User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree1Likes
  • 1 Post By liutgarda

Discussione: Riflessioni sulla pena di morte.

  1. #1
    Forumista junior
    Data Registrazione
    30 Sep 2019
    Messaggi
    34
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riflessioni sulla pena di morte.

    Quando si sentono notizie di delitti efferati viene spontaneo di desiderare sofferenze o anche la morte di chi li ha commessi.In effetti,nonostante il cambiamento nei secoli delle leggi giudiziarie,la legge del taglione è ancora insita nell'uomo e il desiderio di vendetta è ancora forte.La vendetta consistente nella pena massima per il colpevole diventa un lenitivo per chi ha subito il male o per i parenti delle vittime che comunque non avranno più i propri cari.Spesso gli uomini vogliono penalizzare anche Dio quando lo ritengono responsabile di qualche catastrofe e bestemmiano o diventano atei (perchè altro non possono fare).Indubbiamente la pena per chi commette il male è giusta.La reclusione è una sicurezza per gli altri e deve essere anche PIU' DURATURA di quanto non lo sia troppe volte.L'impossibilità di delinquere ma,soprattutto l'esclusione dalla società,è una pena che il colpevole deve scontare(anche tutta la vita se è recidivo)Per quanto riguarda la pena di morte il discorso è diverso.A parte che il diritto alla vita o alla morte di un individuo spetta solo a Dio,creatore della vita;a parte che la giustizia umana può sbagliare;a parte che la pena di morte non è un esempio per eliminare la delinquenza(basti pensare alla delinquenza sempre in crescita anche negli Stati dove c'è la pena di morte),il motivo principale di non far morire il delinquente è il fatto che gli si preclude ogni via di riscatto,si elimina l'operaio dell'ultima ora che,come sappiamo dal Vangelo,riceve la stessa paga del primo,si uccide il figlio prodigo senza dargli la possibilità di ritornare al Padre.Non si tratta di un falso bonismo come qualcuno può pensare.Anche Gesù ha consigliato di trattare chi non si ravvede dopo vari tentativi come un peccatore (cioè di non avere contatti con lui).Può darsi che molti dei colpevoli non si ravvedano come può darsi che alcuni diventino meglio di altri:questo lo sa solo Dio.Se San Francesco fosse stato ucciso quando era un ragazzo scapestrato non avremmo avuto un San Francesco,se Paolo di Tarso fosse stato eliminato quando assisteva all'uccisione di Stefano non avremmo avuto un San Paolo e di altri esempi ce ne sono a decine!!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    emv
    emv è offline
    Moderatore Cattolico
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    5,520
    Mentioned
    78 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Riflessioni sulla pena di morte.

    La Chiesa vede le cose nell'ottica della salvezza e della vita eterna. Quindi la domanda da farsi nel caso delle pene della giustizia umana, ma come in tutte le questioni, è: serve alla salvezza dell'anima del reo?
    Nello stato laicista le pene sono sbagliate nella filosofia. Nel senso che mirano al recupero civico dell'individuo e non alla sua salvezza. E quindi portano potenzialmente ai disastri di persone che una volta uscite ricommettono altri crimini. Questo perchè lo stato non mira al pentimento reale del cuore ma al pentimento processuale e alla buona condotta.
    La pena ideale dello stato cristiano dovrebbe portare alla piena contrizione al punto che l'individuo stabilirebbe lui da solo la pena giusta. Per certi delitti sarebbe lui stesso a desiderare di chiudersi in una cella ma di un monastero.
    La pena dell'ergastolo è etremamente disumana se l'individuo non la vive da convertito. Paradossalmente, nell'ottica della salvezza dell'anima, la pena di morte ha almeno il pregio di accellarare i tempi della conversione! Questo è uno dei temi su cui non ho una idea definitiva.
    La società una volta era violenta e la giustizia amministrata in proporzione, e la società è migliorata solo grazie alla Chiesa, non dobbiamo mai stancarci di ricordarlo.
    Ma la giustizia nella società di oggi è completamente sballata.

    Oggi una delle professioni più critiche è quella dei giudici, nel salmo l'autore ispirato paragona i giudici a degli "dei" per il potere che hanno tra gli uomini.

    Salmo 81 (82)

    Dio presiede l'assemblea divina,

    giudica in mezzo agli dei:



    “Fino a quando emetterete sentenze ingiuste

    e sosterrete la parte dei malvagi?



    Difendete il debole e l'orfano,

    al povero e al misero fate giustizia!



    Salvate il debole e l'indigente,

    liberatelo dalla mano dei malvagi!”.



    Non capiscono, non vogliono intendere,

    camminano nelle tenebre;

    vacillano tutte le fondamenta della terra.



    Io ho detto: “Voi siete dei,

    siete tutti figli dell'Altissimo,



    ma certo morirete come ogni uomo,

    cadrete come tutti i potenti”.



    Alzati, o Dio, a giudicare la terra,

    perché a te appartengono tutte le genti!



    Ultima modifica di emv; 12-12-19 alle 15:08
    "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo" Mt 28, 19


  3. #3
    Spleen
    Data Registrazione
    09 Jun 2019
    Località
    Liguria/Basso Piemonte
    Messaggi
    4,021
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Riflessioni sulla pena di morte.

    Citazione Originariamente Scritto da emv Visualizza Messaggio
    La Chiesa vede le cose nell'ottica della salvezza e della vita eterna. Quindi la domanda da farsi nel caso delle pene della giustizia umana, ma come in tutte le questioni, è: serve alla salvezza dell'anima del reo?
    Nello stato laicista le pene sono sbagliate nella filosofia. Nel senso che mirano al recupero civico dell'individuo e non alla sua salvezza. E quindi portano potenzialmente ai disastri di persone che una volta uscite ricommettono altri crimini. Questo perchè lo stato non mira al pentimento reale del cuore ma al pentimento processuale e alla buona condotta.
    La pena ideale dello stato cristiano dovrebbe portare alla piena contrizione al punto che l'individuo stabilirebbe lui da solo la pena giusta. Per certi delitti sarebbe lui stesso a desiderare di chiudersi in una cella ma di un monastero.
    La pena dell'ergastolo è etremamente disumana se l'individuo non la vive da convertito. Paradossalmente, nell'ottica della salvezza dell'anima, la pena di morte ha almeno il pregio di accellarare i tempi della conversione! Questo è uno dei temi su cui non ho una idea definitiva.
    La società una volta era violenta e la giustizia amministrata in proporzione, e la società è migliorata solo grazie alla Chiesa, non dobbiamo mai stancarci di ricordarlo.
    Ma la giustizia nella società di oggi è completamente sballata.

    Oggi una delle professioni più critiche è quella dei giudici, nel salmo l'autore ispirato paragona i giudici a degli "dei" per il potere che hanno tra gli uomini.

    Salmo 81 (82)

    Dio presiede l'assemblea divina,

    giudica in mezzo agli dei:



    “Fino a quando emetterete sentenze ingiuste

    e sosterrete la parte dei malvagi?



    Difendete il debole e l'orfano,

    al povero e al misero fate giustizia!



    Salvate il debole e l'indigente,

    liberatelo dalla mano dei malvagi!”.



    Non capiscono, non vogliono intendere,

    camminano nelle tenebre;

    vacillano tutte le fondamenta della terra.



    Io ho detto: “Voi siete dei,

    siete tutti figli dell'Altissimo,



    ma certo morirete come ogni uomo,

    cadrete come tutti i potenti”.



    Alzati, o Dio, a giudicare la terra,

    perché a te appartengono tutte le genti!



    Comunque la Chiesa non ha mai praticato (lo ha fatto lo stato pontificio purtroppo) la pena di morte ma la consegna al braccio secolare. Torquemada non irrogava la morte lo facevano i tribunali di Ferdinando e Isabella
    A differenza di Giobbe non ho maledetto il giorno della mia nascita; gli altri giorni, in compenso, li ho coperti tutti di anatemi. - Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    18 Oct 2019
    Località
    Roma
    Messaggi
    119
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Riflessioni sulla pena di morte.

    Citazione Originariamente Scritto da emv Visualizza Messaggio
    La Chiesa vede le cose nell'ottica della salvezza e della vita eterna. Quindi la domanda da farsi nel caso delle pene della giustizia umana, ma come in tutte le questioni, è: serve alla salvezza dell'anima del reo?
    Nello stato laicista le pene sono sbagliate nella filosofia. Nel senso che mirano al recupero civico dell'individuo e non alla sua salvezza. E quindi portano potenzialmente ai disastri di persone che una volta uscite ricommettono altri crimini. Questo perchè lo stato non mira al pentimento reale del cuore ma al pentimento processuale e alla buona condotta.
    La pena ideale dello stato cristiano dovrebbe portare alla piena contrizione al punto che l'individuo stabilirebbe lui da solo la pena giusta. Per certi delitti sarebbe lui stesso a desiderare di chiudersi in una cella ma di un monastero.
    La pena dell'ergastolo è etremamente disumana se l'individuo non la vive da convertito. Paradossalmente, nell'ottica della salvezza dell'anima, la pena di morte ha almeno il pregio di accellarare i tempi della conversione! Questo è uno dei temi su cui non ho una idea definitiva.
    La società una volta era violenta e la giustizia amministrata in proporzione, e la società è migliorata solo grazie alla Chiesa, non dobbiamo mai stancarci di ricordarlo.
    Ma la giustizia nella società di oggi è completamente sballata.

    Oggi una delle professioni più critiche è quella dei giudici, nel salmo l'autore ispirato paragona i giudici a degli "dei" per il potere che hanno tra gli uomini.

    Salmo 81 (82)

    Dio presiede l'assemblea divina,

    giudica in mezzo agli dei:



    “Fino a quando emetterete sentenze ingiuste

    e sosterrete la parte dei malvagi?



    Difendete il debole e l'orfano,

    al povero e al misero fate giustizia!



    Salvate il debole e l'indigente,

    liberatelo dalla mano dei malvagi!”.



    Non capiscono, non vogliono intendere,

    camminano nelle tenebre;

    vacillano tutte le fondamenta della terra.



    Io ho detto: “Voi siete dei,

    siete tutti figli dell'Altissimo,



    ma certo morirete come ogni uomo,

    cadrete come tutti i potenti”.



    Alzati, o Dio, a giudicare la terra,

    perché a te appartengono tutte le genti!



    Ma l'Italia non è un paese cristiano, un paese che ammette il divorzio e l'aborto non è più cristiano.
    emv likes this.

 

 

Discussioni Simili

  1. Pena di morte e reversibilità della pena
    Di Giò nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 17-12-11, 11:10
  2. Moratoria sulla pena di morte
    Di gordon nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 80
    Ultimo Messaggio: 04-01-10, 01:48
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 22-10-06, 16:06
  4. Pena di morte: riflessioni cattoliche
    Di Affus nel forum Cattolici
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 12-05-06, 18:43
  5. Riflessioni sulla morte del mercenario...
    Di Skarm nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-04-04, 01:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226