User Tag List

Pagina 39 di 39 PrimaPrima ... 293839
Risultati da 381 a 383 di 383

Discussione: Brexit svizzera?

  1. #381
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,706
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,297
    Mentioned
    158 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit svizzera?

    Citazione Originariamente Scritto da Alexandri Magni Visualizza Messaggio
    Fatti ampiamente conosciuti, però vorrei far notare che l'adesione o meno dei paesi europei extra-UE al mercato comune non è essenziale per il successo della UE come progetto politico, ciò che potrebbe essere realmente dannoso è concedere a quei paesi gli stessi privilegi dei paesi membri senza chiedere in cambio gli stessi doveri, è questo il problema reale di fondo.
    Certamente non è essenziale. E neppure sarebbe importante, se non fosse che sulle questioni commerciali e sulla creazione di blocchi economici che escludono chi non fa concessioni politiche, l'UE basa la propria esistenza politica e la propria sopravvivenza. Nei fatti non si può trovare un accordo semplicemente commerciale, in queste condizioni, e la cosa può dunque trascinarsi per le lunghe...
    Sulla questione "privilegi e doveri" e su cosa significano stavolta (come ho fatto anche con l'articolo) passo...

  2. #382
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,706
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,297
    Mentioned
    158 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit svizzera?

    Citazione Originariamente Scritto da Alexandri Magni Visualizza Messaggio
    Mi sa che queste illusioni in sede UE sono finite da parecchio tempo, ho l'impressione che il campo proUE in Svizzera non ha alcun seguito fra la popolazione ed è minoritario anche nell'arena politica.
    Quindi perché mai sostenere un gruppo di politicanti che non ha nemmeno il supporto della popolazione? Semmai la dimostrazione è che hanno fatto un lavoro molto pessimo nel presentare sotto una buona luce l'UE quindi sono anche inutili.
    Saranno i primi ad essere investiti sotto un bus man mano che le relazioni fra Svizzera e UE cambieranno in peggio.
    Sempre sul tema dei Pro-UE e delle loro intelligenti azioni, ho scovato il seguente articolo...

    "Un nuovo inizio, un nuovo capitolo nella storia delle relazioni tra la Svizzera e l'UE". E cosa bolle intorno?
    dal dott. iur. Marianne Wüthrich

    La decisione del Consiglio federale di interrompere i negoziati con Bruxelles ha messo in difficoltà i turboeuropeisti svizzeri. Poiché era prevedibile che il palloncino dell'accordo quadro, fase preliminare all'adesione all'UE, sarebbe scoppiato, hanno avanzato a gran voce richieste e azioni bizzarre. Non impressionato da ciò, il Consiglio federale ha motivato in modo convincente la sua decisione di interrompere i negoziati nel suo comunicato stampa e nella conferenza stampa del 26 maggio e ha risposto in modo pacato e corretto alle domande provocatorie dei giornalisti.

    Sono sempre le stesse, poche persone e organizzazioni che da molto tempo vorrebbero vedere la Svizzera come uno Stato membro dell'UE. Ciò include alcuni docenti universitari come Thomas Cottier, che ovviamente non si adatta alla concezione svizzera dello stato: “In Svizzera, da sinistra a destra, le persone hanno una concezione della sovranità molto conservatrice e nazionale orientata all'autodeterminazione, all'autonomia e, in alcuni casi, anche l'autosufficienza. Ogni obbligo internazionale è visto come una perdita di sovranità [...]”. In quale altro modo si dovrebbe definire la sovranità? Solo l'ultima frase deve essere contraddetta con veemenza: noi svizzeri non siamo così egoisti! L'impegno della Svizzera nei confronti del CICR e delle Convenzioni di Ginevra, la cooperazione allo sviluppo e l'offerta di buoni uffici, per citare alcuni dei settori più importanti della politica estera svizzera, fanno praticamente parte della sovranità svizzera.

    Consiglio federale: proseguire la collaudata cooperazione bilaterale è nell'interesse di entrambe le parti

    Poiché la maggior parte degli svizzeri sa ancora cosa significa sovranità, ampi strati della popolazione si sono sentiti sollevati dalla decisione del Consiglio federale di porre fine all'esperimento dell'accordo quadro. Nel frattempo, i sostenitori di una più stretta integrazione nell'UE sostengono che la cancellazione è un segno di debolezza, il Consiglio federale non ha un piano su come "salvare gli accordi bilaterali" e simili.
    Chi ha letto il comunicato stampa del Consiglio federale del 26 maggio e ha ascoltato la conferenza stampa di un'ora e mezza lo stesso giorno avrà un'impressione completamente diversa: presentarsi come governo statale e affermare che non è stato possibile raggiungere dopo anni di trattative un contratto che sia vantaggioso non solo per Bruxelles, ma anche per la Svizzera, non è privo di coraggio.
    Nel suo comunicato stampa, il Consiglio federale afferma che la Svizzera può sicuramente collocarsi alla pari con l'UE: “Dal punto di vista del Consiglio federale, è nell'interesse comune della Svizzera e dell'UE continuare la collaudata cooperazione bilaterale nonostante il fallimento dell'InstA. Questa cooperazione si basa, tra l'altro, su oltre 100 accordi bilaterali. Con i suoi 27 Stati membri, l'Unione europea è il partner più importante della Svizzera. Al contrario, la Svizzera è uno dei partner commerciali più importanti per l'UE: numero 4 negli scambi di merci, numero 3 nei servizi e numero 2 negli investimenti. Inoltre, c'è un avanzo commerciale dell'UE in miliardi a due cifre. In Svizzera vivono 1,4 milioni di cittadini dell'UE. Ci sono anche circa 340.000 pendolari transfrontalieri provenienti dall'UE […]”.
    Dopo queste e altre spiegazioni generalmente comprensibili anche nella conferenza stampa del 26 maggio, il presidente federale Guy Parmelin , la consigliera federale Karin Keller-Sutter e il consigliere federale Ignazio Cassis hanno risposto con serenità alle domande per lo più provocatorie dei giornalisti.
    No, oggi non è un "mercredi noir", ha detto il presidente federale Parmelin a un giornalista: "Siamo a un nuovo inizio, un nuovo capitolo nella storia delle nostre relazioni tra la Svizzera e l'UE". Il Consiglio federale lavorerà nell'interesse di entrambe le parti per aggiornare gli accordi esistenti. "Per attutire le conseguenze negative, il Consiglio federale ha iniziato da tempo a pianificare e attuare in parte misure preventive". Ad esempio, il Consiglio federale ha già deciso misure unilaterali per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento e la sorveglianza del mercato nel settore dei dispositivi medici "nel caso in cui il relativo capitolo dell'MRA [Accordo sugli ostacoli tecnici al commercio] non venga aggiornato ."

    È una cosa del genere con le stime dei costi: il modello svizzero può gestire anche tempeste più violente

    In generale, il consigliere federale Cassis ha commentato l'enorme danno economico che da anni è paventato in particolare l'associazione di imprese Economiesuisse in caso di fallimento dell'accordo quadro: “Il passato ci ha dimostrato che le stime dei costi sono spesso un mero alibi, e il Consiglio federale molto spesso sbagliava». Guy Parmelin ha citato come esempio le previsioni per l'immigrazione prima della conclusione dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone (Bilaterale I): “Secondo le valutazioni di vari esperti, era prevista un'immigrazione netta in Svizzera di un massimo di otto-diecimila persone annue. Oggi possiamo vedere a che punto siamo realmente". [fino a dieci volte di più all'anno]. - Un giornalista ha insistito che la SECO (Segreteria Federale dell'Economia) una volta "calcolava un intervallo di circa 400-600 miliardi di franchi svizzeri entro il 2035" se gli accordi bilaterali avessero cessato di esistere. Il presidente della Confederazione Parmelin ha dichiarato: “È estremamente difficile stimare i costi a cui la Svizzera sarebbe soggetta. Un esempio: il mancato riconoscimento dell'equivalenza borsistica, dove dovevamo trovare soluzioni pragmatiche e dove le abbiamo trovate. In quel momento le conseguenze furono drammatizzate».
    Eccome! Quando le fosche previsioni sono ogni giorno sui giornali, si imprimono nelle cellule cerebrali, se ci lasciamo scoraggiare dal pensare. Un'esperienza fenomenale che è rimasta impressa nella memoria della maggior parte degli svizzeri sono le disastrose profezie prima del voto sull'adesione allo SEE nel 1992 in caso di no del sovrano. Niente di tutto questo è successo, ma l'economia svizzera ha continuato a svilupparsi splendidamente.
    Le gestioni del gruppo che si basano esclusivamente sui dati di esportazione del registro: infatti, i fattori più importanti per il buon stato della nostra economia si basano sui punti di forza del modello svizzero, ovvero la democrazia diretta, il federalismo e il principio di sussidiarietà, le aziende di piccola scala (sedi aziendali anche nei cantoni rurali e montani), formazione professionale duale, principio della Milizia, impegno dei cittadini per il bene comune. Se noi cittadini coltiviamo questi punti di forza, anche la nostra economia troverà soluzioni flessibili insieme alle autorità dei Comuni, dei Cantoni e della Confederazione. Il presupposto per questo è che la Svizzera rimanga il più possibile indipendente.

    Azioni bizzarre di alcuni turbo-UE

    - Adesione all'UE con protezione salariale svizzera, servizio pubblico e franchi svizzeri?
    Alcuni parlamentari del PS vogliano picchiare la testa contro il muro. Il co-presidente del partito Cédric Wermuth ha annunciato : “L'accordo quadro è in realtà la peggiore di tutte le opzioni per un rapporto sicuro con l'UE. L'apertura dei negoziati di adesione risolverebbe il problema della sovranità della Svizzera". È vero, l'adesione all'UE risolverebbe effettivamente la questione della sovranità svizzera, se la sua abolizione fosse vista come una “soluzione”. E l'UE inghiottirebbe allora la protezione salariale svizzera, che Wermuth giustamente difende? Il consigliere nazionale Fabian Molina(SP, ZH), dal canto suo, con una mozione intende incaricare il Consiglio federale di avviare i negoziati di adesione all'UE. Oltre alla protezione dei salari, il suo catalogo di richieste a Bruxelles include anche il mantenimento del servizio pubblico svizzero di alta qualità e del franco svizzero. Dopo le trattative fallite con Bruxelles, tutti avrebbero dovuto capire che l'UE non apprezza le posizioni indipendenti dei partner contrattuali.
    La mozione di Molina di aderire all'UE è stata ora sventata dal suo stesso gruppo parlamentare. L'8 giugno, la televisione svizzera ha riferito: “Resta da vedere se il PS, come partito, seguirà l'esempio alla fine. Il PS chiarirà i suoi obiettivi politici europei entro la prossima primavera [!]. Saranno coinvolti anche i critici dell'accordo quadro”. Non sembra molto l'entusiasmo per l'adesione tra i compagni: chissà se vorranno eliminare l'obiettivo dell'adesione all'UE dal loro programma di partito?

    - Markwalder, «Operation Libero» & Co chiedono con indignazione un referendum
    Sono proprio quei circoli che vogliono seppellire la democrazia diretta Svizzera nel costrutto antidemocratico dell'UE che ora urlano perché persumono che il Consiglio federale abbia scavalcato il diritto del popolo a partecipare ai negoziati. I turbo-UE Christa Markwalder (FDP, BE), Tiana Moser (GLP, ZH) e altri membri della CPE del Consiglio nazionale avevano chiesto in una lettera del Consiglio federale del 18 maggio che l'accordo quadro fosse presentato al Parlamento e quindi sottoposto solo a referendum facoltativo.
    Nel frattempo, il think tank “Operazione Libero” avverte “molto disagio nella società civile” e sta quindi progettando un'iniziativa popolare dai contenuti ancora indeterminati per portare nella costituzione federale il più stretto legame della Svizzera con l'UE. La "società civile" che sostiene il progetto è costituita principalmente dal Nuovo Movimento Europeo Svizzero (il cui presidente era prima Markwalder; attuale presidente: Eric Nussbaumer, anche consigliere nazionale della SP e membro del CPE) e dalla Associazione Svizzera di Politica Estera (di cui oggi è il presidente Markwalder).

    Come ho detto, sono sempre le stesse poche persone a cui non piace il modello svizzero. Fortunatamente, la maggior parte degli elettori non vuole che il proprio buon senso sia spento.
    https://www.zeit-fragen.ch/archiv/20...nd-der-eu.html
    (originale in tedesco, traduzione di Google e mia)

    Vorrei un'opinione sulle richieste di Fabian Molina; un'adesione della Svizzera all'UE mantenendo protezione dei salari, finanziamenti pubblici e franco svizzero. Io so già la risposta, ma qualcuno reputa che l'UE accetterebbe queste richieste?

  3. #383
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,706
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,297
    Mentioned
    158 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Brexit svizzera?

    Accordo quadro: metà degli svizzeri è contraria
    Lo indica un sondaggio pubblicato sulle testate dell’editore Tamedia

    La metà degli svizzeri, ossia il 51% con un margine di errore di 4 punti percentuali, se avesse votato domenica scorsa, avrebbe rifiutato l’accordo quadro istituzionale con l’Unione europea. Lo indica un sondaggio pubblicato oggi sulle testate dell’editore Tamedia. Il 35% degli intervistati lo avrebbe accettato. Il restante 14% si è detto indeciso.
    Il Consiglio federale il 26 maggio ha messo fine a negoziati di sette anni con l’Ue giustificando la sua scelta con la difficoltà di trovare una maggioranza tra la popolazione, poiché non è stata raggiunta una soluzione soddisfacente su punti controversi. Il sondaggio sembra confermare questi timori.
    Il sondaggio è stato condotto dall’11 al 13 giugno tra 16’249 persone in tutta la Svizzera. Senza sorpresa, l’affinità con l’accordo quadro è risultata diversa a seconda dell’appartenenza politica degli interrogati. La maggioranza dei sostenitori dei Verdi liberali (PVL, 57%), del PS (55%) e dei Verdi (54%) si è detta favorevole all’accordo. Al contrario, chi si ritiene vicino all’UDC ha rifiutato in modo schiacciante l’intesa (82% di contrari). L’accordo è respinto anche dalla maggioranza degli elettori del PLR (53%). Chi si riconosce nell’Alleanza del Centro è diviso (50%).

    «Sì» alla fine dei negoziati

    Un quadro simile emerge quando si tratta di sapere se la rottura dei negoziati sia stata giustificata. Il 55% degli intervistati che ha condiviso la decisione del Consiglio federale proviene principalmente da UDC (86%), PLR e Centro. Al contrario, la maggioranza dei simpatizzanti di PVL, PS e Verdi avrebbe voluto che le discussioni tra Berna e Bruxelles proseguissero.
    All’inizio di maggio, un sondaggio dell’istituto gfs.bern indicava che il 64% degli svizzeri avrebbe votato «sì» o «piuttosto sì» all’accordo istituzionale. L’inchiesta era stata effettuata prima della decisione del Consiglio federale di interrompere i negoziati.
    https://www.cdt.ch/svizzera/accordo-...?_sid=RjidWOYp

    A favore dell'accordo quadro:
    35 / 86 x 100 = 40.7% SI
    51 / 86 x 100 = 59.3% NO

    A favore dell'interruzione dei negoziati:
    55 / 89 x 100 = 61.8% SI
    34 / 89 x 100 = 38.2% NO

    Poi va beh, i sondaggi valgono quello che valgono...

 

 
Pagina 39 di 39 PrimaPrima ... 293839

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-02-20, 09:25
  2. Brexit
    Di pietro lo iacono nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31-07-16, 21:49
  3. Brexit ?
    Di MaIn nel forum Repubblicani, Socialdemocratici, Progressisti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-06-16, 19:11
  4. Brexit: Cosa c'è dietro la Brexit
    Di Metabo nel forum Politica Europea
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-06-16, 20:03
  5. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 16-04-12, 12:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •