User Tag List

Pagina 3 di 5 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 47
Like Tree20Likes

Discussione: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

  1. #21
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    3,204
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da 8hell8 Visualizza Messaggio
    in un paese di delinquenti dove non c'è manco il salario minimo. La gente per meno di 8 euro l'ora netti non dovrebbe manco alzarsi dal divano.
    Eravate autosufficienti nelle campagne. Smettete pure di lavorare fondamentalmente sareste proprio voi quelli a cui mancherebbe di che vivere, non certo i più ricchi. Siete voi che avete bisogno di lavorare per arrivare alla fine del mese non solo acquistando, ma anche fornendo servizi. Chiudiamo supermercati, negozi di abbigliamento, di elettronica etc... Scommetto che chi ha ingenti patrimoni magari all'estero non avrà problemi a tirare avanti.
    L'Italia secondo i dati ISTAT è un paese principalmente composto da lavoratori del settore dei servizi, divisi in larghissima parte tra alloggio e ristorazione, trasporto e magazzinaggio, commercio all'ingrosso ed al dettaglio, riparazione autoveicoli e motocicli. Praticamente una popolazione di camerieri, lavoratori in strutture di albergazione, trasportatori, magazzinieri e negozianti. Sostanzialmente il lavoro principale degli italiani è rifornire gli italiani stessi di beni di prima necessità, cibo, abbigliamento, alloggi, più ovviamente coloro la cui occupazione è trasportare, immagazzinare merci (dedicate al consumatore) e riparare veicoli personali che la popolazione utilizza per muoversi e cioè per potere lavorare.
    Capirete ovviamente che qui ci potete perdere solo voi proletari che forse avete dimenticato di esserlo. Se smettete di lavorare l'unica cosa che potete fare è condannare alla fame voi stessi che vivete intasati nelle città e lontani da ogni mezzo di produzione primario e secondario (non a caso si parla di globalizzazione e assieme di deindustrializzazione).
    L'unica cosa che accadrebbe si vi metteste anche solo a protestare come facevate negli anni 60-70, del biennio rosso o ai tempi della guerra, sarebbe smettere di rifornire voi stessi e le vostre famiglie di beni di prima necessità, non siete più una popolazione produttiva in senso primario (figuriamoci, miniere chiuse, campagne deserte) ne in senso secondario (deindustrializzazione, negli USA c'è un'area chiamato RUST BELT non a caso), ma appunto siete una popolazione dedita ai SERVIZI, cioè al terziario.
    Vi è piaciuto il comunismo per questo ultimo secolo e mezzo? Ora ve la si fa pagare!
    Gaudente likes this.
    Io sono eterissimo, ma con un trans ci andrei se il suddetto fosse molto femminile ed ovviamente passivo.
    Quindi dipende uno cosa deve farci col trans
    Pestis nigra

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Feb 2017
    Messaggi
    3,750
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da ciano.scuro Visualizza Messaggio
    Eravate autosufficienti nelle campagne. Smettete pure di lavorare fondamentalmente sareste proprio voi quelli a cui mancherebbe di che vivere, non certo i più ricchi. Siete voi che avete bisogno di lavorare per arrivare alla fine del mese non solo acquistando, ma anche fornendo servizi. Chiudiamo supermercati, negozi di abbigliamento, di elettronica etc... Scommetto che chi ha ingenti patrimoni magari all'estero non avrà problemi a tirare avanti.
    L'Italia secondo i dati ISTAT è un paese principalmente composto da lavoratori del settore dei servizi, divisi in larghissima parte tra alloggio e ristorazione, trasporto e magazzinaggio, commercio all'ingrosso ed al dettaglio, riparazione autoveicoli e motocicli. Praticamente una popolazione di camerieri, lavoratori in strutture di albergazione, trasportatori, magazzinieri e negozianti. Sostanzialmente il lavoro principale degli italiani è rifornire gli italiani stessi di beni di prima necessità, cibo, abbigliamento, alloggi, più ovviamente coloro la cui occupazione è trasportare, immagazzinare merci (dedicate al consumatore) e riparare veicoli personali che la popolazione utilizza per muoversi e cioè per potere lavorare.
    Capirete ovviamente che qui ci potete perdere solo voi proletari che forse avete dimenticato di esserlo. Se smettete di lavorare l'unica cosa che potete fare è condannare alla fame voi stessi che vivete intasati nelle città e lontani da ogni mezzo di produzione primario e secondario (non a caso si parla di globalizzazione e assieme di deindustrializzazione).
    L'unica cosa che accadrebbe si vi metteste anche solo a protestare come facevate negli anni 60-70, del biennio rosso o ai tempi della guerra, sarebbe smettere di rifornire voi stessi e le vostre famiglie di beni di prima necessità, non siete più una popolazione produttiva in senso primario (figuriamoci, miniere chiuse, campagne deserte) ne in senso secondario (deindustrializzazione, negli USA c'è un'area chiamato RUST BELT non a caso), ma appunto siete una popolazione dedita ai SERVIZI, cioè al terziario.
    Vi è piaciuto il comunismo per questo ultimo secolo e mezzo? Ora ve la si fa pagare!
    questa è una sonora cazzata. chissà perchè tutti gli emigrati all'estero (me compreso) non hanno nessuna voglia di tornare. io sono pagato piu' che dignitosamente vivo una vita da alta borghesia che prima in quel paese di melma da dove provengo potevo solo sognare.
    e le mie skill non sono cambiate per il trasferimento in un'altro paese , sono solo state apprezzate e remunerate , nulla di piu'.
    AlleModena89 likes this.
    Federalismo , Socialismo , Multiculturalismo , Giustizia intransigente e manganellate. Semplice ricetta per un' Italia migliore.

  3. #23
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    3,204
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da 8hell8 Visualizza Messaggio
    questa è una sonora cazzata. chissà perchè tutti gli emigrati all'estero (me compreso) non hanno nessuna voglia di tornare. io sono pagato piu' che dignitosamente vivo una vita da alta borghesia che prima in quel paese di melma da dove provengo potevo solo sognare.
    e le mie skill non sono cambiate per il trasferimento in un'altro paese , sono solo state apprezzate e remunerate , nulla di piu'.
    Innanzitutto che tu racconti storie si vede già da questo, vivi una vita da alta borghesia? Ma a te pare davvero che essere un alto borghese significhi solo avere i soldi? O anche appartenere ad un ambiente culturalmente diverso la cui cultura appunto ne definisce la vita?
    Ma che ti pare che le classi sociali non esistono più? E soprattutto, ma tu chi sei per paragonarti a famiglie che sono nel benessere elevato da un paio di secoli più o meno? Ma sai che significa accumulare ricchezze? Quello che voi piccoli ometti ancora non avete potuto fare, anche perché quando abbiamo iniziato noi a fare i soldi lo stato non predava così. Parli di cose che non conosci, già è tanto se spazzi un camino tu.
    Ma che c'entra con quello che ho detto? Ma poi fammi capire, come si può paragonare il bacino di lavoro fornito da un solo paese ad un bacino che corrisponde a tutto un insieme di nazioni avanzate che accolgono voi raminghi?
    Ovvio che c'è posto se vi sparpagliate ai quattro angoli del globo. Tra l'altro gli italiani portano spesso attività italiane e sono molto attivi nel settore alimentare ad esempio, è ovvio che aprire una pizzeria o una gelateria in un paese che non è l'Italia è più facile, non ne hanno molte ed è un alimento famoso.

    Ripeto, io ti ho portato i dati ISTAT, se vuoi te li cerchi i dati, ma sono quelli.
    Il lavoro in Italia è principalmente piccola impresa, appunto nel settore dei servizi.
    Non ho capito perché rifiutate questo concetto.
    Ma poi spiegatevi, che significa che non si apprezzano le vostre skills? Sarete quello che sarete in una economia moderna siete i vostri propri datori di lavoro e la vostra rendita è il consumatore.
    Particolarmente il sud totalmente tagliato fuori dalla poca manifattura rimasta, il sud che vive solo di servizi essendo il primario deserto in tutta Italia ed in tutto l'Occidente. Il sud è in crisi profonda sta gente perde il lavoro.
    Ma la verità è anche che avete sottovalutato l'avvento delle tecnologie delle comunicazioni, ma vi pare che con Amazon e Zalando ed etc... Il negozio possa avere un futuro? E li sono già tantissimi posti di lavoro che se ne vanno e se ne andranno.
    Io sono eterissimo, ma con un trans ci andrei se il suddetto fosse molto femminile ed ovviamente passivo.
    Quindi dipende uno cosa deve farci col trans
    Pestis nigra

  4. #24
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Messaggi
    11,472
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da ciano.scuro Visualizza Messaggio
    Eravate autosufficienti nelle campagne. Smettete pure di lavorare fondamentalmente sareste proprio voi quelli a cui mancherebbe di che vivere, non certo i più ricchi. Siete voi che avete bisogno di lavorare per arrivare alla fine del mese non solo acquistando, ma anche fornendo servizi.
    La mia famiglia non è mai stata contadina, almeno non negli ultimi 500 anni.

    Comunque se confronti come vivevano quelli, la speranza di vita ecc. è meglio essere disoccupati che contadini.

    E infatti al sud quasi metà della popolazione si era inurbata a Napoli già nel XVII secolo. Ci sarà stato un motivo

  5. #25
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    3,204
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da Maximilian Visualizza Messaggio
    La mia famiglia non è mai stata contadina, almeno non negli ultimi 500 anni.

    Comunque se confronti come vivevano quelli, la speranza di vita ecc. è meglio essere disoccupati che contadini.

    E infatti al sud quasi metà della popolazione si era inurbata a Napoli già nel XVII secolo. Ci sarà stato un motivo
    https://anu.prezly.com/redefining-kn...ghout-history#


    È una sciocchezza abbastanza diffusa la tua. Il sito dell'Australia National University. 70 anni. Vite tradizionali.
    Io sono eterissimo, ma con un trans ci andrei se il suddetto fosse molto femminile ed ovviamente passivo.
    Quindi dipende uno cosa deve farci col trans
    Pestis nigra

  6. #26
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Messaggi
    11,472
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da ciano.scuro Visualizza Messaggio
    https://anu.prezly.com/redefining-kn...ghout-history#


    È una sciocchezza abbastanza diffusa la tua. Il sito dell'Australia National University. 70 anni. Vite tradizionali.
    La mortalità infantile rientra appieno nel discorso.

    Comunque quello di cui parli è un processo storico inevitabile iniziato con la Rivoluzione Industriale, non c'entra nulla l'ideologia. Nessuno vuole fare il contadino se ha altre prospettive, semmai emigra

  7. #27
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    3,204
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da Maximilian Visualizza Messaggio
    La mortalità infantile rientra appieno nel discorso.

    Comunque quello di cui parli è un processo storico inevitabile iniziato con la Rivoluzione Industriale, non c'entra nulla l'ideologia. Nessuno vuole fare il contadino se ha altre prospettive, semmai emigra
    Qual'é il tuo mestiere ideale?
    Io sono eterissimo, ma con un trans ci andrei se il suddetto fosse molto femminile ed ovviamente passivo.
    Quindi dipende uno cosa deve farci col trans
    Pestis nigra

  8. #28
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Messaggi
    11,472
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da ciano.scuro Visualizza Messaggio
    Qual'é il tuo mestiere ideale?
    Questo cosa c'entra?

  9. #29
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    3,204
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da Maximilian Visualizza Messaggio
    Questo cosa c'entra?
    Tu dillo. Scusa che problema c'è? Ne avrai uno. Si semplicemente sincero.
    Io sono eterissimo, ma con un trans ci andrei se il suddetto fosse molto femminile ed ovviamente passivo.
    Quindi dipende uno cosa deve farci col trans
    Pestis nigra

  10. #30
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Messaggi
    11,472
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia: enorme divario tra ricchi e poveri, soprattutto al Sud.

    Citazione Originariamente Scritto da ciano.scuro Visualizza Messaggio
    Tu dillo. Scusa che problema c'è? Ne avrai uno. Si semplicemente sincero.
    Pubblicista

 

 
Pagina 3 di 5 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 77
    Ultimo Messaggio: 12-05-19, 13:56
  2. Italia 2017: i ricchi sempre più ricchi, i poveri sempre più poveri
    Di Josef Scveik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 15-07-17, 13:08
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-12-14, 16:46
  4. Ocse: in Italia aumenta divario tra ricchi e poveri
    Di Ludis nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 03-05-11, 22:39
  5. E' di 130 volte il divario tra ricchi e poveri
    Di 22Ottobre nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 14-08-07, 15:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226