User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito «Il Fisco ha perso ma vuole i miei soldi»

    Il caso

    «Il Fisco ha perso ma vuole i miei soldi»

    Vinto il ricorso, è il contribuente che deve dimostrarlo alle Finanze

    «Il Fisco ha perso ma vuole i miei soldi» - Corriere della Sera

    Caro direttore,

    io e il mio socio siamo imprenditori del comparto design e la società con cui operiamo (una srl) è soggetta agli Studi di settore. Nell'aprile 2009 riceviamo un invito al contraddittorio da parte dell'Agenzia delle entrate di Milano, che per l'anno 2004, a fronte della nostra dichiarata «incongruità» rispetto ai ricavi presunti dal sistema, rileva uno scostamento e presume un'evasione Ires, Irap, Iva. Non intendiamo qui sollevare il problema specifico sugli Studi di settore, che riteniamo siano uno strumento utile all'osservatorio fiscale: ciò che vogliamo segnalare è la qualità del rapporto che in alcuni particolari momenti si instaura tra imprenditori (in questo caso: onesti e leali) e il Fisco.

    La cifra indicata in notifica risultava per noi ingiusta rispetto ai nostri reali ricavi e alla condizione del comparto: eravamo quindi certi che saremmo stati capaci di dimostrarlo. E così, alla fine, è stato. Tra maggio e settembre 2009 partecipiamo a tre appuntamenti di «contraddittorio», in cui presentiamo tutti i documenti giustificativi che ci vengono, legittimamente, richiesti dal Fisco. L'esame dei documenti non rileva alcuna irregolarità. Tuttavia, il Fisco decide di esigere lo stesso l'importo, basandosi sul mero risultato dell'algoritmo. Considerate le nuove sanzioni, l'importo lievita a circa 140.000 euro. Affrontiamo il tunnel del contenzioso: nel gennaio 2010 depositiamo il ricorso (contro l'accertamento e per la sospensione della cartella), l'udienza è fissata per il 5 maggio.

    Senza attendere la sentenza, il 21 maggio l'Esattoria emette comunque la cartella con l'iscrizione a ruolo delle imposte dovute. L'11 giugno viene comunicata la sentenza alle parti: il nostro ricorso è stato accolto. Abbiamo vinto. È finita? No, perché qui inizia l'emblematica seconda parte della storia. La procedura vigente prevede che sia a carico di chi ha vinto la causa occuparsi dello sgravio della cartella. Sì, avete capito bene: malgrado la sentenza stabilisca che avessimo ragione noi, la cartella resta sempre attiva, come la sua scadenza. E per «bloccarla» dobbiamo essere noi a dimostrare a chi ha perso (che è già informato della sentenza), che abbiamo vinto la causa.

    Il nostro legale, dopo aver inutilmente chiesto più volte telefonicamente l'annullamento, deposita il 18 giugno una nuova istanza. Solo il 9 luglio l'Ufficio ci spiega di non potersi occupare dello «sgravio» prima della scadenza della cartella, perché impegnato nella locale riorganizzazione degli uffici; ci suggerisce, per di più, di aprire un nuovo contenzioso con il Fisco. Un ulteriore procedimento per bloccare - con altre spese e perdite di tempo per tutti (noi, Agenzia delle entrate, Commissione tributaria e, alla fine, tutti i contribuenti) - una cartella che doveva essere già stata fermata. Inviamo il nuovo ricorso il 12 luglio. Il 15 settembre spediamo un fax, per avere notizie, all'Agenzia delle entrate.

    Siamo davvero molto sfortunati, perché nessuno ci ha mai risposto. E la cartella, intanto, incombe. Non è bastato - dopo venticinque di attività imprenditoriale e di comportamento ineccepibile nei confronti del Fisco - affrontare un avvilente anno di contenzioso e di spese legali, con conseguenti rinvii per investimenti e innovazione, oggi fondamentali per competere sul mercato. La soddisfazione di vedere riconosciuta, con una sentenza dello Stato, la reputazione professionale e il corretto comportamento della propria piccola impresa, viene mortificata dalla sottovalutazione di un diritto. Fuor di retorica, siamo convinti che un Fisco severo ed efficiente sia da considerare per le imprese un vantaggio, un reale strumento di civiltà e di democrazia. Il Fisco, però, non dovrebbe mai costituire una minaccia per l'impresa e per le persone oneste che attraverso il proprio lavoro ricavano le risorse per vivere e per pagare, giustamente, anche le tasse.

    Franco Achilli

    28 settembre 2010
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Il Fisco ha perso ma vuole i miei soldi»

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    Fuor di retorica, siamo convinti che un Fisco severo ed efficiente sia da considerare per le imprese un vantaggio, un reale strumento di civiltà e di democrazia. Il Fisco, però, non dovrebbe mai costituire una minaccia per l'impresa e per le persone oneste che attraverso il proprio lavoro ricavano le risorse per vivere e per pagare, giustamente, anche le tasse.

    Franco Achilli

    28 settembre 2010
    Che bellissime parole da ciulapadano verme strisciante, con il Fisco maiuscolo. Popolo di schiavi.
    Ultima modifica di semipadano; 29-09-10 alle 06:58
    L'occasione fa l'uomo italiano

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    23 Jun 2010
    Località
    Venetia
    Messaggi
    244
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Il Fisco ha perso ma vuole i miei soldi»

    Il fisco in italia, si comporta come la cultura che lo ha generato, la camorra e la mafia.
    Tzimbar-earde

  4. #4
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,694
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Il Fisco ha perso ma vuole i miei soldi»

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    Che bellissime parole da ciulapadano verme strisciante, con il Fisco maiuscolo. Popolo di schiavi.
    quoto

    veramente incredibile il grado di rincoglionimento e schiavitù dei ciulapadani che non riescono nemmeno capire che tutto il sistema è marcio perchè gestito da roma in maniera statalista, centralista e colonialista, aggravato poi da croniche inefficienze, bizantinismi e lassismi che caratterizzano da sempre il disgustoso regime chiamato itaglia
    Ultima modifica di sciadurel; 29-09-10 alle 08:54

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 04-01-12, 20:04
  2. "Il Fisco ha perso ma vuole i miei soldi"
    Di Abbott nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-09-10, 13:21
  3. Rivoglio I Miei Soldi!!!
    Di Toscanissimo nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 13-02-07, 23:27
  4. Primarie CSx coi miei soldi!
    Di veltro (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 23-10-05, 09:37
  5. ma chi ha perso i 'soldi parmalat' ?
    Di larth (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-01-04, 17:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226