User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    72,352
    Mentioned
    568 Post(s)
    Tagged
    59 Thread(s)

    Predefinito Storia delle Ferrovie Italiane

    La storia delle ferrovie in Italia inizia come tutti sanno con l'apertura di un tratto di linea ai piedi del Vesuvio, la Napoli-Portici.
    Pur trattandosi di una piccola ferrovia, quasi un trastullo di un sovrano che era appassionato di nuove tecnologie, che si allungava per poco più di sette chilometri (inaugurata il 3 ottobre 1839) era il primo passo di un cammino che avrebbe portato la penisola nell'Europa.

    Il sistema ferroviario si è evoluto in seguito secondo peculiarità proprie che lo rendono differente da quelli delle altre grandi nazioni europee essenzialmente a causa dell'orografia dell'Italia, paese allungato e diviso da alte catene di monti, perciò di difficile collegamento.
    A questo problema si unì nei primi anni dello sviluppo della rete ferroviaria la particolare situazione politica dell'Italia del XIX secolo, allora frammentata in più stati spesso in contrasto tra loro, nemmeno legati da un equivalente del Bund che legava gli stati tedeschi.
    In ritardo di tre decenni rispetto al resto del continente, l'unificazione della penisola in un solo Stato portò all'unificazione delle reti ferroviarie.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    72,352
    Mentioned
    568 Post(s)
    Tagged
    59 Thread(s)

    Predefinito Rif: Storia delle Ferrovie Italiane

    Le Ferrovie Borboniche:
    Dall'avanguardia alla stasi.

    Le ferrovie in Italia nacquero nel Regno delle Due Sicilie, prima dell'unificazione dei singoli stati di cui era composta la penisola.
    Il Regno dei Borboni si pose all'avanguardia, questo è doveroso riconoscerlo.

    Al momento dell'ideazione della prima tratta ferroviaria erano trascorsi solo dieci anni dall'inaugurazione, della Manchester-Liverpool nel Regno Unito.
    In tutta l'Europa si erano accesi grandi entusiasmi ed erano fioriti ogni sorta di progetti per lo sfruttamento di una idea straordinaria che si era rivelata un formidabile mezzo di trasporto relativamente poco dispendioso per trasferire merci e persone da un luogo all'altro.

    Mentre gli altri stati della penisola si baloccavano con progetti troppo vasti o guardavano addirittura con diffidenza al nuovo mezzo, il primo tronco ferroviario, costruito tra l'altro con il sistema allora innovativo del doppio binario, venne steso Napoli a Granatello di Portici (km 7,640).

    Il primo troncone venne inaugurato il 3 ottobre 1839 dal re Ferdinando II di Borbone, che era all'epoca un entusiasta della ferrovia e che pretese l'allungamento della rete verso altre direzione, facendo uso anche degli ingegneri del genio dell'Armata Reale.

    Il 1º agosto 1842 la ferrovia aveva raggiunto Castellammare di Stabia e due anni dopo Pompei e Nocera, con un traffico intenso e una rete piccola ma ben organizzata.

    Stranamente lo sviluppo successivo non fu altrettanto celere, forse anche per lo scarso interesse mostrato dai sovrani, che avevano dato impulso allo sviluppo della rete.
    All'unità infatti la linea che aveva dato inizio alle ferrovie in Italia arrivava soltanto a Capua e a Salerno.
    Questo in quanto le caratteristiche del territorio (notevoli rilievi nelle aree interne, scarsamente popolate rispetto alle coste) rendevano più convenienti i collegamenti via mare.

    Verso altre direzioni, nel 1846 il governo borbonico lanciò il prolungamento della ferrovia da Nocera fino a San Severino e ad Avellino e dal nodo di Avellino si progettavano collegamenti verso Bari, Brindisi e Foggia, per struttura una rete ferroviaria che legasse tutte le città del Reame.

    Come già detto, la struttura amministrativa e organizzativa delle ferrovie duosiciliane era all'avanguardia e portò allo sviluppo di un apparato tecnico e produttivo di tutto rispetto.
    Nel 1837 era nato l'Opificio Meccanico con sede presso il Maschio Angioino, e nel 1840 venne realizzato un laminatoio sito presso l'Opificio di Pietrarsa, allargato in due-tre anni con la produzione di locomotive (su licenza britannica) destinate a condurre i convogli che circolavano sulle reti duosiciliane.

    Locomotive assai solide e ben costruite, che saranno vendute anche alle ferrovie del Regno di Sardegna, rimasto indietro nel settore, su indicazione dell'allora ministro Cavour.

    Tanto sviluppata era la produzione avviata per input regale,che nello stesso stabilimento dovette essere avviata una scuola per macchinisti ferroviari e navali, che erano richiestissimi.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  3. #3
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    72,352
    Mentioned
    568 Post(s)
    Tagged
    59 Thread(s)

    Predefinito Rif: Storia delle Ferrovie Italiane



    Locomotive nel Museo di Pietrarsa.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  4. #4
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    72,352
    Mentioned
    568 Post(s)
    Tagged
    59 Thread(s)

    Predefinito Rif: Storia delle Ferrovie Italiane


    Una litografia del primo convoglio delle ferrovie Napoli-Portici.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  5. #5
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,865
    Mentioned
    84 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    193

    Exclamation Rif: Storia delle Ferrovie Italiane

    La rete ferroviaria italiana continuò a diramarsi in modo capillare anche dopo il 1861 .

    Solo dopo la seconda guerra mondiale, forse per interessi privati, manutenzione & sviluppo ferroviario vennero ridotti fino a chiudere stazioni e percorrenze.

    Il periodo repubblicano risulta essere il peggiore per il trasporto su rotaia in Italia.

    :gratgrat:
    di necessità virtù

 

 

Discussioni Simili

  1. L'ultima delle ferrovie italiane...
    Di bianconero (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-11-08, 21:50
  2. [Storia] Filmati delle forze armate italiane nella WWII
    Di W. Von Braun nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-05-07, 11:22
  3. il buco delle ferrovie e' qui
    Di pellizza1802 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-04-07, 16:27
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-01-03, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226