24-09-10
REGIONI: CDM IMPUGNA LEGGI PIEMONTE E PUGLIA

(ASCA) - Roma, 24 set - Il Consiglio dei Ministri di oggi ha impugnato, su proposta del Ministro per i Rapporti con le Regioni e per la Coesione territoriale, Raffaele Fitto, due leggi regionali del Piemonte e della Puglia. Su proposta del ministero dell'Ambiente, la legge regionale Piemonte 18/2010, con riferimento all'articolo 15 e all'articolo 27.

''L'art. 15, introduce l'articolo 16 bis nella legge regionale 56/1977, e, relativamente ai commi 2 e 3, prevede che le modificazioni dello strumento urbanistico generale vigente sul piano comunale di alienazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare, qualora la Regione non esprime il proprio dissenso, si intendono approvate, senza prevedere che il piano medesimo sia sottoposto a VAS.

La norma regionale in esame, quindi, non prevede l'assoggettamento del piano alla vigente disciplina sulla Valutazione Ambientale Strategica, presenta profili di illegittimita' costituzionale in quanto reca disposizioni difformi dalla normativa statale di riferimento afferente alla materia della ''tutela dell'ambiente e dell'ecosistema'' di cui all'art. 117, comma 2, lett. s), per la quale lo Stato ha competenza legislativa esclusiva.

L'articolo 27, rubricato ''moratoria delle procedure relative a impianti fotovoltaici non integrati'', dispone che le procedure autorizzative in corso o attivate successivamente all'entrata in vigore della legge stessa, relative ad impianti fotovoltaici non integrati, sono sospese fino al provvedimento regionale di recepimento delle linee guida nazionali di cui all'art 12, comma 10, del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387. L'art. 27 eccede la competenza della Regione, invadendo quella statale in materia di tutela della concorrenza e ambiente di cui all'articolo 117, comma 2, lett. e) e s), nonche' in materia di ''produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia'', di cui all'art. 117, comma 3, della Costituzione, e cio' per contrasto con la normativa statale di principio in materia di fonti rinnovabili, dettata dal decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387''.