Questa notte i militari israeliani hanno ucciso un palestinese legato ad Hamas a Tulkarm, in Cisgiordania. Il movimento di resistenza, all’inizio di settembre aveva rivendicato la responsabilità dell’assassinio di quattro soldati israeliani. Non è ancora chiaro se la vittima fosse riconducibile all’omicidio.
Secondo quanto riferito da una portavoce dell’esercito israeliano a Tel Aviv, i militari sono arrivati davanti all’abitazione del palestinese Iyad Assad Ahmed Abu Salamia per arrestarlo. L’uomo è uscito correndo verso i soldati che, pensando fosse armato, hanno aperto il fuoco. Il palestinese, che era già stato in un carcere israeliano per la sua attività di militante, è morto sul colpo. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta.
L’omicidio è avvenuto quattro giorni dopo la ripresa dei colloqui di pace tra i rappresentanti dei due popoli e si temono ripercussioni. Intanto, questa mattina, i militari israeliani hanno chiuso le principiali strade della Cisgiordania al traffico palestinese, compreso l’accesso ai lavoratori, in vista della celebrazione ebraica dello Yom Kippur. La festa inizierà al tramonto.

17/09/2010



Esercito israeliano uccide esponente di Hamas - hamas, israele, cisgiordania, guerra, tel aviv, palestina, esercito, colloqui di pace, yom kippur - Libero-News.it