User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By amaryllide

Discussione: L'imperialismo in una tazza di caffe'

  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    27,386
    Mentioned
    472 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)

    Predefinito L'imperialismo in una tazza di caffe'

    La corrente principale della vita politica in Europa e America del Nord si divide sempre più in due campi: da un lato conservatori e reazionari che glorificano l’imperialismo e desiderano risuscitarlo, e dall’altro quelli che affermano di essere progressisti, liberali e socialisti, che esprimono in gradi diversi la vergogna per il passato ma negano che l’imperialismo continui ad essere un elemento significativo da usarsi per definire le relazioni tra paesi ricchi e poveri. Anche il dibattito sulle riparazioni per i crimini di schiavitù e colonizzazione si definisce in termini di correzione degli errori passati, escludendo qualsiasi idea che il saccheggio imperialista della natura e del lavoro vivo continui felicemente nel mondo moderno “post-coloniale”. Una delle ragioni di questa ‘cecità’ è la confusione delle nozioni di imperialismo e conquista coloniale: con l’eccezione dell’Irlanda del Nord e della Palestina occupata, le colonie appartengono al passato e, quindi, anche l’imperialismo. Ma la dominazione coloniale è solo una delle possibili forme di imperialismo; la sua essenza immutabile è il saccheggio delle ricchezze umane e naturali. Il capitalismo ha generato mezzi di saccheggio nuovi e più efficaci che l’invio di truppe che saccheggiano i paesi poveri e massacrano le loro popolazioni. Allo stesso modo in cui la schiavitù come possesso di esseri umani fu sostituita dalla moderazione silenziosa della schiavitù salariata, mediante la quale i lavoratori vendono ‘liberamente’ la loro forza lavoro ai capitalisti, il saccheggio coloniale è stato sostituito da quello che conosciamo sotto l’eufemismo di “libero commercio”. I costi del caffé
    Consideriamo, ad esempio, una tazza di caffé da 3 euro comprata in una catena di bar. Solo 1 centesimo va all’agricoltore che semina e raccoglie il caffé. Negli ultimi anni il prezzo sul mercato mondiale dei grani di caffé verde si è ridotto a 2,40 euro al chilogrammo, arrivando al suo livello storico più basso intermini reali. Per la maggioranza dei 25 milioni di piccoli agricoltori che coltivano il 94% del caffé del mondo, questa cifra è molto al di sotto del costo di produzione. I produttori di caffé dell’America Centrale, ad esempio, hanno bisogno da 3,96 a 4,92 euro al chilo solo per raggiungere l’equilibrio. Quindi, attualmente, non ottengono assolutamente nulla dal duro lavoro loro e dei loro figli, che generalmente li aiutano nel raccolto. Dall’altro lato, si stanno dissanguando per i debiti; alcuni, al vedere i loro figli morire di fame, si danno alla coltivazione della coca, dell’oppio o della marijuana, molti abbandonano le loro fattorie e si dirigono alla frontiera con gli Stati Uniti o nei quartieri poveri che attorniano le città. Invece le società capitaliste che tostano il caffé, quasi tutte con sede in Europa e America del Nord, stanno vedendo crescere i loro profitti, mentre le catene di locali che vendono tazze di caffé e i loro proprietari stanno recuperando circa la metà del prezzo di questa tazza in profitto. L’illusione del PIL Sorprendentemente, dei 3 euro della tazza di caffé venduta nel Regno Unito, tutti meno 2 centesimi entrano nel PIL di questo paese. Questo è una spiegazione particolarmente chiarificatrice dell’illusione del PIL, l’incredibile gioco di mano grazie al quale la ricchezza - generata dagli agricoltori e dai lavoratori con un surpplus di lavoro in piantagioni, miniere e luoghi di sfruttamento in Africa, Asia e America Latina – riappare magicamente nel prodotto “domestico” lordo dei paesi dove vengono consumati i frutti del loro lavoro. E quei lavoratori sono supersfruttati perchè, per quando lavorino duramente, non possono sfamare le loro famiglie né soddisfare le loro necessità di base, come l’educazione e la salute, che i lavoratori dei paesi ricchi considerano diritti imprescindibili. Quello che è vero per il caffé è anche vero, in gradi diversi, per i nostri vestiti, gli utensili di cucina e molte altre cose. Ad esempio, dei 22 € pagati a Primark o Marks&Spencer per una camicia fatta in Bangladesh, solo un massimo di 1,1 € entrerà nel PIL del Bangladesh, dei quali forse 1 centesimo verrà pagato al lavoratore della confezione, per il quale 70 ore di lavoro settimanale non sono sufficienti ad alimentare i suoi figli. Se ignoriamo il costo della materia prima, il cotone, la maggioranza di questi € 22 entreranno nel PIL del paese dove si compra questo prodotto per il consumo. Circa il 40% del prezzo di vendita finale finirà in mano al governo, non solo il 20% dell’IVA ma anche le imposte sui profitti del negozio, di quelli del proprietario dei locali e di altri fornitori di servizi, così come sul salario di tutti quelli che lavorano per lui. Il governo poi usa questo denaro per pagare l’esercito e la polizia, il sistema sanitario, le pensioni, ecc. Allora, quando qualcuno chiede “perchè dobbiamo lasciare che i migranti utilizzino il nostro sistema sanitario?”, dovremmo rispondere “perchè aiutano a finanziarlo!”. Sfortunatamente nessuno nella “sinistra” lo dice! Imperialismo del secolo XXI Durante quella che chiamiamo era neo-liberista, dal decennio del 1980, i capitalisti hanno trasferito la produzione di abiti e molti altri oggetti a paesi a bassi salari. La loro motivazione: aumentare i profitti sostituendo con il lavoro mal pagato all’estero il lavoro domestico troppo caro, riducendo così la fattura salariale ed evitando lo scontro diretto con i loro lavoratori. Gran parte di quello che chiamavamo “Terzo Mondo” si è trasformato in una grande zona di realizzazione di esportazioni, che produce prodotti a basso prezzo e beni di consumo per l’Europa e l’America del Nord. Come risultati i profitti, la prosperità e la pace sociale nei paesi ricchi sono diventati sempre più dipendenti dal super sfruttamento di centinaia di milioni di lavoratori nei paesi poveri. Questo va chiamato con il suo nome reale: imperialismo, una forma nuova e moderna di imperialismo capitalista che non si basa sulle crude tecniche ereditate dall’era feudale, ma che certamente pratica il terrorismo di Stato, la guerra segreta e l’intervento militare diretto quando è necessario. Il trasferimento globale della produzione non solo ha permesso una restaurazione della redditività ed un impulso all’accumulazione del capitale, ma ha anche aumentato significativamente la concorrenza tra i lavoratori attraverso le frontiere. Nella lotta economica – lotta per proteggere e migliorare la posizione di una persona all’interno del sistema capitalistico, in opposizione alla lotta politica per abolirlo – cercare di proteggersi contro una maggiore concorrenza è un riflesso naturale e normale. Ma questo non lo rende progressista! L’altra faccia della moneta per l’emigrazione della produzione verso paesi a bassi salari è l’immigrazione dei lavoratori di questi paesi. L’ostilità verso l’immigrazione è stato il fattore più importante che portò i lavoratori britannici a votare contro l’ingresso nell’Unione Europea. Il riflesso dei lavoratori in risposta all’aumento della competitività, che esige muri e chiusura di frontiere, è il miglior esempio che si possa trovare per illustrare quello che Lenin chiamò “questa tendenza spontanea al trade-unionismo (sindacalismo) per rifugiarsi sotto l’ala della borghesia
    L’evidenza della persistenza e anche dell’onnipresenza dell’imperialismo ci attornia. Ma i liberali, i socialdemocratici e anche molti che vedono se stessi come rivoluzionari continuano ad essere ciechi, aiutati da una discussione semantica su ciò che significa “imperialismo”, nascondendosi dietroo statistiche che oscurano la domanda invece di illuminarla. L’imperialismo glorificato è detestabile, ma l’imperialismo negato è un ostacolo molto più grande per costruire un movimento per rovesciare la dittatura dei ricchi nascosti dietro la lamentabile e screditata facciata della democrazia.

    John Smith
    Professore di Economia Politica alla Kingstone University di Londra. Tra i suoi libri “Imperialism in the twenty-first century”.

    Noumeno likes this.
    "Una vecchia barzelletta sovietica, diceva, cos’è il deviazionismo? È andare dritti quando la linea va a zig zag. Ecco, io sono un deviazionista"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    63,498
    Mentioned
    490 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: L'imperialismo in una tazza di caffe'

    Come risultati i profitti, la prosperità e la pace sociale nei paesi ricchi sono diventati sempre più dipendenti dal super sfruttamento di centinaia di milioni di lavoratori nei paesi poveri.
    E' abbastanza incredibile il ragionamento dei "sinistri" che ti ammollano sti "paper" di cazzate senza ne capo ne coda.

    In ognuna di questi pipponi, aleggia nell' aria una sorta di "gomblotto". Per la serie: una cinquantina di mega-miliardari "illuminati" si ritrovano in qualche lussuosa localita e mentre sorseggiano cocktails e mangiano bistecche da cento dollari "decidono il destino del mondo".

    Non funziona cosi.

    Se milioni e milioni di persone del III mondo o di quello che veniva identificato come tale oggi hanno un lavoro ed esportano prodotti, e' in qualche misura un progresso rispetto a ieri.

    Ieri NON avevano nulla.

 

 

Discussioni Simili

  1. Caffè e ricette con caffé
    Di gigiluigi nel forum L'Osteria
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-05-15, 01:27
  2. Risposte: 66
    Ultimo Messaggio: 29-03-14, 14:17
  3. Ho spaccato una tazza con la mano
    Di Marximiliano nel forum Fondoscala
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 20-02-13, 18:45
  4. ho finalmente buttato nella spazzatura una tazza
    Di Fulvia nel forum Fondoscala
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 12-05-12, 17:57
  5. Turista lancia una tazza sulla Gioconda
    Di Strangolatore di Dresda nel forum Fondoscala
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 13-08-09, 16:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226