«Papà aiutami, vieni subito», l'appello di Jessica al padre prima di essere massacrata dal fidanzato

«Papà aiutami, vieni subito». Con queste parole Jessica Cipolla, la 29enne uccisa dal suo compagno avrebbe chiesto aiuto a suo padre che ha poi assistito durante la telefonata all'omicidio della figlia. Jessica è stata picchiata a morte dal suo fidanzato, dall'altra parte della cornetta il padre sente prima delle grida, poi rumori sordi, infine la voce di lui che dice: «Ora vieni a salvare tua figlia, se ci riesci».

La 29enne aveva chiamato il papà perché non si sentiva tranquilla. Abdessattar Hamdi, compagno di Jessica, con il quale viveva a Grace-Hollogne, a un'ora da Anversa, in Belgio, era diventato aggressivo. La sera in cui l'ha uccisa era tornata a casa ubriaco ed era furioso, dopo averla picchiata a morte ha chiuso la porta a chiave e si è dato alla fuga. A scoprire il corpo della ragazza è stato proprio il padre, ma ormai era troppo tardi.

Abdessattar è fuggito insieme al figlio 14enne ed è tutt'ora ricercato dalla polizia con l'accusa di omicidio. Dopo aver lasciato il ragazzo l'omicida sarebbe scappato prima in Francia e poi in Tunisia, suo paese natale, ma è ricercato ovunque e non si fermano le indagini degli agenti. Secondo alcune ipotesi è plausibile che potrebbe trovarsi in Italia. Il padre di Jessica ha lanciato più volte appelli chiedendo che tutti collaborino alla sua cattura, chiedendo che giustizia venga fatta.

https://www-leggo-it.cdn.ampproject....e-4667788.html