User Tag List

Pagina 1 di 69 121151 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 682
Like Tree155Likes

Discussione: La proprietà privata dei terreni è illiberale

  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    26 May 2020
    Messaggi
    532
    Mentioned
    30 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La proprietà privata dei terreni è illiberale

    "Il mercato è ciò che si viene a creare quando gli uomini sono liberi"


    Questo è sostanzialmente il pensiero dei liberali. Cerchiamo di capire perché i liberali hanno sostanzialmente ragione.

    Immaginate che Fausto sia capace a produrre mobili in legno. Se qualcuno lo costringesse a produrre mobili per altre persone, Fausto sarebbe uno schiavo, giusto? È esattamente questa la definizione di schiavitù.

    Uno stato liberale non può tollerare la schiavitù, di conseguenza Fausto viene liberato e una volta che è libero Fausto può decidere se:
    1) Fare mobili per sé stesso e non dare niente agli altri

    2) Fare mobili e regalarli

    3) Fare mobili e darli ad altre persone in cambio di qualcosa

    La terza opzione va a creare il cosiddetto "mercato", quella cosa che per i socialisti è tipo una parolaccia. Gli uomini liberi non sono schiavi: VENDONO.

    Perché una cosa la puoi vendere? Perché è TUA. Perché è TUA? Perché l'hai creata tu, oppure perché colui che l'ha creata ti ha trasferito per sua volontà la proprietà dell'oggetto. Quindi la proprietà privata esiste in quanto non siamo schiavi.

    Fin qui ci siamo? Siamo tutti d'accordo??

    Proseguo: il delirio inizia però nel momento in cui i liberali sostengono che un terreno possa essere una proprietà privata. Solo ciò che è frutto del lavoro può essere proprietà privata! Un terreno, essendo semplicemente un pezzo della superficie terrestre, non può avere proprietari e di conseguenza non può essere venduto. La superificie terrestre infatti è stata creata dalla natura. La proprietà privata dei terreni è un po' come la proprietà privata dell'aria: è un po' come se una persona risucchiasse l'atmosfera terrestre in una sacca gigante, per poi proporre agli abitanti della terra di comprarla mentre stanno soffocando.

    Immaginatevi di uscire di casa per andare nella vostra spiaggia "di fiducia".

    Per strada c'è un tizio che cerca di vendervi delle magliette da lui fabbricate. Se voi gli rubaste una maglietta in pratica lo trattereste come uno schiavo: sarebbe un gesto violento.

    Proseguite un altro po' e c'è un tizio che vuole vendervi acqua di montagna. L'acqua è un bene naturale, ma il tizio non vi sta vendendo l'acqua, bensì il servizio di trasporto e imbottigliamento: se non fosse per lui, voi dovreste andare in montagna e prendervi l'acqua da soli. Quindi anche lui vi sta vendendo lavoro e rubargli l'acqua sarebbe come schiavizzarlo.

    Proseguite e finalmente arrivate alla spiaggia, ma non riuscite ad accedere perché qualcuno ha piazzato un cancello che fino a ieri non c'era.
    Allora arrivo un tizio e vi dice: "Questa spiaggia adesso appartiene a me. Se vuoi entrare devi pagarmi".

    Quale sarebbe la vostra reazione?
    Io mi sentirei moralmente legittimato a scavalcare il cancello e se il tizio provasse a fermarmi gli tirerei un cazzotto nel bel mezzo della sua faccia di cazzo.

    Se io avessi tirato un cazzotto al tizio che vendeva magliette per rubargliele l'illiberale sarei io, ma in quest'ultimo caso l'illiberale è colui che voleva impedirmi di entrare nella spiaggia: io mi sono solo difeso da un aggressore che voleva limitare la mia libertà di accedere alla spiaggia, allo stesso modo in cui il venditore di magliette si autodifenderebbe da uno che vuole rapinarlo.

    È incredibile come i liberali, pur partendo da un'etica sostanzialmente corretta, non si rendano conto del fatto che la proprietà privata dei terreni abbia all'origine degli atti di ILLIBERALE prevaricazione. La terra è di tutti, PUNTO!



    Questa era la parte filosofica. Passiamo a quella pratica.
    È indubbio che noi umani necessitiamo dei nostri spazi privati, ma fate attenzione a non confondere la proprietà privata con il possesso.
    Una volta che si prende atto del fatto che ogni centimetro quadrato del suolo terrestre appartiene a tutti quanti (cioè, alla collettività) esattamente come l'atmosfera terrestre, non è comunque sbagliato che ogni persona abbia il possesso di una piccola porzione del territorio dove può farsi i cazzi suoi in santa pace, MA quel terreno resta comunque di proprietà della collettività.

    Poniamo quindi che la collettività abbia concesso a Paolo di possedere un pezzo di spiaggia per poter prendere il sole per i fatti suoi. Nel momento in cui la collettività stabilisce che quel pezzo di spiaggia va restituito alla collettività, così da ingrandire la spiaggia pubblica, Paolo deve sloggiare.
    Con la proprietà privata la questione è diversa, soprattutto perché in ottica liberale la proprietà privata è inviolabile e quindi non c'è giuridicamente nessun modo di restituire quel pezzo di terreno alla collettività.

    Comunque, a questo punto qualcuno potrebbe dire: "Si, ma anche un terreno può contenere lavoro: metti per esempio che uno abbia fatto il praticello all'inglese. Se non fosse per il suo lavoro lì ci sarebbero solo erbacce, quindi non è forse giusto dargli un compenso nel momento in cui cede il possesso del terreno?". La risposta è banale: NO!!

    Torniamo infatti all'esempio del tizio che ha sbarrato la spiaggia. A voi cosa ve ne fregherebbe se lui vi dicesse: "Guarda che ho pulito le foglie!". Io gli risponderei: "Sono cazzi tuoi, nessuno ti ha chiesto di farlo. Sei libero di chiedere donazioni volontarie per il tuo prezioso contributo, ma non puoi pretendere che chi accede alla spiaggia sia obbligato a pagare il tuo servizio. Tutto quello che fai nella proprietà collettiva è da considearsi come un libero contributo alla collettività!".

    Se parliamo di un terreno abitativo (che deve essere regolato da leggi specifiche) la questione è naturalmente più complessa, perché c'è anche una costruzione, la quale è frutto del lavoro, quindi ci può essere la proprietà privata della casa ma non del terreno.
    Ebbene, in questo caso se la collettività si riprende il possesso del terreno tu puoi legittimamente chiedere tutti i soldi che servono per costruire una coppia identica della casa in un altro terreno abitativo.
    Naturalmente lo stato, proprio per evitare queste rotture di coglioni, dovrebbe fare una pianificazione scrupolosa del territorio: i terreni abitativi devono essere limitati, la maggior parte della superficie deve essere suolo pubblico. Il suolo pubblico strategico non deve assolutamente essere reso suolo abitativo.
    Quello che mi fa accaponare la pelle è che certi liberali vorrebbero cedere tutto il suolo pubblico ai privati, come se l'esistenza del suolo pubblico fosse praticamente un difetto.

    Concludo: i liberali non si rendono conto di come questa cazzata ILLIBERALE della proprietà privata dei terreni sia l'origine di tutti i mali del liberismo, nonché quella cosa che rende deleteri tutti i loro discorsi. Infatti la libertà economica di cui parlano a vanvera ci sarebbe se una persona potesse mandare a fare in culo il suo datore di lavoro avendo come alternativa quella di sopravvivere coltivando il suo orticello, ma ovviamente per avere un orticello devi avere i soldi per comprare un terreno e per avere i soldi per comprare il terreno sei obbligato a prostituirti, dando il culo a chi possiede capitali/terra.

    Immaginate invece che lo stato dia in possesso un pezzo di suolo pubblico a chiunque voglia produrre per sé stesso. Lo stato non chiederebbe soldi: chiederebbe soltanto di sfruttare al meglio il terreno dato in concessione. Se vede che lo fai deperire, lo dà a un altro che ha voglia di fare.
    andream likes this.
    Il diritto alla libertà e all'integrità fisica e psicologica di un solo individuo è mille volte più importante rispetto ai "democratici" piagnistei di diecimila fascistoidi cialtroni che reclamano il diritto di sopprimere gli altrui diritti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatori anghe noi...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    60,916
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Intervento, escluse le volgarità, decisamente interessante che potrebbe esser la base per una tesi d'esame di laurea.

    Resta da capire perché mai Green Peace ci chieda il 5 per mille per comprare pezzi di pianeta per salvare specie di animali in via di estinzione.



    Kobra (Democritico)
    occidentale, furioso2013 and Seyen like this.
    Se hai la necessità di scegliere tra un uomo e un cobra,
    preferisci chi striscia.
    E se ti serve un amico, trovati un cane.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 Nov 2019
    Messaggi
    1,335
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Lo ripeto sempre ... meno male che ho venduto seconda casa e terreno annesso: altrimenti espropriazione per darla ad uno del terzo mondo. E rischiamo anche con la prima casa nostra, a questo punto.

  4. #4
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    54,680
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    77 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Citazione Originariamente Scritto da Giustizia&Libertà Visualizza Messaggio
    "Il mercato è ciò che si viene a creare quando gli uomini sono liberi"


    Questo è sostanzialmente il pensiero dei liberali. Cerchiamo di capire perché i liberali hanno sostanzialmente ragione.

    Immaginate che Fausto sia capace a produrre mobili in legno. Se qualcuno lo costringesse a produrre mobili per altre persone, Fausto sarebbe uno schiavo, giusto? È esattamente questa la definizione di schiavitù.

    Uno stato liberale non può tollerare la schiavitù, di conseguenza Fausto viene liberato e una volta che è libero Fausto può decidere se:
    1) Fare mobili per sé stesso e non dare niente agli altri

    2) Fare mobili e regalarli

    3) Fare mobili e darli ad altre persone in cambio di qualcosa

    La terza opzione va a creare il cosiddetto "mercato", quella cosa che per i socialisti è tipo una parolaccia. Gli uomini liberi non sono schiavi: VENDONO.

    Perché una cosa la puoi vendere? Perché è TUA. Perché è TUA? Perché l'hai creata tu, oppure perché colui che l'ha creata ti ha trasferito per sua volontà la proprietà dell'oggetto. Quindi la proprietà privata esiste in quanto non siamo schiavi.

    Fin qui ci siamo? Siamo tutti d'accordo??

    Proseguo: il delirio inizia però nel momento in cui i liberali sostengono che un terreno possa essere una proprietà privata. Solo ciò che è frutto del lavoro può essere proprietà privata! Un terreno, essendo semplicemente un pezzo della superficie terrestre, non può avere proprietari e di conseguenza non può essere venduto. La superificie terrestre infatti è stata creata dalla natura. La proprietà privata dei terreni è un po' come la proprietà privata dell'aria: è un po' come se una persona risucchiasse l'atmosfera terrestre in una sacca gigante, per poi proporre agli abitanti della terra di comprarla mentre stanno soffocando.

    Immaginatevi di uscire di casa per andare nella vostra spiaggia "di fiducia".

    Per strada c'è un tizio che cerca di vendervi delle magliette da lui fabbricate. Se voi gli rubaste una maglietta in pratica lo trattereste come uno schiavo: sarebbe un gesto violento.

    Proseguite un altro po' e c'è un tizio che vuole vendervi acqua di montagna. L'acqua è un bene naturale, ma il tizio non vi sta vendendo l'acqua, bensì il servizio di trasporto e imbottigliamento: se non fosse per lui, voi dovreste andare in montagna e prendervi l'acqua da soli. Quindi anche lui vi sta vendendo lavoro e rubargli l'acqua sarebbe come schiavizzarlo.

    Proseguite e finalmente arrivate alla spiaggia, ma non riuscite ad accedere perché qualcuno ha piazzato un cancello che fino a ieri non c'era.
    Allora arrivo un tizio e vi dice: "Questa spiaggia adesso appartiene a me. Se vuoi entrare devi pagarmi".

    Quale sarebbe la vostra reazione?
    Io mi sentirei moralmente legittimato a scavalcare il cancello e se il tizio provasse a fermarmi gli tirerei un cazzotto nel bel mezzo della sua faccia di cazzo.

    Se io avessi tirato un cazzotto al tizio che vendeva magliette per rubargliele l'illiberale sarei io, ma in quest'ultimo caso l'illiberale è colui che voleva impedirmi di entrare nella spiaggia: io mi sono solo difeso da un aggressore che voleva limitare la mia libertà di accedere alla spiaggia, allo stesso modo in cui il venditore di magliette si autodifenderebbe da uno che vuole rapinarlo.

    È incredibile come i liberali, pur partendo da un'etica sostanzialmente corretta, non si rendano conto del fatto che la proprietà privata dei terreni abbia all'origine degli atti di ILLIBERALE prevaricazione. La terra è di tutti, PUNTO!



    Questa era la parte filosofica. Passiamo a quella pratica.
    È indubbio che noi umani necessitiamo dei nostri spazi privati, ma fate attenzione a non confondere la proprietà privata con il possesso.
    Una volta che si prende atto del fatto che ogni centimetro quadrato del suolo terrestre appartiene a tutti quanti (cioè, alla collettività) esattamente come l'atmosfera terrestre, non è comunque sbagliato che ogni persona abbia il possesso di una piccola porzione del territorio dove può farsi i cazzi suoi in santa pace, MA quel terreno resta comunque di proprietà della collettività.

    Poniamo quindi che la collettività abbia concesso a Paolo di possedere un pezzo di spiaggia per poter prendere il sole per i fatti suoi. Nel momento in cui la collettività stabilisce che quel pezzo di spiaggia va restituito alla collettività, così da ingrandire la spiaggia pubblica, Paolo deve sloggiare.
    Con la proprietà privata la questione è diversa, soprattutto perché in ottica liberale la proprietà privata è inviolabile e quindi non c'è giuridicamente nessun modo di restituire quel pezzo di terreno alla collettività.

    Comunque, a questo punto qualcuno potrebbe dire: "Si, ma anche un terreno può contenere lavoro: metti per esempio che uno abbia fatto il praticello all'inglese. Se non fosse per il suo lavoro lì ci sarebbero solo erbacce, quindi non è forse giusto dargli un compenso nel momento in cui cede il possesso del terreno?". La risposta è banale: NO!!

    Torniamo infatti all'esempio del tizio che ha sbarrato la spiaggia. A voi cosa ve ne fregherebbe se lui vi dicesse: "Guarda che ho pulito le foglie!". Io gli risponderei: "Sono cazzi tuoi, nessuno ti ha chiesto di farlo. Sei libero di chiedere donazioni volontarie per il tuo prezioso contributo, ma non puoi pretendere che chi accede alla spiaggia sia obbligato a pagare il tuo servizio. Tutto quello che fai nella proprietà collettiva è da considearsi come un libero contributo alla collettività!".

    Se parliamo di un terreno abitativo (che deve essere regolato da leggi specifiche) la questione è naturalmente più complessa, perché c'è anche una costruzione, la quale è frutto del lavoro, quindi ci può essere la proprietà privata della casa ma non del terreno.
    Ebbene, in questo caso se la collettività si riprende il possesso del terreno tu puoi legittimamente chiedere tutti i soldi che servono per costruire una coppia identica della casa in un altro terreno abitativo.
    Naturalmente lo stato, proprio per evitare queste rotture di coglioni, dovrebbe fare una pianificazione scrupolosa del territorio: i terreni abitativi devono essere limitati, la maggior parte della superficie deve essere suolo pubblico. Il suolo pubblico strategico non deve assolutamente essere reso suolo abitativo.
    Quello che mi fa accaponare la pelle è che certi liberali vorrebbero cedere tutto il suolo pubblico ai privati, come se l'esistenza del suolo pubblico fosse praticamente un difetto.

    Concludo: i liberali non si rendono conto di come questa cazzata ILLIBERALE della proprietà privata dei terreni sia l'origine di tutti i mali del liberismo, nonché quella cosa che rende deleteri tutti i loro discorsi. Infatti la libertà economica di cui parlano a vanvera ci sarebbe se una persona potesse mandare a fare in culo il suo datore di lavoro avendo come alternativa quella di sopravvivere coltivando il suo orticello, ma ovviamente per avere un orticello devi avere i soldi per comprare un terreno e per avere i soldi per comprare il terreno sei obbligato a prostituirti, dando il culo a chi possiede capitali/terra.

    Immaginate invece che lo stato dia in possesso un pezzo di suolo pubblico a chiunque voglia produrre per sé stesso. Lo stato non chiederebbe soldi: chiederebbe soltanto di sfruttare al meglio il terreno dato in concessione. Se vede che lo fai deperire, lo dà a un altro che ha voglia di fare.
    discussione che necessita di essere ampliata..
    dall'origine dei tempi la terrA diventava proprietà di chi ne prendeva possesso per primo.. o del re che li conquistava con le armi... il quale ne distribuiva una parte ai suoi vassalli in cambio di un contributo in denaro, in natura, o in schiavi o guerrieri, compreso il vassallo, per aiutarlo in altre conquiste.
    ora che siamo in democrazia la terra deve QUINDI intendersi di proprietà dello stato, il quale ne concede IL POSSESSO a chi già la possedeva o ha consentito nel tempo che chi la possedeva potesse concederne il possesso ad altri DIETRO UN CORRISPETTIVO SUL QUALE IL RE O LO STATO PRETENDEVA UNA TANGENTE IN VIRTù DEL PASSAGGIO DI POSSESSO.
    ma una vera democrazia sottintende che lo stato non debba concedere privilegi solo ad alcuni e ad altri solo doveri.... OVVERO SE NON TUTTI I CITTADINI HANNO UN PEZZO DI TERRA, E MOLTI NE POSSIEDONO GRANDI QUANTITà, SIGNIDICA CHE QUESTA DEMOCRAZIA è UNA TRUFFA,,, PERCHè SIGNIFIA CHE NEL TEMPO LO STATO HA CONTINUATO A PRIVILEGIARE ALCUNI E AD ALTRI HA IMPOSTO SOLO PENALITà DI DIVERSA NATURA.
    vediamo ora come svilupperà il tema i nick che ha iniziato la discussione.
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2010
    Messaggi
    910
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Citazione Originariamente Scritto da Giustizia&Libertà Visualizza Messaggio
    "Il mercato è ciò che si viene a creare quando gli uomini sono liberi"


    Questo è sostanzialmente il pensiero dei liberali. Cerchiamo di capire perché i liberali hanno sostanzialmente ragione.

    Immaginate che Fausto sia capace a produrre mobili in legno. Se qualcuno lo costringesse a produrre mobili per altre persone, Fausto sarebbe uno schiavo, giusto? È esattamente questa la definizione di schiavitù.

    Uno stato liberale non può tollerare la schiavitù, di conseguenza Fausto viene liberato e una volta che è libero Fausto può decidere se:
    1) Fare mobili per sé stesso e non dare niente agli altri

    2) Fare mobili e regalarli

    3) Fare mobili e darli ad altre persone in cambio di qualcosa

    La terza opzione va a creare il cosiddetto "mercato", quella cosa che per i socialisti è tipo una parolaccia. Gli uomini liberi non sono schiavi: VENDONO.

    Perché una cosa la puoi vendere? Perché è TUA. Perché è TUA? Perché l'hai creata tu, oppure perché colui che l'ha creata ti ha trasferito per sua volontà la proprietà dell'oggetto. Quindi la proprietà privata esiste in quanto non siamo schiavi.

    Fin qui ci siamo? Siamo tutti d'accordo??

    Proseguo: il delirio inizia però nel momento in cui i liberali sostengono che un terreno possa essere una proprietà privata. Solo ciò che è frutto del lavoro può essere proprietà privata! Un terreno, essendo semplicemente un pezzo della superficie terrestre, non può avere proprietari e di conseguenza non può essere venduto. La superificie terrestre infatti è stata creata dalla natura. La proprietà privata dei terreni è un po' come la proprietà privata dell'aria: è un po' come se una persona risucchiasse l'atmosfera terrestre in una sacca gigante, per poi proporre agli abitanti della terra di comprarla mentre stanno soffocando.

    Immaginatevi di uscire di casa per andare nella vostra spiaggia "di fiducia".

    Per strada c'è un tizio che cerca di vendervi delle magliette da lui fabbricate. Se voi gli rubaste una maglietta in pratica lo trattereste come uno schiavo: sarebbe un gesto violento.

    Proseguite un altro po' e c'è un tizio che vuole vendervi acqua di montagna. L'acqua è un bene naturale, ma il tizio non vi sta vendendo l'acqua, bensì il servizio di trasporto e imbottigliamento: se non fosse per lui, voi dovreste andare in montagna e prendervi l'acqua da soli. Quindi anche lui vi sta vendendo lavoro e rubargli l'acqua sarebbe come schiavizzarlo.

    Proseguite e finalmente arrivate alla spiaggia, ma non riuscite ad accedere perché qualcuno ha piazzato un cancello che fino a ieri non c'era.
    Allora arrivo un tizio e vi dice: "Questa spiaggia adesso appartiene a me. Se vuoi entrare devi pagarmi".

    Quale sarebbe la vostra reazione?
    Io mi sentirei moralmente legittimato a scavalcare il cancello e se il tizio provasse a fermarmi gli tirerei un cazzotto nel bel mezzo della sua faccia di cazzo.

    Se io avessi tirato un cazzotto al tizio che vendeva magliette per rubargliele l'illiberale sarei io, ma in quest'ultimo caso l'illiberale è colui che voleva impedirmi di entrare nella spiaggia: io mi sono solo difeso da un aggressore che voleva limitare la mia libertà di accedere alla spiaggia, allo stesso modo in cui il venditore di magliette si autodifenderebbe da uno che vuole rapinarlo.

    È incredibile come i liberali, pur partendo da un'etica sostanzialmente corretta, non si rendano conto del fatto che la proprietà privata dei terreni abbia all'origine degli atti di ILLIBERALE prevaricazione. La terra è di tutti, PUNTO!



    Questa era la parte filosofica. Passiamo a quella pratica.
    È indubbio che noi umani necessitiamo dei nostri spazi privati, ma fate attenzione a non confondere la proprietà privata con il possesso.
    Una volta che si prende atto del fatto che ogni centimetro quadrato del suolo terrestre appartiene a tutti quanti (cioè, alla collettività) esattamente come l'atmosfera terrestre, non è comunque sbagliato che ogni persona abbia il possesso di una piccola porzione del territorio dove può farsi i cazzi suoi in santa pace, MA quel terreno resta comunque di proprietà della collettività.

    Poniamo quindi che la collettività abbia concesso a Paolo di possedere un pezzo di spiaggia per poter prendere il sole per i fatti suoi. Nel momento in cui la collettività stabilisce che quel pezzo di spiaggia va restituito alla collettività, così da ingrandire la spiaggia pubblica, Paolo deve sloggiare.
    Con la proprietà privata la questione è diversa, soprattutto perché in ottica liberale la proprietà privata è inviolabile e quindi non c'è giuridicamente nessun modo di restituire quel pezzo di terreno alla collettività.

    Comunque, a questo punto qualcuno potrebbe dire: "Si, ma anche un terreno può contenere lavoro: metti per esempio che uno abbia fatto il praticello all'inglese. Se non fosse per il suo lavoro lì ci sarebbero solo erbacce, quindi non è forse giusto dargli un compenso nel momento in cui cede il possesso del terreno?". La risposta è banale: NO!!

    Torniamo infatti all'esempio del tizio che ha sbarrato la spiaggia. A voi cosa ve ne fregherebbe se lui vi dicesse: "Guarda che ho pulito le foglie!". Io gli risponderei: "Sono cazzi tuoi, nessuno ti ha chiesto di farlo. Sei libero di chiedere donazioni volontarie per il tuo prezioso contributo, ma non puoi pretendere che chi accede alla spiaggia sia obbligato a pagare il tuo servizio. Tutto quello che fai nella proprietà collettiva è da considearsi come un libero contributo alla collettività!".

    Se parliamo di un terreno abitativo (che deve essere regolato da leggi specifiche) la questione è naturalmente più complessa, perché c'è anche una costruzione, la quale è frutto del lavoro, quindi ci può essere la proprietà privata della casa ma non del terreno.
    Ebbene, in questo caso se la collettività si riprende il possesso del terreno tu puoi legittimamente chiedere tutti i soldi che servono per costruire una coppia identica della casa in un altro terreno abitativo.
    Naturalmente lo stato, proprio per evitare queste rotture di coglioni, dovrebbe fare una pianificazione scrupolosa del territorio: i terreni abitativi devono essere limitati, la maggior parte della superficie deve essere suolo pubblico. Il suolo pubblico strategico non deve assolutamente essere reso suolo abitativo.
    Quello che mi fa accaponare la pelle è che certi liberali vorrebbero cedere tutto il suolo pubblico ai privati, come se l'esistenza del suolo pubblico fosse praticamente un difetto.

    Concludo: i liberali non si rendono conto di come questa cazzata ILLIBERALE della proprietà privata dei terreni sia l'origine di tutti i mali del liberismo, nonché quella cosa che rende deleteri tutti i loro discorsi. Infatti la libertà economica di cui parlano a vanvera ci sarebbe se una persona potesse mandare a fare in culo il suo datore di lavoro avendo come alternativa quella di sopravvivere coltivando il suo orticello, ma ovviamente per avere un orticello devi avere i soldi per comprare un terreno e per avere i soldi per comprare il terreno sei obbligato a prostituirti, dando il culo a chi possiede capitali/terra.

    Immaginate invece che lo stato dia in possesso un pezzo di suolo pubblico a chiunque voglia produrre per sé stesso. Lo stato non chiederebbe soldi: chiederebbe soltanto di sfruttare al meglio il terreno dato in concessione. Se vede che lo fai deperire, lo dà a un altro che ha voglia di fare.
    Lei confonde il liberismo con l'anarchismo. O meglio, sostituisce il termine anarchismo con liberale ..ma su posizioni davvero basiche, giacche basterebbe considerare l'incremento della richiesta di magliette nel mercato e quindi la necessità di incrementare la produzione con immissione di manodopera e quindi, la necessita di incrementare i mezzi di produzione e quindi, la necessità di incrementare la produzione di LINO, CANAPA, JUTA, BACCHI DA SETA e quindi, la necessita di investire in agricole e terreni da finanziare da... ...OPS, servono investimenti, chi li mette?????????
    Seyen likes this.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2010
    Messaggi
    910
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Citazione Originariamente Scritto da Manteuffel Visualizza Messaggio
    Lei confonde il liberismo con l'anarchismo. O meglio, sostituisce il termine anarchismo con liberale ..ma su posizioni davvero basiche, giacche basterebbe considerare l'incremento della richiesta di magliette nel mercato e quindi la necessità di incrementare la produzione con immissione di manodopera e quindi, la necessita di incrementare i mezzi di produzione e quindi, la necessità di incrementare la produzione di LINO, CANAPA, JUTA, BACCHI DA SETA e quindi, la necessita di investire in agricole e terreni da finanziare da... ...OPS, servono investimenti, chi li mette?????????
    Non vorrei darmi una zappata sui piedi ma ho l'impressione che esistano solo due soluzioni e quella liberale, ovviamente, non prevede quella marxista-leninista, l'unica alternativa che abbia dimostrato una qualche funzionalità anche se a scapito della liberta ..appunto, LA LIBERTA', parola magica!

  7. #7
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    54,680
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    77 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Citazione Originariamente Scritto da manteuffel Visualizza Messaggio
    lei confonde il liberismo con l'anarchismo. O meglio, sostituisce il termine anarchismo con liberale ..ma su posizioni davvero basiche, giacche basterebbe considerare l'incremento della richiesta di magliette nel mercato e quindi la necessità di incrementare la produzione con immissione di manodopera e quindi, la necessita di incrementare i mezzi di produzione e quindi, la necessità di incrementare la produzione di lino, canapa, juta, bacchi da seta e quindi, la necessita di investire in agricole e terreni da finanziare da... ...ops, servono investimenti, chi li mette????????? :d :d :d
    un tempo bastava il lavorO degli schiavi e dei servi della gleba,,, quando questi avevano prodotto abbastanza denaro per ampliare la produzione o comprare nuovi strumenti il padrone degli schiavi provvedeva a comprarli o farli costruire, utilizzando i soldi che gli schiavi gli avevano fattO guadagnare... Tutti i capitali si sono formati in questa maniera, e COSì continuano a formarsi .. Anche se non esistono più schiavi ma esistonp solo prestatori d'opera remunerati con salari da fame.. Che facendo i calcoli sono inferiori alle spese che il padrone doveva sostenere per mantenere gli schiavi ,
    Manteuffel and Wu Wei like this.
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  8. #8
    Moderatori anghe noi...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    60,916
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Assunto : La terra è di tutti.

    Però quel pezzetto di savana con il baobab che mi dà ombra e rifugio dalle fiere per me e la mia famiglia è troppo importante perché lo possa dividere con qualcun altro. Se qualcuno entra nel mio territorio lo uccido perché quel territorio per me è vitale.

    Strano ragionamento; tutt'altro che idilliaco.

    Il bello è che pure il leone, la pantera e perfino la scimmia hanno il loro "spazio vitale" da difendere con le unghie e con i denti.
    Ora, gli animali non conoscono (forse) il concetto di proprietà ma certamente è innato in loro il principio di difendere il proprio territorio.

    Conclusione : la terra è di tutti ma, dal momento che anche l'uomo è un animale, quel pezzetto di savana è mio perché serve alla mia sopravvivenza.



    Kobra (Democritico)
    furioso2013 and Seyen like this.
    Se hai la necessità di scegliere tra un uomo e un cobra,
    preferisci chi striscia.
    E se ti serve un amico, trovati un cane.

  9. #9
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    54,680
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    77 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    La libertà oggi significa soltanto questo: O mangi questa minestra o vai alla caritas.
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  10. #10
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    54,680
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    77 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: La proprietà privata dei terreni è illiberale

    Citazione Originariamente Scritto da kobra Visualizza Messaggio
    assunto : la terra è di tutti.

    Però quel pezzetto di savana con il baobab che mi dà ombra e rifugio dalle fiere per me e la mia famiglia è troppo importante perché lo possa dividere con qualcun altro. Se qualcuno entra nel mio territorio lo uccido perché quel territorio per me è vitale.

    Strano ragionamento; tutt'altro che idilliaco.

    Il bello è che pure il leone, la pantera e perfino la scimmia hanno il loro "spazio vitale" da difendere con le unghie e con i denti.
    Ora, gli animali non conoscono (forse) il concetto di proprietà ma certamente è innato in loro il principio di difendere il proprio territorio.

    conclusione : la terra è di tutti ma, dal momento che anche l'uomo è un animale, quel pezzetto di savana è mio perché serve alla mia sopravvivenza.



    kobra (democritico)
    è un ragionamento valido sino a quando la tua sopravvivenza impedisce la sopravvivenza di un altro.
    QUINDI SE TU DI BAOBAB NE HAI DUE .. E QUALCUNO NEPPURE UNO.. LO STATO DEMOCRATICO DOVREBBE TOGLIERTENE UNO.
    E NON TOGLIERE LA SCUSA CHE TU SEI PIù INTELLIGENTE, O PIù LABORIOSO,,, SEI SOLO PIù FORTIUANTO E PIù PRIVILEGIATO DALLO STATTO O DALLA FORTUNA,,,,
    LO STATO SERVE PROPRIO PER ANNULLARE LA SFORTIUNA DI TROPPI.
    AL TEMPO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE SI DICEVA: ESISTONO 20000 CITTADINI CHE MANGIANO E 30MILIONI DI CITTADINI CHE VENGONO MANGIATI.
    OGGI NON è CAMBIATO NULLA.. O QUASI.
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

 

 
Pagina 1 di 69 121151 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Legge popolare sull' esproprio dei terreni di proprietà privata.
    Di Supermario nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 100
    Ultimo Messaggio: 22-06-10, 23:37
  2. Proprietà privata
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-12-07, 17:23
  3. Proprietà privata
    Di Gino Cerutti nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 22-09-06, 12:10
  4. proprietà privata
    Di rocky92 (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 30-06-06, 11:04
  5. Proprietà privata
    Di Ricky-PdCI nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 154
    Ultimo Messaggio: 30-06-06, 07:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226