User Tag List

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 22
Like Tree5Likes

Discussione: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

  1. #11
    Epicureo
    Data Registrazione
    09 Jun 2019
    Località
    Liguria/Basso Piemonte
    Messaggi
    4,026
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Citazione Originariamente Scritto da baba Visualizza Messaggio
    in fronte non credo forse sul sedere...

    comunque per la tradizione indiana tre cose il praticante può guardare ma non toccare: Dio, il Guru e le prostitute
    Azz... Ecco perché non sono hindu... Però sono ascetico dentro
    E tenebris tantis tam clarum extollere lumen / qui primus potuisti inlustrans commoda vitae, / te sequor [Epicurus], o Graiae gentis decus, inque tuis nunc / ficta pedum pono pressis vestigia signis. - Lucretius, De rerum natura

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    Forumista
    Data Registrazione
    02 Feb 2010
    Messaggi
    946
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    infatti ho usato tradizione e non religione, praticante invece di credente, conoscendoti...

    ps. su Siddhartha non sei un pochino in ritardo, diciamo di almeno cinque decadi?
    Così lontano mi spinsi che la via del ritorno smarrii.

  3. #13
    Epicureo
    Data Registrazione
    09 Jun 2019
    Località
    Liguria/Basso Piemonte
    Messaggi
    4,026
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Citazione Originariamente Scritto da baba Visualizza Messaggio
    infatti ho usato tradizione e non religione, praticante invece di credente, conoscendoti...

    ps. su Siddhartha non sei un pochino in ritardo, diciamo di almeno cinque decadi?
    Il mio stile è vecchio come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore

    In realtà sono un vittoriano nato 1 secolo dopo
    E tenebris tantis tam clarum extollere lumen / qui primus potuisti inlustrans commoda vitae, / te sequor [Epicurus], o Graiae gentis decus, inque tuis nunc / ficta pedum pono pressis vestigia signis. - Lucretius, De rerum natura

  4. #14
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Aug 2009
    Messaggi
    1,234
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Citazione Originariamente Scritto da baba Visualizza Messaggio
    infatti ho usato tradizione e non religione, praticante invece di credente, conoscendoti...

    ps. su Siddhartha non sei un pochino in ritardo, diciamo di almeno cinque decadi?
    Per lo meno non ha postato il capitolo finale de Il Gabbiano Jonathan Livingston.
    Ucci Do likes this.
    *
    Chi vuol non ha,
    chi sa non può,
    chi nè vuol nè sa tutt' ha e può.

  5. #15
    Epicureo
    Data Registrazione
    09 Jun 2019
    Località
    Liguria/Basso Piemonte
    Messaggi
    4,026
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Citazione Originariamente Scritto da Z4rdoz Visualizza Messaggio
    Per lo meno non ha postato il capitolo finale de Il Gabbiano Jonathan Livingston.
    Mai letto.

    Comunque ricorda che chi dice ho il nirvana non possiede il nirvana
    E tenebris tantis tam clarum extollere lumen / qui primus potuisti inlustrans commoda vitae, / te sequor [Epicurus], o Graiae gentis decus, inque tuis nunc / ficta pedum pono pressis vestigia signis. - Lucretius, De rerum natura

  6. #16
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Aug 2009
    Messaggi
    1,234
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Citazione Originariamente Scritto da Herr Doktor Visualizza Messaggio
    Mai letto.

    Comunque ricorda che chi dice ho il nirvana non possiede il nirvana
    Avere esperienza del Nirvana non significa possederlo, ma non significa nemmeno che non lo si possa comunicare, altrimenti tutta l'esperienza del Buddha è tutta aria fritta.
    Non ti devi impressionare se questa comunicazione avviene in un forum, anzi dovresti rallegrarti perché significa che anche alle nostre latitudini questa esperienza è possibile farla e raccontarla.
    Evidentemente se noi conosciamo l'esistenza di uno stato di beatitudine e appagamento è perché Buddha l'ha comunicato.
    Tutti i Maestri hanno comunicato l'esistenza di uno stato particolare che un essere umano può sperimentare.
    Chiamalo Nirvana, Regno dei Cieli, Samadhi, anche se gli cambi nome non si cambia ciò che E'.
    Quest'enfasi su cosa sia questo stato sta tutto nelle aspettative che ha la nostra mente sull'argomento.
    Se osservi attentamente un bambino appena nato attaccato al seno di sua madre noterai che quel bimbo è in pieno Nirvana. Ovviamente non te lo potrà comunicare, ma non significa che tu non lo possa percepire...
    *
    Chi vuol non ha,
    chi sa non può,
    chi nè vuol nè sa tutt' ha e può.

  7. #17
    Epicureo
    Data Registrazione
    09 Jun 2019
    Località
    Liguria/Basso Piemonte
    Messaggi
    4,026
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    non c'è bene e non c'è male, non c'è male e non c'è bene.

    E tenebris tantis tam clarum extollere lumen / qui primus potuisti inlustrans commoda vitae, / te sequor [Epicurus], o Graiae gentis decus, inque tuis nunc / ficta pedum pono pressis vestigia signis. - Lucretius, De rerum natura

  8. #18
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Aug 2009
    Messaggi
    1,234
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Sappiamo bene il motivo per cui Hermann Hesse scrisse Siddhartha: desiderava sentire una Pace Interiore. Ha identificato la sete di questo famoso principe con la sua di sete, quella dell'anima che può cogliere ogni essere umano nel corso della propria esistenza.
    Ecco perchè questa storia ci ha affascinato e ci affascina. E' la storia di molti esseri umani.
    Tuttavia in questa vicenda c'è qualcosa che avrebbe dovuto farci riflettere.
    C'è qualcosa che non può passare inosservato.
    C'è qualcosa che ci dovrebbe far dire:"Com'è possibile?"
    Siddhartha nasce che sapeva già parlare e camminare e annuncia a tutti i presenti: "Sono nato per conseguire l'illuminazione."
    Perbacco! Sapeva esattamente qual'era la sua "mission" in questa vita, peccato che poi se l'è completamenta dimenticata.
    E' stato per vent'anni a bighellonare nella reggia del padre, forse senza accorgersene ha praticato il vuoto mentale, com'è possibile che si sia dimenticato ?...

    Questo è un grande insegnamento che poi è in linea con quello che hanno detto tutti i Maestri: "Se non riacquistiamo la nostra innocenza, la nostra semplicità, la nostra chiarezza, quella che avevamo da bambini,
    non potremo avere nessuna possibilità di accenderci e di sperimentare questa Pace Interiore."

    Sappiamo bene come è andata a finire. Siddhartha ha fatto un lungo percorso di pulizia perché i suoi occhi e le sue orecchie avessero la capacità di ascoltare la Verità detta da un barcaiolo.
    Probabilmente, sulla riva di quel fiume, è tornato quel bambino...
    *
    Chi vuol non ha,
    chi sa non può,
    chi nè vuol nè sa tutt' ha e può.

  9. #19
    Epicureo
    Data Registrazione
    09 Jun 2019
    Località
    Liguria/Basso Piemonte
    Messaggi
    4,026
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Poi per "essere buddhisti" basta seguire l'ottuplice sentiero e meditare. Se vuoi ufficializzare vai da un monaco qualsiasi e prendi rifugio nei 3 gioielli, Buddha, Dharma e Sangha
    E tenebris tantis tam clarum extollere lumen / qui primus potuisti inlustrans commoda vitae, / te sequor [Epicurus], o Graiae gentis decus, inque tuis nunc / ficta pedum pono pressis vestigia signis. - Lucretius, De rerum natura

  10. #20
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Aug 2009
    Messaggi
    1,234
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siddhartha di Hermann Hesse: il capitolo finale

    Citazione Originariamente Scritto da Herr Doktor Visualizza Messaggio
    Poi per "essere buddhisti" basta seguire l'ottuplice sentiero e meditare. Se vuoi ufficializzare vai da un monaco qualsiasi e prendi rifugio nei 3 gioielli, Buddha, Dharma e Sangha
    Ucci Do, anni fa, postò un documentario di Herzog sul pelligrinaggio dei monaci buddhisti verso il famoso albero dove meditò Buddha.
    Si vedono queste persone che percorrono il lungo tragitto prostrandosi a terra ad ogni passo, toccano il terreno con la fronte, per chilometri e chilometri.
    C'era questo monaco che arrivando alla mèta con la fronte sanguinante si vedeva bene che era stra-felice.

    Suppongo che "essere buddhisti" voglia dire "essere felici" e che questa "felicità", completa e senza fine, sia la massima aspirazione per un essere umano.
    Questo vale per qualsiasi Tradizione/Religione che uno voglia seguire.
    Un Cattolico mi ha confidato che ha fatto questo pellegrinaggio a piedi verso Santiago di Compostela e quando è arrivato alla Cattedrale ha pianto di felicità come un bambino.

    Ma Buddha ci ha detto che la strada che porta alla Felicità non esiste in quanto la strada è già la felicità.
    Dovremmo riflettere sul significato profondo di questa Verità, ovvero che qualsiasi strada che ognuno di noi voglia intraprendere ha GIA' una Felicità disponibile, completa e senza fine.
    Non ha importanza su quale strada siamo : buddista, cristiana, indù, mussulmana, taoista...per realizzare che potremmo essere GIA' felici.
    Il fatto paradossale è che questa cosa tutti noi l'abbiamo già sperimentata: quando siamo andati all'appuntamento con la persona amata durante il viaggio eravamo già innamorati, non ci siamo innamorati quando all'arrivo l'abbiamo abbracciata.
    Quindi cari buddhisti sappiate che potete sperimentare il Cristo, come un Cristiano può sperimentare il Buddha.
    Distruggere la dualità Maestro/Discepolo è l'ultimo passo da compiere.
    *
    Chi vuol non ha,
    chi sa non può,
    chi nè vuol nè sa tutt' ha e può.

 

 
Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Avete letto Hermann Hesse?
    Di Florian nel forum Fondoscala
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 04-08-14, 00:19
  2. ich nur in MacDonald hesse
    Di Mike Suburro nel forum Fondoscala
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 16-09-12, 22:05
  3. I desaparaceidos: capitolo finale
    Di Nicola bis nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 30-08-08, 13:36
  4. I desaparaceidos: capitolo finale
    Di Nicola bis nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 30-08-08, 13:13
  5. Hermann Hesse
    Di Genyo nel forum Hdemia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-07-06, 07:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226