User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito la funzione della scuola

    ComeDonChisciotte - LA FUNZIONE DELLA SCUOLA

    DI SOLANGE MANFREDI
    paolofranceschetti.blogspot.com

    Con l’inizio dell’anno scolastico l’istruzione in Italia è stata argomento di numerosi articoli.
    Si è parlato del problema dei precari, della riforma, ma poco della reale funzione della scuola.

    Iniziamo subito con il dire che si deve uscire dall’illusione che la scuola operi per il bene e la crescita della persona. Niente di più falso. L’istruzione ha sempre mirato a seguire gli interessi della classe dominante imponendo un sistema educativo che rendesse agevole mantenere l’ordine sociale. Che cosa significhi questo è sotto gli occhi di tutti. La scuola, come l’Università, svolge tre compiti fondamentali:



    1. Insegna lo stretto necessario perché la popolazione possa essere produttiva nei termini e nei modi voluti dal potere;

    2. Impone sistemi d’istruzione che sono volti a uniformare e conformare la popolazione evitando accuratamente di insegnare le materie che sviluppino la capacità di ragionamento (dialettica, retorica, logica, ecc..), ovvero quelle materie che sviluppano il pensiero critico, autonomo;

    3. instilla nei giovani quei preconcetti, pregiudizi e stereotipi su cui poi conformeranno tutte le loro esperienze.

    La funzione della scuola italiana è, dunque, quella di atrofizzare le menti, non certo quella di istruire e formare, e sono i dati a confermarlo. Il 25% degli italiani che finiscono la terza media non sa leggere e scrivere. Il 66% della popolazione italiana ha una formazione insufficiente per partecipare allo sviluppo della società, ovvero 36 milioni d’italiani che sono da considerarsi analfabeti totali, semi-analfabeti o analfabeti di ritorno.

    Non diverso è il discorso per quanto concerne l’Università. Anche questa è costruita in modo tale da formare una classe dirigente assolutamente incapace di sviluppare un pensiero critico e mettere in discussione l'ordine sociopolitico.

    Dopo che la scuola, per anni, ha operato come sopra descritto per la classe dominante è facile influenzare opinioni, emozioni, atteggiamenti e comportamento della popolazione perché la nostra mente atrofizzata è attratta da tutto ciò che non richiede lo sforzo di pensare e il “non-pensiero” ci impone di aggrapparci a regole di condotta già prescritte.

    Ecco quindi che, per proteggerci dalla realtà, dallo stimolo a pensare che proviene da ogni evento della nostra vita, quotidianamente ci vengono servite frasi generiche, semplici, banali, slogan che fanno presa su quei pregiudizi e stereotipi che ci hanno inculcato sin dall’infanzia. Codici standardizzati di espressione che ripetiamo meccanicamente i giorni seguenti nelle nostre conversazioni, frasi generiche che diventano verità assolute, che non hanno bisogno di alcuna argomentazione, di nessun approfondimento.

    E così andiamo avanti, in questa totale assenza di pensiero, per schemi precostituiti che non siamo in grado di aggirare perché, su questi, abbiamo fondato il nostro mondo, la nostra persona, e su cui abbiamo bisogno di conformare tutte le nostre esperienze.

    Questo crea in noi un meccanismo mentale perverso che ci impone di inserire immediatamente in quegli schemi qualsiasi cosa nuova (che sia un’informazione, uno scritto, una persona). E non ha alcuna importanza se dobbiamo modificare e stravolgere la realtà per inserire il “nuovo” in uno schema, l’importante è riuscire a inserirlo, perché questo ci permette di non fare lo sforzo di pensare, di non veder crollare il nostro mondo. Attuiamo questo meccanismo mentale quotidianamente, senza neanche accorgercene.

    Facciamo un esempio. Sono fascista o comunista? Cattolica o atea? Nazionalista o europeista? Per alcuni lettori pare che la cosa più importante, per leggere e capire i miei articoli, sia riuscire a “inquadrarmi”. Qualche settimana fa ho ricevuto l’ennesima mail, dell’ennesimo anonimo che mi chiedeva per l’ennesima volta se, poiché i miei articoli erano comparsi su effedieffe, da lui definito, sito "cult" dell'ultradestra-cattolica-antagonistafilogovernativa EFFEDIEFFE”, vi fosse da parte mia una “cameratesca comunanza di "ideali" con i sopracitati”.

    Normalmente non rispondo a tali mail, per il semplice motivo che, per esperienza, so che l’interlocutore (uno dei molti “eroi da tastiera” che anche in mail private preferiscono mantenere l’anonimato) non vuole veramente una risposta, ha già deciso. In questo caso, però, avendo già in animo di scrivere sull’argomento, ho risposto certa che “l’eroe da tastiera” avrebbe interpretato liberamente la mia risposta permettendomi di portarla ad esempio in quest’ articolo.

    “Non sono di destra, né di sinistra, né tanto meno di centro. Il mio interesse per la politica, data la mia età, sarebbe potuto nascere nel periodo di tangentopoli, ma in quegli anni la politica non aveva più alcun ideale da trasmettere. Oggi siamo in presenza di una politica della paura, si vota per partiti che promettono sicurezza, non ideali”.

    L’anonimo, ovviamente, non ha deluso le mie aspettative e la sua risposta è stata:

    "Non ho idea della sua età, ma non aver ancora scoperto (o forse non voler ammettere)la propria appartenenza politica (che centrano i partiti ??) è molto singolare,
    comunque per sciogliere i suoi enigmi esistenziali (e quelli dei lettori):
    dimmi chi frequenti e.....
    Grazie per aver dissipato totalmente i miei dubbi"

    Dunque, per l’anonimo lettore, io sono sicuramente di estrema destra, se non addirittura fascista, ma non l’ho ancora scoperto! Ovviamente non argomenta in alcun modo la sua opinione e si affida a un proverbio.

    Ecco il vero compito della scuola, quello di atrofizzare le menti, quello di creare una popolazione che procede per schemi basati su pregiudizi e stereotipi ancorati a frasi semplici e banali (dimmi chi frequenti…), una popolazione priva della capacità di pensare, ma convinta di aver capito tutto.

    Solange Manfredi
    Fonte: http://paolofranceschetti.blogspot.com
    Link: http://paolofranceschetti.blogspot.c...la-scuola.html
    Ultima modifica di Avanguardia; 23-09-10 alle 11:50

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: la funzione della scuola

    Si dice sempre che un popolo ignorante è più addomesticabile. Questo è vero, però non confondiamo consapevole con titolato, nel senso che possedere diplomi, lauree e dottorati in se non rende meno manovrabili rispetto a chi a scuola è andato poco o niente. Perchè lo scopo della scuola è produrre lavoratori, consumatori, elettori obbedienti e senza carattere, ne spirito critico. Inoltre la maggior parte dei laureati hanno precise ambizioni sociali-professionali che li precludono di esporsi e di praticare stili di vita alternativi, di dire quello che pensano.
    A ciò bisognerebbe aggiungere la caratteristica specialistica del sapere, specie quello universitario, dove ti insegnano molto (ma non tutto, ne le cose più alla base della materia) su un campo specifico, ma poco sul resto.
    Ultima modifica di Avanguardia; 23-09-10 alle 11:56

  3. #3
    Avamposto
    Ospite

    Predefinito Rif: la funzione della scuola

    Ottimo thread Avanguardia.

    La scuola sarà senz'altro uno dei principali campi di "battaglia" politica e sociale dei prossimi mesi dove si confronteranno finalmente quelli che sono gli slogan di un esecutivo arrivato alla frutta e la realtà di una società in affanno che non ha affatto superato una crisi economica che ha ridotto consumi e prospettive in particolare per le giovani generazioni.

    Scuola, lavoro, disoccupazione, precariato sono tutte tematiche da tenere costantemente monitorate.



  4. #4
    Redskin
    Data Registrazione
    05 Oct 2009
    Località
    Puteolano a Roma
    Messaggi
    2,041
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: la funzione della scuola

    Nessuna fiducia nella scuola liberale italiana.
    Il liberismo ha imposto nuovamente concetti quali "scuola di classe" e "avviamento al lavoro" (che non c'è).
    La concezione democratica liberale sta formando automi che non si opporranno mai al Sistema, allo status quo.

    Bisogna:
    - riformare i programmi, ovviamente non come propone la Lega Nord;
    - riformare gli orari scolastici, con prolungamento dell'orario;
    - riformare le ore di lezione: più ore ad educazione civica e fisica;
    - abolizione dell'ora di religione o delle religioni;
    - riduzione degli alunni per classe con conseguente messa in ruolo dei precari nella scuola;
    - numero chiuso in tutte le facoltà: troppi dottori bazzicano in Italia.
    - abolizione dei finanziamenti alla scuola privata di qualsiasi forma e tipo;
    - ammodernamento e messa in sicurezza delle scuole già esistenti;
    - creazione di nuove scuole e di veri e propri campus nelle periferie delle grando città.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Sep 2010
    Località
    Ovunque
    Messaggi
    9,402
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: la funzione della scuola

    Citazione Originariamente Scritto da Antonio Visualizza Messaggio
    Nessuna fiducia nella scuola liberale italiana.
    Il liberismo ha imposto nuovamente concetti quali "scuola di classe" e "avviamento al lavoro" (che non c'è).
    La concezione democratica liberale sta formando automi che non si opporranno mai al Sistema, allo status quo.

    Bisogna:
    - riformare i programmi, ovviamente non come propone la Lega Nord;
    - riformare gli orari scolastici, con prolungamento dell'orario;
    - riformare le ore di lezione: più ore ad educazione civica e fisica;
    - abolizione dell'ora di religione o delle religioni;
    - riduzione degli alunni per classe con conseguente messa in ruolo dei precari nella scuola;
    - numero chiuso in tutte le facoltà: troppi dottori bazzicano in Italia.
    - abolizione dei finanziamenti alla scuola privata di qualsiasi forma e tipo;
    - ammodernamento e messa in sicurezza delle scuole già esistenti;
    - creazione di nuove scuole e di veri e propri campus nelle periferie delle grando città.


    Quoto tutto: ottimo Antonio. Penso che la scuola italiana sia messa molto male colpa dei governi (siano di centro-sinistra che di centro-destra) susseguitisi nel corso degli ultimi decenni.

    Un tempo il ministero dell'istruzione era feudo democristiano. Oggi è appannaggio di chi arriva: e che ci sia Berlusconi o Prodi, la Lega o Di Pietro a governare questo paese non cambierà mai nulla...

    Ogni riforma scolastica è stata un obbrobrio!:giagia:

  6. #6
    Avamposto
    Ospite

    Predefinito Rif: la funzione della scuola

    Citazione Originariamente Scritto da Ottobre Nero Visualizza Messaggio
    Quoto tutto: ottimo Antonio. Penso che la scuola italiana sia messa molto male colpa dei governi (siano di centro-sinistra che di centro-destra) susseguitisi nel corso degli ultimi decenni.

    Un tempo il ministero dell'istruzione era feudo democristiano. Oggi è appannaggio di chi arriva: e che ci sia Berlusconi o Prodi, la Lega o Di Pietro a governare questo paese non cambierà mai nulla...

    Ogni riforma scolastica è stata un obbrobrio!:giagia:


    La scuola è il banco di prova che si ritroverà ad affrontare, nelle piazze prima ancora che in parlamento, il Governo Berlusconi: se la pressione della protesta di studenti e professori precari sarà decisa e continuerà avremo un autunno caldo che potrebbe portarci dritti dritti alle elezioni.

    Elezioni alle quali sembra siano un pò pronti tutti i partiti (anche quelli che insistono falsamente a raccontarci che non sono necessarie nè utili).

    Vedremo cosa succederà nelle prossime settimane.... :giagia:

  7. #7
    Avamposto
    Ospite

    Predefinito Rif: la funzione della scuola


  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Sep 2010
    Località
    Ovunque
    Messaggi
    9,402
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: la funzione della scuola

    Citazione Originariamente Scritto da Avamposto Visualizza Messaggio

    repapelle: repapelle:

    Troppo vera repapelle:

 

 

Discussioni Simili

  1. La funzione della televisione
    Di Majorana nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-11-10, 12:07
  2. dissanguati dalla scuola e dalla funzione pubblica
    Di generoso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-10-08, 16:23
  3. Il Crocifisso Resta A Scuola, Ha Funzione Educativa
    Di niocat55 (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 28-02-06, 12:17
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-04-03, 00:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226