User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
Like Tree6Likes
  • 1 Post By amaryllide
  • 1 Post By Pestis nigra
  • 2 Post By Lord Attilio
  • 2 Post By Lord Attilio

Discussione: Immigrazione: la parola ai classici

  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    31,287
    Mentioned
    595 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Immigrazione: la parola ai classici

    “Il marxismo sostituisce a ogni nazionalismo l’internazionalismo, la fusione di tutte le nazioni in una unità superiore. (…). Il proletariato non può appoggiare nessun consolidamento del nazionalismo, anzi, esso appoggia tutto ciò che favorisce la scomparsa delle differenze nazionali, il crollo delle barriere nazionali, tutto ciò che rende sempre più stretto il legame fra le nazionalità, tutto ciò che conduce alla fusione delle nazioni” (Lenin, 1914 , Su l’’autodecisione delle nazioni)
    “Ogni centro industriale e commerciale in Inghilterra possiede ora una classe operaia divisa in due campi ostili, i proletari inglesi e i proletari irlandesi. L’operaio inglese medio odia l’operaio irlandese come un concorrente che abbassa il suo livello di vita. Rispetto al lavoratore irlandese egli si sente un membro della nazione dominante, e così si costituisce in uno strumento degli aristocratici e dei capitalisti del suo paese contro l’Irlanda, rafforzando in questo modo il loro dominio su lui stesso.
    Si nutre di pregiudizi religiosi, sociale e nazionali contro il lavoratore irlandese. La sua attitudine verso di lui è molto simile a quella dei poveri bianchi verso i neri degli antichi Stati schiavisti degli Stati Uniti d’America. L’Irlandese gli rende la pariglia, e con gli interessi. Egli vede nell’operaio inglese nello stesso tempo il complice e lo strumento stupido del dominio inglese sull’Irlanda.
    Questo antagonismo è artificialmente mantenuto e intensificato dalla stampa, dagli oratori, dalle caricature, in breve da tutti i mezzi di cui dispongono le classi dominanti. Questo antagonismo è il segreto dell’impotenza della classe operaia inglese, a dispetto della sua organizzazione. E’ il segreto grazie al quale la classe capitalista mantiene il suo potere. E questa classe ne è perfettamente cosciente.” (K.Marx, lettera a Sigfrid Meyer e August Vogt del 9 aprile 1870)
    “Non c’è dubbio che solo l’estrema povertà costringe gli uomini ad abbandonare il proprio paese e che i capitalisti sfruttano nella maniera più disonesta gli operai immigrati. Ma solo i reazionari possono chiudere gli occhi sul significato progressivo di questa migrazione moderna dei popoli. La liberazione dall’oppressione del capitale non avviene e non può avvenire senza un ulteriore sviluppo del capitalismo, senza la lotta di classe sul terreno del capitalismo stesso. E proprio a questa lotta il capitalismo trascina le masse lavoratrici di tutto il mondo, spezzando il ristagno e l’arretratezza della vita locale, distruggendo le barriere e i pregiudizi nazionali, unendo gli operai di tutti i paesi nelle più grandi fabbriche e miniere dell’America, della Germania, ecc.” (Lenin , 1913 , Capitalism and Workers’ Immigration)
    “La borghesia aizza gli operai di una nazione contro gli operai di un’altra, cercando di dividerli. Gli operai coscienti, comprendendo l’inevitabilità e il carattere progressivo della distruzione di tutte le barriere nazionali operata dal capitalismo, cercano di aiutare a illuminare e a organizzare i loro compagni dei paesi arretrati.” (Lenin , 1913 , ibidem)
    “Nella nostra lotta per il vero internazionalismo e contro il “jingo-socialismo” citiamo sempre nella nostra stampa l’esempio dei leader opportunisti del P.S. in America, che sono a favore di restrizioni sull’immigrazione di lavoratori cinesi e giapponesi (specialmente dopo il Congresso di Stoccarda del 1907 e contro le decisioni di Stoccarda). Pensiamo che non si possa essere internazionalisti e allo stesso tempo a favore di queste restrizioni. E affermiamo che i socialisti in America, specialmente i socialisti inglesi, che appartengono alla nazione dominante e degli oppressori, che non sono contrari a qualunque limitazione dell’immigrazione, contro il possesso delle colonie (Hawaii) e per l’integrale libertà delle colonie, ebbene tali socialisti sono in verità dei jingoisti.” ( Lenin , 1915 , Letter to the Secretary of the Socialist Propaganda League)
    [PS Per “jingoismo" si intendeva allora un particolare nazionalismo . I “jingo-socialisti” criticati qui da Lenin potrebbe essere quelli che oggi vengono chiamati rossobruni]
    Dalla Costituzione della Repubblica Socialista Federale Sovietica Russa del 1918 :
    “Art. 20. In forza della solidarietà dei lavoratori di tutte le nazioni, la Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa accorda tutti i diritti politici dei cittadini russi agli stranieri che risiedano sul territorio della Repubblica Russa e che appartengano alla classe operaia oppure ai contadini che non si avvalgano di lavoro altrui, e riconosce ai Soviet locali il diritto di accordare a tali stranieri i diritti della cittadinanza russa senza ulteriori difficoltose formalità.”
    “Art. 21. La Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa concede diritto di asilo a tutti gli stranieri perseguitati per reati politici e religiosi.”
    “Art. 22. Riconoscendo uguali diritti ai cittadini indipendentemente dalla loro razza o nazionalità, la Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa dichiara incompatibile con le leggi fondamentali della Repubblica la costituzione o la tolleranza di privilegi o di preferenze di qualsiasi genere attribuiti in base alla razza o alla nazionalità, come pure qualunque oppressione di minoranze nazionali o la limitazione della loro uguaglianza giuridica”. (articoli della Costituzione della Repubblica Socialista Federale Sovietica Russa del 1918)
    “I Partiti Comunisti d’America, del Canada e dell’Australia devono condurre una campagna vigorosa contro le leggi restrittive sull’immigrazione e devono spiegare alle masse proletarie in questi Paesi che tali leggi, accendendo l’odio razziale, alla lunga si ripercuoteranno su di loro. I capitalisti sono contro leggi restrittive negli interessi della libera importazione di manodopera di colore a basso costo per ottenere, per suo tramite, l’abbassamento dei salari dei lavoratori bianchi. L’intenzione dei capitalisti di andare all’offensiva può essere affrontata solo in un modo: i lavoratori immigrati devono unirsi ai ranghi dei sindacati esistenti dei lavoratori bianchi. Simultaneamente, si deve avanzare la richiesta che la paga dei lavoratori di colore sia innalzata allo stesso livello di quella dei lavoratori bianchi. Una mossa di questo tipo da parte dei Partiti Comunisti metterà allo scoperto le intenzioni dei capitalisti e allo stesso tempo dimostrerà platealmente ai lavoratori di colore che il proletariato internazionale non ha pregiudizi razziali” ( Lenin, 1922 , Fourth Congress of the Communist International , The Growth of the Revolutionary Movement in the East)
    Problema-immigrazione: la parola ai ?classici? « Il Buio
    Pestis nigra likes this.
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    3,669
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione: la parola ai classici

    Quale atteggiamento si deve tenere di fronte al crumiro?
    Io sono eterissimo, ma con un trans ci andrei se il suddetto fosse molto femminile ed ovviamente passivo.
    Quindi dipende uno cosa deve farci col trans
    Pestis nigra

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    22,417
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione: la parola ai classici

    ipocrisia.
    concorderei se pari pari faceste leva sulle istituzioni mondiali faceste lperchè siano debellate le guerre fratricide e siano importati e ditribuiti nei paesi "poveri" anche con l'uso della forza cibo, medicinali e piani per atttivare "l'economia" della parte povera della popolazione africana e dell'america latina.
    invece su questo glissate mentre vi muovete a favore dell'immigrazione.
    ipocrisia appunto, schifosa ipocrisia.
    Il saggio sa di essere stupido,è lo stupido invece che crede di essere saggio
    Per ricordare:"Non è consentito utilizzare un linguaggio inappropriato al comune vivere civile"
    D.Bonhoeffer http://www.gliscritti.it/preg_lett/a.../stupidita.htm

  4. #4
    Anticristiano militante ⊕
    Data Registrazione
    02 Jun 2014
    Località
    Landa anti-democratica.
    Messaggi
    6,398
    Mentioned
    96 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione: la parola ai classici

    Dalla Costituzione della Repubblica Socialista Federale Sovietica Russa del 1918 :
    “Art. 20. In forza della solidarietà dei lavoratori di tutte le nazioni, la Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa accorda tutti i diritti politici dei cittadini russi agli stranieri che risiedano sul territorio della Repubblica Russa e che appartengano alla classe operaia oppure ai contadini che non si avvalgano di lavoro altrui, e riconosce ai Soviet locali il diritto di accordare a tali stranieri i diritti della cittadinanza russa senza ulteriori difficoltose formalità.”
    “Art. 21. La Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa concede diritto di asilo a tutti gli stranieri perseguitati per reati politici e religiosi.”
    “Art. 22. Riconoscendo uguali diritti ai cittadini indipendentemente dalla loro razza o nazionalità, la Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa dichiara incompatibile con le leggi fondamentali della Repubblica la costituzione o la tolleranza di privilegi o di preferenze di qualsiasi genere attribuiti in base alla razza o alla nazionalità, come pure qualunque oppressione di minoranze nazionali o la limitazione della loro uguaglianza giuridica”. (articoli della Costituzione della Repubblica Socialista Federale Sovietica Russa del 1918)
    Pare che questa robaccia sia sparita già nella Costituzione del 1924.
    Sparviero likes this.
    "L'odio, il piacere della perversità, la brama di rapina e di dominio, e tutto quello che solitamente è chiamato malvagio, (...) ha(n) finora conservato, in una misura comprovata, la nostra razza." [La Gaia Scienza, I, 1]

  5. #5
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione: la parola ai classici

    Citazione Originariamente Scritto da Pestis nigra Visualizza Messaggio
    Pare che questa robaccia sia sparita già nella Costituzione del 1924.
    Anche perché quella del 1917 era la Costituzione della sola Repubblica Sovietica Russa, quella del 1923 riguarda tutte le repubbliche sovietiche ed è quindi essenzialmente organizzativa, lasciando varie materie di competenza ai singoli paesi.
    Pestis nigra and amaryllide like this.
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

  6. #6
    Anticristiano militante ⊕
    Data Registrazione
    02 Jun 2014
    Località
    Landa anti-democratica.
    Messaggi
    6,398
    Mentioned
    96 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione: la parola ai classici

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Attilio Visualizza Messaggio
    Anche perché quella del 1917 era la Costituzione della sola Repubblica Sovietica Russa, quella del 1923 riguarda tutte le repubbliche sovietiche ed è quindi essenzialmente organizzativa, lasciando varie materie di competenza ai singoli paesi.
    Eppure se cerchi una per una le varie Repubbliche socialiste pare non fosse esistita una Costituzione per ciascuna.
    Quindi o queste cose sono state riportate in altri testi o Stalin le ha cassate per tutti.
    "L'odio, il piacere della perversità, la brama di rapina e di dominio, e tutto quello che solitamente è chiamato malvagio, (...) ha(n) finora conservato, in una misura comprovata, la nostra razza." [La Gaia Scienza, I, 1]

  7. #7
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione: la parola ai classici

    Citazione Originariamente Scritto da Pestis nigra Visualizza Messaggio
    Eppure se cerchi una per una le varie Repubbliche socialiste pare non fosse esistita una Costituzione per ciascuna.
    Quindi o queste cose sono state riportate in altri testi o Stalin le ha cassate per tutti.
    Quella del 1924 ha funzione solo integrativa rispetto a quella del 1917. Infatti si parla praticamente solo degli organismi dei Soviet, un po' poco per una costituzione. La vera riforma costituzionale è quella di Stalin del 1936, con collettivizzazione e costruzione socialista ormai dispiegata. Che fra l'altro riporta idee abbastanza simili a quelle sopra.

    ARTICOLO 123

    L'uguaglianza dei diritti dei cittadini dell'U.R.S.S., indipendentemente dalla loro nazionalità e razza, in tutti i campi della vita economica, statale, culturale, politica e sociale, è legge irrevocabile.
    Qualsiasi limitazione diretta o indiretta dei diritti o, al contrario, qualsiasi attribuzione di privilegi diretti o indiretti ai cittadini in dipendenza della razza o nazionalità alla quale appartengono, così come qualsiasi propaganda di esclusivismo o di odio e disprezzo di razza o di nazione, è punita dalla legge.

    ARTICOLO 129

    L'U.R.S.S. accorda il diritto di asilo ai cittadini stranieri perseguitati per aver difeso gli interessi dei lavoratori, o per la loro attività scientifica, o per avere partecipato a lotte di liberazione nazionale.

    https://www.resistenze.org/sito/ma/di/ls/madlcu.htm
    Pestis nigra and amaryllide like this.
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

 

 

Discussioni Simili

  1. I classici del Black Metal
    Di Feliks nel forum Musica
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-04-11, 02:58
  2. Oggetti spaziali in quadri classici !
    Di Nebbia nel forum Arte
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 22-12-03, 21:34
  3. Lo spam si allea con i classici
    Di Creso nel forum Telefonia e Hi-Tech
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-12-03, 13:23
  4. I Classici del Pensiero Politico (1). Thomas Hobbes
    Di Sir Demos nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 04-06-02, 20:31
  5. I Classici del Pensiero Politico (1): Thomas Hobbes.
    Di Sir Demos nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-04-02, 01:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226