User Tag List

Pagina 3 di 4 PrimaPrima ... 234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 34
  1. #21
    Cancellato
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    8,524
     Likes dati
    1,494
     Like avuti
    1,899
    Mentioned
    550 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da Jerome Visualizza Messaggio
    Certo che tu sei ossessionato da me a livelli inquietanti, sei gay.

  2. #22
    .
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,659
     Likes dati
    22,911
     Like avuti
    10,891
    Mentioned
    1024 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Certo che tu sei ossessionato da me a livelli inquietanti, sei gay.
    Segnalato.

    Tu sei ladro di aycf per questo sei pericoloso rubi le mie "effigi in elastomero"
    Ultima modifica di Jerome; 29-11-19 alle 18:09

  3. #23
    GRILLINO/A SEI VOMITEVOLE
    Data Registrazione
    15 Oct 2018
    Messaggi
    19,810
     Likes dati
    17,222
     Like avuti
    9,981
    Mentioned
    433 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    7

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Certo che tu sei ossessionato da me a livelli inquietanti, sei gay.

  4. #24
    .
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,659
     Likes dati
    22,911
     Like avuti
    10,891
    Mentioned
    1024 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da RigorMontis Visualizza Messaggio
    Si ma Rigor... Se hai qualche problema con me, parliamone eh.

    Prendere le parti di un rotwang non è bello
    Ultima modifica di Jerome; 29-11-19 alle 21:04

  5. #25
    Cancellato
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    8,524
     Likes dati
    1,494
     Like avuti
    1,899
    Mentioned
    550 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da Jerome Visualizza Messaggio
    Si ma Rigor... Se hai qualche problema con me, parliamone eh.

    Prendere le parti di un rotwang non è bello
    La diffusione di Internet non ha solo portato ad un maggiore accesso alla pornografia, ma a informazioni mediche, inclusi libri di anatomia, articoli di riviste e risorse per l'educazione dei pazienti. Ha facilitato una maggiore esposizione agli annunci pubblicitari per interventi di chirurgia estetica. La tendenza verso un certo aspetto genitale è stata guidata da molti nella comunità medica che traggono profitto dall'insicurezza femminile, così come da quelli dell'industria del porno. Le cliniche eseguono labioplastiche che mirano a dare alle giovani donne l'aspetto di "Barbie" - genitali che sono il più possibile nascosti, con le labbra appena visibili, e spesso riducono il cappuccio della clitoride e restringono il canale vaginale. Labbra simili a una bambola sono diventate la norma a cui molte donne desiderano conformarsi.


    L'ideale di bellezza femminile ha costantemente richiesto pratiche di bellezza, ma c'è un cambiamento importante da notare nella natura di queste pratiche. La chirurgia sui genitali è indicativa di una cultura che spinge le donne non solo a sembrare belle in pubblico, ma anche in privato. Il liberalismo sessuale e la retorica "sex positive" si sono evoluti con la cultura del porno. Le donne sono state incoraggiate ad ampliare la portata delle loro insicurezze per includerne molte nuove, convinte che i loro corpi nudi apparissero inadeguati rispetto ai corpi nudi che erano improvvisamente ovunque - dalla pornografia ampiamente distribuita guardata dai loro partner ai cartelloni pubblicitari di biancheria nel loro centro commerciale locale.


    È straordinaria la frase che gli uomini tirano fuori quando si parla di oggettificazione femminile: "una donna deve essere libera di fare del proprio corpo quello che vuole".
    È straordinaria perché in realtà sottintende sempre altro, cioè: "ho bisogno di credere che le donne che fanno quello che voglio siano libere e felici di questo, altrimenti dovrei riflettere sulla merda che sono nel dipendere e considerare le donne nel loro mero aspetto fisico, per questo distorcerò la frase che le femministe hanno coniato in riferimento all'aborto e farò finta che l'oggettificazione della donna sia come l'aborto libero invece che il cuore pulsante e febbricitante del patriarcato"


    I genitali delle donne - la loro parte del corpo più intima - ora devono conformarsi all'ideale di bellezza come dettato dalla nostra cultura pornografica. La scelta è tra essere sessualmente oggettificate nel modo in cui tutte le donne convenzionalmente desiderabili sono o essere sfruttate come un feticcio, con le tue insicurezze al centro - accettabili solo finché possono essere utilizzate per degradare e disumanizzare una donna per i consumatori di porno.


    Le argomentazioni delle ""femministe""" liberali diventano sempre più infantili e immature. Adesso secondo loro il femminismo radicale è cacca perché loro hanno più seguito.
    Vi ricordo che il femminismo nasce per andare controcorrente, non per essere popolare. Il vostro ""femminismo"" ha più accoliti perché semplicemente non fa gli interessi delle donne, ma degli uomini. Il femminismo vero è quello che vuole liberare le donne, non far loro scegliere ciò che è "meno male" nella società patriarcale. Che poi ci siano tante donne, pure lesbiche, che sottostiano a questo mantra maschilista e patriarcale è una grande tristezza, non mi aspetto che le donne siano migliori degli uomini, per me sono uguali anche in tanti difetti ideologici.


    Il porno crea dipendenza a livello cerebrale, e può danneggiare gravemente la vita dello spettatore e la qualità delle sue relazioni. Ritengo che si debba fare corretta informazione a riguardo e che la società debba smettere di normalizzarne l'uso. La maggioranza degli spettatori di pornografia resta maschile e tutte le donne devono prendere coscienza di come l'industria esista e fatturi sulla loro pelle.

  6. #26
    .
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,659
     Likes dati
    22,911
     Like avuti
    10,891
    Mentioned
    1024 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    La diffusione di Internet non ha solo portato ad un maggiore accesso alla pornografia, ma a informazioni mediche, inclusi libri di anatomia, articoli di riviste e risorse per l'educazione dei pazienti. Ha facilitato una maggiore esposizione agli annunci pubblicitari per interventi di chirurgia estetica. La tendenza verso un certo aspetto genitale è stata guidata da molti nella comunità medica che traggono profitto dall'insicurezza femminile, così come da quelli dell'industria del porno. Le cliniche eseguono labioplastiche che mirano a dare alle giovani donne l'aspetto di "Barbie" - genitali che sono il più possibile nascosti, con le labbra appena visibili, e spesso riducono il cappuccio della clitoride e restringono il canale vaginale. Labbra simili a una bambola sono diventate la norma a cui molte donne desiderano conformarsi.


    L'ideale di bellezza femminile ha costantemente richiesto pratiche di bellezza, ma c'è un cambiamento importante da notare nella natura di queste pratiche. La chirurgia sui genitali è indicativa di una cultura che spinge le donne non solo a sembrare belle in pubblico, ma anche in privato. Il liberalismo sessuale e la retorica "sex positive" si sono evoluti con la cultura del porno. Le donne sono state incoraggiate ad ampliare la portata delle loro insicurezze per includerne molte nuove, convinte che i loro corpi nudi apparissero inadeguati rispetto ai corpi nudi che erano improvvisamente ovunque - dalla pornografia ampiamente distribuita guardata dai loro partner ai cartelloni pubblicitari di biancheria nel loro centro commerciale locale.


    È straordinaria la frase che gli uomini tirano fuori quando si parla di oggettificazione femminile: "una donna deve essere libera di fare del proprio corpo quello che vuole".
    È straordinaria perché in realtà sottintende sempre altro, cioè: "ho bisogno di credere che le donne che fanno quello che voglio siano libere e felici di questo, altrimenti dovrei riflettere sulla merda che sono nel dipendere e considerare le donne nel loro mero aspetto fisico, per questo distorcerò la frase che le femministe hanno coniato in riferimento all'aborto e farò finta che l'oggettificazione della donna sia come l'aborto libero invece che il cuore pulsante e febbricitante del patriarcato"


    I genitali delle donne - la loro parte del corpo più intima - ora devono conformarsi all'ideale di bellezza come dettato dalla nostra cultura pornografica. La scelta è tra essere sessualmente oggettificate nel modo in cui tutte le donne convenzionalmente desiderabili sono o essere sfruttate come un feticcio, con le tue insicurezze al centro - accettabili solo finché possono essere utilizzate per degradare e disumanizzare una donna per i consumatori di porno.


    Le argomentazioni delle ""femministe""" liberali diventano sempre più infantili e immature. Adesso secondo loro il femminismo radicale è cacca perché loro hanno più seguito.
    Vi ricordo che il femminismo nasce per andare controcorrente, non per essere popolare. Il vostro ""femminismo"" ha più accoliti perché semplicemente non fa gli interessi delle donne, ma degli uomini. Il femminismo vero è quello che vuole liberare le donne, non far loro scegliere ciò che è "meno male" nella società patriarcale. Che poi ci siano tante donne, pure lesbiche, che sottostiano a questo mantra maschilista e patriarcale è una grande tristezza, non mi aspetto che le donne siano migliori degli uomini, per me sono uguali anche in tanti difetti ideologici.


    Il porno crea dipendenza a livello cerebrale, e può danneggiare gravemente la vita dello spettatore e la qualità delle sue relazioni. Ritengo che si debba fare corretta informazione a riguardo e che la società debba smettere di normalizzarne l'uso. La maggioranza degli spettatori di pornografia resta maschile e tutte le donne devono prendere coscienza di come l'industria esista e fatturi sulla loro pelle.
    Ah ah ah ah

  7. #27
    Cancellato
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    8,524
     Likes dati
    1,494
     Like avuti
    1,899
    Mentioned
    550 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da Jerome Visualizza Messaggio
    Ah ah ah ah
    Perché non ti calmi?

  8. #28
    .
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,659
     Likes dati
    22,911
     Like avuti
    10,891
    Mentioned
    1024 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Perché non ti calmi?
    Quando mi racconterai per bene la storia dell'effigie

  9. #29
    .
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,659
     Likes dati
    22,911
     Like avuti
    10,891
    Mentioned
    1024 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Eddai sono curioso della dea madre in elastomero

  10. #30
    .
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,659
     Likes dati
    22,911
     Like avuti
    10,891
    Mentioned
    1024 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Andrea dworkin ed Elvira Banotti come incarnazione della sessuofobia ancienregime

    Nazista sessuofobico mascherato da democratico, anti libertario orwelliano.

    Sei un danno per la causa progressista. Se vuoi fare del bene, cancellati dal web.

    Se ti cancelli o non parli più di porno e puttane, ti lascerò stare.

    Dedicati ad altre cause @Rotwang come una volta prima della crociata neopuritana.

    E non ti rompero' più.
    Ultima modifica di Jerome; 03-12-19 alle 22:36

 

 
Pagina 3 di 4 PrimaPrima ... 234 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Andrea Dworkin (1946-2005)
    Di Rotwang nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 15-09-19, 15:12
  2. Elvira Banotti VS Indro Montanelli
    Di Josef Scveik nel forum Anarchismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-11-18, 22:12
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-09-17, 08:45
  4. Risposte: 101
    Ultimo Messaggio: 09-11-06, 20:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •