User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree2Likes
  • 2 Post By vostok

Discussione: L’Argentina è di nuovo sull’orlo del fallimento

  1. #1
    Intollerante
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    7,801
    Mentioned
    442 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)

    Predefinito L’Argentina è di nuovo sull’orlo del fallimento

    Quando Mauricio Macri è stato eletto presidente dell’Argentina, nel 2015, una delle sue prime azioni era stata l’abolizione dei controlli sui capitali per limitare l’acquisto e la vendita del peso, la valuta nazionale. La decisione simboleggiava la marcia indietro e il ritorno dell’Argentina, sotto la sua guida, verso i mercati aperti e le riforme economiche liberiste.

    Il 1 settembre, dopo settimane di turbolenze sui mercati, Macri è stato costretto ad approvare un decreto che ristabilisce i controlli sui capitali, nel tentativo di sostenere la valuta.

    Da adesso in poi i cittadini argentini potranno acquistare al massimo diecimila dollari al mese, mentre le aziende affronteranno limitazioni per comprare dollari sul mercato valutario estero e per pagare i dividendi agli investitori esteri.

    Gli investitori sono abituati ai fallimenti finanziari in Argentina, eppure la notizia è stata scioccante: il valore dei titoli di stato argentini venduti in Europa è sceso di circa il 5 per cento il giorno dopo l’annuncio. L’inverno è stato torrido. Il paese ha danzato sull’orlo del fallimento economico il 30 agosto, quando ha dichiarato che avrebbe cercato di estendere la scadenza di alcuni suoi debiti esterni.

    I titoli in valuta estera sono ormai venduti ad appena un terzo circa del loro valore nominale. La crisi segna probabilmente la fine della permanenza al potere di Macri, e la cosa rappresenta un’umiliazione per il Fondo monetario internazionale (Fmi) e un disastro per il paese. Ancora una volta l’Argentina si ritrova a essere un rinnegato finanziario.

    Macri aveva ereditato un’economia in difficoltà, ottenendo però inizialmente la fiducia di Wall street. Ha cominciato il suo mandato non solo gonfiando il valore del peso ma anche dando alla banca centrale l’obiettivo di limitare l’inflazione (misurata onestamente dopo anni di bilanci truccati), smantellando le limitazioni sui prezzi di centinaia di beni, dal sapone al pollo, e stringendo un accordo con i detentori di debito insolvibile.

    Nel 2016 Jamie Dimon, capo di JPMorgan Chase, la più grande banca statunitense, aveva dichiarato ai suoi azionisti che “l’Argentina può essere un esempio per il mondo di quel che può accadere quando un paese ha un buon leader che adotta buone politiche”. Incredibilmente l’Argentina era riuscita a mettere in vendita titoli di stato a cento anni in dollari con un tasso d’interesse di appena l’8 per cento nel giugno 2017 (che da allora ha perso più del 60 per cento del suo valore).

    La situazione è precipitata poco dopo. Macri era spaventato dal rallentamento della crescita economica e, non avendo una maggioranza al congresso, era riluttante a ridurre con decisione il disavanzo di bilancio. Ha quindi ammorbidito gli obiettivi d’inflazione della banca centrale, nonostante l’aumento dei prezzi. Gli investitori hanno reagito con freddezza, in parte perché i tassi d’interesse globali hanno cominciato a crescere, riportando il capitale dai paesi emergenti verso gli Stati Uniti.

    All’inizio del 2018 il peso si è rapidamente deprezzato, perdendo un quinto del suo valore rispetto al dollaro in appena poco più di quattro mesi. Macri è stato costretto a rivolgersi all’Fmi, che ha accettato di prestare all’Argentina cinquanta miliardi di dollari, presto portati a 57, la somma più alta mai concessa da quest’istituzione.

    Ricordi amari
    Poi l’11 agosto di quest’anno Macri è stato sonoramente sconfitto da Alberto Fernández, il suo avversario populista, durante le primarie che servono da prova generale per le elezioni presidenziali di ottobre. La candidata vicepresidente di Fernández è Cristina Fernández de Kirchner (nessuna relazione di parentela tra i due) che ha governato prima di Macri. Formalmente le primarie non hanno determinato niente. Ma Macri sembra realmente alle corde.

    Gli investitori si sono affrettati a liberarsi di titoli argentini, nel timore che Fernández torni alle spericolate politiche portate avanti da Cristina Fernández de Kirchner (durante la cui presidenza l’inflazione era cresciuta a livelli tali da spingere il governo a falsificare i dati). L’indice del mercato azionario Merval ha perso il 37 per cento del suo valore all’indomani della batosta subita da Macri. Il peso è sprofondato del 25 per cento.

    La valuta è precipitata ancora l’ultima settimana di agosto, quando è ricomparso un altro spettro: l’insolvenza del suo debito estero, che si è verificata otto volte dai tempi della sua indipendenza, nel 1816. Il governo ha annunciato una “riprofilatura”, da intendere come pagamento ritardato, di prestiti a breve termine per un valore di cento miliardi di dollari, facendo crescere le possibilità che siano rimodulati anche alcuni debiti a lungo termine. Questo ha portato a un nuova ondata di fuga di capitali e, alcuni giorni dopo, al ripristino dei controlli valutari.

    Gli argentini conservano un ricordo amaro dell’ultima volta in cui il loro governo si è rivolto all’Fmi, nel 2001, e lo accusano dell’austerità e del devastante debito pubblico che sono seguiti. Fernández ha giocato sull’impopolarità dell’Fmi, accusandolo di essere responsabile degli ultimi problemi dell’Argentina e promettendo di rinegoziare il debito.

    Per Fernández potrebbe essere un vantaggio: la paura di vederlo presidente ha contribuito a determinare il crollo del peso, il che rende più probabile una sua vittoria. Ma quest’ultima rischia di essere un calice avvelenato, con un paese nuovamente a rischio d’insolvenza, tagliato fuori dai mercati internazionali, e con una popolazione ancor più tormentata e scettica a proposito delle riforme.

    https://www.internazionale.it/notizi...ovo-fallimento
    Molte donne, io penso, resistono al femminismo perché è un'agonia essere pienamente coscienti della brutale misoginia che permea la cultura, la società e le relazioni personali.


    (Andrea Dworkin)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Oct 2015
    Messaggi
    19,263
    Mentioned
    81 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Argentina è di nuovo sull’orlo del fallimento

    il solo fatto che macrì ha buttato di nuovo l argentina tra le grinfie del fmi, andrebbe fucilato all istante
    don Peppe and amaryllide like this.
    in europa c'è chi paga e chi prende....


    http://www.europarl.europa.eu/news/i...i-stati-membri

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-08-12, 15:44
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-08-12, 15:44
  3. Ufficiale: Italia e Spagna sull'orlo del fallimento
    Di Rasputin nel forum Politica Europea
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 16-08-11, 19:29
  4. EDIZIONE STRAORDINARIA: FINI sull'orlo del FALLIMENTO
    Di Miles nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-10-09, 21:15
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-06-09, 23:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226