User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree3Likes
  • 1 Post By dDuck
  • 1 Post By vostok
  • 1 Post By Shiiva

Discussione: Proteste in Iran, decine di morti e la teocrazia oscura Internet

  1. #1
    Intollerante
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    7,836
    Mentioned
    449 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)

    Predefinito Proteste in Iran, decine di morti e la teocrazia oscura Internet

    Proteste in Iran: cosa succede a causa dell’aumento della benzina
    A causa dell’aumento del costo della benzina in Iran le proteste sono montate in tutte le città: le strade sono bloccate e sono stati incendiati centinaia tra banche e negozi. Nelle “proteste per il carburante” gli arrestati sono migliaia, i morti alcune decine (solo due quelli ammessi dalle autorità), centinaia i feriti.

    Le immagini delle devastazioni rimbalzavano sui social network, ma poi è arrivato il blocco di internet più massiccio in 40 anni di Repubblica islamica.

    La censura è totale, anche i siti delle agenzie ufficiali sono lenti o inaccessibili. Le reti di telefonia mobile sono bloccate: chi vive in zone di confine tenta di comunicare con le schede straniere. In vista delle Legislative di febbraio 2020, i politici dell’opposizione invitano governo e parlamento ad ascoltare i manifestanti.

    “Hanno staccato internet di un intero Paese e noi studenti iraniani ed espatriati (10 milioni di persone) stiamo morendo dall’ansia, non potendo contattare le nostre famiglie”, denuncia al Sole24Ore una utente iraniano espatriata.

    “I giornali italiani – continua la ragazza iraniana – sono gli unici che non hanno detto niente! Perché il silenzio? In Iran ci sono proteste in 100 città e il governo ha aperto il fuoco sui manifestanti”.

    Il presidente iraniano condanna le violenze, senza però ascoltare le critiche delle persone, che si lamentano per i miliardi inviati dall’apparato di Difesa a Gaza, agli Assad in Siria, agli Hezbollah in Libano e alle milizie in Iraq.

    In Europa, paesi come Germania e la Francia invitano il regime a “rispettare le legittime manifestazioni e la libertà di espressione”.

    Il presidente iraniano Hassan Rohani ha ammesso una “situazione difficile e complicata” come internamente non accadeva dalla rivoluzione nel 1979. Da più di un anno, infatti, c’è forte sofferenza per l’embargo totale di Donald Trump.

    La misura del caro benzina appare volta a contrastare i contraccolpi delle sanzioni reintrodotte dagli Usa, dopo il ritiro dall’accordo sul nucleare iraniano, del 2015.

    Rohani ha annunciato un piano di rincari nelle sovvenzioni, secondo il quale il prezzo calmierato (circa 11 centesimi di euro al litro per i primi 60 litri al mese) della benzina aumenterà del 50 per cento a 15 mila rial, per i litri successivi del 300 per cento.

    Lo scopo dichiarato è redistribuire i risparmi in sussidi per gli oltre due terzi di popolazione in difficoltà: dal 2018 lo Stato fa infatti i conti con un’inflazione al 40 per cento. Gli iraniani non sono d’accordo con Rohani e tra gli slogan delle proteste si legge: “Se e quando i risparmi saranno redistribuiti non varranno più nulla”.

    Come nel Libano e nell’Iraq la popolazione, oltre al caro benzina, contesta anche il regime e chiede un cambiamento economico e politico.

    Le proteste più significative sono state quelle a Sirjan, dove è stato attaccato un deposito di carburante, a cui la folla ha cercato di dare fuoco prima che intervenissero le forze di sicurezza. Altre manifestazioni di “portata limitata”, ha fatto sapere l’agenzia Irna, si sono tenute in diverse zone del Paese: Mashhad, Ahvaz, Bandar Abbas, Birjand, Gachsaran, Abadan, Khoramshahr e Mahshahr.

    La preoccupazione del Fondo monetario internazionale
    Anche per il Fondo monetario internazionale la crisi è peggiore che negli anni della lunga guerra tra l’Iran e l’Iraq (1980-1988). È un paradosso che la potenza dell’Opec, dove un altro maxi giacimento da 50 miliardi stimati di barili di petrolio è stato appena scoperto, non possa godere del suo oro nero.

    L’Iran è una potenza Opec con un giacimento di petrolio appena scoperto ma in un anno l’export è crollato da circa 2 milioni e mezzo a un milione e mezzo di barili al giorno: resiste soprattutto verso Paesi asiatici amici come la Cina.

    Nonostante la Repubblica islamica cerchi di diversificare l’economia, riesce a esportare verso l’Occidente solo merci come lo zafferano, del quale è pressoché unica produttrice mondiale: un primato che porta le aziende del settore ad aggirare le multe.

    Per il resto il paese è paralizzato: il ceto medio iraniano non può permettersi spese extra, per i poveri la carne è un lusso, anche molti ricchi evitano gli spostamenti all’estero.

    https://www.tpi.it/esteri/iran-prote...0191119499966/
    Molte donne, io penso, resistono al femminismo perché è un'agonia essere pienamente coscienti della brutale misoginia che permea la cultura, la società e le relazioni personali.


    (Andrea Dworkin)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Portovenere e La Spezia
    Messaggi
    44,677
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Proteste in Iran, decine di morti e la teocrazia oscura Internet

    11 centesinmi il litro .......
    vostok likes this.


    ........ se non bestemmio oggi .......


  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Oct 2015
    Messaggi
    19,388
    Mentioned
    81 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Proteste in Iran, decine di morti e la teocrazia oscura Internet

    Citazione Originariamente Scritto da dDuck Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    11 centesinmi il litro .......
    pure la protesta dei gillet gialli iniziò con l aumento della benzina

    noi ad 1,6 euro che dovremmo fare?
    amaryllide likes this.
    in europa c'è chi paga e chi prende....


    http://www.europarl.europa.eu/news/i...i-stati-membri

  4. #4
    La Bestia©
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    34,098
    Mentioned
    561 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Re: Proteste in Iran, decine di morti e la teocrazia oscura Internet

    Citazione Originariamente Scritto da vostok Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    pure la protesta dei gillet gialli iniziò con l aumento della benzina

    noi ad 1,6 euro che dovremmo fare?

  5. #5
    Voce dalla Madre Russia
    Data Registrazione
    11 Mar 2014
    Località
    Mosca, Russia
    Messaggi
    9,306
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    60

    Predefinito Re: Proteste in Iran, decine di morti e la teocrazia oscura Internet

    Ucraina, Hong Kong, poi dapertutto?

    A differenza dalla Cina Iran e' gia' demonizzato in pieno, non ha bisogno di coccolare i "bambini saggi e intelligenti che vogliono solo la liberta", si puo' permettere anche di schiacciarli con le cigole.
    amaryllide likes this.
    Dicono che in Ucraina c'e' una guerra tra ucraini e russi.
    Non e' vero: gli ucraini e i russi combattono da entrambi le parti.
    In realta' e' la guerra tra i discendenti di quelli che hanno vinto nel 1945 e i discendenti di quelli che hanno perso.

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Portovenere e La Spezia
    Messaggi
    44,677
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Proteste in Iran, decine di morti e la teocrazia oscura Internet

    Citazione Originariamente Scritto da vostok Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    pure la protesta dei gillet gialli iniziò con l aumento della benzina

    noi ad 1,6 euro che dovremmo fare?
    Io sono convionto che dietro a tutte le rivolte c'è un organizzizione, e sono convinto che dietro ai gilet gialli c'è la russia (mi dirai la tua), dietro all'opposizione siriana ci sono le monarchie del golfo e la turchia (con l'avallo occidentale), dietro a queste rivolte c'è la CIA come c'è la CIA dietro al colpo di stato fallito in turchia, a prescindere che possono essere simpatiche o no,

    la gente non si rivolta mai da sola, ci vogliono investimenti, professionisti, organizzazione.

    E' la guerra del futuro. non più soldati che passano un confine ma i nuovi soldati. organizzatori di rivolte.


    ........ se non bestemmio oggi .......


 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 122
    Ultimo Messaggio: 07-06-18, 11:25
  2. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 20-04-18, 03:08
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 17-10-12, 16:50
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-10-10, 20:48
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-06-03, 12:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226