistema in Germania, i tenutari dei bordelli non sono i datori di lavoro delle prostitute, ma meramente i loro affittacamere. Le prostitute devono pagare l’affitto della stanza, o l’ingresso al bordello, mentre si tengono i soldi pagati del cliente per la prestazione sessuale. Per questo, chi possiede un bordello non è tenuto ad esercitare alcun controllo sulle prostitute che esercitano all’interno. Che le ragazze siano schiave e o libere imprenditrici di sé stesse, non fa nessuna differenza per coloro che possiedono i lussuosi chalet del piacere in pieno centro o le squallide topaie in periferia. Al contrario, chiudere un occhio gli fa comodo. Le ragazze dell’Est sono belle, sono docili e ce ne sono a centinaia. Il business del sesso, con loro, è incredibilmente redditizio.

    Questa squallida realtà, ormai, è sotto gli occhi di tutti. La Germania è ai primi posti tra i paesi europei per numero di vittime di tratta. Axel Dreher, professore di politica internazionale e di sviluppo presso l’Università di Heidelberg, ha dimostrato che la legalizzazione della prostituzione porta all’aumento della tratta di esseri umani. Molte delle organizzazioni che combattono la tratta sono concordi nel sostenere questa correlazione. Perfino il Parlamento Europeo ha proposto di criminalizzare i clienti del mercato del sesso come mezzo per combattere la tratta. Eppure, in tutta Europa, lo stereotipo della prostituta è ancora lo stesso: la donna che si vende è perché se l’è voluta. E, cavalcando questo stereotipo, la legalizzazione continua a riempire le tasche dei governi, dei tenutari dei bordelli e dei trafficanti. La vita delle vittime di tratta continua così, sotto gli occhi di tutti, in una manciata di lustrini e nel lampeggiare di neon rosa lungo strade gremite di gente.

    https://thebottomup.it/2017/03/22/de...e-legalizzata/
    animal likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Apr 2019
    Località
    Occidente
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat



    «È vero, inizialmente risero di Niccolò Copernico e di Albert Einstein, ma è altrettanto vero che risero pure di Bozo il clown...» (Carl Sagan sulle pseudoscienze)

  3. #3
    Disilluso cronico
    Data Registrazione
    25 Nov 2009
    Località
    All your base are belong to us
    Messaggi
    13,460
    Mentioned
    103 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Più di due milioni e mezzo di italiani pagano per il sesso, anche se in Italia la prostituzione non è illegale, ma neanche permessa. Al contrario, nel 2002, la Germania ha approvato una legge per legalizzare la prostituzione, in modo che diventasse un lavoro uguale a ogni altro. Le cosiddette “sex workers” avrebbero pagato le tasse, firmato regolari contratti di lavoro, avuto diritto a una pensione e a un’assicurazione sanitaria. La speranza era che la legalizzazione avrebbe ostacolato lo sfruttamento ad opera delle organizzazioni criminali e avrebbe permesso alle prostitute di lavorare in condizioni più sicure e confortevoli.

    Da quando la legge è passata, la Germania ha assistito a un boom impressionante del mercato del sesso ed è diventata la nazione con il più alto numero per capita di prostitute. Il numero dei clienti è cresciuto a ritmi altrettanto vertiginosi, anche per via del fiorente turismo sessuale. Uomini europei e americani che un tempo volavano in Thailandia ad affollare i distretti a luci rosse di Bangkok, ora pianificano vacanze a Berlino e a Stoccarda. Ci sono case chiuse per tutti i gusti. Da favolosi palazzi in stile moresco dove i clienti si rilassano nell’hammam, fino a roulotte parcheggiate nelle aree di sosta delle autostrade, per soddisfare i camionisti di passaggio. Per i più entusiasti, esistono bordelli con tariffe a prezzo fisso. I clienti pagano da 50 a 100 euro per entrare e poi possono avere tutte le donne che vogliono: sono elegantemente chiamati bordelli “all you can fuck”.

    Senza dubbio, la legalizzazione ha favorito l’aumento della prostituzione. Ma quanto ha migliorato la condizione delle lavoratrici del sesso? A quanto pare, per niente. Un’inchiesta scioccante del Telegraph ha sollevato il velo sul cosiddetto paradiso tedesco del sesso. Le prostitute non hanno un contratto di lavoro, né la pensione. Le assicurazioni sanitarie chiedono parcelle esorbitanti a causa della pericolosità dell’attività per la salute. Da quando la legge è passata, solo 44 sex workers si sono registrate per accedere ai benefit previsti per la categoria. In più, la legalizzazione ha portato un aumento enorme dell’offerta di sesso a pagamento e a un forte calo dei prezzi. Come riportato da Der Spiegel, il rilancio al ribasso dovuto alla competizione porta le ragazze ad accettare a prezzi sempre più stracciati pratiche sempre più pericolose, come sesso senza preservativo, sadomaso e gang bang. Le condizioni nei bordelli più squallidi e in quelli a prezzo fisso sono spaventose. Alcune donne lavorano anche 20 ore al giorno, dormendo nelle stanze in cui si prostituiscono, ricorrendo alle droghe e all’alcol per sostenersi e diventandone dipendenti. E, come ogni buon lavoratore, a fine mese pagano le tasse al governo tedesco.

    Le condizioni delle lavoratrici del sesso non sembrano migliorate dopo la legalizzazione. Ma quello che è peggio è che il tentativo di ostacolare le organizzazioni criminali dedite alla tratta di esseri umani ha finito invece per renderle molto più potenti. La stragrande maggioranza delle prostitute che lavorano in Germania sono donne dell’Est Europa. Si tratta soprattutto di ragazze giovanissime, che vengono dall’Estonia, dalla Romania, dalla Croazia e dalla Bulgaria. Ce ne sono alcune libere da costrizioni esterne, se non si considerano costrizioni la fame, la mancanza di prospettive e il bisogno di mantenere i famigliari. Ma moltissime altre sono vittime della tratta di esseri umani.

    Molte giovani che partono dai Balcani raccontano una storia simile. Paesini sperduti, lavoro inesistente, padri e compagni violenti e schiavi dell’alcool. Poi una ragazza incontra un uomo di cui si innamora e che le promette di portarla ad ovest. Il sogno d’amore s’infrange quando l’innamorato comincia a picchiarla e la fa prostituire rubandole i soldi dell’incasso. Questa forma di reclutamento è così diffusa da essersi guadagnata persino un nome: il metodo del “lover boy”. Altre donne vengono ingannate da vaghi amici di famiglia che vivono oltre confine, che promettono di trovar loro un impiego come commesse o come baby-sitter. Una volta partite, requisiscono loro i documenti, le minacciano e le sfruttano facendole prostituire. L’unica cosa che vedranno della Germania è una stazione di servizio e una fila infinita di clienti.

    Ci sono anche ragazze che finiscono vittime dello sfruttamento pur avendo deciso volontariamente di andare a prostituirsi all’estero. Sperando di guadagnare facilmente soldi in condizioni decenti, si mettono in mano a gruppi di “facilitatori” del loro paese che promettono di organizzare il viaggio e di trovar loro un buon posto di lavoro. Quando arrivano in Germania, i facilitatori si rivelano dei magnaccia del tipo più crudele. Le picchiano, le violentano e le minacciano di rifarsi sulle loro famiglie se proveranno a scappare. Dopo ogni giorno passato dentro un bordello, dopo aver visto decine di clienti, le donne dividono ciò che devono pagare in tasse con ciò che va ai loro protettori.

    La legge sulla legalizzazione della prostituzione in Germania non ha potuto nulla contro la tratta. Come fare ad assicurarsi che le prostitute siano libere? Chiederlo alle donne stesse, non è una soluzione. Le vittime di tratta sono intrappolate dalle minacce verso le loro famiglie e dal terrore di essere rispedite a casa nell’ignominia, in comunità che non accetterebbero mai il loro passato. Chiederlo ai tenutari delle case chiuse ha lo stesso, deludente, risultato. Per come si è sviluppato il sistema in Germania, i tenutari dei bordelli non sono i datori di lavoro delle prostitute, ma meramente i loro affittacamere. Le prostitute devono pagare l’affitto della stanza, o l’ingresso al bordello, mentre si tengono i soldi pagati del cliente per la prestazione sessuale. Per questo, chi possiede un bordello non è tenuto ad esercitare alcun controllo sulle prostitute che esercitano all’interno. Che le ragazze siano schiave e o libere imprenditrici di sé stesse, non fa nessuna differenza per coloro che possiedono i lussuosi chalet del piacere in pieno centro o le squallide topaie in periferia. Al contrario, chiudere un occhio gli fa comodo. Le ragazze dell’Est sono belle, sono docili e ce ne sono a centinaia. Il business del sesso, con loro, è incredibilmente redditizio.

    Questa squallida realtà, ormai, è sotto gli occhi di tutti. La Germania è ai primi posti tra i paesi europei per numero di vittime di tratta. Axel Dreher, professore di politica internazionale e di sviluppo presso l’Università di Heidelberg, ha dimostrato che la legalizzazione della prostituzione porta all’aumento della tratta di esseri umani. Molte delle organizzazioni che combattono la tratta sono concordi nel sostenere questa correlazione. Perfino il Parlamento Europeo ha proposto di criminalizzare i clienti del mercato del sesso come mezzo per combattere la tratta. Eppure, in tutta Europa, lo stereotipo della prostituta è ancora lo stesso: la donna che si vende è perché se l’è voluta. E, cavalcando questo stereotipo, la legalizzazione continua a riempire le tasche dei governi, dei tenutari dei bordelli e dei trafficanti. La vita delle vittime di tratta continua così, sotto gli occhi di tutti, in una manciata di lustrini e nel lampeggiare di neon rosa lungo strade gremite di gente.

    https://thebottomup.it/2017/03/22/de...e-legalizzata/
    Tanto per l'idea che legalizzare serva a togliere potere e profitti alle organizzazioni criminali.
    .
    L'ultimo uomo ad essere entrato in Parlamento con intenzioni oneste.

    Non basta negare le idee degli altri per avere il diritto di dire "Io ho un'idea". (G. Guareschi)

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Apr 2019
    Località
    Occidente
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    Citazione Originariamente Scritto da Guy Fawkes Visualizza Messaggio
    Tanto per l'idea che legalizzare serva a togliere potere e profitti alle organizzazioni criminali.
    Si ma è chi ha postato l'articolo che non merita una risposta più articolata di una faccina e un video, essendo per lui il proibizionismo un articolo di fede, assoluto, dogmatico, intoccabile.

    Un esempio

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Più di due milioni e mezzo di italiani pagano per il sesso, anche se in Italia la prostituzione non è illegale, ma neanche permessa.
    La sua soluzione è riempire le galere italiane già sovraffollate, con 2 milioni e mezzo di detenuti in più per questo pseudoreato, o peggio.

    Ossia la toppa peggio del buco, perché salvi alcune prostitute sfruttate ma rovini per sempre le vite di 2 e milioni e mezzo di cittadini italiani che magari sono stati solo clienti occasionali.
    Murru likes this.
    «È vero, inizialmente risero di Niccolò Copernico e di Albert Einstein, ma è altrettanto vero che risero pure di Bozo il clown...» (Carl Sagan sulle pseudoscienze)

  5. #5
    globalista
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Messaggi
    20,524
    Mentioned
    591 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    E quindi? Tipo quelli che dicono che al sud non bisogna fare le grandi opere perché altrimenti le mafie se ne approfittano.
    Fermiamo e proibiamo tutto allora
    Jerοme likes this.

  6. #6
    globalista
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Messaggi
    20,524
    Mentioned
    591 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    C' è chi sfrutta i lavoratori. Facciamo chiudere tutte le aziende
    Jerοme likes this.

  7. #7
    Disilluso cronico
    Data Registrazione
    25 Nov 2009
    Località
    All your base are belong to us
    Messaggi
    13,460
    Mentioned
    103 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    Citazione Originariamente Scritto da Murru Visualizza Messaggio
    E quindi? Tipo quelli che dicono che al sud non bisogna fare le grandi opere perché altrimenti le mafie se ne approfittano.
    Fermiamo e proibiamo tutto allora
    Oppure andiamo all'altro capo: legalizziamo corruzione ed estorsione, in questo modo ridurremo il tasso di criminalità ufficiale ed incrementeremo l'economia.

    Regolamentare e legalizzare va bene fino ad un certo punto, occorrono sempre razionalità ed equilibrio.
    .
    L'ultimo uomo ad essere entrato in Parlamento con intenzioni oneste.

    Non basta negare le idee degli altri per avere il diritto di dire "Io ho un'idea". (G. Guareschi)

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Feb 2015
    Messaggi
    2,777
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    Citazione Originariamente Scritto da Murru Visualizza Messaggio
    E quindi? Tipo quelli che dicono che al sud non bisogna fare le grandi opere perché altrimenti le mafie se ne approfittano.
    Fermiamo e proibiamo tutto allora
    Chi vuole la chiusura dei bordelli legalizzati sta implicitamente dicendo che solo la gente col portafoglio a fisarmonica ha diritto di sollazzarsi con le escort di lusso che già lavorano per le agenzie private, come dire, che ci vadano solo i veri capitalisti e gli altri si fottano.
    Jerοme and Murru like this.

  9. #9
    Essere di un altro mondo
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    7,119
    Mentioned
    368 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    Citazione Originariamente Scritto da gameover71 Visualizza Messaggio
    Chi vuole la chiusura dei bordelli legalizzati sta implicitamente dicendo che solo la gente col portafoglio a fisarmonica ha diritto di sollazzarsi con le escort di lusso che già lavorano per le agenzie private, come dire, che ci vadano solo i veri capitalisti e gli altri si fottano.
    Vanno tolte anche ai capitalisti padroni le escort di lusso, non vanno distribuite anche ai poveri, non è uguaglianza, è sessismo.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Apr 2019
    Località
    Occidente
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dentro le case chiuse tedesche: la tratta al tempo della prostituzione legalizzat

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Vanno tolte anche ai capitalisti padroni le escort di lusso.
    Indra88 and Zeratul like this.
    «È vero, inizialmente risero di Niccolò Copernico e di Albert Einstein, ma è altrettanto vero che risero pure di Bozo il clown...» (Carl Sagan sulle pseudoscienze)

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-05-19, 15:51
  2. Prostituzione: si riaprano le case chiuse.
    Di THE MATRIX nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 188
    Ultimo Messaggio: 05-07-16, 21:01
  3. Tematiche. Prostituzione: proibizione o case chiuse?
    Di Paolo Arsena nel forum Repubblicani
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 04-12-08, 21:37
  4. Prostituzione, Fronte Verde: "riaprire le case chiuse"
    Di Lothar De Beer nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 22-02-08, 12:18
  5. Prostituzione, Fronte Verde: "riaprire le case chiuse"
    Di Lothar De Beer nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 03-09-07, 09:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226