User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Lord Attilio
  • 1 Post By Lord Attilio

Discussione: Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista

  1. #1
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista

    SOLO I COMUNISTI UNITI POSSONO, E DEVONO, FERMARE IL RINASCENTE NAZI-FASCISMO IN ITALIA, IN EUROPA E ALTROVE, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!

    Il compito dei comunisti nell’attuale fase storica dell’Italia.

    In Italia il 25 aprile e in Europa il 9 maggio 1945 finita la seconda guerra mondiale e annientato il nazi-fascismo – ad opera fondamentale della gloriosa Unione Sovietica, guidata dal compagno Giuseppe Stalin, e attraverso il sovrumano sforzo bellico dell’Armata Rossa, gli immani sacrifici di tutti i popoli sovietici e della Resistenza comunista civile e armata in tutti i paesi europei, che operava sia sul fronte di guerra sia nelle retrovie delle forze armate nazi-fasciste – i governi borghesi, clericali e capitalistici dei paesi europei, tra cui l’Italia, alleati e asserviti agli interessi dell’imperialismo statunitense, oltre che a quello proprio, attraverso la Nato hanno svolto e svolgono il ruolo di gendarmi e guerrafondai al seguito della potenza militare americana dislocata sul pianeta, hanno favorito il riemergere dalla fogna della storia la cultura, la violenza e il pericolo delle passate tragedie mussoliniane e hitleriane.

    In modo particolare i governi della borghesia sono responsabili – con la preparazione scolastica delle nuove generazioni, la formazione della coscienza civica dei popoli e lo svolgimento dei compiti istituzionali – di non aver difeso i valori dell’antinazi-fascismo, di non aver insegnato abbastanza ai ragazzi e ai giovani studenti la tragedia del nazismo e del fascismo e di non aver mantenuto viva in loro la memoria storica di quanto accaduto e lo hanno fatto per favorire il potere politico ed economico conservatore e reazionario regnante contro le forze del progresso sociale e contro la possibilità delle masse lavoratrici e popolari di conquistare con la rivoluzione socialista il potere politico per costruire la nuova e superiore società, fondata sull’uguaglianza, sulla democrazia proletaria e sulla dignità dell’esistenza umana. Hanno favorito gravemente il progressivo riemergere e diffondersi nelle scuole e nella società, con la complicità diretta dei mezzi di comunicazione stampa-radio-televisivi e web di regime borghese, la cultura nazi-fascista. Inoltre, i governi borghesi tecnici, di centrodestra, di centro e di centrosinistra dei 75 anni trascorsi portano la responsabilità di non aver difeso la natura antifascista della Repubblica e della Costituzione e di non aver perseguitato adeguatamente evidenti iniziative culturali, manifestazioni di piazza e attentati riconducibili a organizzazioni e personaggi di chiara collocazione nazi-fascista. Non sono bastati 60 milioni di morti, di cui 27 dei soli popoli dell’Unione Sovietica, causati dal nazi-fascismo per indurre il potere politico ed economico della borghesia a mantenere viva la memoria storica del tragico passato.

    Oggi la situazione è tragicamente precipitata e pericolosa, non c’è altro tempo da perdere, i comunisti e tutte le forze progressive devono passare al contrattacco e presto per barrare la strada alle forze conservatrici e nemiche del progresso sociale, quali sono i neofascisti e neonazisti. Sciaguratamente le nuove generazioni in genere ignorano cosa sono stati il fascismo e il nazismo. Il revisionismo e trasformismo dell’ex partito comunista italiano (PCI) e della sinistra borghese di oggi hanno svolto e svolgono, al governo del paese o all’opposizione, un ruolo di diseducazione antifascista, all’insegna delle parole d’ordine della conciliazione tra le opposte ideologie politiche e sociali, dei morti della Resistenza considerati uguali a quelli della repubblichetta di Salò, della pace sociale, del vogliamoci bene e di tante altre baggianate del genere, finalizzate a gestire in pace il potere e gli interessi del capitalismo e dell’imperialismo. Sono stati, e sono, questi governi a non aver affidato innanzi tutto alla scuola il compito della formazione antinazi-fascista delle nuove generazioni e a perseguire con ogni mezzo qualunque espressione, manifestazione o violenza fascista e nazista.

    Al contrario abbiamo avuto le complicità della dittatura borghese e capitalistica nella rinascita e nello sviluppo della reazione nazi-fascista. Cominciamo con l’osservare che la caduta del regime e dello Stato monarco-fascista, la vittoria della Resistenza e della Guerra Civile di Liberazione, la proclamazione della Repubblica antifascista e la promulgazione della Costituzione democratica, seppure di natura borghese, anche per colpa revisionista grave dell’allora PCI, non portarono al cambiamento del vecchio Stato, rimasto saldamente nelle mani delle forze conservatrici, con funzionari, ai vari livelli istituzionali, sopravvissuti allo sconfitto regime sabaudo-mussoliniano, a ciò contribuì pesantemente l’amnistia generalizzata di tragica memoria togliattiana, che sostanzialmente lasciava l’apparato dello Stato nelle mani di vecchi volponi monarco-fascisti. Lo Stato rimase quello che era prima e le forze della reazione economica e politica hanno avuto mano libera nel lasciare le cose com’erano. Una situazione burocratica che è sempre di più degenerata, sul terreno della formazione dell’apparato legislativo e amministrativo, sino ai giorni nostri. A ciò si aggiunga la progressiva degenerazione ideale e morale della sinistra borghese intellettuale, politica e sindacale.

    Le forze nazi-fasciste nel loro riemergere e crescere sono state agevolate dal vecchio apparato statale, sino a rappresentare il pericolo attuale dell’estrema destra. Come non ricordare i vari governi di centrodestra guidati dalla democrazia cristiana (DC), in particolare quello famigerato di Fernando Tambroni, sostenuto dal movimento sociale italiano e monarchici vari, i governi della corruzione democristiani e di centrosinistra, dei legami con la mafia, della svendita dei beni della collettività a gruppi monopolistici privati nazionali e internazionali. E’ in questo brodo limaccioso di malgoverni del centro democristiano, del centrosinistra – governi per circa un trentennio formati dalla DC, partito socialista italiano e da altri -, del nuovo centrosinistra succeduto alla retata di tangentopoli degli anni ‘90, del centro e centrodestra dell’ultimo ventennio, che sono sfuggiti al controllo e alla determinazione della volontà popolare, che il neofascismo e il cosiddetto sovranismo alla Tramp o alla Salvini – che non ha nulla da spartire con l’indipendenza e la sovranità nazionale di un popolo, con la lotta ai governi monopolistici sovranazionali, come quello europeo, e all’economia globalizzata capitalistica e imperialistica –, ha preso piede sino a rappresentare un pericolo reale finanche per la democrazia borghese del nostro paese, un sovranismo che è solo sottocultura, populismo, qualunquismo, elettoralismo mercantile e affaristico, neonazi-fascismo e che costituisce una minaccia seria di nuove dittature, persecuzioni, arresti ed esilio per i comunisti e tutte le forze coerentemente democratiche e sostegno alle guerre imperialistiche, un sovranismo che sul piano elettorale si rafforza sempre di più sino a costituire una forza politica, elettorale e istituzionale da governare il paese e rappresentare un pericolo reale e ravvicinato per le libertà e agibilità democratiche, conquistate dopo la sconfitta del regime monarco-fascista nel periodo 1943-1945.

    E’ stata una storia torbida quella dei primi circa 75 anni della Repubblica democratica e del potere politico borghese, clericale e capitalistico che n’è derivato, che essenzialmente ci ricorda la strage di Portella della Ginestra nel 1947 in Sicilia; la strage di Reggio Emilia del 7 luglio 1960, avvenuta sotto il governo democristiano di Fernando Tambroni, che causò la morte di 5 operai, tutti iscritti al PCI; il tentato golpe fascista di Junio Valerio Borghese, fondatore del Fronte Nazionale e in stretto rapporto con Avanguardia Nazionale, avvenuto tra il 7 e 8 dicembre 1970; la vergognosa organizzazione paramilitare Gladio, appartenente alla rete internazionale denominata Stay-behind (stare nelle retrovie), promossa dalla Nato e organizzata dalla “central intelligence agency”, la famigerata CIA statunitense, per contrastare una ipotetica invasione dell’Europa occidentale da parte dell’Unione Sovietica e dei paesi aderenti al Patto di Varsavia e per fermare una eventuale conquista del potere da parte dei partiti comunisti, in Italia dal PCI, partiti oramai tutti imborghesiti, sulla strada ignobile della socialdemocrazia, del revisionismo, del riformismo, dell’opportunismo e della totale trasformazione capitalistica e imperialistica. Gladio doveva effettuare tale contrasto attraverso atti di sabotaggio, guerra psicologica e guerriglia dietro le linee nemiche, con la collaborazione dei servizi segreti e di altre strutture politiche e militari.

    E ancora: la cosiddetta “strategia della tensione”, condotta da forze reazionarie e fasciste dell’estrema destra con la complicità di servizi segreti e settori deviati dello Stato; la strage di piazza Fontana a Milano, presso la Banca Nazionale dell’Agricoltura, del 12 dicembre 1969, che causò 17 morti e 88 feriti; l’attentato di piazza della Loggia a Brescia del 28 maggio 1974, che provocò la morte di 8 persone e 102 feriti; l’eccidio del treno Italicus, avvenuto nella notte tra il 3 e 4 agosto 1974 presso San Benedetto Val di Sambro, nella provincia di Bologna, che procurò 12 morti e 48 feriti; l’ecatombe alla stazione ferroviaria di Bologna del 2 agosto 1980, che generò 85 morti e 200 feriti; la strage del rapido 904, ricordata pure come la strage di Natale, avvenuta il 23 dicembre 1984 nella lunga galleria dell’Appennino, subito dopo la stazione del Comune Vernio, nella provincia di Prato, ci furono 16 morti e 267 feriti; gli attentati della mafia di Capaci e via D’Amelio a Palermo in Sicilia rispettivamente del 23 maggio 1992, con 5 morti, e del 19 luglio 1992, con 6 morti

    75 anni di Repubblica borghese, clericale, capitalistica e imperialistica – non quella che l’insieme delle forze progressiste dell’Italia auspicarono che uscisse dalla dura lotta antifascista condotta durante il ventennio mussoliniano, dalla caduta della monarchia, dalla Resistenza e dalla Guerra Civile di Liberazione – attraversati dal nascere e crescere di organizzazioni neonazi-fasciste, protette dall’assoluta libertà e impunità in dispregio della natura antifascista della Repubblica e della Costituzione, della mafia, della ‘drangheta, della camorra e di altre organizzazioni criminali imperanti nella politica, nelle attività economiche pubbliche e private, nell’affidamento degli appalti pubblici e nella gestione di attività importanti, in modo particolare della speculazione bancaria e finanziaria, della svendita ai monopoli privati dei beni della collettività, cioè le privatizzazioni, del sangue fatto scorrere dalle attività malavitose mafiose, ‘dranghiste e camorriste con gli attentati alle istituzioni e l’imposizione di pizzi e tangenti, della corruzione che ha infestato le istituzioni della Repubblica, degli attentati, delle stragi neonazi-fasciste, del sempre maggiore accentramento della ricchezza nazionale nelle mani di pochi individui sfruttatori e rapinatori del prodotto del lavoro proletario, del creare sempre maggiori disuguaglianze e discriminazioni sociali, negli ultimi decenni dell’aumento progressivo della povertà, che colpisce sempre maggiori settori della popolazione, e della disumanità nei confronti degli emigranti, che fuggono da carestie e guerre scatenate dall’imperialismo statunitense ed europeo: il tutto con la complicità di settori deviati dei servizi segreti e di istituzioni dello Stato, dei vari governi che si sono succeduti e delle forze politiche che li hanno espressi e sostenuti.

    Negli ultimi anni la situazione politica italiana, coi governi ferocemente antipopolari di Mario Monti, Enrico Letta, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni – questi ultimi tre del PD, nuova e non ultima tragedia politica, istituzionale e sociale dell’Italia repubblicana – e con le scelte economiche oppressive degli interessi dei popoli europei da parte del governo, o Commissione europea, imperialistico di Bruxelles si è ulteriormente aggravata e sembra quasi a un punto di non ritorno, ma non bisogna risparmiare nessuna energia di lotta politica rivoluzionaria per il socialismo per fermare il pericolo reale di una svolta autoritaria nazi-fascista molto vicina in Italia e in Europa messa in atto da forze che opportunisticamente possono pure mascherarsi sotto denominazioni indirette, ma che nella sostanza tali sono. Le tragiche politiche dei governi padronali repressive dei bisogni delle masse lavoratrici e popolari italiane, la trasformazione capitalistica e imperialistica della sinistra storica del nostro paese, che ha lasciato il proletariato senza rappresentanza istituzionale, e in presenza di una politica spregiudicata della destra neofascista, populista, qualunquista, razzista, senofoba e repressiva dell’emigrazione da altri paesi e continenti ha determinato un orientamento reazionario della maggioranza dell’elettorato italiano, che ha portato alla formazione del governo cosiddetto gialloverde del movimento 5 stelle (M5S) e della Lega, alla sua probabile caduta, alla crescita elettorale esponenziale della Lega e al pericolo reale di un prossimo governo di destra, o di centrodestra, che evoca i tempi bui del passato.

    Matteo Salvini, capo della Lega e attualmente vice primo ministro degli Interni, probabile prossimo primo ministro, forte dei sondaggi che lo danno intorno al 35% dei consensi elettorali, dichiara trionfalisticamente e minacciosamente: “Voglio i pieni poteri”, tragicamente già chiesti e ottenuti col consenso elettorale da Benito Mussolini nel 1924 e successivamente da Adolf Hitler in Germania, con tutte le tragedie che ne seguirono e che forse le larghe masse popolari e la prevalente gioventù di oggi, priva di memoria storica, hanno dimenticato. E’ urgente fermare la scalata al potere dell’estrema destra, ancora più pericolosa se assoluta, che già beneficia della simpatia e dell’appoggio di organizzazioni come Casa Pound Italia e Forza Nuova. Negli ultimi tempi sono aumentati gli sfregi, da parte di squadracce di sicura matrice neonazi-fascista, a lapide e monumenti della lotta antifascista, della Resistenza, della Guerra Civile di Liberazione e a sedi operaie e sindacali, che ci ricordano l’assassinio di Giacomo Matteotti e l’assalto delle camicie nere alle camere del lavoro e alle sedi dei partiti antifascisti durante il ventennio della dittatura mussoliniana. Bisogna fermarli prima che sia troppo tardi. Come?

    Di certo non potranno essere le forze politiche del centro e del centrosinistra, cioè PD, sinistra italiana (SI), eccetera, corresponsabili sino al collo della deriva di destra del nostro paese, a fermare l’ascesa della destra reazionaria al governo della nazione. Non posseggono la cultura politica progressista per poterlo fare né la credibilità popolare, perché giustamente vengono avvicinate al centrodestra con l’espressione elettorale: “Sono tutti uguali politicamente e nella gestione degli affari della ricca borghesia capitalistica e imperialistica”. Solo i comunisti marxisti-leninisti, che si ispirano al pensiero e l’opera dei nostri grandi Maestri del proletariato internazionale Marx, Engels, Lenin e Stalin, ovvero di natura e organizzazione bolscevica, gli intellettuali d’avanguardia, gli operai avanzati e tutte le forze sinceramente e concretamente progressiste posseggono l’attendibilità, l’onestà, la passione e l’abnegazione politica per meritarsi la stima, la fiducia e l’adesione delle più larghe masse lavoratrici e popolari al progetto di radicale cambiamento per fermare il neofascismo – ed evitare che ritorni al governo sottoponendo l’Italia alla ferocia di una nuova dittatura repressiva, come fu quella del periodo 1922-1943 – e avviare il cammino rivoluzionario verso la costruzione della società socialista.

    Per raggiungere tale obiettivo è prioritario realizzare la massima unità possibile di tutte le organizzazioni comuniste all’interno di un’unica aggregazione e intorno a un comune progetto di svolta rivoluzionaria per l’Italia. L’unità dei comunisti è di estrema urgenza per mobilitare le più ampie masse lavoratrici e conquistarsi il loco consenso e sostegno, per battere la prospettiva di un altro governo fascista e nello stesso tempo per prevenire che tale esecutivo tenti perfino di mettere fuori legge i l’organizzazione e l’attività politica dei comunisti e di perseguitare i suoi oppositori, allo stesso modo come avvenne nel ventennio nero del secolo scorso e come sta tragicamente avvenendo in alcuni paesi dell’est europeo. Di sicuro noi comunisti, assieme a tutte le forze sociali moralmente sane e progressiste del paese, non ci impressioniamo dinanzi a una evenienza del genere, perché siamo stati già vaccinati nel tragico ventennio e come abbiamo vinto allora vinceremmo di sicuro anche adesso, con la differenza che partendo dall’esperienza dei 75 anni di malgoverno della Repubblica borghese questa volta la battaglia proseguirà sino alla totale sconfitta del nemico di classe, sino alla conquista del potere proletario e alla costruzione della società socialista. Come proclamato da Lenin nelle Tesi di aprile del 1917 in Russia, lotteremo affinché tutto il potere passi nelle mani dei Soviet, cioè dei Consigli aziendali e territoriali dei lavoratori operai e intellettuali.

    Con la prossima possibile caduta del governo, da altri definito gialloverde, ma che noi comunisti preferiamo chiamarlo col doppio aggettivo giallonero, e col prevedibile scioglimento del parlamento e il ritorno al voto – ammenoché non risorga il defunto esecutivo o se ne formi un altro, detto di scopo, tra forze politiche e parlamentari del centrosinistra e centrodestra unite, sempre di natura antipopolare e allo scopo di far pagare ancora alle masse popolari la disastrosa situazione economica dell’Italia, specialmente del Meridione rispetto al Settentrione – i comunisti italiani come devono comportarsi? Premettiamo che le elezioni politiche borghesi oramai sono diventate un vero mercato per chi ha più possibilità di investimento, si parla di circa un milione di euro per un candidato che vuole avere la possibilità di essere eletto. Chi può permettersi una spesa del genere? La classe borghese, i capitalisti e i maggiori partiti, tutti borghesi e capitalistici dalla falsa sinistra all’estrema destra, che ricevono consistenti contributi elettorali dallo Stato. A questo si aggiungano le varie leggi elettorali antidemocratiche, maggioritarie, uninominali e dittatoriali, di stampo fascista, che prevedono uno sbarramento per lista del 3% per poter entrare in parlamento e il premio di maggioranza con il raggiungimento di oltre il 50% dei deputati per effetto dei collegi uninominali. In queste condizioni per i comunisti è quasi impossibile entrare in parlamento, nonostante il dispendio di grandi energie umane, materiali e finanziarie, energie che potrebbero essere impiegate per rafforzare il lavoro politico rivoluzionario che ci avvicini alla rivoluzione proletaria e al socialismo.

    In questi giorni di anticipata campagna elettorale Lega e M5S del morente governo e gli altri partiti e liste concorrenti alle prossime elezioni politiche si scambiano violenti accuse di mala politica accompagnate alle solite e ingannevoli promesse elettorali per accaparrarsi il maggiore consenso elettorale possibile, poi, come abbiamo imparato dalla secolare esperienza, passate le elezioni e messe al sicuro le poltrone parlamentari, nulla cambia concretamente per risolvere radicalmente, cioè strutturalmente, i problemi reali che rendono infernale l’esistenza dei cittadini. La classe lavoratrice operaia e intellettuale non cada, almeno nella sua maggioranza, per l’ennesima volta nella trappola delle accattivanti promesse elettorali, perché come regolarmente avviene dall’Unità d’Italia nulla può mai cambiare se non si modifica la struttura sociale da capitalistica e imperialistica a socialista prima e comunista dopo, se tutto il potere non passa nelle mani del proletariato, se non vengono aboliti la proprietà privata dei mezzi di produzione e il parassitario profitto da essa derivante e se non si promuove la nuova e superiore economia socialista collettivizzata e centralmente pianificata.

    In particolare perché se dovesse sopravvivere l’attuale governo giallonero o se ne costituirebbe un altro di scopo, di legislatura o del Presidente ci aspetta una manovra economica per il 2020 di lacrime e sangue o di macelleria sociale per i pensionati, lavoratori e disoccupati, poiché si tratta di prelevare dalle già difficili condizioni di vita degli italiani, dalla scuola, dalla sanità, dai trasporti e dai carenti servizi sociali circa 50 miliardi di euro, così affermano dei commentatori televisivi e della carta stampata. La stessa cosa avverrebbe con un governo scaturito dalle nuove elezioni, poiché i partiti o liste che vinceranno le elezioni sono ugualmente capitalistici e imperialistici, pronti a sacrificare gli interessi delle masse lavoratrici e popolari sull’altare di quelli dei gruppi monopolistici industriali, agrari, bancari e finanziari, così come gli stessi partiti borghesi, clericali e capitalistici hanno fatto sino a questo momento. Di conseguenza l’unica strada valida e percorribile per il proletariato italiano rimane la lotta di classe di natura rivoluzionaria per strappare conquiste di classe e sociali a qualunque governo borghese dovesse succedere a quello attuale, per smascherare e delegittimare con la forza della mobilitazione i sindacati di regime capitalistico che da decenni sono acquiescenti verso i governi tecnici, di centrodestra o centrosinistra e per imboccare e percorrere, finalmente, la via vincente del socialismo e del comunismo.

    Comunque, il P.C.I.M-L. affida alla sopra proposta Organizzazione unitaria dei comunisti di decidere l’eventuale partecipazione alle prossime elezioni borghesi, ma con una bolscevica e leninista condizione, che gli eventuali eletti andranno in parlamento giammai per gestire il potere e lo Stato borghese che vogliamo abbattere, ma unicamente per portare la lotta di classe e rivoluzionaria anche all’interno del potere capitalistico per favorire il miglioramento immediato delle condizioni di vita delle masse lavoratrici e popolari e per avvicinare il tempo della rivoluzione proletaria e del socialismo. Inoltre, ogni eventuale eletto dovrà impegnarsi per iscritto a dimettersi qualora l’Organizzazione comunista unitaria dovesse chiederne le dimissioni, allorché il suo lavoro istituzionale non dovesse corrispondere agli impegni assunti davanti agli elettori e all’Organizzazione che lo ha candidato.

    Il dimissionario governo nero-verde ha già votato in seconda lettura la riforma costituzionale che riduce il numero dei deputati da 630 a 400 e quello dei senatori da 315 a 200, per essere legge occorre solo la terza lettura, ma con lo scioglimento delle camere la riforma potrebbe, almeno per adesso, saltare. Il M5S, nel confronto elettorale già in atto da mesi, sbraita chiedendo almeno l’approvazione definitiva della riforma, giustificandola col risparmio di circa 500 milioni di euro, naturalmente facendo riferimento ai super stipendi attuali di deputati e senatori. Il P.C.I.M-L. afferma, senza ombra di dubbio, che la riforma è stata dettata dal super potere economico e finanziario capitalistico e imperialistico per poter meglio disporre di un potere parlamentare decisionale a esso favorevole più agile, accentrato e controllabile, è la riduzione della rappresentanza e della volontà popolare, è un attacco spregevole all’istituto della democrazia, anche se di natura borghese, ed è un tentativo anticostituzionale, per quanto attiene la sovranità che appartiene al popolo, di ridurre drasticamente l’attuale livello di rappresentanza parlamentare della popolazione del 36,50%, affossando, così, pesantemente la democrazia rappresentativa, della partecipazione, della sovranità e dei bisogni degli italiani. E’ un’offesa ai valori fondanti della Costituzione, seppur borghese, quale risultato della lotta antifascista, della Resistenza e della Guerra Civile di Liberazione, anzi questa riforma cammina di pari passo con l’avanzata della destra neofascista. Ferma è la nostra opposizione di classe e rivoluzionaria. Per noi comunisti per abbassare consistentemente, nell’ordine di miliardi all’anno, i costi della rappresentanza popolare parlamentare, governativa, della presidenza della Repubblica, delle alte cariche dello Stato e delle istituzioni previste dalla Costituzione, per mantenere l’attuale livello di rappresentanza popolare nelle istituzioni parlamentari, per difendere il grado di democrazia borghese costituzionale sopravvissuta ai 75 anni di malgoverno e per migliorare le condizioni di vita degli italiani il problema non è il numero dei senatori e dei deputati o dei funzionari dello Stato, ma i non più tollerabili ricchi stipendi di questi signori, che devono essere rapidamente ridotti al rango del salario di un operaio specializzato, più tutte le spese di funzione, oltre alla eliminazione di tutti i privilegi di cui costoro godono attualmente e che gravano sulle tasche degli italiani.

    Dinanzi a tale situazione politica e istituzionale esistente attualmente in Italia, al grave sbandamento ideale e politico a destra della maggioranza dell’elettorato italiano – anche perché oramai da tempo la falsa sinistra, il centro cosiddetto democratico e la destra sono uguali nella cultura politica, nei programmi e nell’asservimento agli interessi dei monopoli capitalistici e imperialistici nazionali e internazionali – e alle leggi elettorali di stampo fascista, che hanno eliminato il proporzionale puro nell’attribuzione dei seggi parlamentari, regionali, provinciali e comunali, i comunisti come devono comportarsi alle prossime elezioni politiche? Il P.C.I.M-L. ritiene che nella situazione data e per quanto sopra premesso non valga la pena partecipare a questa competizione politica, sarebbe solo uno spreco di energie, che possiamo meglio impiegare nella riunificazione immediata e iniziale dei comunisti in un’unica Organizzazione politica – che potremmo chiamare Coordinamento Nazionale tra tutte le forze disponibili e che fanno riferimento al marxismo-leninismo, cioè al pensiero e l’opera di Marx, Engels, Lenin e Stalin, ferma restando, per il momento e sino a una nuova e comune decisione, il permanere dell’autonomia e dell’indipendenza ideologica e politica di ogni Organizzazione aderente –, nel lavoro ideale e politico di preparazione e avvicinamento della Rivoluzione e della società socialista, nell’organizzazione unitaria di iniziative di lotta politica e operaia a livello nazionale, regionale e locale e nel lavoro di proselitismo e di emancipazione ideale e politica della classe operaia, dell’intellettualità d’avanguardia e dei giovani puntando alla formazione di una nuova leva di marxisti-leninisti.

    Sicché in questa fase la battaglia elettorale dei comunisti sarà l’astensionismo attivo e militante – ma intendiamoci bene, mai come scelta di principio, così come sino ad oggi hanno fatto determinate organizzazioni, perché l’astensionismo di principio e contro l’insegnamento di Lenin e l’esperienza storica nazionale e internazionale del movimento operaio e comunista –, sarà la delegittimazione a governare dei nostri nemici di classe per le politiche economiche e sociali contrarie agli interessi del popolo perseguite sino ad oggi, che hanno penalizzato gli interessi popolari e favorito quelli della classe borghese padronale, sarà la preparazione delle masse lavoratrici e popolari al potere della società socialista e alla democrazia proletaria, sarà la messa in guardia del proletariato dal diffidare e perseguitare adeguatamente la classe della borghesia sconfitta, che dopo la Rivoluzione tenterà con ogni mezzo di riappropriarsi del potere, come purtroppo è avvenuto col mondo socialista realizzato nel ventesimo secolo e sarà, quale impegno immediato, la campagna elettorale porta a porta, azienda per azienda, ufficio per ufficio, scuola per scuola, ospedale per ospedale, territorio per territorio affinché dalle urne possa uscire un mare di schede bianche o nulle, tale da delegittimare gli eletti della borghesia sfruttatrice e accumulatrice di profitti rapiti alla classe lavoratrice. Diversa valutazione e scelta politica va fatta per le elezioni amministrative – anche qui laddove i coerenti comunisti, marxisti-leninisti, hanno la possibilità organizzativa di presentare una propria lista e da soli, senza alcuna alleanza con le forze elettorali borghesi, revisioniste, opportuniste e movimentiste –, dove le elezioni sono meno dispendiose e il loro svolgimento è più controllabile da parte del Partito, dei candidati e dei cittadini.

    La parola d’ordine deve essere: “Dare un voto politico, ossia parlamentare, – subito o dopo un eventuale governo detto di “scopo”, tecnico o del Presidente, purtroppo sempre di natura capitalistica e imperialistica – agli attuali partiti presenti o meno in parlamento, tutti tragicamente borghesi, che concorreranno per governare il paese, non serve a costruire una società più equa, giusta e dignitosa; non serve a cambiare la situazione: dell’aumento dell’IVA dal 22 al 23%; della precarietà e della mancanza di lavoro per i disoccupati; del taglio annuale delle pensioni superiori appena a euro 1.500,00 lordi al mese mediante il loro mancato adeguamento all’inflazione riducendone da anni e progressivamente il relativo già basso potere d’acquisto; della costrizione per i giovani di cercare lavoro all’estero; dell’università a pagamento; della mala sanità e del furto dei ticket sulle analisi, sulle visite specialistiche, sugli esami diagnostici e sui medicinali; dello sfruttamento del lavoro altrui; delle pensioni di fame; dell’aumento progressivo dell’età pensionabile; del ripristino della giusta causa nei licenziamenti dei padroni sanguisughe; delle disuguaglianze sociali tra donne e uomini; della povertà dilagante; dell’assistenzialismo di potere per fini elettorali; della proposta sciagurata di applicare una sola aliquota Irpef del 15% sui redditi dei ricchi e dei poveri, così non si potrebbero garantire neppure gli attuali servizi minimi sociali; del finanziamento alle imprese private senza garanzia per il mantenimento dei livelli occupazionali; della gestione operaia delle aziende che chiudono o delocalizzano l’attività lavorativa all’estero – dove i capitalisti possono sfruttare più selvaggiamente la manodopera – e con il sostegno finanziario dello Stato; del carovita e dell’aumento costante dell’energia e dei trasporti pubblici; della divisione dell’Italia in regioni ricche e povere; dell’arretratezza strutturale del Mezzogiorno rispetto al Settentrione, che viene avanti dall’Unità d’Italia del 1860 e che nessun governo della borghesia ha voluto superare; della mancanza di tempo libero per lavoratrici e lavoratori e delle ferie negate a circa il 60% degli italiani; dei salari e degli stipendi di fame; del caro casa; della piaga sociale della mafia, della ‘drangheta, della camorra, della droga, della ludopatia, la patologica dei giochi elettronici o d’azzardo che causa anche morti; della distruzione dell’ambiente con la speculazione edilizia e con l’emissione di gas serra nell’atmosfera; della privatizzazione dell’acqua, delle coste e di altri beni pubblici; della radiotelevisione pubblica italiana, mantenuta dai cittadini e asservita al potere dominante, che penalizza le forze politiche extraparlamentari e non candidate che non possono partecipare ai confronti elettorali e che non vengono invitate ai dibattiti politici, culturali e sociali; del dilagare della corruzione in tutti i livelli istituzionale; del cancro della gestione pubblica col metodo deplorevole politico, partitico ed elettorale del clientelismo, del favoritismo e del nepotismo; degli appalti e dei concorsi truccati e del malgoverno generalizzato della cosa pubblica; eccetera”.

    Per uscire dall’indebitamento dello Stato – una vera e infinita sanguisuga del lavoro proletario – formato da interessi-profitti bancari e finanziari parassitari, occorre ricusarlo e presto, fatti salvi i piccoli risparmi-investimenti delle famiglie lavoratrici. L’uscita dell’Italia dalla Nato, dall’Unione Europea e dall’Euro è la strada maestra e obbligata da percorrere per liberare il nostro paese dalla crisi economica ininterrotta e per promuoverne lo sviluppo strutturale, economico e sociale, compresa l’equiparazione del sud al nord.

    Dobbiamo avere la capacità di far capire alle masse lavoratrici e popolari che dal caos e dalla disumanità del sistema capitalistico e della sua espansione imperialistica – avvalendoci costantemente dell’esperienza storica, specialmente degli ultimi secoli, dei popoli in lotta e in cammino verso la conquista-costruzione di una società superiore [che noi comunisti individuiamo prima nella società socialista e poi in quella comunista, escludendo ogni alternativa o fase intermedia diversa da quella socialista] e degli insegnamenti che ci provengono dalla filosofia, scienza, teoria, ideologia, dottrina, strategia e tattica dell’edificio del pensiero comunista e del materialismo storico e dialettico dalle sue origini alle definizioni teoriche e scientifiche di Marx ed Engels – si può uscire solo attraverso la rivoluzione socialista, che spazzi via la struttura e sovrastruttura della millenaria organizzazione sociale basata sulla proprietà privata dei mezzi di produzione e dei beni collettivi, sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e sull’accaparramento privato della ricchezza socialmente prodotta.

    Naturalmente tutti sappiamo che la rivoluzione non si inventa, non si improvvisa per essere certi di non mandare allo sbaraglio le energie dell’assalto al vecchio e decrepito regime, perché la sua reazione economica, statale e militare sarà spietata e feroce all’insegna del motto “Col vecchio muoia anche il nuovo, col passato anche il futuro” e bisogna prevenirla per annientarla sul nascere. Le prossime rivoluzioni socialiste trionferanno come quella del 7 novembre 1917 in Russia, anche se diversi potranno essere i tempi attuativi, le modalità di svolgimento e la tattica dello scontro. Ma il materialismo storico e dialettico ci insegna che nel procedere della natura e del genere umano il nuovo finisce sempre per imporsi sul vecchio, il divenire sul passato. Alla rottura rivoluzionaria col putrescente sistema sociale attuale non vi sono percorsi diversi da seguire se non quello rivoluzionario proletario e socialista, non serve l’utilizzo di strade e metodi già utilizzati dalla borghesia, come alleanze, sperimentazioni e strumenti vari messi in campo, che spesso vengono ingenuamente adoperati anche da organizzazioni che si richiamano genericamente alla dottrina comunista e lo fanno attraverso rapporti o alleanze con le organizzazioni della falsa sinistra comunista, col M5S e altri, tutte esperienze contrarie alla strategia e tattica della lotta di classe comunista e destinate a sicura sconfitta, oltre a produrre un grave effetto diseducativo e antirivoluzionario tra le masse lavoratrici e popolari, così come sono falliti e hanno fatto il gioco del nemico di classe il riformismo, il revisionismo, la socialdemocrazia e il movimentismo.

    La via della rivoluzione socialista è la lotta di classe del proletariato, è la mobilitazione della classe operaia e di tutte le forze del progresso sociale nelle fabbriche, nelle campagne, negli uffici, nei territori e nelle università, sono le rivendicazioni per la conquista subito di un’esistenza più dignitosa dei lavoratori in attesa della rivoluzione e della società socialista ed è la sollevazione popolare per il soddisfacimento dei bisogni di vita quotidiana. Compagni, operai e intellettuali d’avanguardia, non partecipiamo alla farsa di queste eventuali, ennesime elezioni politiche borghesi, che qualunque sia il risultato nulla cambierà per la classe lavoratrice rispetto al passato e a cui noi non partecipiamo per il loro carattere mercantile e di esclusione dalla possibilità di avere degli eletti dei partiti minori, proletari e comunisti, impegniamoci sul fronte di lotta sopra delineato, contribuiamo a trasformare la disperazione popolare, le lotte dei lavoratori, i prossimi scioperi e le manifestazioni contro il regime politico dominante in iniziative rivoluzionarie per la conquista del socialismo e la costruzione del nuovo Stato, lo Stato proletario secondo le indicazioni di Lenin, contenute nel suo libro “Stato e Rivoluzione”, uniamoci in un unico Fronte Unito per una strategia comune alle prossime, probabili elezioni politiche, per definire un percorso di lotta di classe comune, per presentarci uniti alle esigenze di lotta del proletariato italiano, per essere in grado di mobilitare le più ampie masse popolari possibili e per creare sin da subito i Consigli degli operai nelle fabbriche, dei contadini nelle campagne, degli impiegati negli uffici e degli studenti nelle scuole superiori e nelle università all’insegna della parola d’ordine “Conquistare tutto il potere alla classe lavoratrice operaia e intellettuale”.

    Viva Marx, Engels, Lenin e Stalin! Viva il Marxismo-Leninismo!

    Viva la lotta di classe per la rivoluzione e la società socialista!

    Via il socialismo, Viva il comunismo!

    Il Comitato Centrale del P.C.I.M-L.

    Segretario generale il compagno Domenico Savio
    amaryllide likes this.
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista

    LA VITTORIA DEL SOCIALISMO SUL CAPITALISMO STA NELLA DIMOSTRAZIONE DEL RAGGIUNGIMENTO DELLE MIGLIORI E PIU’ DIGNITOSE CONDIZIONI DI VITA INDIVIDUALI, FAMILIARI E SOCIALI DEGLI UOMINI E DELLE DONNE RESI UGUALI!

    Così com’è stato nella gloriosa Unione Sovietica – dopo la guerra civile, promossa dallo sconfitto zarismo e dalla coalizione di Stati imperialistici, con la conseguente carestia, e la tragedia della seconda guerra mondiale, scatenata dal nazi-fascismo – sino all’infame svolta revisionista kruscioviana del ventesimo congresso del PCUS nel 1956. La conquista del socialismo è stato e sarà un risultato epocale, che inizialmente richiede un impegno, una passione e una dedizione straordinari del proletariato per passare dalla barbarie sociale capitalistica attuale a un’esistenza degna di essere vissuta nell’ordinamento socialista, che avanza sulla strada che conduce alla superiore ed eterna società comunista.

    di Domenico Savio*

    Da formati alla scuola del marxismo-leninismo e da materialisti costantemente ci chiediamo quali sono state le cause che nel 1990 hanno portato alla sconfitta del socialismo realizzato nel ventesimo secolo. Dalle risposte scientifiche che sapremo dare dipende la ripresa della lotta di classe di natura rivoluzionaria, la vittoria di nuove rivoluzioni proletarie socialiste, come quella del 7 novembre 1917 in Russia, e la costruzione del socialismo nei singoli paesi e sull’intero pianeta lungo la strada che porta all’edificazione della società comunista.
    Le ragioni che hanno condotto a quel disastro epocale sono molteplici, tra cui: la lentezza e il ritardo con cui avanza il processo evolutivo del genere umano, qui considerato nella sua maggioranza; la malvagità, crudeltà, disumanità e bestialità della classe padronale – nelle varie epoche rappresentata da re, regine, principi, duchi, patrizi, imperatori, feudatari, banchieri, finanzieri, mercanti, capitalisti e imperialisti – nell’imporre il suo dominio economico, politico e sociale e i suoi privilegi di casta-classe sul proletariato sfruttato, schiavizzato, represso e affamato; lo stato di prevalente ignoranza culturale e scientifica in cui la classe padronale, nell’esercizio del suo potere politico e sociale spietato e beneficando pure del potere e dell’oscurantismo religioso, mantiene le più ampie masse popolari per poterle meglio sottomettere, sfruttare e reprimere nella loro lotta per un’esistenza più dignitosa e per evitare o contenere l’esplodere della loro rabbia per liberarsi dalla schiavitù degli oppressori; la divisione e non l’unità delle forze lavoratrici e popolari, derivante dal male dell’egoismo, dell’opportunismo, dell’individualismo e dell’egocentrismo, generato dalla formazione borghese degli individui e anche dal pressante bisogno di vita quotidiana e dall’assoluta mancanza di certezze esistenziali imposte dalla classe padronale.
    E ancora: il cosciente auto asservimento di larga parte degli sfruttati e dei poveri verso i potenti di turno sin dall’epoca della divisione della società in classi contrapposte e in permanente conflittualità tra loro – cioè la contrapposizione e la conflittuale di classe tra ricchi e poveri, tra padroni e schiavi, tra sfruttatori e sfruttati, tra affamatori e affamati, tra dominatori e dominati, tra perseguitatori e perseguitati, tra umiliatori e umiliati, eccetera -, asservimento che arriva a modificarne la coscienza da uomini liberi e protagonisti – com’erano nell’epoca del comunismo primitivo, quando vivevano fraternamente in comunità, dove i mezzi di produzione, il prodotto del lavoro e i beni sociali appartenevano in parti uguali a tutti i componenti del villaggio – a sudditi, schiavi, ubbidienti e asserviti per l’intera esistenza, spesso giustificando questo stato di inferiorità affermando che “Il mondo è sempre stato così e così sarà sempre”: un’autentica falsità diffusa dalla cultura borghese e religiosa e dagli stessi padroni per sopravvivere come classe benestante; l’incapacità degli schiavi, dei plebei, dei garzoni di bottega e dei salariati nel medioevo, degli operai e contadini di erudirsi sin dall’epoca della repubblica e dell’impero romano, del feudalesimo e del capitalismo prima dall’intellettualità progressiva e poi da quella comunista e del materialismo storico e dialettico, di essere capaci di unirsi e combattere il nemico di classe per costruire la società superiore dell’autogoverno proletario prima socialista e poi comunista; negli ultimi due secoli abbiamo vissuto la parabola di un proletariato emancipato che è stato capace di costruire il mondo socialista realizzato nel secolo scorso e poi un’altra generazione proletaria che non ha voluto e saputo difendere quelle conquiste e, anzi, oggi è tragicamente causa di rinascita e di crescita della destra neonazi-fascista in Italia e in Europa.
    Naturalmente vi sono altri motivi per i quali l’esigua minoranza dei ricchi, molto meno del 5% della popolazione, è riuscita a mantenere il potere assoluto attraverso i millenni sulla quasi totalità dei popoli, noi ne abbiamo elencati solo alcuni, i più importanti. Il socialismo realizzato nel secolo scorso è stato sconfitto nell’Unione Sovietica – qui non prendiamo in considerazione i paesi socialisti dove la via rivoluzionaria e la costruzione del socialismo non erano avvenute nell’ambito rigoroso della teoria, della strategia, della tattica e dell’organizzazione del marxismo-leninismo, ovvero del bolscevismo – non per il fallimento dell’economia collettivizzata, centralizzata e pianificata, tanto è che sino alla fine degli anni ’50 del ventesimo secolo l’URSS – sui temi dell’occupazione zero, della produzione industriale, agricola ed energetica, dei servizi sociali a basso costo e accessibili a tutti, dei salari e degli stipendi adeguati per una vita dignitosa, dell’età pensionabile ancora relativamente giovane, della casa, della ricerca scientifica, dell’esplorazione spaziale, della ricerca e dell’assistenza sanitaria, del mantenimento sociale dei non abili al lavoro con il medesimo trattamento della popolazione impiegata nei processi produttivi, dell’insegnamento di massa gratuito dall’asilo nido alle specializzazioni universitarie con lo stipendio a 18 anni per tutti gli studenti, dei trasporti corrispondenti alle esigenze di mobilità collettiva, del godimento del tempo libero, dello sport, eccetera – era più avanti dei paesi capitalistici e imperialistici, a partire dagli Stati Uniti d’America.
    I motivi della sconfitta definitiva nel 1990 vanno ricercati nel lavoro di sabotaggio del trotskismo e del revisionismo che silenziosamente si insinuò nel PCUS e nella società sovietica, nonostante la vigilanza attiva della maggioranza bolscevica, che, però, risultò più debole dopo la fine della seconda guerra mondiale, che aveva decimato la maggior parte delle eroiche avanguardie marxiste-leniniste; nel tradimento di uomini infami come Nikita Krusciov, che in combutta con l’imperialismo americano al XX congresso del PCUS per giustificare la svolta che nel 1990 avrebbe riportato il capitalismo e l’imperialismo nell’URSS buttò impunemente fango e calunnie spregevoli sull’opera del compagno Giuseppe Stalin insediando alla guida del Partito e dello Stato sovietico personaggi a lui fedeli. Eppure Krusciov era cresciuto nelle fila del PCUS diventandone un esponente di primo piano, questo significa che la sua natura piccolo-borghese era sfuggita alla vigilanza marxista-leninista e ciò ci ha insegnato che tale vigilanza contro i nemici interni del socialismo dopo la rivoluzione deve essere più intensa e spietata; nel lento declino dell’economia collettivizzata, centralizzata e pianificata dal 1956 al 1990 – quando l’altro rinnegatore e traditore Michail Gorbaciov sciolse il PCUS, purtroppo senza una adeguata resistenza e contrattacco da parte delle ridotte e sopravvissute forze marxiste-leniniste –, che produsse malcontento in larghi settori della popolazione, che alla fine anziché battersi per riprendere il cammino della costruzione del socialismo e dell’edificazione della società comunista favorì il rapido passaggio dal potere proletario al potere padronale, con il pesante impoverimento della popolazione e la conseguente migrazione all’estero di forza lavoro dei popoli ex sovietici.
    Inoltre: nel sottile lavoro di penetrazione del capitalismo e dell’imperialismo, dopo il XX congresso, nella società sovietica con sabotaggi, embarghi, propaganda antirivoluzionaria e anticomunista e aiuti economici alle forze cosiddette democratiche e anticomuniste, così come più consistentemente e sfacciatamente hanno fatto e fanno nei confronti degli Stati capitalistici non allineati al loro potere economico e militare mondiale e ai loro interessi nazionali all’estero; nel male devastante arrecato dal revisionismo kruscioviano e dal liquidazionismo gorbacioviano all’ex economia sovietica, inducendo la maggioranza della popolazione, oramai privata degli ideali comunisti e finanche indotta all’odio anticomunista, alla disperazione e ribellione, che al momento dello scioglimento del PCUS anziché difenderlo ha plaudito e contribuito a demolirlo senza risentimenti. Ecco perché noi marxisti-leninisti oggi affermiamo che per riprendere il cammino verso la rivoluzione e la società socialista occorre preliminarmente estirpare dalla coscienza delle masse lavoratrici e popolari il veleno del trotskismo e del revisionismo, che per la loro natura e opera perniciosa sono anche responsabili della rinascente destra neonazi-fascista in Italia e in Europa, oltre che in tanti altri paesi della Terra, specialmente dell’America Latina, dell’Africa e del Medio Oriente.
    La rivoluzione socialista sarà possibile e la vittoria del socialismo si affermerà definitivamente sul capitalismo e l’imperialismo quando le prevalenti masse lavoratrici e popolari saranno depurate dalla sciagura del revisionismo ideologico e politico della dottrina comunista – così com’è stata elaborata da Marx, Engels, Lenin e Stalin -, dalla falsità del cosiddetto e inventato terzo livello, costituito dal marxismo-leninismo-maoismo di talune organizzazioni trotskiste e maoiste esistenti in Italia, in Europa e nel mondo intero e che hanno persino la pretesa di definirsi comuniste, e dal convincimento antirivoluzionario, rispetto alla via rivoluzionaria bolscevica alla rivoluzione e al socialismo, che la così chiamata “guerra popolare di lunga durata” – assunta come strategia di lungo termine e non come fase finale di conquista del potere proletario – possa portare alla conquista del socialismo. In proposito si vedano i trasformismi, i successivi accordi coi governi capitalistici e i clamorosi fallimenti di certe esperienze di “guerre popolari di lunga durata”, legate proprio alla deviazione ideologica e politica della “guerra popolare di lunga durata”, specialmente in paesi dell’America Latina, che non hanno condotto al socialismo, ma solo sacrificato energie fisiche e materiali importanti per la rivoluzione socialista.
    La costruzione della società socialista potrà dirsi completata unicamente quando inizierà la fase di edificazione di quella comunista e sarà debellato ogni pericolo di ritorno al capitalismo, come disgraziatamente è avvenuto nell’ex Unione Sovietica e negli altri paesi del socialismo realizzato nel secolo scorso, solo quando le condizioni materiali e ideali di vita di ogni persona saranno superiori a quelle degli abitanti dei paesi capitalistici – diversamente nelle masse non ferrate ideologicamente ci sarà sempre la tentazione di ritornare in dietro, col verificarsi di disordini di piazza, di controrivoluzioni e persino di assassinii di dirigenti comunisti, proprio com’è avvenuto nel ritorno al capitalismo negli ex paesi socialisti – e solo quando la costruzione dell’uomo nuovo, che cammina di pari passo con la costruzione del socialismo, sarà completata e parimenti assimilata dalle nuove generazioni. Questo obiettivo epocale di cammino della civiltà umana verso un livello superiore non è difficile raggiungerlo con l’introduzione dei nuovi rapporti sociali dell’economia socialista collettivizzata, centralizzata e programmata, che garantisce un pieno e uguale soddisfacimento dei bisogni di vita di ciascuno, abile o disabile al lavoro, dei componenti della società dalla nascita alla morte, un elevato appagamento dei desideri esistenziali attraverso il godimento dell’abbondante tempo libero e il vivere altamente dignitoso della vita quotidiana individuale e sociale. Tutto questo non è utopia, come dicono i nostri nemici di classe, bensì il prodotto delle donne e degli uomini formati alla scuola della cultura autenticamente comunista, del materialismo storico e dialettico, del marxismo-leninismo e dei principi di uguaglianza e altruismo.
    La costruzione del nuovo e superiore ordine economico nazionale e universale socialista, collettivizzato, centralizzato e pianificato richiede: la distruzione di ogni forma di passato consumismo individuale e collettivo, causa di inutile spreco di lavoro umano e di risorse naturali minerarie e ambientali e finalizzato unicamente all’accumulo di profitti capitalistici parassiti e assassinii; l’eliminazione dalla coscienza umana di ogni idea di guadagno parassitario e di sfruttamento delle capacità produttive altrui; l’affermazione del principio del totale riciclo dell’utilizzato-consumato in tutti i settori della produzione, delle attività individuali e sociali, dell’alimentazione e del godimento del tempo libero. Ciò per preservare le risorse naturali al fine di consegnarle alle future generazioni, per fermare il progressivo assottigliamento dello strato di ozono presente nella stratosfera – che sta causando conseguenze devastanti sull’ambiente e sulla nostra salute, che sta generando impressionanti disastri-devastazioni ambientali e distruzione delle condizioni di vita umana e delle altre specie viventi sulla Terra -, per salvare il pianeta dagli attuali processi di scioglimento dei ghiacciai, col pericolo concreto di allagamento dei territori costieri e per arrestare la desertificazione di ampie zone del globo terrestre. La nuova economia socialista collettivizzata, centralizzata e pianificata salverà il pianeta dall’odierna, sicura morte capitalistica e imperialistica.
    La battaglia ideologica e politica dei comunisti non è rivolta solo alla loro salvezza sociale e ambientale, ma alla protezione e liberazione dell’intera umanità, alla difesa del pianeta Terra da sicura desertificazione e alla salvaguardia della civiltà del genere umano, anche per il suo compito e contributo di esplorazione e conoscenza dell’infinito universo e delle diverse forme di vita in esso esistenti. Quanto prima gli abitanti del pianeta prenderanno coscienza della fondatezza delle tesi sopra esposte e affiancheranno i comunisti, di formazione marxista-leninista, nel difficile e pressante compito di dover superare il tragico sistema politico, economico e sociale capitalistico e imperialistico – che porta tutta la responsabilità del presente stato di deperimento sociale e ambientale del nostro satellite – e costruire prima la società socialista e poi edificare quella comunista, tanta più possibilità avremo di salvare quanto sopravvissuto della realtà che ci circonda e di vivere civilmente, umanamente e dignitosamente la nostra unica vita, perché mai ce ne sarà un’altra, nonostante le promesse del potere religioso, a partire da quello emanato dallo Stato del Vaticano.

    * Segretario generale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista (P.C.I.M-L.)

    https://pennatagliente.wordpress.com...ubblichiamo-8/
    amaryllide likes this.
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

  3. #3
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    33,965
    Mentioned
    629 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista

    è ancora vivo il mitico compagno Mimmo Savio? DOpo la morte di Losurdo, ci rimane solo lui!
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

  4. #4
    Il Re del Nord
    Data Registrazione
    06 Mar 2017
    Località
    Udine
    Messaggi
    18,354
    Mentioned
    340 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Re: Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    è ancora vivo il mitico compagno Mimmo Savio? DOpo la morte di Losurdo, ci rimane solo lui!
    E meno male che ho trovato sto blog dove pubblicano ogni tanto i suoi comunicati, se no non avrei idea di dove saperne qualcosa, il loro sito è fermo alla preistoria.
    Venezuela e Zimbabwe nei nostri cuori!

 

 

Discussioni Simili

  1. Il Partito Marxista-Leninista Italiano sta con l’ISIS
    Di il diavoletto di Choruǧ nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 18-10-15, 09:39
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-05-13, 21:02
  3. partito comunista italiano marxista-leninista!
    Di José Frasquelo nel forum Fondoscala
    Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 26-02-13, 13:34
  4. Partito Marxista-leninista Italiano
    Di max.wildminds nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-10-06, 13:24
  5. partito marxista leninista italiano
    Di jonny nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-09-04, 10:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226