User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 44
Like Tree14Likes

Discussione: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

  1. #1
    Ecoterrorista
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    23,271
    Mentioned
    244 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    Intervista a Sergio Staino
    Il disegnatore si racconta, dalla militanza giovanile alla crisi personale, alla rinascita con Bobo. Oggi è "un anarchico riformista" che soffre perché "la sinistra sacrifica l'etica sull'altare di Conte"

    A ottant’anni ha capito di essere un idiota: “Nel senso in cui lo intendeva Dostoevskij, però: cioè una persona ingenua, che prova compassione per il prossimo, nonostante gli schiaffi che prende in continuazione dalla realtà”. Disegnatore dei tormenti e dei bagliori dell’uomo di sinistra, da poco Sergio Staino ha compiuto più anni del Partito Comunista Italiano, scioltosi al settantesimo anno d’età, nel 1991: “Non sono più comunista da tempo. È terribile quello che abbiamo combinato dove il comunismo ha vinto. Oggi? Mi definisco un anarchico riformista. Perché senza riformismo l’anarchia è solo una bandiera che sventoli per te stesso. Senza l’anarchia, invece, il riformismo diventa una pratica del compromesso per il compromesso, l’anticamera della corruzione”.

    Per festeggiare gli ottant’anni, Staino ha scritto – insieme a Mario Gamba e Marco Feo, che gli hanno rivelato la sua essenza dostoevskiana – Quell’idiota di Bobo (La Nave di Teseo), un libro che tira fuori la filosofia del suo personaggio più celebre, con il quale ha raccontato il mondo interiore del militante tardo comunista, poi post comunista, infine democratico, tessendo l’elogio del “buonismo nella vita, nella satira e nella politica”.

    Niente di più lontano dall’odio di classe che Staino ha provato prima che creasse Bobo, quando era arrivato a tanto così dal terrorismo: “Ho militato per dieci anni nei marxisti-leninisti. Sono stati anni di purezza e di follia. Scendevo in piazza urlando che ‘il potere politico nasce dalla canna del fucile’. Credevo in Mao Tse Tung. Contestavo l’Unione Sovietica da sinistra. Giustificavo crimini contro l’umanità. Quando Renato Curcio, che era uno dei nostri, uscì per fondare le Brigate Rosse ci gettò nello scompiglio. Alcuni di noi lo seguirono. Molti lo capivano. C’era un Renato Curcio anche dentro di me. Diceva: ‘Smettila di parlare, parlare, parlare, è ora di passare ai fatti’. Arrivai a un passo dal prenderlo alla lettera”.

    Cosa la trattenne?

    Sono cresciuto nel mondo del comunismo toscano. Immerso nell’ambiguità. Il partito aveva fatto la svolta di Salerno, era entrato nelle istituzioni. I militanti invece sognavano l’insurrezione. Ci litigavo di brutto, ma ho sempre mantenuto un rapporto con quel mondo fatto di persone che andavano nelle case del popolo, frequentavano i sindacati e le sezioni. Fu l’appiglio con la realtà che mi salvò quando le cose si complicarono.

    Quanto si complicarono?

    A Firenze venne fuori l’ipotesi di un attentato alla sede del consolato spagnolo. In Spagna, avevano ucciso un militante anarchico. Per vendicarlo, proposero un’azione esemplare, con la dinamite. L’idea venne messa in minoranza. Soprattutto, perché non eravamo pronti militarmente. Dopo l’assassinio Moro, andai in crisi definitivamente. La realtà mi assalì. Realizzai quanto la ignorassimo.

    Un esempio?

    Ero sposato con una compagna del Partito marxista leninista. M’innamorai di un’altra militante peruviana, a sua volta sposata con uno dei nostri lì. Successe il finimondo. Il perbenismo era feroce. I latino-americani scrissero un documento in cui volevano dimostrare che ero sempre stato un fascista. Fui degradato. Lei tacciata di essere una ‘troia straniera’. Per giunta, anche incinta.

    Che faceste?

    Secondo la legge italiana, quella bambina non poteva essere nostra figlia. Se la riconoscevo io, sarebbe diventata figlia mia e di mia moglie. Viceversa, se l’avesse riconosciuta lei.

    Chi la riconobbe?

    Stava per essere approvata una legge che avrebbe sanato la situazione. Un nuovo diritto di famiglia. Mi battei per sostenere il referendum. Il Partito marxista leninista però si schierò contro. Dicevano: ‘È troppo poco’. Andai in giro ad affiggere i manifesti con le lacrime agli occhi. La fortuna fu che perdemmo. Al comune di Firenze fui il primo a dichiarare che la bambina era figlia mia e di Bruna, anche se non eravamo (ancora) sposati.

    Morale?

    Sapevo tutto dei soviet russi, della rivoluzione che non è un pranzo di gala, delle contraddizioni interne al capitale, ma non sapevo un cazzo di come vivevano le persone, che la notte non si accapigliavano sulla dittatura del proletariato, ma si svegliavano per cambiare il pannolino alla bambina. Quella fu la fine.

    Che fece poi?

    Andai in Sardegna per disintossicarmi dalla politica. Mi sentivo un fallito. La militanza era stata tutto. Il bilancio tragico, un disastro dopo l’altro. Non volevo più saperne di mozioni, congressi, tattica, strategia. Ero a pezzi.

    Disegnava già?

    Nei marxisti-leninisti mi guardavano con sospetto. Dopo un po’ che prendevo appunti, accennavo un ritratto, un caricatura, una fantasia. Per loro era una degenerazione piccolo-borghese. Credevano che il militante dovesse scrivere come Gramsci nei quaderni dal carcere. Nonostante ciò, non ho mai smesso di disegnare.

    Perché?

    Disegnare mi faceva prendere fiato. Mi aiutava a esorcizzare l’angoscia, fin da quando ero bambino. Fu in quel periodo che finii in ospedale per il distacco della retina. Mi dissero che sarei diventato quasi cieco. Temetti di non poter disegnare più. Per questo mi avvinghiai con tutta la mia forza a quel poco che vedevo. Riconquistai il mio tratto millimetro per millimetro. Era come imparare di nuovo. Era un tratto spezzato, a volte scollegato. C’era tutta la sofferenza che provavo. Così cominciai a disegnare Bobo.

    Non aveva detto basta alla politica?

    Ma infatti io volevo fare satira di costume. Disegnavo me stesso: il naso tondo e i punti neri, la camicia sbottonata alla Fidel, più calvo e grasso di quello che ero, come temevo che sarei diventato. Dissi a Bruna: ’Faccio delle scenette familiari. Metto dentro pure te e la bambina. Una cosa leggera. Senza pretese”.

    Lei?

    Leggeva e rideva. Come ridevano tutti quelli a cui le facevo vedere. Così presi coraggio e spedii le storie che avevo disegnato a Oreste Del Buono a Linus. Quando le pubblicò, ebbero un successo immediato e incredibile. Innanzitutto, per me.

    Come se lo spiegò?

    Credo si sentisse tutta la sofferenza che avevo messo nel disegno. Mentre le parole – lo capii dopo – erano la mia vita. Bobo era l’idealista riportato alla realtà dalla moglie e inchiodato alle proprie responsabilità dalla figlia. La politica, che avevo buttato via dalla porta, rientrava dalla finestra. Non sotto forma di proclami, fantasticherie, ma di vita concreta, relazioni, rapporti tra gli uomini e le donne, cose vere.

    Lei è ancora idealista come Bobo?

    Avere l’anima oggi è considerato impresentabile. L’imperativo è essere concreti. Andare al sodo. Ma se tu non hai un ideale, quando t’incazzi ti vien viene voglia di distruggere tutto, non di costruire qualcosa di migliore. È questo il problema di Grillo, Di Maio, Di Battista e Travaglio: non hanno l’anima. Vedono marcio ovunque. Vogliono farla pagare a tutti. Dal loro punto di vista, il bene non esiste. Non ci sono dei valori. Non ci sono ideali. Esiste solo il crimine e la forca. Per questo poi i voti vanno alla Meloni e Salvini.

    È buono solo chi è di sinistra?

    Ho conosciuto Giorgia Meloni quando era una giovane militante della nuova destra. Era una donna generosa. Si vedeva che era accesa da un desiderio di giustizia. Mi dissi: ’Ma come ha fatto a finire tra i fascisti una persona così?”.

    Forse perché la bontà non c’entra niente con la destra e la sinistra?

    Ma lo so che al Nazareno c’è un sacco di gente che pensa solo ai cavoli suoi. Però conosco altrettante persone che votano Salvini e che han fatto di tutto per far avere un permesso di soggiorno alla propria colf. La contraddizione è loro ed è evidente.

    Lei voterebbe la sinistra con i 5 stelle?

    Soffro per questa unione al Governo, che ha dei tratti perversi. I 5 stelle stanno con noi perché se andiamo a votare spariscono. Noi perché stiamo con loro? La sinistra sta sacrificando la propria etica sotto l’altare di Conte. Al massimo per eleggere il prossimo presidente della Repubblica. Ma mi chiedo – e vorrei che di questo si discutesse – è più importante custodire il governo, o il nucleo stesso della sinistra?

    https://www.huffingtonpost.it/entry/...b612083c4ea62c
    Le tasse sono immorali e l' evasore è un patriota_Milton Friedman

    Scusate vi devo salutare perché devo andare a puttane_Silvio Berlusconi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    11,154
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    "Anarchico riformista", mi mancava.
    medisco likes this.
    Bisogna urgentemente dichiarare le risorse naturali e artificiali del pianeta l’eredità comune di tutta l’Umanità per poterle impiegare democraticamente nell’interesse di tutti.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/

  3. #3
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    11,154
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    "Anarchico riformista", mi mancava. Ormai c'è proprio di tutto in giro.
    Bisogna urgentemente dichiarare le risorse naturali e artificiali del pianeta l’eredità comune di tutta l’Umanità per poterle impiegare democraticamente nell’interesse di tutti.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    54,327
    Mentioned
    83 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    "Qualcuno era comunista perché la rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente."
    Bilbo, Indra88, Guy Fawkes and 1 others like this.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    Ecoterrorista
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    23,271
    Mentioned
    244 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    "Qualcuno era comunista perché la rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente."
    lui ha smesso di esserlo perchè ha capito che la gente deve pensare a cambiare l pannolino ai figli e non ha nè tempo nè voglia di fare la rivoluzzziuuune
    Le tasse sono immorali e l' evasore è un patriota_Milton Friedman

    Scusate vi devo salutare perché devo andare a puttane_Silvio Berlusconi

  6. #6
    Ecoterrorista
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    23,271
    Mentioned
    244 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    Citazione Originariamente Scritto da Gian_Maria Visualizza Messaggio
    "Anarchico riformista", mi mancava. Ormai c'è proprio di tutto in giro.
    credevo che potessi riconoscerti in quella formula

    Mi definisco un anarchico riformista. Perché senza riformismo l’anarchia è solo una bandiera che sventoli per te stesso. Senza l’anarchia, invece, il riformismo diventa una pratica del compromesso per il compromesso, l’anticamera della corruzione”.
    Le tasse sono immorali e l' evasore è un patriota_Milton Friedman

    Scusate vi devo salutare perché devo andare a puttane_Silvio Berlusconi

  7. #7
    SOCIALISTA ILLIBERALE
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    29,092
    Mentioned
    440 Post(s)
    Tagged
    118 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    A me questo definirsi "anarchico" di certi soggetti mi sa tanto di roba tipo non me ne frega più un cazzo di niente e penso solo ai fatti miei, però mi devo dare comunque una connotazione politica.
    il sommo vegente and Ethnos like this.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  8. #8
    La grande equalizzatrice.
    Data Registrazione
    09 Dec 2017
    Località
    Como
    Messaggi
    5,922
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    Bella intervista, buon compleanno.

  9. #9
    Toscanini antifa esiliato
    Data Registrazione
    02 Feb 2015
    Messaggi
    1,127
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    A 80 anni ha capito di essere un idiota, un po' tardi ma l'ha capito.
    Come tutti gli estremisti che passano da un estremismo all'altro perchè non capiscono un hazzo della vita.
    Quando la forza la ragion contrasta, vince la forza perchè la ragion non basta.

  10. #10
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    11,154
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: "Ero leninista, quasi brigatista. Poi mi assalì la realtà"

    Citazione Originariamente Scritto da Indra88 Visualizza Messaggio
    credevo che potessi riconoscerti in quella formula

    Mi definisco un anarchico riformista. Perché senza riformismo l’anarchia è solo una bandiera che sventoli per te stesso. Senza l’anarchia, invece, il riformismo diventa una pratica del compromesso per il compromesso, l’anticamera della corruzione”.
    Il riformismo non porta da nessuna parte, ti fa rimanere nel capitalismo.
    Bisogna urgentemente dichiarare le risorse naturali e artificiali del pianeta l’eredità comune di tutta l’Umanità per poterle impiegare democraticamente nell’interesse di tutti.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 197
    Ultimo Messaggio: 27-04-17, 23:03
  2. Risposte: 101
    Ultimo Messaggio: 30-01-09, 17:43
  3. Io Non C'ero E Se C'ero Dormivo
    Di arjuna88 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 28-04-08, 16:06
  4. Decide tutto Berlusconi: "Forza Italia è un partito leninista"
    Di salerno69 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 01-03-06, 01:29
  5. La brigatista Lioce: "Rivendico omicidi Biagi-D'Antona".!
    Di ErTigre nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 20-04-03, 10:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226