User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Rotwang

Discussione: Addio spiagge libere: in Italia comandano gli stabilimenti balneari

  1. #1
    Intollerante
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    8,419
    Mentioned
    529 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Addio spiagge libere: in Italia comandano gli stabilimenti balneari

    Ci sono sempre meno spiagge libere in Italia. È questa la conclusione dell’ultimo rapporto di Legambiente sulle spiagge. Colpevoli la cementificazione e l’assenza di norme che disciplinano il rapporto tra spiagge libere e concessioni demaniali, non soltanto per gli impianti balneari ma anche per i circoli sportivi, bar, ristoranti.

    Le coste occupate dagli stabilimenti
    I dati sono impressionanti. In media circa il 42% delle coste sabbiose italiane è occupato da stabilimenti balneari – oltre 50 mila in totale. Ma in alcune regioni la percentuale è ancora più alta: 69,8% in Liguria, 67,7% in Campania, 61,8% nelle Marche, 51,7% in Toscana.

    Se poi il calcolo viene fatto per determinati comuni, anziché per una regione intera, le percentuali raggiungono picchi del 90%. Come nel caso di Rimini (90%) o di Forte dei Marmi (93,7%). Ad Alassio sono 95 gli stabilimenti balneari, che occupano oltre 6 km su 7 totali di litorale.

    Inquinamento
    Le aree balneabili si restringono ulteriormente se teniamo conto sia delle modalità con cui l’accesso alle spiagge viene interdetto – a Ostia nel Lazio è stato costruito un ‘lungomuro’ di 12 km di lunghezza dove l’accesso alla spiaggia è negato – ma anche dell’inquinamento.

    Oggi in Italia in circa il 10% delle aree costiere è interdetta la balneazione per ragioni di inquinamento. Tra le coste dove risulta interdetta la balneazione figurano al primo posto Campania (25,8 km) e Calabria (22,8). In molti comuni non ci sono inoltre i necessari controlli per verificare che le spiagge libere non siano relegate a porzioni di costa di “Serie B”.

    Il vuoto normativo: un triste primato
    L’italia è l’unico Paese in Europa che non stabilisce una percentuale massima di spiagge che si possono dare in concessione. Alcune regioni sono intervenute in questo senso: è il caso della Puglia che ha fissato un limite per le spiagge libere pari al 60%. Ma in 5 regioni – Friuli Venezia Giulia, Veneto, Basilicata, Toscana e Sicilia – non esistono norme di questo genere.

    Negli altri Paesi europei non funziona così. In Francia per esempio l’80% del litorale deve rimanere libero e le concessioni hanno una massima durata di 12 anni. In Spagna la proroga delle concessioni è soggetta a un rapporto sull’impatto ambientale. Una differenza che potrebbe diventare ancora più problematica nel momento in cui la competizione per le concessioni venisse allargata anche agli altri Paesi Ue, come previsto nella direttiva Bolkestein dell’Unione europea.

    Gli affari d’oro degli stabilimenti
    Tanti permessi, tante concessioni e grandi profitti. Legambiente denuncia il basso costo dei permessi rispetto alle entrate (in aumento) grazie a un rincaro dei prezzi. Oggi una giornata al mare costa in media 26 euro a persona. Secondo i dati relativi al 2016 lo Stato incassava poco più di 103 milioni di euro dalle concessioni a fronte di un giro di affari attorno ai 15 miliardi di euro annui. Insomma, il calo nelle spiagge libere, oltre a limitare la libertà del cittadino, non frutta molto allo Stato.

    https://www.open.online/2019/07/30/l...-stabilimenti/
    Jerome likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    calici amari
    Data Registrazione
    09 Jul 2009
    Messaggi
    9,930
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Addio spiagge libere: in Italia comandano gli stabilimenti balneari

    .

    Ombrelloni chiusi in spiaggia: -25% presenze a giugno e luglio

    https://www.tgcom24.mediaset.it/econ...-201902a.shtml


    ... Con quello che costano!!!

    .
    Corpo sano in ambiente sano.

    Chi avvelena una persona per vendetta viene condannato per veneficio.
    Chi avvelena milioni di esseri umani per profitto viene onorato come capitano d'industria.

 

 

Discussioni Simili

  1. Evade 55% stabilimenti balneari Versilia
    Di Marximiliano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-09-13, 14:33
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-09-13, 14:33
  3. Fisco: stabilimenti balneari Rimini con redditi irrisori
    Di E.Z.L.N. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-08-09, 21:43
  4. Stabilimenti balneari laziali a rischio chiusura
    Di viterbonera nel forum Cronaca
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 11-05-08, 17:35
  5. stabilimenti balneari strategici
    Di Pisittu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18-01-06, 23:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226