User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 61
Like Tree15Likes

Discussione: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

  1. #1
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    121,906
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    552 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    Amici, su un sito specializzato in psichiatria c'è un interessante intervento che, vista la lunghezza, cercheremo di riportare in piu' puntate

    LA XENOPHOBIA E' UNA MALATTIA? | www.psychiatryonline.it

    In breve, gli psichiatri cercano di capire cosa frulla nella testa dei malati xenophobi.

    Un primo elemento che caratterizza lo xenophobo è la paura della povertà.

    Avete presente quando noi che siamo sani vediamo qualcosa di schifoso che ci fa vomitare come se l'avessimo ingerito? Basta la vista per farci venire lo stimolo di vomitare, il cervello reagisce come se quella cosa schifosa l'avessimo nello stomaco.

    Ecco, a loro quando vedono uno straniero (povero, non ricco) succede la stessa cosa di quello che succede a noi se vediamo una mosca nel piatto.

    odiano gli stranieri perchè hanno la paura irrazionale di diventare poveri (infatti odiano gli stranieri poveri, mica quelli ricchi, infatti tifano Inter anche se il centravanti è Lukaku che non stimola in loro alcun senso di vomito)

    Infatti l'errore piu' comune che facciamo è quello di chiamarli razzisti. Non sono assolutamente razzisti, anzi, come avremo modo di verificare nelle prossime puntate, si ritengono di una razza inferiore, non superiore.

    Dobbiamo imparare a chiamarli XENOFOBI, cioè gente che ha paura di qualcosa




    Le ragioni “malate”
    Non molto tempo fa incontrai in treno un americano, che viveva in Italia da sedici anni. Una delle prime cose che mi disse con aria irritata è che ora non si trovava più bene in Italia, e stava pensando seriamente di tornarsene negli States. Chiesi: “Forse ne ha piene le tasche della corruzione, della crisi economica che dura da anni, dall’inefficienza della pubblica amministrazione, delle mafie che si sono infiltrate dappertutto…” No, mi disse l’americano: “Ormai l’Italia si sta riempiendo di indiani, arabi, cinesi... Non è più l’Italia di una volta.” Mi misi a ridere, perché lui stesso era un immigrato in Italia. Ebbi però l’ingenuità filosofica di dirgli: “E lei vuole tornare in America dove di immigrati ce ne sono molti di più. Anzi, gli Stati Uniti è una nazione tutta di immigrati.” L’americano scontento non si scompose: “L’immigrazione va bene in America, ma in Italia ci devono essere solo italiani!”
    Strana questa idea degli italiani come entità omogenea e pura. Dal Medio Evo in poi sono “migrati” da noi ostrogoti, longobardi, bizantini, normanni, albanesi, arabi in Sicilia, spagnoli, catalani, francesi, austriaci. Queste invasioni sono una delle ragioni della grande varietà regionale in Italia.
    Ho incontrato altre persone complementari, per così dire, a questo immigrato in Italia che detesta gli immigrati. Ho conosciuto molti italiani che emigrarono da giovani in America, che hanno dovuto battersi con il durissimo Immigration Office USA, e che per lo più sono riusciti a ottenere la cittadinanza statunitense sposando una ragazza americana di solito di origini italiane. Questi anziani che vivono a loro agio in America mi ripetono la stessa cosa: “Ogni volta che vado in Italia, vedo sempre più immigrati. E’ una vergogna!” Per loro l’Italia deve restare la collina o borgo o museo della loro gioventù.
    Le persone di cultura cosmopolita – come certamente sono quasi tutti quelli che mi stanno leggendo o ascoltando – difficilmente nascondono il profondo disprezzo che nutrono per razzisti e xenofobi. Così la xenofobia è descritta come una sorta di malattia mentale da psichiatri e psicoanalisti, come mero pregiudizio dai sociologi, come “ideologia” dai marxisti. Insomma, gli xenofobi sono descritti come malati, psicologici o sociologici. Ma forse noi “sani” dovremmo cercare di capire le ragioni di questi malati – capire non significa condividere o perdonare, significa non accontentarsi della comoda e pigra ripulsa morale. Certo i sentimenti di quegli immigrati xenofobi di cui abbiamo parlato ci appaiono incoerenti, ma, in fondo, ogni modo di pensare, per quanto possa apparire aberrante, ha una sua “logica”. Bisogna svelarla. Il cuore xenofobo ha le sue ragioni che la Ragione non conosce. Ad esempio, bisogna capire perché quasi sempre gli xenofobi europei sono anche anti-europeisti e vorrebbero uscire dall’euro. Non solo non vogliono stranieri in casa propria, non vogliono nemmeno che degli stranieri cessino di esserlo in una grande casa comune. Questo perché il povero, di danaro e di cultura, sente che il proprio territorio è la sola vera ricchezza che gli resta. Mentre il ricco, di soldi e di sapere, ha tesori altrove, il povero li ha invece attorno a sé.

    Il ricco e il povero
    Ci sono varie declinazioni di xenofobia. Quella più diffusa è la pauperofobia. Di rado in Italia si parla male degli stranieri ricchi, dei tedeschi che comprano un casale antico in Toscana o degli americani che si stabiliscono a Milano per lavorare nell’industria della moda. In Italia si è contro marocchini, bangla-deshi, albanesi, moldavi, rom, rumeni, … perché sono poveri e fanno i lavori più umili. L’adagio anti-razzista più stupido – e più diffuso - è quello di chi predica: “non bisogna diffidare di qualcuno semplicemente perché ha un colore di pelle diverso dal tuo!” Ma se un nero viene disprezzato, non è per il colore della sua pelle: perché di solito è povero. La xenofobia più popolare oggi è in realtà orrore per il povero. Le violenze dell’aprile 2015 in Sud Africa non hanno colpito affatto i bianchi che vivono in quel paese, la classe agiata, ma altri africani neri che vengono dai paesi vicini; africani poveri perseguitano africani ancora più poveri.
    Se si ascolta quel che dicono questi “malati”, si capisce che per loro il povero, soprattutto se è straniero, puzza. E disgusta. La xenofobia è una epifania politica del vomito. In effetti, rimettiamo non solo quando vogliamo espellere dal nostro stomaco qualcosa di disgustoso, ma anche quando vediamo, davanti a noi, qualcosa di schifoso. Gli occhi “mangiano” ciò che guardano, quindi la sola vista di ciò che repelle è già invasione del nostro corpo interno, e va rigettato. Oggi, non osiamo ammettere che la povertà ci disgusta. Vedo un livore di odio in molte persone quando inciampano per strada su barboni, mendicanti, immigrati sbrindellati: la presenza visibile degli indigenti è un attacco al cuore della propria rispettabilità. Come se trovarci vicini a poveri o degradati impoverisse e degradasse anche noi.
    Jerome, Mauam and amaryllide like this.
    lo rimpiangerete, Renzi, KOGLIONI

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,387
    Mentioned
    1010 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    Forza zio. Mito!
    ...

  3. #3
    DEATH TO POLCOR
    Data Registrazione
    29 Jul 2017
    Messaggi
    2,901
    Mentioned
    73 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    xenophobo
    se scrivevano anche "cap 1) paperofobia" ti pagavo la colazione


    odiano gli stranieri perchè hanno la paura irrazionale di diventare poveri (infatti odiano gli stranieri poveri, mica quelli ricchi, infatti tifano Inter anche se il centravanti è Lukaku che non stimola in loro alcun senso di vomito)
    Ma come, e gli UH UH a balotelli?
    Prendi l'abbrivio nel lepido areale,
    ché la moral sentina non abbia a trionfare.
    Ibis redibis ed ectrodeiscenza, siate ipocoristiche, irrogate decenza

  4. #4
    Super Troll
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,387
    Mentioned
    1010 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    ...

  5. #5
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    121,906
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    552 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    Citazione Originariamente Scritto da Dr. Gori Visualizza Messaggio
    xenophobo
    se scrivevano anche "cap 1) paperofobia" ti pagavo la colazione




    Ma come, e gli UH UH a balotelli?
    veramente i pazienti di solito ai congressi non intervengono per fare battute sarcastiche sui relatori, ascoltano i medici e prendono appunti.
    Jerome likes this.
    lo rimpiangerete, Renzi, KOGLIONI

  6. #6
    DEATH TO POLCOR
    Data Registrazione
    29 Jul 2017
    Messaggi
    2,901
    Mentioned
    73 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    Citazione Originariamente Scritto da brunik Visualizza Messaggio
    veramente i pazienti di solito ai congressi non intervengono per fare battute sarcastiche sui relatori, ascoltano i medici e prendono appunti.
    In realtà dovrebbero essere i medici a prendere appunti ai congressi, non i pazienti

    A parte il mumbo jumbo ortografico dei tuoi esperti, che dicono del problema del razzismo xenofobo negli stadi? Colpisce solo calciatori indigenti?
    anticomunista likes this.
    Prendi l'abbrivio nel lepido areale,
    ché la moral sentina non abbia a trionfare.
    Ibis redibis ed ectrodeiscenza, siate ipocoristiche, irrogate decenza

  7. #7
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    121,906
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    552 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    Comunque,per rispondere al'intervento del paziente Dr. Gori sugli Uh UH a Baloteli, la mia opinione è la seguente.

    Vado allo stadio dal 1978, a Bergamo, quindi ho una certa esperienza nel settore.

    Gli Uh Uh che ho sentito in 40 anni nei confronti dei negri sono stati pochissimi ed isolati. Mai sentito un coro, al limite qualcuno che individualmente li chiamava scimmie. In questo caso possiamo parlare di razzismo in senso stretto, ma riguarda una infima minoranza. Talvolta vengono messi a tacere dai vicini infastiditi.

    Molti di piu' i cori nei confronti dei romani e dei napoletani (la canzoncina di salvini sui napoletani era molto in voga negli anni 80 cantati da tutta la curva nord che al'epoca esponeva bandiere di che guevara), adesso si una un piu' sobrio TERRONI TERRONI CI STATE SUI COJONI., che comunque non erano uh uh ma di stampo razzista e neppure xenofobia.

    I terroni qua sono visti come quelli che vengono qua a comandare.
    lo rimpiangerete, Renzi, KOGLIONI

  8. #8
    DEATH TO POLCOR
    Data Registrazione
    29 Jul 2017
    Messaggi
    2,901
    Mentioned
    73 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    Citazione Originariamente Scritto da brunik Visualizza Messaggio
    Comunque,per rispondere al'intervento del paziente Dr. Gori sugli Uh UH a Baloteli, la mia opinione è la seguente.

    Vado allo stadio dal 1978, a Bergamo, quindi ho una certa esperienza nel settore.

    Gli Uh Uh che ho sentito in 40 anni nei confronti dei negri sono stati pochissimi ed isolati. Mai sentito un coro, al limite qualcuno che individualmente li chiamava scimmie. In questo caso possiamo parlare di razzismo in senso stretto, ma riguarda una infima minoranza. Talvolta vengono messi a tacere dai vicini infastiditi.
    Vallo a dire al partito, sembra che dicessero tutto il contrario sulla gravità del problema, e come lo strillavano
    Con i problemi di adesso e stadi chiusi ormai non frega a nessuno.
    Prendi l'abbrivio nel lepido areale,
    ché la moral sentina non abbia a trionfare.
    Ibis redibis ed ectrodeiscenza, siate ipocoristiche, irrogate decenza

  9. #9
    Anti-eurozerbini
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    30,457
    Mentioned
    466 Post(s)
    Tagged
    122 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    anticomunista likes this.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  10. #10
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    65,002
    Mentioned
    1149 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ragioni dello xenophobo : cap. 1) la pauperofobia

    analisi sbagliatissima, ancora una volta ci vuoi portare fuori strada presentando un immigrazione simpatica e tollerabile e che anzi arrichisce l'Italia culturalmente

    un immaginetta sdolcinata di un immigrazione innoqua e anzi utile per la crescita del paese


    La paura per l'immigrato si chiama sempre e solo SOSTITUZIONE ETNICA e DEGRADO DELLE NOSTRE CITTA, non quello che dice lui paura del pauperismovengano pure moldavi, rumeni, albanesi, europei in generale cristiani, loro si integreranno e tra una generazione non si sentirà alcuna differenza

    MA

    vada a Parigi, Londra, a Stoccolma a vedere l'estrema violenza delle periferie abitate da musulmani di seconda e terza generazione, le moschee, il degrado la trasformazione delle strade dove trovi quasi solo negozi etnici tenuti da loro, i parrucchieri rigidamente peruoini e per donne, le piscine, i luoghi pubblici fatti apposta per impedire che uomini e donne si incontrino
    un vero ritorno al medioevo

    Provi la sera girare per queti quartieri dove pure la polizia rinuncia a passare e quindi abbiamo dei

    No MAN'S land dove si incontrano delle facce patibolari, dei tagliagola, gente senza scrupoli che vive di espedienti

    E poi il ramadan, le loro feste comandate, gli agnelli sgozzati sui balconi che se in campagna da noi ammazano il maiale come si faceva fino a 50 anni fa arriva la polzia e fa multe da migliaia di euro


    Non so se @brunik è un agente dei kalergiani e scrive qui per uno scopo specifico di fare adepti
    o
    se è un innoquo illuso, una vispa teresa nostalgico del 68 e di peace and love


    ovviamente @brunik non è stato nelle
    Kavalerists likes this.

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Io paura di governo xenophobo
    Di (---) nel forum Fondoscala
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 10-03-18, 22:46
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-07-14, 20:16
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 02-02-10, 19:59
  4. I nuovi CAP: rivoluzione in regione
    Di Sant'Eusebio nel forum Emilia-Romagna
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-04-09, 20:17
  5. Le ragioni di Silvio.Le ragioni del ponte.
    Di sacher.tonino nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-08-03, 09:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226