User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree2Likes
  • 2 Post By 22gradi

Discussione: How the Mafia infiltrated Italy’s hospitals and laundered the profits globally

  1. #1
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    32,603
    Mentioned
    81 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito How the Mafia infiltrated Italy’s hospitals and laundered the profits globally

    https://www.reddit.com/r/europe/comm...hospitals_and/

    How the Mafia infiltrated Italy’s hospitals and laundered the profits globally

    The body of his son was barely cold when the ­grieving father was threatened by men from the funeral company. Inside the mortuary of an austere hospital in Lamezia Terme, a city in ­southern Italy, the dead were not left in peace. Each corpse was now a highly prized commodity, worth ­thousands of euros to Europe’s most ­ruthless organised criminals.

    The men from the funeral company somehow knew which patients had passed away even before their own families did. Through intimidation they had gained access to the hospital’s central medical records, allowing them to screen for those sickest and most likely to die. If relatives considered picking a different funeral company to take away their loved one, the men would soon ensure they changed their minds.

    “They are almost beating each other up to compete over sick patients,” one terrified medical worker told a colleague in a conversation secretly recorded by Italian anti-Mafia investigators.

    Medical staff were powerless to intervene. “They are acting with an unspeakable ­shamelessness,” the employee said. “When the relatives arrived, they found the undertakers were already there.”

    This public hospital in the region of Calabria had been infiltrated by the ’Ndrangheta, a Mafia that remains little-known outside Italy but which has grown into one of the most dangerous, internationally active and financially sophisticated criminal enterprises in the western world.

    Over the past two decades, the leading families of the ’Ndrangheta — pronounced “en-dran-ghet-ah” — have expanded operations far outside their small home region. Today they control a large part of cocaine importation into Europe, as well as arms smuggling, extortion and cross-border money laundering. Several hundred autonomous clans have been transformed into one of Italy’s most successful businesses, with some studies estimating their combined annual turnover to be as high as €44bn — believed by law-enforcement agencies to be more than all the Mexican drug ­cartels combined.

    Yet even among such lucrative criminal activities, the riches on offer from plundering Italy’s public health system stood out as a golden opportunity. By corrupting local officials, organised criminals have been able to make vast profits from contracts given to their own front companies, establishing monopolies on services ranging from delivering patients in faulty ambulances to transporting blood to taking away the dead.

    All these services were billed to the Italian taxpayer through the country’s centrally funded yet regionally administered health service, which distributes an annual budget of billions of euros — an unrivalled prize for criminal gangs. So tight was the clans’ grip that doctors in Lamezia Terme reported having to wait outside a hospital ward for men from the ’Ndrangheta to open the locked door with their keys.

    An investigation by the Financial Times has established how the trail of money from these crimes washed into the financial centres of London and Milan. Over the past five years, profits gained from the misery of patients in Calabrian hospitals were packaged up into debt instruments using the kind of financial engineering typically favoured by hedge funds and investment banks. Hundreds of millions of euros of these bonds, many containing dubious invoices signed off by parts of the health system later found to have been infiltrated by organised crime, were sold to international investors ranging from Italian private banks to a pension fund in South Korea.

    The previously unreported use of capital ­markets by Mafia clans profiting from Calabria’s health crisis shows how far a criminal subculture once derided as mountain-dwelling goat farmers has metastasised into a globalised crime syndicate that is as comfortable operating in the world of high finance as it is extorting local businesses.

    How the ’Ndrangheta emerged as one of the world’s most successful criminal enterprises can only be understood by realising how well-suited its agile and entrepreneurial organisational structure, based on blood ties, is to maintaining a stranglehold on Calabrian public life.

    Calabria is not only the poorest region in Italy, but one of the most deprived in the EU. With a population of two million, its gross domestic product per head is €17,200, almost half the European average. A US diplomatic cable in 2008 noted: “If it were not part of Italy, Calabria would be a failed state.” The ’Ndrangheta, it said, “controls vast portions of its territory and economy, and accounts for at least three per cent of Italy’s GDP (probably much more) through drug trafficking, extortion and usury”.

    A decade — and three Italian recessions — later the local economy has got worse, with the region consistently ranking in last place nationally in almost every category. Unemployment has increased from 12.9 per cent in 2010 to more than 20 per cent today.

    For decades, almost no one in Italy paid any attention to the ’Ndrangheta, whose name originates from the Greek word for “courage”. By the mid-1990s, however, a huge opportunity opened up before them. The Sicilian Cosa Nostra had been devastated by a sustained anti-Mafia campaign by the Italian state. The Calabrians seized on the chance to take over their relationships with Latin-American drug cartels.

    Unlike the Cosa Nostra, the families that make up the ’Ndrangheta are not organised into a ­centralised, top-down structure, but instead operate their own autonomous units, or ’Ndrine, each rooted in the territory it controls. And, unlike the Sicilian Mafia or the Camorra of Naples, membership of the different ’Ndrine is almost entirely organised around blood relationships or by intermarriage between clans. This has made them more resistant than other organised criminal groups to state penetration of their operations.

    Patriarchs control which clan members are inducted into the organisation’s higher levels, with sons frequently taking over should their fathers be imprisoned or killed. In March this year, Rocco Molè, a 25-year-old scion of one of Calabria’s most established crime families, the Molè ’Ndrina of the port of Gioia Tauro, was arrested and charged with importing a shipment of 500kg of cocaine hidden in plastic containers.

    As different ’Ndrine have become hugely wealthy, however, parts of their younger generations have started to look very different from the rural bandits of their grandfathers’ era. With more money and increasingly complex operations, a new class of mobster has emerged that can apply business-school analysis to the challenges of ­running an international criminal conspiracy.

    “A number of the younger generation, those who I grew up at the same time as, have degrees from the London School of Economics or even Harvard. Some have MBAs,” says Anna Sergi, a Calabrian-born criminologist at the University of Essex. “They live outside Calabria and appear like respectable businessmen, not directly involved in street-level illegality but there to offer technical expertise when it is needed.”

    This increasing financial sophistication is coupled with a brutal approach to internal discipline. Those who are judged to have discredited the name of their family are at risk of being murdered by their own relatives. In 2011, the daughter of one criminal family died in agony after drinking hydrochloric acid. Her father, mother and brother were jailed for abuse after prosecutors failed to prove the more serious charge of forcing her to drink it as punishment for speaking to the police.

    While there have been violent conflicts between rival ’Ndrangheta clans, rational co-operation is accepted as good for business. Far less is known about the internal workings of the ’Ndrangheta than other Mafias, but investigators have uncovered evidence of a centralised conflict-­resolution committee made up of the most senior representatives of the largest ’Ndrine.

    Anti-Mafia investigators say it is common for multiple families to pool their resources into criminal joint ventures, especially those focused on cross-border shipments of cocaine worth hundreds of millions of euros.

    It is through ruthless control over the economic activity inside their home territory that these families have created a base from which to rapidly expand their criminal activity abroad, reinvesting profits from extortion into highly lucrative drug trafficking and other criminal ventures. Anyone in their region who openly opposes the clans risks not only their own life, but also being blacklisted publicly. In some cases, the shadow of the ’Ndrangheta stalks them both at home and wherever they go to escape.

    Gaetano Saffioti, 59, runs a cement company in the town of Palmi, 100km from Catanzaro, the region’s capital. Eighteen years ago, he became one of a tiny handful of Calabrian businessmen to ­publicly testify against an ’Ndrangheta clan that had extorted money from him. Saffioti lives under police protection to this day.

    In the years that followed, his business didn’t win a single contract inside Calabria. When he tried in other parts of Italy, his company’s trucks were set on fire. When he won a contract in France, his trucks were torched again. “They demand their part of anything you do — it is a tax that everyone has to pay. You can’t sell an apartment without paying them, you can’t open a business without their permission,” he says, speaking by telephone from his heavily fortified home.

    “It crushes the region,” he adds. “We are always getting poorer, but this is what they want. The weaker we are, the less likely we are to resist. The ’Ndrangheta has got inside of us, inside our minds. The majority simply adapt to the system.”

    Nicola Gratteri, 61, was born in Calabria and has lived there almost his entire life, but the public prosecutor barely knows what the area around him looks like today. As a consequence of fighting the ’Ndrangheta, Gratteri has been under permanent police protection since 1989 and is unable to leave his office in Catanzaro without a bodyguard. Most days, he eats alone and works late into the evening.

    “I don’t know the city where I live. I can’t have normal relationships with people. I can’t go to the cinema. I can’t go for a walk or go to the beach six kilometres from my house. I leave in the morning, I eat in the office in the same room and go home,” he says to the FT by phone.

    As a child, Gratteri went to school with a boy whose father was murdered by the ’Ndrangheta. Another girl in his class was the daughter of a famous crime boss. One of his childhood friends later joined a clan. Decades after they played together as youths, Gratteri ended up prosecuting him in court.

    Gratteri’s dedication has made him increasingly well known across Italy. Yet he lives out each day in the knowledge that death is stalking him. Police have foiled multiple attempts on his life. In 2005, they discovered a cache of weapons, including Kalashnikovs, rocket launchers and plastic explosives, which they believed were intended to murder him and his bodyguards.

    As he continues to prosecute cases against Calabria’s leading criminal families, the number of people who want him dead has grown. “They gave me new cars that should withstand explosives, they gave me more security in my house, and on the route I take to the office,” he says. “I’m very careful. I try to avoid dangerous situations, but recently it has become even more difficult.”

    There are few areas of Calabrian public life where “the system” Gratteri is fighting against is more evidently at work than the region’s management of public health, where vast budgets create a perfect arena for corrupt local politics, business interests and organised crime to converge.

    “In Calabria, the history of healthcare mirrors the failure of the state,” says Sergi. “Every time there has been a new political faction coming in, someone is arrested — and it is always to do with the health system. Healthcare has been a red flag in Calabria for generations.”

    As these criminal families’ profits from extortion, drug smuggling and defrauding the state have grown, so has the need to find increasingly complex ways of laundering it. London is one prime destination for ’Ndrangheta cash, according to Claudio Petrozziello, Italy’s financial police representative in the UK, who spends his days investigating how dirty money from organised crime washes up in Europe’s financial capital.

    Petrozziello’s job has become harder as the lines between Mafia thugs and tie-wearing financiers with business degrees have increasingly blurred. “Many people still think of the Mafia as drug dealers and extortionists, but there are many who are involved in moving money out of Calabria who would appear as sophisticated businessmen. They would blend in at an investment bank or a multinational corporation,” he says.

    The story of how money looted from Calabria’s hospitals ended up being routed into the global financial system illustrates the sophisticated ways in which the ’Ndrangheta launders the proceeds of its crimes. Through interviews and the analysis of financial documents and Italian legal filings, the Financial Times has found how the clans made use of a vast financial conveyor belt. The ­proceeds of the horrors of the corrupted hospitals were ­unwittingly bundled up by intermediaries and mixed with other assets into debt products. These then flowed through the City of London, Luxembourg and Milan, eventually ending up in the investment portfolios of the clients of private banks and hedge funds.

    From 2015 to 2018, hundreds of millions of euros of invoices signed off by officials in Calabria’s cash-strapped municipal health authorities were purchased by intermediaries. These middlemen bought the unpaid invoices from suppliers at a steep discount because they were, in effect, guaranteed by the Italian state. They were then sold on to specialist financial companies, who merged them into pools of assets and sold investor bonds backed by the unpaid bills.

    While many legitimate companies in Italy have used this process to offload debts owed to them by regional health authorities, the complex chain of intermediaries leaves it vulnerable to exploitation by organised criminals. Indeed, some of these same authorities were subsequently placed under emergency administration by the Italian state for full-scale Mafia infiltration. Several years after the invoices were sold, a number of the companies that had issued them were raided by anti-Mafia investigators for being fronts for ’Ndrangheta clans.

    Front companies for organised crime working in the Italian healthcare sector managed to offload invoices owed to them by regional health authorities to unwitting intermediaries, who then sold them on again to legitimate financial companies. They then packaged them into specialised debt products marketed to investors hungry for exotic higher-yielding bonds at a time of record-low interest rates. Other investors in debt instruments connected to the Calabrian health system included hedge funds and ­various family offices, according to people involved in the deals.

    None of these bonds was rated or assessed by major credit rating agencies or traded on financial markets. Instead, some were privately placed by boutique investment banks, several of which have offices in Mayfair or the City of London.

    One example of how money tainted by ’Ndrangheta activity ended up in the legitimate international financial sector is a so-called ­special purpose vehicle called Chiron. In May 2017, ­this was one of numerous such entities established by companies specialising in healthcare financing in Italy.

    The Chiron vehicle bought up close to €50m of unpaid healthcare invoices, including bills originating from Calabria and other parts of southern Italy. The ultimate buyer of the resulting bonds was the Luxembourg arm of the private bank of Generali, one of the largest insurance companies in the world, which was seeking to offer its clients higher-interest alternative investment products. The company that constructed the Chiron vehicle was CFE, a boutique investment bank with offices in London, Geneva, Luxembourg and Monaco. The Italian branch of EY, the global professional services firm, acted as a consultant on the deal.

    One of the companies that contributed to ­Chiron’s invoices was Croce Rosa Putrino SRL, an ambulance and funeral company servicing the hospital in Lamezia Terme. In late 2018, police arrested 28 people, after an investigation by the public prosecution office of Catanzaro alleged that various front companies for local ’Ndrangheta families, including Croce Rosa Putrino, had seized control of the hospital’s funeral, ambulance and other health services. The case is still being prosecuted.

    Banca Generali and CFE told the Financial Times that neither company had ever knowingly purchased any assets linked to the Calabrian healthcare system that had been connected to organised criminal activity. CFE said that it conducted significant due diligence on all the healthcare assets that it handled as a financial intermediary, and that it also relied on the checks of other regulated professionals who handled the invoices after their creation in Calabria. All the assets were deemed to be legal when acquired. CFE said that any invoices connected to organised crime it inadvertently handled made up a tiny amount of its business. Both companies said that any legal issues that emerged after the invoices had been acquired were immediately reported to the Italian authorities.

    Another privately sold bond analysed by the FT included invoices issued by a Calabrian religious charity caring for African refugees. This was later raided in an anti-Mafia operation for diverting EU funds into the hands of a powerful ’Ndrangheta clan. Gratteri, who led the investigation, described the food being provided to the refugees as “food that is usually given to pigs”. Twenty-two people were convicted.

    Last year, Italy’s central government took drastic action. Rome dissolved the regional health authorities of Catanzaro and Reggio Calabria for Mafia infiltration, having discovered widespread fraud and double billing of invoices, as well as officials working inside them who had been banned from public office. They remain under special administration. But about €1bn of these private Italian healthcare bonds had been bought and sold between 2015 and 2019, according to market participants, with significant numbers of invoices originating from the two health authorities under emergency administration. The full scale of how much dirty money entered into the global financial system in this way is impossible to quantify.

    Massimo Scura, a Rome-appointed health commissioner for the region between 2015 and 2018, says that during his time there he tried to clamp down on rampant fraud, uncovering multiple cases of fraudulent invoicing and double payments for invoices that were sold on to investors. He is not accused of any wrongdoing. “I pointed out some debts that should not have been claimed, in addition to the payment of some double invoices,” he says.

    He blames a culture of corruption for the fraud. “The start of the problem is of an ethical nature in Calabria, it is cultural, because as long as within the companies there are individuals who are clearly conniving, it is extremely hard to ­provide our people with good healthcare.” “Large banks have stayed away from these sorts of healthcare-related deals in Italy,” says one financial professional who has worked on similar transactions. “It is a difficult sector, and particularly in certain regions there are risks that anyone getting involved is going to have to face.”

    The human cost of years of looting Calabria’s health system has been devastating. Italy has one of the highest life expectancies in the world, but the region’s health statistics are among the worst in Europe. The average number of years that Calabrians enjoy good health stands at 52.9, according to Italy’s statistical office, lower than both Romania and Bulgaria. A resident in the wealthy northern Italian region of Bolzano, by comparison, enjoys on ­average 70 years of good health. Calabria also has the highest rate of infant mortality in Italy, while tens of thousands of “health refugees” leave the region each year to get treatment in better hospitals in the north.

    Local doctors describe some of Calabria’s ­hospitals, which are suffocating under mountains of debt built up through corruption, mismanagement and embezzlement, as on a par with the developing world.

    In the corrupt hospital in Lamezia Terme, anti-Mafia investigators found evidence of widespread malpractice. Some employees were recorded joking as they discussed putting a newborn baby into a faulty incubator. “This time prepare ­yourself, in case they arrest us,” one said as he laughed. “That incubator with the melted wires is disgusting. God bless us all tonight. I’ll be at home praying [for the infant] with rosary beads.” His colleague laughs again: “I hope it works.”

    In another recording, an employee tells how a patient in a critical condition was dropped from a stretcher in an ambulance: “Let’s hope he doesn’t die because if he does, there will be trouble.”

    The impact of organised crime’s infiltration of the health system has left many of the region’s ­hospitals deeply vulnerable to coronavirus. “Calabria does not have the capacity to deal with [it]. There are not enough intensive care beds to take in patients in a serious condition,” says Scura. (The region’s decision to impose a strict lockdown seems to be working: Calabria has so far suffered fewer than 100 deaths from Covid-19, ­compared with almost 17,000 in Lombardy.)

    The vast levels of debt built up by hospitals over the years have left the emergency administrators sent by Rome with few options. Many fear that organised criminal activity in the health service has become an entrenched feature of Calabrian life. “Calabrian healthcare has been in a permanent state of emergency for decades,” says Sergi. “Every two or three years, there are anti-Mafia operations linked to healthcare, and maybe Rome parachutes people in, but soon after another clan comes in and starts it all over again.”

    For Gratteri, the public prosecutor, there is no choice but to keep on fighting against this Hydra-like enemy — and there are signs the battle is shifting in his favour. Late last year he struck his biggest blow yet against the clans, after an investigation he led resulted in the arrest of more than 300 people in the largest-ever single case brought against the ’Ndrangheta.

    The charges include murder, money laundering, extortion and drug trafficking. The trial, due to begin with preliminary hearings later this month, will be the largest in Italy since the ­so-called maxi trial of the Sicilian Mafia in 1986. So many have been charged that the case will be held in the former offices of a call centre outside Catanzaro. “We must go forward, whatever it costs,” Gratteri says. “In recent years, there has been the ­beginning of a new hope for change. We can’t betray the hope of thousands of people for who we are the last resort.”

    For others, small, individual acts of resistance are the only way they can try to break the psychological power the clans hold over the region and their lives. Six years ago, the local authorities needed to demolish an illegally built villa that had been seized from a feared crime family. No local company would take on the contract.

    Saffioti, whose cement business had been nearly destroyed after he testified against the clans, was the one man who said he would do the job. “When they asked me to help, I said, ‘I will go and do it myself.’ I demolished the house that no one else dared to do. It wasn’t to perform a heroic act, it was to show that a civil society is possible here, that there can be justice,” he says.

    Saffioti remains under police protection but says he feels more free than he ever could by staying silent. “When we die, we want to believe that we did the right things, if we lived as slaves or we lived freely. I picked the second choice. For the good of all of our children, it was the least I could do.”

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    32,603
    Mentioned
    81 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: How the Mafia infiltrated Italy’s hospitals and laundered the profits globally

    Figuriamoci se la mafia vuole il MES.

  3. #3
    DEATH TO POLCOR
    Data Registrazione
    29 Jul 2017
    Messaggi
    2,908
    Mentioned
    73 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: How the Mafia infiltrated Italy’s hospitals and laundered the profits globally

    Si possono mettere articoli in inglese?

    E di altre lingue, con traduzione allegata?
    Prendi l'abbrivio nel lepido areale,
    ché la moral sentina non abbia a trionfare.
    Ibis redibis ed ectrodeiscenza, siate ipocoristiche, irrogate decenza

  4. #4
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    32,603
    Mentioned
    81 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: How the Mafia infiltrated Italy’s hospitals and laundered the profits globally

    Come la mafia si è infiltrata negli ospedali italiani e ha riciclato i profitti a livello globale

    Il corpo di suo figlio era appena freddo quando il padre in lutto fu minacciato dagli uomini della compagnia funebre. All'interno dell'obitorio di un austero ospedale di Lamezia Terme, una città dell'Italia meridionale, i morti non furono lasciati in pace. Ogni cadavere era ora un bene molto apprezzato, che valeva migliaia di euro per i criminali organizzati più spietati d'Europa.

    Gli uomini della compagnia funebre in qualche modo sapevano quali pazienti erano deceduti anche prima delle loro stesse famiglie. Attraverso le intimidazioni avevano ottenuto l'accesso alle cartelle cliniche centrali dell'ospedale, permettendo loro di controllare i più malati e con maggiori probabilità di morire. Se i parenti pensassero di scegliere una diversa compagnia funebre per portare via la persona amata, gli uomini si sarebbero presto assicurati di aver cambiato idea.

    "Si stanno quasi picchiando a vicenda per competere sui pazienti malati", ha detto un collega terrorizzato a un collega in una conversazione segretamente registrata da investigatori antimafia italiani.

    Il personale medico non ha potuto intervenire. "Stanno agendo con una indicibilità spudorata", ha detto l'impiegato. "Quando sono arrivati ​​i parenti, hanno scoperto che i becchino erano già lì."

    Questo ospedale pubblico nella regione Calabria era stato infiltrato dalla "Ndrangheta, una mafia che rimane poco conosciuta fuori dall'Italia ma che è diventata una delle imprese criminali più pericolose, attive a livello internazionale e finanziariamente sofisticate nel mondo occidentale.

    Negli ultimi due decenni, le principali famiglie della "Ndrangheta - pronunciate" en-dran-ghet-ah "- hanno ampliato le operazioni molto al di fuori della loro piccola regione di origine. Oggi controllano gran parte delle importazioni di cocaina in Europa, nonché il traffico di armi, l'estorsione e il riciclaggio di denaro transfrontaliero. Diverse centinaia di clan autonomi sono stati trasformati in una delle aziende di maggior successo in Italia, con alcuni studi che stimano il loro fatturato annuo complessivo pari a 44 miliardi di euro, ritenuto dalle forze dell'ordine come più di tutti i cartelli messicani della droga messi insieme.

    Eppure, anche tra attività criminali così redditizie, le ricchezze offerte dal saccheggio del sistema sanitario pubblico italiano si sono rivelate un'opportunità d'oro. Corrompendo i funzionari locali, i criminali organizzati sono stati in grado di trarre enormi profitti dai contratti stipulati con le loro stesse compagnie di facciata, stabilendo monopoli su servizi che vanno dalla consegna di pazienti in ambulanze difettose al trasporto di sangue per portare via i morti.

    Tutti questi servizi sono stati fatturati al contribuente italiano attraverso il servizio sanitario finanziato a livello centrale ma amministrato a livello regionale, che distribuisce un budget annuale di miliardi di euro, un premio senza rivali per le bande criminali. La stretta dei clan era così stretta che i medici di Lamezia Terme riferirono di dover aspettare fuori dal reparto ospedaliero uomini della Ndrangheta per aprire la porta chiusa con le loro chiavi.

    Un'indagine del Financial Times ha stabilito come la scia di denaro proveniente da questi crimini sia penetrata nei centri finanziari di Londra e Milano. Negli ultimi cinque anni, i profitti ottenuti dalla miseria dei pazienti negli ospedali calabresi sono stati raggruppati in strumenti di debito utilizzando il tipo di ingegneria finanziaria generalmente favorita dagli hedge fund e dalle banche di investimento. Centinaia di milioni di euro di queste obbligazioni, molte contenenti fatture dubbie firmate da parti del sistema sanitario successivamente scoperte come infiltrate dalla criminalità organizzata, sono state vendute a investitori internazionali che vanno dalle banche private italiane a un fondo pensione della Corea del Sud.

    L'uso precedentemente non segnalato dei mercati dei capitali da parte di clan mafiosi che traggono profitto dalla crisi sanitaria calabrese mostra fino a che punto una sottocultura criminale, una volta derisa dagli allevatori di capre di abitazione di montagna, si è metastatizzata in un sindacato criminale globalizzato che è tanto comodo nel mondo dell'alta finanza quanto lo è estorcere le imprese locali.

    Il modo in cui la "Ndrangheta è emersa come una delle imprese criminali di maggior successo al mondo può essere compreso solo rendendosi conto di quanto la sua struttura organizzativa agile e imprenditoriale si adatti alla vita pubblica calabrese.

    La Calabria non è solo la regione più povera d'Italia, ma una delle più svantaggiate dell'UE. Con una popolazione di due milioni, il suo prodotto interno lordo pro capite è di € 17.200, quasi la metà della media europea. Un cavo diplomatico americano nel 2008 ha osservato: "Se non facesse parte dell'Italia, la Calabria sarebbe uno stato fallito". "La Ndrangheta, ha affermato," controlla vaste porzioni del suo territorio e della sua economia e rappresenta almeno il tre per cento del PIL italiano (probabilmente molto di più) attraverso il traffico di stupefacenti, l'estorsione e l'usura ".

    Un decennio - e tre recessioni italiane - in seguito l'economia locale è peggiorata, con la regione costantemente all'ultimo posto a livello nazionale in quasi ogni categoria. La disoccupazione è aumentata dal 12,9% nel 2010 a oltre il 20% oggi.

    Per decenni, quasi nessuno in Italia ha prestato attenzione alla "Ndrangheta, il cui nome deriva dalla parola greca per" coraggio ". A metà degli anni '90, tuttavia, si aprì una grande opportunità. Cosa Nostra siciliana era stata devastata da una sostenuta campagna antimafia da parte dello stato italiano. I calabresi colsero l'occasione per prendere le loro relazioni con i cartelli della droga latinoamericani.

    A differenza di Cosa Nostra, le famiglie che compongono la "Ndrangheta non sono organizzate in una struttura centralizzata dall'alto verso il basso, ma invece gestiscono le proprie unità autonome, o" Ndrine, ciascuna radicata nel territorio che controlla. E, a differenza della mafia siciliana o della camorra di Napoli, l'appartenenza al diverso Ndrine è quasi interamente organizzata attorno a relazioni di sangue o da matrimoni misti tra clan. Ciò li ha resi più resistenti di altri gruppi criminali organizzati alla penetrazione dello stato nelle loro operazioni.

    I patriarchi controllano quali membri del clan sono introdotti nei livelli più alti dell'organizzazione, con i figli che spesso subentrano nel caso in cui i loro padri fossero imprigionati o uccisi. Nel marzo di quest'anno, Rocco Molè, un rampicante di 25 anni di una delle famiglie criminali più affermate della Calabria, il Molè 'Ndrina del porto di Gioia Tauro, è stato arrestato e accusato di importare una spedizione di 500 kg di cocaina nascosta in plastica contenitori.

    Poiché diversi Ndrine sono diventati estremamente ricchi, tuttavia, alcune parti delle loro generazioni più giovani hanno iniziato a sembrare molto diverse dai banditi rurali dell'era dei loro nonni. Con più soldi e operazioni sempre più complesse, è emersa una nuova classe di mafioso che può applicare l'analisi delle scuole di business alle sfide della gestione di una cospirazione criminale internazionale.

    “Un certo numero di giovani generazioni, quelle con cui sono cresciuto contemporaneamente, sono laureati alla London School of Economics o addirittura ad Harvard. Alcuni hanno MBA ", afferma Anna Sergi, criminologa di origine calabrese all'Università dell'Essex. "Vivono fuori dalla Calabria e sembrano uomini d'affari rispettabili, non direttamente coinvolti nell'illegalità a livello di strada ma lì per offrire competenza tecnica quando è necessario."

    Questa crescente sofisticazione finanziaria si unisce a un approccio brutale alla disciplina interna. Coloro che si ritiene abbiano screditato il nome della propria famiglia rischiano di essere assassinati dai propri parenti. Nel 2011, la figlia di una famiglia criminale è morta in agonia dopo aver bevuto acido cloridrico. Suo padre, sua madre e suo fratello sono stati incarcerati per abuso dopo che i pubblici ministeri non hanno dimostrato l'accusa più grave di costringerla a berlo come punizione per aver parlato con la polizia.

    Mentre ci sono stati conflitti violenti tra clan Ndrangheta rivali, la cooperazione razionale è accettata come un bene per gli affari. Molto meno si sa sul funzionamento interno della "Ndrangheta rispetto ad altre mafie, ma gli investigatori hanno scoperto prove di un comitato centralizzato per la risoluzione dei conflitti composto dai rappresentanti più anziani del più grande" Ndrine.

    Gli investigatori antimafia affermano che è comune per più famiglie riunire le proprie risorse in joint venture criminali, in particolare quelle incentrate su spedizioni transfrontaliere di cocaina per centinaia di milioni di euro.

    È attraverso lo spietato controllo sull'attività economica nel loro territorio di origine che queste famiglie hanno creato una base da cui espandere rapidamente la loro attività criminale all'estero, reinvestendo i profitti dall'estorsione nel traffico di droga altamente redditizio e in altre iniziative criminali. Chiunque nella propria regione si opponga apertamente ai clan non solo rischia la propria vita, ma viene anche inserito nella lista nera pubblicamente. In alcuni casi, l'ombra della 'Ndrangheta li insegue sia a casa che ovunque vadano per fuggire.

    Gaetano Saffioti, 59 anni, gestisce una cementeria nella città di Palmi, a 100 km da Catanzaro, la capitale della regione. Diciotto anni fa, divenne uno dei pochi uomini d'affari calabresi a testimoniare pubblicamente contro un clan Ndrangheta che gli aveva estorto denaro. Saffioti vive ancora oggi sotto la protezione della polizia.

    Negli anni che seguirono, la sua attività non vinse un singolo contratto in Calabria. Quando provò in altre parti d'Italia, i camion della sua compagnia furono incendiati. Quando vinse un contratto in Francia, i suoi camion furono nuovamente incendiati. “Chiedono la loro parte di tutto ciò che fai - è una tassa che tutti devono pagare. Non puoi vendere un appartamento senza pagarli, non puoi aprire un'attività senza il loro permesso ", dice, parlando al telefono dalla sua casa pesantemente fortificata.

    "Distrugge la regione", aggiunge. “Stiamo diventando sempre più poveri, ma questo è quello che vogliono. Più siamo deboli, meno è probabile che resistiamo. La "Ndrangheta ha dentro di noi, nelle nostre menti. La maggioranza si adatta semplicemente al sistema. "

    Nicola Gratteri, 61 anni, è nato in Calabria e vi ha vissuto quasi tutta la sua vita, ma il pubblico ministero sa a malapena come si presenta oggi la zona intorno a lui. Come conseguenza della lotta contro la 'Ndrangheta, Gratteri è sotto la protezione permanente della polizia dal 1989 e non è in grado di lasciare il suo ufficio a Catanzaro senza una guardia del corpo. Quasi tutti i giorni mangia da solo e lavora fino a tarda sera.

    "Non conosco la città in cui vivo. Non posso avere normali relazioni con le persone. Non posso andare al cinema. Non posso fare una passeggiata o andare in spiaggia a sei chilometri da casa mia. Parto la mattina, mangio in ufficio nella stessa stanza e vado a casa ", dice al telefono al telefono.

    Da bambino, Gratteri andò a scuola con un ragazzo il cui padre fu assassinato dalla "Ndrangheta. Un'altra ragazza della sua classe era figlia di un famoso boss del crimine. Uno dei suoi amici d'infanzia si unì successivamente a un clan. Decenni dopo aver giocato insieme da giovani, Gratteri ha finito per perseguirlo in tribunale.

    La dedizione di Gratteri lo ha reso sempre più famoso in tutta Italia. Eppure vive ogni giorno sapendo che la morte lo sta perseguitando. La polizia ha sventato numerosi tentativi sulla sua vita. Nel 2005, hanno scoperto un deposito di armi, tra cui Kalashnikov, lanciarazzi ed esplosivi di plastica, che credevano fossero destinati a uccidere lui e le sue guardie del corpo.

    Mentre continua a perseguire i casi contro le principali famiglie criminali della Calabria, il numero di persone che lo vogliono morto è cresciuto. "Mi hanno dato nuove auto che dovrebbero resistere agli esplosivi, mi hanno dato più sicurezza a casa mia e sulla strada che prendo in ufficio", dice. "Sto molto attento. Cerco di evitare situazioni pericolose, ma recentemente è diventato ancora più difficile. "

    Ci sono alcune aree della vita pubblica calabrese in cui "il sistema" contro cui Gratteri sta combattendo è più evidentemente al lavoro della gestione della salute pubblica della regione, dove vasti budget creano un'arena perfetta per far convergere politiche locali corrotte, interessi commerciali e criminalità organizzata.

    "In Calabria, la storia dell'assistenza sanitaria rispecchia il fallimento dello stato", afferma Sergi. “Ogni volta che arriva una nuova fazione politica, qualcuno viene arrestato - e ha sempre a che fare con il sistema sanitario. L'assistenza sanitaria è stata una bandiera rossa in Calabria per generazioni ".

    Man mano che i profitti di queste famiglie criminali derivano dall'estorsione, il traffico di droga e la frode dello stato sono cresciuti, anche la necessità di trovare modi sempre più complessi di riciclaggio. Londra è una delle principali destinazioni per il denaro della "Ndrangheta", secondo Claudio Petrozziello, rappresentante della polizia finanziaria italiana nel Regno Unito, che trascorre le sue giornate a indagare su quanto denaro sporco proveniente dalla criminalità organizzata si riversa nella capitale finanziaria europea.

    Il lavoro di Petrozziello è diventato più difficile poiché le linee di demarcazione tra criminali mafiosi e finanzieri che indossano cravatte con titoli di studio sono sempre più confuse. “Molte persone pensano ancora alla mafia come spacciatori ed estorsori, ma ci sono molti che sono coinvolti nel trasferimento di denaro fuori dalla Calabria e apparirebbero come uomini d'affari sofisticati. Si mescolerebbero in una banca di investimento o in una multinazionale ", afferma.

    La storia di come il denaro saccheggiato dagli ospedali della Calabria finì per essere indirizzato nel sistema finanziario globale illustra i modi sofisticati in cui la "Ndrangheta ricicla i proventi dei suoi crimini. Attraverso interviste e analisi di documenti finanziari e documenti legali italiani, il Financial Times ha scoperto come i clan facessero uso di un vasto nastro trasportatore finanziario. I proventi degli orrori degli ospedali corrotti erano involontariamente raggruppati da intermediari e mescolati con altri beni in prodotti di debito. Questi hanno poi attraversato la città di Londra, Lussemburgo e Milano, finendo per finire nei portafogli di investimento dei clienti di banche private e hedge funds.

    Dal 2015 al 2018, centinaia di milioni di euro di fatture firmate da funzionari delle autorità sanitarie comunali a corto di liquidità sono state acquistate dagli intermediari. Questi intermediari acquistarono le fatture non pagate dai fornitori con un forte sconto perché erano, in effetti, garantite dallo stato italiano. Sono stati poi venduti a società finanziarie specializzate, che li hanno fusi in pool di attività e venduto obbligazioni di investitori sostenute da fatture non pagate.

    Mentre molte aziende legittime in Italia hanno utilizzato questo processo per scaricare i debiti loro dovuti dalle autorità sanitarie regionali, la complessa catena di intermediari lo rende vulnerabile allo sfruttamento da parte di criminali organizzati. In effetti, alcune di queste stesse autorità furono successivamente poste sotto amministrazione di emergenza dallo stato italiano per infiltrazioni su vasta scala della mafia. Diversi anni dopo che le fatture furono vendute, un certo numero di compagnie che le avevano emesse furono razziate dagli investigatori antimafia per essere state schierate per i clan della Ndrangheta.

    Le società di copertura del crimine organizzato operanti nel settore sanitario italiano sono riuscite a scaricare le fatture loro dovute dalle autorità sanitarie regionali a intermediari inconsapevoli, che poi le hanno vendute nuovamente a società finanziarie legittime. Li hanno quindi confezionati in prodotti di debito specializzati commercializzati agli investitori affamati di obbligazioni esotiche a rendimento più elevato in un momento di tassi di interesse record. Altri investitori in strumenti di debito collegati al sistema sanitario calabrese includevano hedge funds e vari family office, secondo le persone coinvolte negli accordi.

    Nessuna di queste obbligazioni è stata valutata o valutata dalle principali agenzie di rating del credito o negoziata sui mercati finanziari. Invece, alcuni sono stati collocati privatamente da banche di investimento boutique, molti dei quali hanno uffici a Mayfair o nella City di Londra.

    Un esempio di come il denaro contaminato dall'attività della Ndrangheta sia finito nel legittimo settore finanziario internazionale è un cosiddetto veicolo per scopi speciali chiamato Chiron. Nel maggio 2017, questa è stata una delle numerose entità istituite da società specializzate nel finanziamento dell'assistenza sanitaria in Italia.

    Il veicolo Chiron ha acquistato quasi 50 milioni di euro di fatture sanitarie non pagate, comprese le bollette originarie della Calabria e di altre parti del sud Italia. L'acquirente finale delle obbligazioni risultanti è stato il braccio lussemburghese della banca privata di Generali, una delle più grandi compagnie assicurative del mondo, che stava cercando di offrire ai suoi clienti prodotti di investimento alternativi di maggiore interesse. La società che costruì il veicolo Chiron era CFE, una banca d'investimento boutique con uffici a Londra, Ginevra, Lussemburgo e Monaco. La filiale italiana di EY, la società globale di servizi professionali, ha agito come consulente per l'accordo.

    Una delle aziende che hanno contribuito alle fatture di Chirone è stata Croce Rosa Putrino SRL, un'ambulanza e una società di pompe funebri al servizio dell'ospedale di Lamezia Terme. Alla fine del 2018, la polizia ha arrestato 28 persone, dopo che un'indagine dell'ufficio del pubblico ministero di Catanzaro ha affermato che varie compagnie di facciata delle famiglie locali della Ndrangheta, tra cui Croce Rosa Putrino, avevano preso il controllo del funerale, dell'ambulanza e di altri servizi sanitari dell'ospedale. Il caso è ancora oggetto di procedimento giudiziario.

    Banca Generali e CFE hanno riferito al Financial Times che nessuna delle due società aveva mai consapevolmente acquistato beni collegati al sistema sanitario calabrese collegati ad attività criminali organizzate. CFE ha dichiarato di aver condotto una due diligence significativa su tutte le risorse sanitarie gestite come intermediario finanziario e di aver fatto affidamento anche sui controlli di altri professionisti regolamentati che hanno gestito le fatture dopo la loro creazione in Calabria. Tutte le attività sono state ritenute legali al momento dell'acquisizione. Il CFE ha affermato che qualsiasi fattura connessa al crimine organizzato che ha inavvertitamente gestito costituiva una piccola parte della sua attività. Entrambe le società hanno dichiarato che eventuali problemi legali emersi dopo l'acquisizione delle fatture sono stati immediatamente segnalati alle autorità italiane.

    Un altro legame venduto privatamente analizzato dalla FT includeva fatture emesse da un ente di beneficenza religioso calabrese che si occupava dei rifugiati africani. Questo è stato successivamente attaccato in un'operazione antimafia per dirottare i fondi dell'UE nelle mani di un potente clan Ndrangheta. Gratteri, che ha guidato le indagini, ha descritto il cibo fornito ai rifugiati come "cibo che viene solitamente dato ai maiali". Ventidue persone sono state condannate.

    L'anno scorso, il governo centrale italiano ha intrapreso azioni drastiche. Roma ha sciolto le autorità sanitarie regionali di Catanzaro e Reggio Calabria per infiltrazioni mafiose, avendo scoperto frodi diffuse e doppia fatturazione delle fatture, nonché funzionari che lavoravano al loro interno e che erano stati banditi dagli uffici pubblici. Rimangono sotto amministrazione speciale. Ma circa 1 miliardo di euro di queste obbligazioni sanitarie private italiane è stato acquistato e venduto tra il 2015 e il 2019, secondo i partecipanti al mercato, con un numero significativo di fatture provenienti dalle due autorità sanitarie in amministrazione di emergenza. È impossibile quantificare il fondo di quanti soldi sporchi sono entrati nel sistema finanziario globale in questo modo.

    Massimo Scura, commissario sanitario nominato a Roma per la regione tra il 2015 e il 2018, afferma che durante il suo periodo lì ha cercato di reprimere le frodi dilaganti, scoprendo molteplici casi di fatturazione fraudolenta e doppi pagamenti per fatture che sono state vendute agli investitori. Non è accusato di alcuna trasgressione. "Ho sottolineato alcuni debiti che non avrebbero dovuto essere reclamati, oltre al pagamento di alcune doppie fatture", afferma.

    Incolpa una cultura della corruzione per la frode. "L'inizio del problema è di natura etica in Calabria, è culturale, perché fintanto che all'interno delle aziende ci sono persone che sono chiaramente conniventi, è estremamente difficile fornire alle nostre persone una buona assistenza sanitaria". "Le grandi banche si sono tenute alla larga da questo tipo di accordi relativi all'assistenza sanitaria in Italia", afferma un professionista finanziario che ha lavorato su transazioni simili. "È un settore difficile, e in particolare in alcune regioni vi sono rischi che chiunque sarà coinvolto dovrà affrontare."

    Il costo umano di anni per il saccheggio del sistema sanitario calabrese è stato devastante. L'Italia ha una delle più alte aspettative di vita al mondo, ma le statistiche sanitarie della regione sono tra le peggiori in Europa. Il numero medio di anni in cui i calabresi godono di buona salute è pari a 52,9, secondo l'ufficio statistico italiano, inferiore sia alla Romania che alla Bulgaria. Un residente nella ricca regione del nord Italia di Bolzano, al confronto, gode in media 70 anni di buona salute. La Calabria ha anche il più alto tasso di mortalità infantile in Italia, mentre decine di migliaia di "rifugiati sanitari" lasciano la regione ogni anno per ricevere cure in migliori ospedali del nord.

    I medici locali descrivono alcuni degli ospedali calabresi, che soffocano sotto montagne di debiti accumulati da corruzione, cattiva gestione e appropriazione indebita, alla pari con i paesi in via di sviluppo.

    Nell'ospedale corrotto di Lamezia Terme, gli investigatori antimafia hanno trovato prove di diffuse pratiche illecite. Alcuni impiegati sono stati registrati scherzando mentre discutevano di mettere un neonato in un'incubatrice difettosa. "Questa volta preparatevi, nel caso ci arrestino", ha detto uno mentre rideva. “Quell'incubatrice con i fili fusi è disgustosa. Dio ci benedica tutti stasera. Sarò a casa a pregare [per il bambino] con rosari ". Il suo collega ride di nuovo: "Spero che funzioni".

    In un'altra registrazione, un dipendente racconta come un paziente in una condizione critica è stato lasciato cadere da una barella in un'ambulanza: "Speriamo che non muoia perché se lo fa, ci saranno problemi".

    L'impatto dell'infiltrazione della criminalità organizzata nel sistema sanitario ha lasciato molti degli ospedali della regione profondamente vulnerabili al coronavirus. “La Calabria non ha la capacità di affrontarla. Non ci sono abbastanza letti di terapia intensiva per accogliere i pazienti in gravi condizioni ", afferma Scura. (La decisione della regione di imporre un rigoroso blocco sembra funzionare: finora la Calabria ha subito meno di 100 morti per Covid-19, rispetto a quasi 17.000 in Lombardia.)

    I vasti livelli di debito accumulati dagli ospedali nel corso degli anni hanno lasciato agli amministratori di emergenza inviati da Roma poche opzioni. Molti temono che l'attività criminale organizzata nel servizio sanitario sia diventata una caratteristica radicata della vita calabrese. "L'assistenza sanitaria calabrese è in uno stato di emergenza permanente da decenni", afferma Sergi. "Ogni due o tre anni, ci sono operazioni antimafia legate all'assistenza sanitaria, e forse Roma paracadute le persone, ma subito dopo arriva un altro clan e ricomincia da capo."

    Per Gratteri, il pubblico ministero, non c'è altra scelta che continuare a combattere contro questo nemico simile a Hydra - e ci sono segni che la battaglia si sta spostando a suo favore. Alla fine dell'anno scorso ha subito il suo più grande colpo contro i clan, dopo un'indagine condotta ha portato all'arresto di oltre 300 persone nel caso più grande mai avvenuto contro la "Ndrangheta".

    Le accuse comprendono omicidio, riciclaggio di denaro, estorsione e traffico di droga. Il processo, che dovrebbe iniziare con le udienze preliminari alla fine di questo mese, sarà il più grande in Italia dopo il cosiddetto maxi processo della mafia siciliana nel 1986. Tanti sono stati accusati che il caso si svolgerà negli ex uffici di un call center fuori Catanzaro. "Dobbiamo andare avanti, qualunque sia il costo", afferma Gratteri. “Negli ultimi anni, c'è stata l'inizio di una nuova speranza di cambiamento. Non possiamo tradire la speranza di migliaia di persone per cui siamo l'ultima risorsa ".

    Per altri, piccoli e singoli atti di resistenza sono l'unico modo in cui possono provare a spezzare il potere psicologico che i clan detengono sulla regione e sulla loro vita. Sei anni fa, le autorità locali dovevano demolire una villa costruita illegalmente che era stata sequestrata da una temuta famiglia criminale. Nessuna azienda locale avrebbe accettato il contratto.

    Saffioti, la cui attività nel settore del cemento era stata quasi distrutta dopo aver testimoniato contro i clan, era l'unico uomo che diceva che avrebbe fatto il lavoro. "Quando mi hanno chiesto di aiutare, ho detto:" Andrò a farlo da solo. "Ho demolito la casa che nessun altro ha osato fare. Non era compiere un atto eroico, era mostrare che qui è possibile una società civile, che può esserci giustizia ", dice.

    Saffioti rimane sotto la protezione della polizia, ma afferma di sentirsi più libero di quanto potesse mai rimanendo in silenzio. “Quando moriamo, vogliamo credere che abbiamo fatto le cose giuste, se vivevamo come schiavi o vivevamo liberamente. Ho scelto la seconda scelta. Per il bene di tutti i nostri figli, è stato il minimo che potessi fare. "

  5. #5
    Flexitariano
    Data Registrazione
    16 Jul 2014
    Località
    Italia. Land of Brodi.
    Messaggi
    43,317
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    1069 Post(s)
    Tagged
    40 Thread(s)

    Predefinito Re: How the Mafia infiltrated Italy’s hospitals and laundered the profits globally

    Citazione Originariamente Scritto da Dr. Gori Visualizza Messaggio
    Si possono mettere articoli in inglese?

    E di altre lingue, con traduzione allegata?
    Puoi fare come WalterA cioè lo linki in inglese con relativo titolo. Dopo nelle risposte puoi mettere anche la tradu in italiano.
    Dr. Gori and WalterA like this.
    "La Gloria non la cerco per me stesso ma per la mia Nazione" (22gradi)

 

 

Discussioni Simili

  1. Spain’s Hospitals Have Suffered Death by a Thousand Cuts
    Di vostok nel forum Politica Europea
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-04-20, 12:03
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-08-10, 21:19
  3. Risposte: 183
    Ultimo Messaggio: 21-04-08, 01:55
  4. Ryanair profits down but above expectations - FT
    Di marcogiov nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 31-01-05, 17:48
  5. Air France-KLM sees profits take-off
    Di marcogiov nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03-09-04, 16:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226