User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 62
Like Tree46Likes

Discussione: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    16,213
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    https://www.maurizioblondet.it/brexit-sovranita-e-teoria-monetaria-moderna/

    BREXIT, SOVRANITA’ E TEORIA MONETARIA MODERNA.

    Maurizio Blondet 10 Febbraio 2020



    di Roberto PECCHIOLI

    E se la Brexit fosse un toccasana per l’Inghilterra? E’ quel che teme l’eurogarchia a Bruxelles. Finora sembra proprio così: economia più fiorente, il controllo delle frontiere, una libertà d’azione che la gabbia degli eurocrati non consente. La moneta propria era stata già conservata, la vecchia sterlina della Banca d’Inghilterra fondata dopo la “gloriosa rivoluzione” alla fine del XVII secolo.

    Pazienza se torna qualche convulsione scozzese: a nord del vallo di Adriano chiedono l’indipendenza per diventare dipendenti di Bruxelles. Il mondialismo odia gli Stati nazionali forti, promuove il secessionismo di piccole nazioni senza Stato. E’ così anche in Spagna, con l’indipendentismo catalano che vuole staccarsi da Madrid per attaccarsi di più all’Unione Europea.

    Intanto, non se ne può più di menzogne, attacchi, ironie e sarcasmi degli europoidi installati nelle maggiori redazioni e nelle università che fanno opinione e, purtroppo, scienza creduta. La prima obiezione che muoviamo loro è l’incomprensione – meglio la tenace negazione – dei sistemi monetari postmoderni fiat. In più, ci annoiano sino all’estenuazione raccontandoci con una lacrimuccia alla Pierrot su quanto siano anti solidali gli inglesi e quanto pagheranno cara l’uscita dal paradiso europeo.

    Si sbagliano, i prezzolati camerieri del sistema. Nel Regno Unito le cose vanno piuttosto bene, in economia, e probabilmente miglioreranno ancora. Hanno la sovranità monetaria, aumenteranno il salario minimo e presto abbandoneranno l’austerità del bilancio, quell’immonda regola del pareggio che ci hanno costretto a inserire nella costituzione. Peggio per noi dell’Europa mediterranea, Italia, Spagna e Francia. Il modello mercantilista iper esportatore tedesco è in crisi.

    Le banche tedesche reggeranno se faremo l’errore di approvare il Mes, Meccanismo Europeo di Solidarietà, costruito per distruggere gli ultimi pezzi di sovranità finanziaria e di spesa degli Stati “canaglia” dell’Europa meridionale e, di passaggio, trasferire il nostro denaro ai virtuosi dell’Europa a trazione germanica.

    L’ ennesima invenzione è il falso New Deal verde presentato qualche settimana fa dalla Commissione europea. Si tratta di un imbroglio favorito dalle “virtuose” discussioni sul clima e dalla diffusione del Greta-pensiero, destinato a favorire una nuova estrazione di redditi privati europei, con il pretesto di salvaguardare l’ambiente, il cui unico beneficiario sarà il settore industriale tedesco con i suoi satelliti dell’Europa Orientale, l’eldorado del lavoro a basso costo con manodopera e tecnici d’eccellenza.

    Sorprende che non reagiscano le élite dei paesi mediterranei, donatori di sangue silenziosi di un modello di crescita economica (altrui) dannoso anche alla salute. Tutto in nome di un europeismo falso come l’oro di Bologna che diventava rosso per la vergogna.

    Nel Regno Unito mantengono la loro sterlina, Boris Johnson, l’odiato nemico dell’Unione Europea, aumenterà i salari minimi e abbandonerà l’austerità di bilancio imposta dall’ordoliberismo. Ci si dovrebbe attendere una reazione, un cambio di direzione, quanto meno la discussione di bilanci più equilibrati a favore dei cittadini. Silenzio o retorica europeista creduta ormai solo dagli sciocchi e dalle classi alte.

    Ripetiamo per l’ennesima volta una ricetta molto semplice: i governi che emettono le loro valute non hanno problemi a finanziare ragionevolmente la spesa e non possono rimanere senza denaro. Il culto del rigore, rectius della scarsità di moneta, dogma fallimentare del monetarismo di Milton Friedman, pilastro del cosiddetto Washington Consensus, deriva da una logica stravecchia tramontata a Bretton Woods, seppellita definitivamente nel 1971, il modello fondato sulla convertibilità in oro.

    Il monetarismo ideologico si infrange sui sistemi monetari fiat moderni, ossia la creazione del nulla del denaro virtuale, come hanno dimostrato anni di quantitative easing, miliardi creati con un clic sul server centrale di Francoforte, che la Banca Centrale Europeo ha girato non ai governi o al sistema economico, ma alle banche commerciali.

    Il Regno Unito post Brexit può diventare la prova inconfutabile dell’insostenibilità a lungo termine del modello tedesco e della distopia dell’euro, la moneta posseduta da una banca privata che non fa la banca centrale – non è prestatrice di ultima istanza e non emette titoli propri– e soprattutto, rappresenta economie, sistemi e Stati tanto diversi, un sistema soffocante di cambi fissi.

    Il Regno Unito ha sovranità monetaria, una banca centrale che comprende il carattere endogeno del denaro- ovvero che è una creazione del sistema- e capisce le moderne teorie monetarie. In più, il governo di Boris Johnson intende rimuovere la camicia di forza dell’austerità di bilancio.

    Ha preso atto dell’importanza del principio della domanda effettiva, e aumenterà la spesa pubblica nella sanità e nell’istruzione. Il salario minimo salirà in modo significativo. Che pericoloso bolscevico il conservatore BoJo!

    I politici dell’Europa mediterranea chiudono gli occhi, specie in Italia e Francia. Compressione delle spese, bassi salari, previdenza al ribasso, lavorio precario e malpagato, sanità sempre più cara. Per queste politiche antipopolari ricevono il soccorso inestimabile di economisti e prestigiosi uffici studi, la cui conclusione è invariabilmente che l’aumento del salario minimo genera disoccupazione.

    Falso. Con una curva matematica empirica non è difficile dimostrare che non vi è un rapporto negativo tra il livello del salario reale e la domanda di manodopera delle aziende, una volta controllato il debito privato. E’ invece un fatto che l’UE non persegua né la piena occupazione né la giusta retribuzione dei lavoratori, giacché utilizza un indicatore di bilancio, il NAIRU, (Not Accelerating Inflation Rate of Unemployment), volto a individuare il tasso di disoccupazione da mantenere ad inflazione stabile.

    Promuove cioè la disoccupazione in nome della magica “stabilita”, ovvero la scarsità di denaro circolante, obiettivo statutario della BCE iscritto nei trattati dell’Unione, l’istituzionalizzazione del dominio dei sedicenti creditori sui debitori, i popoli! A Bruxelles non vogliono capire: d’altronde il loro compito è eseguire gli ordini della finanza internazionale.

    L’ Unione monetaria europea è un sistema difettoso fin dalle origini. Venne imposta ignorando obiezioni e raccomandazioni dei rapporti Werner (1970) e Mac Dougall (1977), in cui si avvertiva della necessità di un sistema di imposte “federale” e del pericolo di lasciare tutto nelle mani di una banca centrale indipendente da Stati e governi, e stabilire, in tale contesto, un insostenibile cambio fisso.

    Tutto questo è stato dimostrato dalla Grande Recessione nel 2008. Dall’inizio della crisi, erano possibili soluzioni più eque ed efficienti di quelle messe in opera. Ma la politica tace, quando è al servizio di chi sta più in alto, l’oligarchia globale. Esisteva un percorso alternativo, la cancellazione dei debiti e meno austerità, ma non è stato mai preso in considerazione.

    Il debito è stato usato come grimaldello per stringere l’ordine economico neoliberista. Un’ alternativa avrebbe contribuito a preservare il modello sociale europeo e cambiato l’agenda neoliberista. Le conseguenze le conosciamo, qualche paese, come Grecia, Portogallo, Italia le sente sanguinare sulla pelle, ma a Bruxelles vanno avanti, di vittoria in vittoria, fino alla sconfitta finale.

    Lamentarsi, tuttavia, serve a poco, come poco vale aver detto la verità con anticipo. Bisogna proporre soluzioni, a partire dall’evidenza che sovranismo e liberismo non possono coesistere. Noi scegliamo il primo, invitando le forze che si riconoscono nell’idea di sovranità a prendere atto che il primo macigno da cui occorre liberarsi è la dipendenza dall’emissione monetaria privata.

    Poco varrebbe anche l’uscita dall’euro, se la lira restasse in mano a una banca privata con soci esteri, quale è oggi la Banca d’Italia. Esistono diverse teorie economiche fondate sulla sovranità e proprietà pubblica della moneta. In Italia, è nota la scuola che fa riferimento a Giacinto Auriti e alla sua teoria della proprietà popolare della moneta.

    Negli ultimi decenni, tuttavia, si è assai diffusa una scuola chiamata Teoria Monetaria Moderna, o MMT (Modern Money Teory). E’ una teoria post keynesiana, convinta che l’obiettivo centrale degli Stati sia garantire la piena occupazione attraverso l’emissione sovrana della moneta, accompagnata da una tassazione redistributiva e da una politica di spesa finanziata dai titoli di Stato.

    Criticati ferocemente dal mainstream, avversati dalle cupole finanziarie e dai loro terminali accademici e politici, gli economisti della MMT hanno però fatto molta strada, tanto che le loro idee sono entrate nella campagna elettorale negli Usa. La candidatura di Bernie Sanders è osteggiata dall’apparato di potere del Partito Democratico proprio in quanto favorevole alla MMT. Vale quindi la pena conoscerla meglio.

    Cambiare è urgente e indispensabile; non si possono più utilizzare le ricette fallite da anni che hanno portato povertà, precarietà, disoccupazione e ingiustizie inammissibili. Non si può affrontare un problema con i mezzi e l’approccio culturale che lo hanno generato.

    Non tutte le questioni economiche e sociali derivano dalla mancanza di sovranità monetaria statale, ma il suo recupero è la condizione preliminare per affrontarli. Il fronte sovranista deve esprimere un suo modello economico, sviluppare un pensiero antiliberista. Resistono, se i termini hanno ancora un senso, una destra e una sinistra antiglobalisti.

    Il sovranismo di destra finirà nel nulla se continuerà a credere in ricette economiche liberiste, così come la sinistra non può ignorare la dimensione comunitaria, etica, identitaria che deve sostenere un progetto alternativo.

    Non esprimiamo giudizi sulla MMT, ma prendiamo atto che ha scosso il mondo accademico. Ne hanno parlato liberisti di ferro come i banchieri Christine Lagarde e Mario Draghi, è inserita nel programma di esponenti politici americani e, in Italia, da un settore del Movimento Cinque Stelle, in particolare da Gianluigi Paragone.

    La MMT affonda le radici nel “cartalismo” del secolo scorso, la concezione per cui la moneta serve agli Stati per indirizzare l’economia. Non è quindi neutra, un semplice strumento di misura, come sostiene l’approccio classico. I principi basilari della MMT sono la natura pubblica dell’emissione monetaria, l’importanza del sistema fiscale, la redistribuzione del reddito e il perseguimento della piena occupazione.

    Lo Stato prima crea la moneta contabile, quindi impone delle tasse modulate allo scopo di spingere la domanda. Le imposte devono fornire margine di manovra per una spesa pubblica equilibrata, che accetti una moderata inflazione e si ponga obiettivi a lungo termine (infrastrutture, scuole, sanità, eccetera), da realizzare a debito, con la formula dell’emissione di titoli di Stato. La recessione viene spiegata con la carenza di domanda interna, un elemento che caratterizza l’Europa da almeno quindici anni, da contrastare con la spesa pubblica e la creazione di liquidità.

    In caso di inflazione eccessiva, si agisce attraverso la leva fiscale, orientata a sottrarre denaro dalla circolazione. La condizione preliminare della MMT è che lo Stato si riappropri della sovranità monetaria ceduta alle banche. I paesi che possono emettere moneta sono liberi da vincoli di bilancio esterni, definiti o imposti dal sistema finanziario privato. Altro principio chiave della MMT è quello dello Stato “datore di lavoro di ultima istanza”.

    Il capitalismo lasciato a se stesso, agli spiriti animali (Keynes) e alla distruzione creatrice (Schumpeter) non è interessato al pieno impiego. Vuole debitori, servi precari e consumatori a credito. Lo Stato, attraverso programmi mirati, (conservazione dei beni culturali, del territorio, ricerca scientifica nei settori cruciali dell’ecologia, dell’energia e dell’innovazione) può fornire lavoro non assistenziale utile alla comunità.

    Warren Mosler, uno degli economisti di punta della MMT, ha rovesciato il paradigma dominante degli ultimi decenni con la sua idea del deficit pubblico. È lo Stato a dover prima spendere, altrimenti per i cittadini non vi saranno mezzi con cui pagare le tasse o comprare titoli del debito pubblico.

    Si sottrae così la giustificazione più grande alla politica di austerità, l’idea che le cose non si possono fare perché “non ci sono soldi”. Uno Stato che recupera la sovranità monetaria ed emette titoli di debito pubblico nella sua valuta non rischia il fallimento.

    Occorre un doppio cambio di paradigma, che si accetti la MMT o si ritengano più fondate altre teorie sulla emissione pubblica della moneta. Va cambiato il modello economico culturalmente dominante, il monetarismo sorto alla fine degli anni Settanta del XX secolo. Il mondo cambia a velocità crescente: non può organizzarsi attorno a un’ideologia vecchia di oltre quarant’anni, il cui esito è sotto gli occhi di chiunque voglia guardare.

    La rivolta c’è, possiede alcune idee-forza e ha capito il fallimento di élite divenute oligarchie autoreferenziali. Secondo un altro padre della MMT, Bill Mitchell, recentemente intervenuto in Italia, è lo stesso sistema bancario a chiedere agli Stati di riprendere in mano la politica fiscale per politiche espansive, ovvero in deficit. L’esempio giapponese è la prova della fallacia monetarista. Il rapporto deficit/PIL è del 250 per cento, il doppio dell’Italia, ma l’economia è in salute e ha contraddetto gli economisti che ne profetizzavano l’implosione.

    L’altro paradigma da ribaltare è quello della decadenza degli Stati nazionali. Ci hanno detto che serve un governo mondiale, la globalizzazione e il mondialismo sono il destino inevitabile e non vi è alternativa alla situazione corrente. E’ la menzogna più grande, a cui dobbiamo opporre l’idea di Stato, un’istituzione di cui è dimostrata la necessità e la convenienza economica.

    Sovranità significa avere in tasca le chiavi di casa e innanzitutto della cassaforte. Il problema è che bisogna credere nello Stato, restituire dignità all’idea di appartenenza, al concetto di comunità etica che si organizza attorno al desiderio di un futuro comune. Tornare Italia, Stato, popolo, nazione.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Antisomarista
    Data Registrazione
    23 Jun 2016
    Messaggi
    9,560
    Mentioned
    125 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Quest'articolo è un concentrato della peggiore propaganda ignorante su brexit ed economia monetaria.

  3. #3
    socialdemocratico di m
    Data Registrazione
    21 Aug 2013
    Località
    tra la Ghisolfa e il West
    Messaggi
    41,731
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    248 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    ma non mi avevate detto che il Regno Unito resta fino a dicembre?
    The poundin' of the drums, the pride and disgrace,
    You can bury your dead, but don't leave a trace,
    Hate your next door neighbor, but don't forget to say grace,.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Dec 2012
    Messaggi
    9,405
    Mentioned
    30 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Cacchio..la GB avrà un futuro eccezionale quando uscirà dalla UE col no-deal e potrà finalmente commerciare con 164 paesi secondo i dazi e le quote importa dal WTO!

    Meno male che ci sono i coglioni sovranisti che parlano di cose che manco capiscono
    Saturno likes this.
    Mai stato "di sinistra". E' solo che odio gli idioti

  5. #5
    Controinformazione-Anonym
    Data Registrazione
    28 Dec 2018
    Località
    Samarcanda
    Messaggi
    2,898
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Citazione Originariamente Scritto da Saturno Visualizza Messaggio
    Quest'articolo è un concentrato della peggiore propaganda ignorante su brexit ed economia monetaria.
    Saturno.. escludi mauam dai tui possibili like.. mi infastidisce chi è al servizio del Demonio!

    Economia monetaria è per antonomasia un UK che chiude i rubinetti all UE .... questa a casa mia ed anche tua si definisce economia.. Apertisssimo ad ogni possibile approfondimento.

    UE con dazi contro UK? gia..ma dall africa i dazi non esistono per le importazioni delle multinazionali criminali UE... allora tutto finisce in un macabro gioco di forze: UK resiste? venderà e comprerà da TUTTI fuorchè dall UE.... tanto ai maiali a capo dell UE non importa se l' economia europea affossa... i maiali ricatteranno al prezzo esiziale del sangue delle popolazioni europee...perchè non le considerano proprie, ma merce da sfruttare ad proprio uso e consumo... le care elite....
    Halfshadow and Indra88 like this.
    Coronavirus-soluzione: Quarantena reale, estrema! Trasporto di viveri davanti casa dall esercito. Involucri acquisti - imballaggi disinfettati. Come uscire dall Unione europea e dall Euro

  6. #6
    Controinformazione-Anonym
    Data Registrazione
    28 Dec 2018
    Località
    Samarcanda
    Messaggi
    2,898
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Citazione Originariamente Scritto da Ugo2000 Visualizza Messaggio
    Cacchio..la GB avrà un futuro eccezionale quando uscirà dalla UE col no-deal e potrà finalmente commerciare con 164 paesi secondo i dazi e le quote importa dal WTO!

    Meno male che ci sono i coglioni sovranisti che parlano di cose che manco capiscono
    I sovranisti capiscono.. e tu che non conosci la lunghissima lista dei benefit risultanti dall uscita dall UE .. capisci?

    E non dire le paroline..che i governi europei democratici hanno previsto protezione sociale, che la EU ha letteralmente tagliato. I sovranisti non sono coglioni, coglione è chi appoggia un sistema che distrugge gli stati sovrani e non offre democrazia... contieniti e se non capisci chiedi!
    Coronavirus-soluzione: Quarantena reale, estrema! Trasporto di viveri davanti casa dall esercito. Involucri acquisti - imballaggi disinfettati. Come uscire dall Unione europea e dall Euro

  7. #7
    Drugrillo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    40,219
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    391 Post(s)
    Tagged
    51 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Mah per ora UK, nel senso la Borsa di Londra, la sterlina e i profitti dei capitalisti, vanno bene, non perchè UK sia uscita dalla UE, chè intanto, almeno fino a dicembre continuano a rispettare le stesse regole commerciali di prima, quanto perchè ha perso Corbyn, un vero socialista che prometteva/minacciava patrimoniali e tasse sul capitale in generale oltre che una contrattualistica del lavoro meno liberista...

    Poi l'idea di Borigionson di trasformare UK nella Singapore sul Tamigi o nella City del mondo cioè un tana libera tutti senza rispettare gli standard sulla qualità dei prodotti, il principio di precauzione su farmaci e alimenti, un'accoglienza cinica ad ogni capitale russo, cinese, indiano, arabo, mafioso che sia non potrà non incontrare l'opposizione della UE...

    la Germania non vorrebbe uno scontro totale no deal perchè teme ulteriori ripercussioni sul suo export ma:
    1)questa impostazione mentale che pensa solo agli affari e non alla politica cozza con gli altri paesi, Francia in testa, che invece sono molti "politici" e non ne vogliono sapere di trattare ancora Londra da partner una volta uscita
    2)la Germania, col sul bassissimo debito/PIL ha immensi margini di manovra, per almeno 10-12 anni, per compensare eventuali perdite da un no deal con ipotetica cortina di ferro commerciale sul mare del Nord
    3)la teoria dei giochi, se UK che esce non viene punita, altri, a partire dall'Italia o dalla Polonia/Ungheria, potrebbero alzare la cresta

    senza contare che...
    a differenza della WWII (perchè vedo alcuni soggetti fare il paragione fra Johson e Churchill....) ora UK non ha alleati, non è la germania sola contro tutti come nel '45 ma semmai il contrario...
    gli USA perseguono un altro obiettivo, destabilizzare il mondo per dominarlo militarmente e riportare a casa la manifattura...
    UK vuole essere l'amico del mondo per portare a casa manifattura e capitali, di tutti, e non intende perseguire una logica di potenza mondiale, tutto il contrario
    sono obiettivi che non collimano e già Trump si è espresso furibondo contro una pur limitata presenza (ma strutturale) dei cinesi nella rete 5g in UK autorizzata da Johson...

    quindi come finirà?
    che alla fine la strategia di Johson si avviterà su se stessa, il suo governo andrà in crisi, ci saranno elezioni anticipate e UK tornerà membro permanente in UE, come prima
    sempre che prima l'Ulster e la Scozia non dichiarino la propria indipendenza...

    ultima cosa, basta con sto liberismo e sto sovranismo, pure l'autore di contraddice quando scrive che serve o il liberismo o il sovranismo...beh l'idea di Borigionson invece è proprio quella del sovranismo liberista...
    allora?
    la differenza è fra produzione e rendita, gli immobilisti che bloccano i capitali e i circolazionisti che li fanno girare, reddito contro rendita, quella è la discriminante fra chi cresce in economia e chi deperisce
    e l'Italia, che da decenni ha deciso di tassare i redditi invece dei patrimoni, sta deperendo, quello è il motivo, tutto il resto è secondario.
    Salvini, finto sovranista e vero neocon (sionista, americanista, ricchista)
    Maduro ce l'ha duro e ve lo mett'ar culo!

  8. #8
    Fantasma-Anonymous
    Data Registrazione
    18 Oct 2019
    Messaggi
    83
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Gli UK sono già un mezzo paradiso fiscale... UK fuori... sarà una corsa tra aziende a portare le proprie sedi legali negli uK .. in Irlanda già accade. (me lo dice Boris)
    Halfshadow and Indra88 like this.

  9. #9
    Drugrillo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    40,219
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    391 Post(s)
    Tagged
    51 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Citazione Originariamente Scritto da Fantasma Visualizza Messaggio
    Gli UK sono già un mezzo paradiso fiscale... UK fuori... sarà una corsa tra aziende a portare le proprie sedi legali negli uK .. in Irlanda già accade. (me lo dice Boris)
    sì ma se lo fanno i paesi UE è un conto, aumenta il loro PIL e di conseguenza la percentuale che devono mettere per il budget UE, se lo fa un altro diventa un concorrente...
    come se lo facessero i panamensi o gli angolani...
    Salvini, finto sovranista e vero neocon (sionista, americanista, ricchista)
    Maduro ce l'ha duro e ve lo mett'ar culo!

  10. #10
    vae victis
    Data Registrazione
    23 Sep 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    100,067
    Mentioned
    4521 Post(s)
    Tagged
    147 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit, sovranita’ e teoria monetaria moderna.

    Solito articolo molto confusionario specialmente quando parla di moneta.In UK hanno moneta sovrana quindi nulla a che vedere con il pastrocchio eurista che è un troiaio unico al mondo,ma non fanno politiche monetarie o di bilancio eterodosse o strampalate ,la BoE nonostante sia di proprietà del governo britannico e sia sottoposta ai voleri e ai poteri del parlameno del UK è in regime di inflation targeting, non monetizza i deficit ed il governo ha posto in essere politiche di bilancio in deficit durante la grave recessione ma da qualche anno sta riducendo il debito pubblico,nessuno in UK pensa che se hai moneta sovrana puoi indebitarti all'infinito.Nulla a che vedere insomma con quello che scrivono sui social molti promotori della moneta sovrana e dei complotti del signoraggio o similari.

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-07-15, 23:05
  2. Le assurdità della Teoria Monetaria Moderna
    Di Mister Libertarian nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-03-14, 15:44
  3. Teoria Monetaria Moderna
    Di Hermes nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-11-12, 16:26
  4. Sovranità Nazionale e Sovranità monetaria
    Di Stan Ruinas nel forum Destra Radicale
    Risposte: 187
    Ultimo Messaggio: 30-10-07, 15:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226