Lo sanno benissimo i neoliberisti, ed è il motivo per cui devono tamponare con un proporzionale in Italia. Per contare come ago della bilancia.

Ad oggi sono in netta minoranza "democratica", ovvero si è palesato che le loro disfunzionalità di sistema mettendo al centro la diseguaglianza, la teoria, rivelatasi ovviamente errata che "il bicchiere grande che trasborda dà ricchezza ai bicchieri piccoli", ha creato l impoverimento dei bicchieri "medi", aumentando la diseguaglianza delle fonti di ricchezza, mettendo in chiaro che a salvarsi sono coloro che possono azzardare rischi finanziari, bolle e controbolle, mettendo a loro volta i soldi al sicuro in paradisi fiscali o non facendo circolare moneta, se non prestandola ad alti tassi.

In modo ovviamente inconscio, la popolazione che non investe, che campa giorno per giorno, si è resa conto che quel che possiede, non lo possiede realmente ma solo nominalmente, essendo tutto a "debito"; PASSANDO l'errata narrativa che "il debito pubblico" è una piaga (lo è solo se chi emette moneta lo fa come privato" (il signoraggio) si è passati poi al "taglio dei diritti, taglio di quel che IMPEDISCE LO SVILUPPO): il welfare è il male, i diritti, anche di voto, sono inutili e dannosi (l'analfabetismo funzionale ecc ecc), la democrazia non "è per tutti". Una nuova considerazione fascista ed oligarchica.

Tutto questo panorama creato dagli anni 70 in poi come risposta al "movimento dei diritti" provenienti dal basso, ha portato alla situazione sociale attuale, che si è ovviamente acuita.

A questo si aggiunge il distacco generazionale: la classe dirigente si è inventata la cultura "pragmatica" per indottrinare le menti più giovani che "un solo mondo è possibile", ma gli si è ritorta contro perchè togliendo il senso critico, si è ritrovata una generazione si' anestetizzata, ma che non porta crescita e sviluppo, ancora in mano alle "vecchie" menti non più in grado, o non volendosene interessare per egoismo, di pensare al futuro. Hic et Nunc è il mantra.

Da qui i neofascismi, i movimenti autoorganizzatasi con la rete e non solo, i sovranismi, i rigurgiti di intolleranza. E sono numericamente sotto.

Ma solo numericamente: i cordoni li hanno ancora loro. Come usarli? Con sistemi di rappresentanza in cui, da minoranza, cercano di tenere botta.

Tutto questo lo vediamo in Israele, in Germania, in Francia, in Spagna, In Inghilterra con la Brexit da NON ATTUARE ad ogni costo, ed è quello che stiamo vedendo in Italia: un riposizionamento delle forze di tipo "poteristico".

Nel 2023 la partita è su questioni sociali. In Usa come in Europa. Con Cina e Russia sullo sfondo.

Apocalittico e può sembrare una supercazzola: ma è quello che sta avvenendo.