User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    5,421
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Due società a confronto per capire gli italiani di oggi e gli occidentali tutti.
    Ora ci sarebbe da fare un paragone. Ma lo lascio scritto con le parole del giornalista:

    https://www.brookings.edu/blog/the-a...nity-politics/

    Ten years ago, on the eve of the last open presidential contest in 2008, the Metropolitan Policy Program convened leaders from the Great Lakes to discuss the region’s unique economic and social history, and push for economic answers. A group of us then worked to develop and implement a roadmap for economic revival, under the banner of the Great Lakes Economic Initiative. As a result, expanded federal investment in energy, manufacturing, and health care innovation was channeled to the region’s world-class universities and their business partners while billions of dollars in funds for Great Lakes clean-up began to flow in recognition of the economic development power centered around clean water and rehabilitated waterfronts. In addition, new public-private investment partnerships were built to finance infrastructure projects, and overcome deficits in venture capital to ensure the region’s prodigious technology invention led to new business growth.

    The election of Donald Trump in 2016—keyed by these same states—has focused national attention on our region and the state of Michigan like never before. As our 2006 report “The Vital Center” detailed, there is a unique economic, social and cultural storyline to the region. But here’s the thing: while one part of that storyline helps explain why the Midwestern electorate was moved to turn out and vote for Donald Trump, another part points to different outcomes.


    John C. Austin
    Nonresident Senior Fellow - Metropolitan Policy Program
    John_C_Austin
    The cradle of America’s great industrial economy, the region has borne inventions such as the automobile and the assembly-line manufacturing process courtesy of Henry Ford. Industrial cities like Detroit boomed across the upper Midwest, and spurred the growth of an interdependent network of small and medium-sized factory towns sprinkled liberally amidst the region’s cornfields and forests. A highly integrated supply chain grew, making everything from cars to chemicals, dishwashers to tooling dyes, cereal and steel. Industry advancement stretched from Minnesota and Iowa in the West, across the Great Lakes through western New York, and into Pennsylvania and the “Chemical Valley” and coalfields of West Virginia in the East. But when new global competitors, technological change and automation led to dramatic restructuring of the region’s heavy industry, it obliterated a huge number of good-paying assembly line jobs, and shuttered employers in the Rust Belt’s company towns. In so many once-thriving communities, young people have fled, and the residents who do remain have grown frustrated over diminished job prospects, and are anxious about the future. The very same anger and anxiety that found an outlet at the ballot box in 2016.

    In so many once-thriving communities, young people have fled, and the residents who do remain have grown frustrated over diminished job prospects, and are anxious about the future. The very same anger and anxiety that found an outlet at the ballot box in 2016.

    It is wrong however to paint the Rust Belt with one brush, or even one color. The economic and social truth is in fact a tale of two Rust Belts. Some communities have assets (and have advanced strategies to build on those assets) that now find them and their residents not only participating in, but actually leading the move to a more knowledge-based, technology-driven and urbanized economy. Pittsburgh, Columbus, Indianapolis, Minneapolis, and Milwaukee are today economically diversified, dynamic and growing metro economies. Big university towns like Madison, Ann Arbor, and Bloomington are magnets of state talent, innovation centers, and largely recession-proof. All of these communities are attracting and keeping highly educated populations, producing rising incomes, and maintain a diversified economic base. They are no longer beholden as manufacturing monocultures, as was the norm across the region fifty years ago when Minneapolis was “Flour City,” or Pittsburgh as the “Steel City.”

    And these communities all voted “blue” last fall.

    It’s a very different story in many other Rust Belt communities, however. The small- and medium-sized factory towns that dot the highways and byways of Michigan, Indiana, Ohio and Wisconsin have lost their anchor employers and are struggling to fill the void. Many of these communities, including once solidly Democratic-voting, union-heavy, blue collar strongholds, flipped to Trump in 2016.

    In pratica la stessa cosa ovunque. L'Italia del nord, laureati (i famosi laureati democratici) piddini, sardini, piccoli e medi imprenditori uguale.
    Quella parte di plebe che è stata promossa socialmente dal centrosinistra organico durante gli anni 60-70, università di massa, nascita dei distretti industriali (piccola e media impresa, anche se per questo l'Italia ha una storia divergente).
    Consideriamo una laurea, delle conoscenze come il mezzo di produzione di un laureato, ebbene tanto il fisico nucleare quanto il piccolo imprenditore sono Capitalisti.

    In questo senso in Italia il terziario è al 60% in USA tipo al 70%
    Nella nostra società quando si parla di terziario si parla di lavori "inferiori" per la maggior parte.*
    Ma diciamo semplicemente che il proletariato si è ovunque diviso, in America sarà più appropriato parlare di piccoli ricchi e poveri invece che piccoli Capitalisti e proletari ma la sostanza è la stessa.

    *esempio italiano, nei servizi la maggior parte dei lavoratori (servizi che superano l'industria) svolge questo tipo di lavori secondo l'ISTAT
    Commercio all’ingrosso e al dettaglio,
    riparazione di autoveicoli e motocicli
    Trasporto e magazzinaggio
    Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

    Istruzione, sanità e assistenza sociale, attività artistiche e altre dei servizi (questi li ho separati perché può essere il professor e universitario come la maestrina elementare, amenità varie ma sono per lo più gente piccola come quella sopra).
    Cioè, parliamo di camerieri, commessi, meccanici, trasportatori, immagazinatori, gente che pulisce alberghi e spazi vari insomma sono stato esaustivo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    5,421
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    In pratica in certe zone ex industriali ovunque nel mondo terziarizzato alcuni sono laureati o hanno limpresetta o lavorano in qualche big impresa nel terziario ed attorno qualche poveraccio è fortunato e può fargli da commesso nel negozio o servirgli al ristorante. Poi ci sono le zone periferiche anch'esse ex industriali ma periferiche quindi non ci sono centri d'affari, masse di laureati e quindi i poveracci non possono lavorare per loro.
    È il motivo per cui a Pittsburgh votano Dem (Pittsburgh è grande) e a Milano votano PD. Poi nei vecchi centri industriali più piccoli che stavano attorno a quelli più grandi la gente ha perso l'industria ma non ha ricchi (sia chiaro non parlo di milionari ma di gente che può permettersi la scarpetta nuova, il telefonino nuovo, la macchinina nuova, gente che consuma permettendo ad altri di tirare avanti e di sognare la laurea per il figlio affinché non sia destinato alla stessa carriera di servigi al borghese perché di quello si tratta) da servire al ristorante e questi sono quelli che votano Trump e Lega Nord, infatti che dice:

    It is wrong however to paint the Rust Belt with one brush, or even one color. The economic and social truth is in fact a tale of two Rust Belts. Some communities have assets (and have advanced strategies to build on those assets) that now find them and their residents not only participating in, but actually leading the move to a more knowledge-based, technology-driven and urbanized economy. Pittsburgh, Columbus, Indianapolis, Minneapolis, and Milwaukee are today economically diversified, dynamic and growing metro economies. Big university towns like Madison, Ann Arbor, and Bloomington are magnets of state talent, innovation centers, and largely recession-proof. All of these communities are attracting and keeping highly educated populations, producing rising incomes, and maintain a diversified economic base. They are no longer beholden as manufacturing monocultures, as was the norm across the region fifty years ago when Minneapolis was “Flour City,” or Pittsburgh as the “Steel City.”

    And these communities all voted “blue” last fall.

    It’s a very different story in many other Rust Belt communities, however. The small- and medium-sized factory towns that dot the highways and byways of Michigan, Indiana, Ohio and Wisconsin have lost their anchor employers and are struggling to fill the void. Many of these communities, including once solidly Democratic-voting, union-heavy, blue collar strongholds, flipped to Trump in 2016.

    Quisti qui come @Jeff. e @Robert parlano di innovazione ma sono quelli che hanno ancora fiducia nel progresso e sotto sotto sognano o hanno le masse di poveretti costretti a servirli non appena tirano fuori la cartina di credito. Cioè:

    Pittsburgh, Columbus, Indianapolis, Minneapolis, and Milwaukee are today economically diversified, dynamic and growing metro economies. Big university towns like Madison, Ann Arbor, and Bloomington are magnets of state talent, innovation centers, and largely recession-proof.




    Al limite sognano la patrimoniale per poter rimanere gli schiavisti che sono adesso, il ceto medio. Hanno paura del Fight Club:
    Quelli a cui dai la caccia sono le persone da cui dipendi, noi cuciniamo i tuoi pasti, togliamo la tua immondizia, colleghiamo le tue telefonate, guidiamo le tue ambulanze, ti sorvegliamo mentre stai dormendo. Non fare lo stronzo con noi! (Tyler) [al commissario di polizia Jacobs].

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Apr 2009
    Messaggi
    4,703
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Sembri uscito da un libro di Orwell

  4. #4
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    5,421
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Citazione Originariamente Scritto da anguilla Visualizza Messaggio
    Sembri uscito da un libro di Orwell
    Mi sono solo limitato a spiegare le ragioni sociali del voto. Per come gli studiosi hanno osservato.
    La citazione del Fight Club. Insomma che vuoi che ti dica, un gruppo di maschi bianchi di periferia, dediti al lavoro nei servizi (proletariato dei servizi, venditori porta a porta di saponi, camerieri, benzinai, facchini d'ufficio etc..) n una grande città ex industriale, qualcuno disoccupato.
    Dediti al virilismo violento ed alla violenza che creano un gruppo terroristico che prende di mira la borghesia dei servizi.
    Certo li ti presentano una rivolta anarchica e interraziale contro chiunque stia sopra al proletariato. Che sia il Capitale oppure la borghesia dei servizi.
    Diverso è il caso presente.
    I negri di Detroit o Flint (città industriali negre) voteranno Dem, e i bianchi dell'ex industria voteranno Rep. Non c'è un fronte congiunto possibile di bianchi e neri, e così i negri votano Dem assieme alla borghesia dei servizi (laureati, managers etc...) mentre il proletariato bianco vota Trump e cioè voto a favore del Capitale (industriale e finanziario).

  5. #5
    Date e vi sarà chiesto.
    Data Registrazione
    22 Sep 2014
    Messaggi
    8,849
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Destra o sinistra, repubblicani o democratici, sono ideologie morte e sepolte da quando devono prima di tutto obbedire a Wall Street.
    Non c'è uomo così virtuoso che, se dovesse sottoporre tutti i suoi pensieri e tutte le sue azioni al giudizio della legge, non meriterebbe di essere impiccato dieci volte nella vita.
    Michel de Montaigne

  6. #6
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    5,421
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Citazione Originariamente Scritto da Entropia Visualizza Messaggio
    Destra o sinistra, repubblicani o democratici, sono ideologie morte e sepolte da quando devono prima di tutto obbedire a Wall Street.
    Falso, la società è più complessa di come ve la dipingete.

  7. #7
    Forumista gentiluomo seni
    Data Registrazione
    17 Jun 2009
    Messaggi
    3,963
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Citazione Originariamente Scritto da ciano.scuro Visualizza Messaggio
    Due società a confronto per capire gli italiani di oggi e gli occidentali tutti.
    Ora ci sarebbe da fare un paragone. Ma lo lascio scritto con le parole del giornalista:

    https://www.brookings.edu/blog/the-a...nity-politics/

    Ten years ago, on the eve of the last open presidential contest in 2008, the Metropolitan Policy Program convened leaders from the Great Lakes to discuss the region’s unique economic and social history, and push for economic answers. A group of us then worked to develop and implement a roadmap for economic revival, under the banner of the Great Lakes Economic Initiative. As a result, expanded federal investment in energy, manufacturing, and health care innovation was channeled to the region’s world-class universities and their business partners while billions of dollars in funds for Great Lakes clean-up began to flow in recognition of the economic development power centered around clean water and rehabilitated waterfronts. In addition, new public-private investment partnerships were built to finance infrastructure projects, and overcome deficits in venture capital to ensure the region’s prodigious technology invention led to new business growth.

    The election of Donald Trump in 2016—keyed by these same states—has focused national attention on our region and the state of Michigan like never before. As our 2006 report “The Vital Center” detailed, there is a unique economic, social and cultural storyline to the region. But here’s the thing: while one part of that storyline helps explain why the Midwestern electorate was moved to turn out and vote for Donald Trump, another part points to different outcomes.


    John C. Austin
    Nonresident Senior Fellow - Metropolitan Policy Program
    John_C_Austin
    The cradle of America’s great industrial economy, the region has borne inventions such as the automobile and the assembly-line manufacturing process courtesy of Henry Ford. Industrial cities like Detroit boomed across the upper Midwest, and spurred the growth of an interdependent network of small and medium-sized factory towns sprinkled liberally amidst the region’s cornfields and forests. A highly integrated supply chain grew, making everything from cars to chemicals, dishwashers to tooling dyes, cereal and steel. Industry advancement stretched from Minnesota and Iowa in the West, across the Great Lakes through western New York, and into Pennsylvania and the “Chemical Valley” and coalfields of West Virginia in the East. But when new global competitors, technological change and automation led to dramatic restructuring of the region’s heavy industry, it obliterated a huge number of good-paying assembly line jobs, and shuttered employers in the Rust Belt’s company towns. In so many once-thriving communities, young people have fled, and the residents who do remain have grown frustrated over diminished job prospects, and are anxious about the future. The very same anger and anxiety that found an outlet at the ballot box in 2016.

    In so many once-thriving communities, young people have fled, and the residents who do remain have grown frustrated over diminished job prospects, and are anxious about the future. The very same anger and anxiety that found an outlet at the ballot box in 2016.

    It is wrong however to paint the Rust Belt with one brush, or even one color. The economic and social truth is in fact a tale of two Rust Belts. Some communities have assets (and have advanced strategies to build on those assets) that now find them and their residents not only participating in, but actually leading the move to a more knowledge-based, technology-driven and urbanized economy. Pittsburgh, Columbus, Indianapolis, Minneapolis, and Milwaukee are today economically diversified, dynamic and growing metro economies. Big university towns like Madison, Ann Arbor, and Bloomington are magnets of state talent, innovation centers, and largely recession-proof. All of these communities are attracting and keeping highly educated populations, producing rising incomes, and maintain a diversified economic base. They are no longer beholden as manufacturing monocultures, as was the norm across the region fifty years ago when Minneapolis was “Flour City,” or Pittsburgh as the “Steel City.”

    And these communities all voted “blue” last fall.

    It’s a very different story in many other Rust Belt communities, however. The small- and medium-sized factory towns that dot the highways and byways of Michigan, Indiana, Ohio and Wisconsin have lost their anchor employers and are struggling to fill the void. Many of these communities, including once solidly Democratic-voting, union-heavy, blue collar strongholds, flipped to Trump in 2016.

    In pratica la stessa cosa ovunque. L'Italia del nord, laureati (i famosi laureati democratici) piddini, sardini, piccoli e medi imprenditori uguale.
    Quella parte di plebe che è stata promossa socialmente dal centrosinistra organico durante gli anni 60-70, università di massa, nascita dei distretti industriali (piccola e media impresa, anche se per questo l'Italia ha una storia divergente).
    Consideriamo una laurea, delle conoscenze come il mezzo di produzione di un laureato, ebbene tanto il fisico nucleare quanto il piccolo imprenditore sono Capitalisti.

    In questo senso in Italia il terziario è al 60% in USA tipo al 70%
    Nella nostra società quando si parla di terziario si parla di lavori "inferiori" per la maggior parte.*
    Ma diciamo semplicemente che il proletariato si è ovunque diviso, in America sarà più appropriato parlare di piccoli ricchi e poveri invece che piccoli Capitalisti e proletari ma la sostanza è la stessa.

    *esempio italiano, nei servizi la maggior parte dei lavoratori (servizi che superano l'industria) svolge questo tipo di lavori secondo l'ISTAT
    Commercio all’ingrosso e al dettaglio,
    riparazione di autoveicoli e motocicli
    Trasporto e magazzinaggio
    Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

    Istruzione, sanità e assistenza sociale, attività artistiche e altre dei servizi (questi li ho separati perché può essere il professor e universitario come la maestrina elementare, amenità varie ma sono per lo più gente piccola come quella sopra).
    Cioè, parliamo di camerieri, commessi, meccanici, trasportatori, immagazinatori, gente che pulisce alberghi e spazi vari insomma sono stato esaustivo.
    Non leggo l'inglese.
    Chi semina disprezzo raccoglie odio.
    il mio caimano nero piangendo mi confidò
    che non approvava il progetto del metrò

    Sui cadaveri dei leoni festeggiano le iene credendo di aver vinto,
    ma i leoni rimangono leoni e le iene rimangono iene.

  8. #8
    Date e vi sarà chiesto.
    Data Registrazione
    22 Sep 2014
    Messaggi
    8,849
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Citazione Originariamente Scritto da ciano.scuro Visualizza Messaggio
    Falso, la società è più complessa di come ve la dipingete.
    Tu dici che non è chi gestisce il denaro a decidere le sorti delle persone?
    Non c'è uomo così virtuoso che, se dovesse sottoporre tutti i suoi pensieri e tutte le sue azioni al giudizio della legge, non meriterebbe di essere impiccato dieci volte nella vita.
    Michel de Montaigne

  9. #9
    Semplificare!
    Data Registrazione
    18 Dec 2010
    Messaggi
    13,789
    Mentioned
    105 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Vogliamo scolpire una lapide
    incisa su l'umile scoglio,
    a morte il marchese Badoglio
    noi siam fascisti repubblican.

    A morte il re
    viva Grazian,
    evviva il fascio
    repubblican!

    Vogliamo scolpire una lapide
    incisa su pelle di troia,
    a morte la casa Savoia
    noi siam fascisti repubblican.

    A morte il re
    viva Grazian,
    evviva il fascio
    repubblican!
    Cristo è un ****** e pregare lui è come pregare la *****.
    Hai cattivo gusto. Peggio per te!


    (Pestis nigra)

  10. #10
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    28 May 2019
    Messaggi
    5,421
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Chi è il PD chi è la Lega? Chi è democratico e chi è repubblicano?

    Citazione Originariamente Scritto da Entropia Visualizza Messaggio
    Tu dici che non è chi gestisce il denaro a decidere le sorti delle persone?
    Se me la prendo coi laureati e coi manager è perché sono gli unici elementi fisiologici di questo sistema. Le banche possono fallire, le banche americane stanno conquistando il terreno di quelle tedesche, e il partito comunista cinese sta conquistando il mercato degli industriali europei.
    Capitale industriale e finanziario.
    Poi c'è l'uomo piccolo che rischia di perdere il lavoro per colpa di uno straniero che gli fa concorrenza (il cinese così come il PCC fa concorrenza all'industria le occidentale) all'estero ma pure in patria.
    E dove poi? Mica nella Lockheed, o nella Leonardo, ma nell'impresa piccola del piccolo padrone del nord o il piccolo padrone agricolo del sud.
    In tutto questo, e cioè nel mondo globalizzato chi è fisiologico, chi è l'immortale? L'uomo di mezzo. Il lavoratore del terziario. Ma non sono tutti uguali, qualcuno è un piccolo cameriere che serve al tavolo questi borghesi e lui certo non rischia di perdere il lavoro per uno che fa il cameriere all'estero ma certamente può patire un fallimento o un immigrato che viene assunto al posto suo (uguale per tutto il proletariato dei servizi).
    Chi non sparisce come dicevo sono i laureati, i managers. Immagina il nostro mondo come un mondo basato sui trasporti, e lo è. Chi si salva? Non il Capitale, non l'operaio, ma i vigili. Loro sono fisiologici non possono sparire finché circolano merci, e rispetto a chi sta in basso, ha l'ipocrisia del borghese di sinistra che si pretende più umano degli altri ma vuole il negro solo affinché chi gli sta di sotto (contadini, operai e proletariato dei servizi) possa essere pagato di meno.
    Loro non competono a differenza degli altri ordinano e dirigono solo il traffico commerciale. Comprano, trasportano e vendono. E per farlo usano i soldi (Capitale) degli altri e il lavoro (operai) degli altri.
    Chi sono? Qualcosa meno del 60% degli occupati chi lavora nei servizi.
    Al Capitale va bene quel che va bene al popolo, loro sono la maggioranza e questo sistema gli va bene il Capitale si limita ad attestarsi sulla volontà generale. Finanzia il tipo di economia in cui il popolo preferisce lavorare. Ma il sistema cede quando la massa dei riparatori di veicoli, di retailers, di ristoratori, alloggiato etc.. Chiude e manda via i suoi dipendenti. Quella è la massa critica del settore dei servizi che deve cambiare posizione i proletari dei servizi, il padrone ristoratore aprirà un altra attività oppure sposterà il figlio verso gli studi e ne farà il laureato di carriera, magari un manager.
    Sono loro il nemico, i ricchi medi, medici, avvocati, piccoli e medi imprenditori, managers. La borghesia. Quando il proletariato dei servizi avrà perso il lavoro e si troverà alla fame questa massa assieme a chi è già disperato divorerà la borghesia per creare un nuovo ordine sotto il Capitale. Chiederà e gli sarà dato. O forse...

 

 

Discussioni Simili

  1. Garibaldi, democratico repubblicano (1982)
    Di Frescobaldi nel forum Repubblicani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-08-18, 23:25
  2. Ignazio Marino: il Partito Democratico? poco democratico
    Di FORTEBRACCIO nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 19-07-12, 11:59
  3. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 07-07-08, 19:14
  4. Ma il partito democratico è democratico?
    Di Venom nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 07-02-08, 10:00
  5. il partito democratico e il metodo democratico
    Di Arsenio nel forum Repubblicani
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 20-01-06, 22:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226