il 16 ottobre 1943 viene ricordato per la deportazione degli ebrei romani, ma c'è un aspetto particolare che non trova mai un'ampia diffusione mediatica (e se ne capirà subito il perchè!).
I brani sotto riportati sono stati tratti dalla relazione dell'ebrea (convertita) Anna Foa «tenuta nel pomeriggio del 28 ottobre 2010 all'Accademia Galileiana di Scienze, Lettere e Arti di Padova nell'ambito del convegno “Politiche di sopravvivenza alle persecuzioni”»
http://www.e-brei.net/uploads/Docume...ici/Zoller.pdf

"Le responsabilità della dirigenza ebraica romana nella deportazione del 16 ottobre 1943"

"...Nella Roma ebraica il nome del Rabbino capo "Israel Zoller" (poi convertitosi col nome di Eugenio Zolli) che si convertì al cristianesimo non si può ancora nemmeno pronunciare, ma anche della cecità del presidente Ugo Foà, fascista modello, ne parlano in pochi..."
...
"Zolli propone di cessare le funzioni religiose, di distruggere le liste dei contribuenti e degli iscritti alla comunità"
...
"Com'è noto, i dirigenti comunitari si oppongono con decisione a quello che vedono come un allarmismo eccessivo"
...
"Essi continuano a confidare, fino alla mattina del 16 ottobre, nella rete di amicizie e relazioni consolidate con il regime negli anni precedenti e mai davvero rimesse in discussione nemmeno dalle leggi razziali del 1938"
...
"famosi elenchi dei contribuenti (o degli iscritti), sequestrati a Roma dai nazisti"
...
E' provato da mille testimonianze che gli ebrei romani si siano rivolti direttamente ai conventi nell'ora del pericolo immediato, che la prima richiesta accolta preceda il 16 ottobre e che poi le porte si spalancarono per un'assistenza che non poteva non essere concordata con il Papa"
...
"ho la sensazione che questa vicenda, sostanzialmente la consegna di mille ebrei romani alla morte da parte della dirigenza comunitaria e dell'Unione, sia ancora un nodo irrisolto della memoria della comunità di Roma, tale da continuare a suscitare intorno a sé rimozioni, accuse, proiezioni, e da erigere a tutt'oggi una invalicabile barriera difensiva"

....penso possa bastare... l'affermazione della Foa è devastante, ma - a distanza di anni da quando è stata profferita - non conosco reazioni.... eppure "lorsignori" hanno sempre la ciabatta aperta.

Segnalo 2 articoli sulla collaborazione ebraica nella fase di internamento degli ebrei... dai ghetti ai campi di concentramento
Hanna Arendt e la collaborazione ebraica con il Terzo Reich
Hanna Arendt e la collaborazione III Reich-ebrei: il campo di concentramento di Theresienstadt nelle immagini ufficiali