User Tag List

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34
Risultati da 31 a 36 di 36
Like Tree27Likes

Discussione: Usa minaccianno Iraq, stop conto banca

  1. #31
    Populista Illiberale ☠
    Data Registrazione
    05 Sep 2015
    Messaggi
    15,981
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Usa minaccianno Iraq, stop conto banca

    Citazione Originariamente Scritto da Sparviero Visualizza Messaggio
    Trump è il primo presidente ebreo degli USA.
    trump è ebreo? da quando?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #32
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Oct 2015
    Messaggi
    20,263
    Mentioned
    93 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Usa minaccianno Iraq, stop conto banca

    amaryllide likes this.
    in europa c'è chi paga e chi prende....


    http://www.europarl.europa.eu/news/i...i-stati-membri

  3. #33
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    24,693
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Usa minaccianno Iraq, stop conto banca

    Baghdad li caccia ma gli americani minacciano e restano in Iraq. E l’Italia?

    L’Amministrazione Trump rinnova le pesanti minacce all’Iraq qualora Baghdad pretendesse di attuare davvero il ritiro delle truppe statunitensi e della Coalizione dal Paese mediorientale.
    Oltre a ventilare lo stop agli aiuti militari, ai pezzi di rucambio dei mezzi veduti alle forze irachene (secondo il Wall Street Journal i tagli immediati sarebbero per 250 milioni di dollari di fondi già approvati dal Congresso) e richieste di risarcimento colossali per gli investimenti nelle basi Usa in Iraq, ora Washington minaccia di congelare i conti correnti aperti in banche americane, dove finiscono gli introiti dal petrolio, saranno bloccati.
    Lo ha rivelato il Wall Street Journal citando funzionari anonimi del Dipartimento di stato americano. In particolare, Washington priverebbe Baghdad di miliardi di dollari depositati alla Federal Reserve Bank di New York. In tal caso Baghdad non sarebbe in grado di ritirare fondi, il che potrebbe portare alla paralisi dell’economia locale.
    Un vero e proprio ricatto senza precedenti. Secondo il WSJ un funzionario americano ha informato il premier iracheno a interim, Adel Abdul Mahdi, con una telefonata, mercoledì scorso, della nuova punizione e del danno che ne deriverebbe.
    La Federal Reserve Bank di New York fornisce servizi bancari a circa 250 banche centrali e istituzioni governative di tutto il mondo e già nel 2015 aveva bloccato per diverse settimane un conto corrente del governo iracheno in seguito ad alcuni sospetti versamenti a banche iraniane e ad ambienti vicini all’Isis. Non è chiaro a quanto ammontino al momento i fiondi iracheni depositati alla Fed di New York, ma il Wsj aveva documentato che a fine 2018 il saldo era di 3 miliardi di dollari.

    Il 10 gennaio il premier iracheno Adel Abdel Mahdi aveva fatto esplicita richiesta agli Usa di inviare una delegazione in Iraq per preparare il ritiro delle truppe statunitensi dal Paese, come da mozione approvata dal parlamento il 5 gennaio scorso in seguito al raid americano che all’aeroporto di Baghdad uccise il generale iraniano Qassem Suleimani e 5 cittadini iracheni.
    Media panarabi hanno citato una nota dell’ufficio del premier iracheno. Abdel Mahdi ha parlato telefonicamente il 9 gennaio con il segretario di Stato americano Mike Pompeo chiedendo che venga mandata una delegazione governativa americana in Iraq per “fissare i meccanismi che rendano effettiva la decisione del parlamento iracheno di far ritirare le truppe straniere” dal Paese.
    In Iraq sono presenti 5.200 militari statunitensi e alcune migliaia di militari della Coalizione anti-Isis (900 italiani) a cui Baghdad impone ira di fare le valigie.

    L’atteggiamento intimidatorio e ricattatorio assunto da Washington desta preoccupazioni per i rapporti sempre più tesi che gli Usa riescono ad instaurare con gli alleati. Possibile che l’Amministrazione Trump ritenga di poter violare la sovranità irachena e umiliarne la leadership come ha fatto con l’omicidio Suleimani senza che questo comporti reazioni più che legittime?
    Possibile che gli Stati Uniti pensino di poter imporre diktat a nemici ed alleati senza alcuna considerazione delle diverse sensibilità e del diritto internazionale? Se i militari americani non sono più graditi ma restano in Iraq contro il volere del governo di Baghdad diventano forze d’occupazione, non alleati.
    “Le istruzioni che ho ricevuto dal segretario alla Difesa e dal Presidente sono che noi rimaniamo in Iraq”, ha detto il 13 gennaio a Bruxelles il generale Mark Milley, capo di stato maggiore delle forze armate statunitensi, intervenendo al Comitato Militare della NATO.
    In un contesto simile è facile immaginare quali ostilità incontrerebbero in Iraq le forze americane e della Coalizione se dovessero restarvi col ricatto.

    L’unico segnale distensivo tra Washington e Baghdad è stato, il 15 gennaio, la notizia che gli Stati Uniti hanno ripreso le operazioni militari congiunte con l’Iraq, sospese dopo il radi Usa che il 5 gennaio ha ucciso ilgenerale iraniano Qasem Soleimani a Baghdad. Due funzionari militari statunitensi citati dal New York Times hanno affermato che il Pentagono ha voluto riprendere tali operazioni al fine di far ripartire la lotta contro l’Isis.

    In ogni caso la rabbiosa reazione degli USA all’invito di Baghdad a ritirare le truppe dal paese conferma quale pericoloso precedente sia stato creato sotto diversi aspetti con l’uccisione del generale Soleimani. Innanzitutto un atto che per Trump è stato un clamoroso doppio autogol:

    - sul piano internaziionale puntava a rompere l’alleanza tra Baghdad e Teheran, invece ha ottenuto l’effetto opposto, con il governo iracheno che non vuole più le truppe americane entro i suoi confini.
    - sul fronte interno è apparsa a tutti ben poco convincente la giustificazione che uccidere Soleimani è stato necessario perchè il generale dei pasdaran iraniani pianificava attacchi e attentati contro 4 ambasciate statunitensi

    Da oggi l’atteggiamento di Washington nei confronti della sovranità dell’Iraq potrebbe costituire un metro di valutazione per tutte le Nazioni che oggi ospitano forze militari statunitensi sul proprio territorio: un avvertimento per tutti specie ora che gli Stati Uniti vivono questa fase di “autoreferenzialità”internaziionale.
    Inoltre l’omicidio di Suleimani e di 9 cittadini iracheni uccisi con lui ha messo a rischio l’intera Coalizione impegnata in Iraq in missione di addestramento delle forze irachene impegnate contro l’Isis, compresi i soldati italiani.
    A questo proposito il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, ha reso noto che le autorità di Baghdad hanno espresso apprezzamento per l’operato del contingente dell’Operazione Prima Parthica di cui Baghdad non vorrebbe il ritiro: i nostri militari hanno addestrsto dal 2014 76.503 militari e agenti di polizia un quarto di quanto fatto dall’ intera Coalizione.
    Da un lato quindi il parlamento e il governo iracheno chiedono che statunitensi e la Coalizione da loro guidata lascino il paese, dall’altro la Difesa irachena vorrebbe che gli italiani restassero.

    Da quanto ha detto il ministro Guerini, la soluzione sembra essere stata individuata in un maggior impegno della NATO in Iraq anche se è difficile immaginare che l’Alleanza abbia un ruolo di alto profilo in assenza del suo “maggiore azionista” americano.
    Il contesto politico e militare non sembra rendere percorribile la trasformazione della Coalizione anti-Isis dell’operazione “Inherent Resolve” in Coalizione europea a guida Ue mentre ci sarebbe invece l’opportunità per trasformare la missione italiana in Iraq in bilaterale, staccandoci cioè da una Coalizione che gli Usa hanno snaturato (con l’omicidio del generale Suleimani e i raid contro le milizie scite irachene) e che gli iracheni non vogliono più per stabilire una relazione militare diretta e autonoma col governo iracheno.
    Un esempio che si potrebbe applicare anche in altri paesi e che darebbe per una volta la chiara idea che l’Italia è in grado di assumere e mantenere impegni autonomi al fianco dei paesi che considera alleati o fondamentali per i propri interessi. E di questi tempi non è necessario sottolineare quanto bisogno ci sia che Roma dia segnali di questo tipo.
    https://www.analisidifesa.it/2020/01...ono-andarsene/
    amaryllide likes this.

  4. #34
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    24,693
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Usa minaccianno Iraq, stop conto banca

    Iraq: Trump incontra presidente Salih, discussa riduzione truppe

    Il presidente americano Donald Trump ha avuto un colloquio con l'omologo iracheno, Barham Salih, al Forum di Davos. I due leader hanno discusso della riduzione delle truppe straniere nel Paese, secondo quanto dichiarato dalla presidenza irachena. "Durante l'incontro, sono state discusse la riduzione delle truppe straniere e l'importanza di rispettare le richieste del popolo iracheno di preservare la sovranità del Paese", si legge in una nota.
    https://www.agi.it/estero/trump_inco...ws/2020-01-22/

    Un passo alla volta...
    amaryllide likes this.

  5. #35
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Oct 2015
    Messaggi
    20,263
    Mentioned
    93 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Usa minaccianno Iraq, stop conto banca

    Citazione Originariamente Scritto da Halberdier Visualizza Messaggio
    riducono i soldati e aumentano le basi?
    amaryllide likes this.
    in europa c'è chi paga e chi prende....


    http://www.europarl.europa.eu/news/i...i-stati-membri

  6. #36
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    24,693
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Usa minaccianno Iraq, stop conto banca

    Citazione Originariamente Scritto da vostok Visualizza Messaggio
    riducono i soldati e aumentano le basi?
    Offrono un bersaglio più sfuggente.
    vostok and amaryllide like this.

 

 
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34

Discussioni Simili

  1. Banca ciao banca ciao banca ciao ciao ciao
    Di MarinoBuia nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-01-14, 15:45
  2. Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 30-09-12, 01:37
  3. Così il fisco metterà il naso nel nostro conto in banca
    Di dedelind nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-12-11, 16:06
  4. Chiudo il conto in banca!
    Di Pirzio nel forum Padania!
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 10-10-11, 12:08
  5. Di chi è il conto n.1 della banca svizzera ARNER?
    Di Freccia Tricolore nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 01-11-09, 00:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226