User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,371
    Inserzioni Blog
    6
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Mezzo milione di contatti dopo il primo giorno sul web di "Pope2you"

    Mezzo milione di contatti dopo il primo giorno sul web di "Pope2you" il portale vaticano pensato per i giovani

    Da ieri, la Chiesa ha spostato in avanti la linea della sua presenza lungo la mutevole frontiera del web. Centinaia di migliaia di contatti e migliaia di “cartoline” virtuali con l’immagine di Benedetto XVI e un suo pensiero sono state inviate attraverso il nuovo portale Pope2you, lanciato ufficialmente ieri dal Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali all’interno di Facebook, il social network che conta 200 milioni di iscritti. Il “target” del sito - plurilingue e supportato dai principali media vaticani - sono i giovani di tutto il mondo. L’obiettivo: creare una piattaforma di dialogo e di amicizia con quella che il Papa chiama “generazione digitale”. Il mini-portale è stato aperto alla vigilia della Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali di domenica prossima. Alessandro De Carolis ne ha parlato con il coordinatore, don Paolo Padrini della Cei:

    R. - La novità di “Pope2you” è quella di porsi in una dimensione di relazione con i giovani, facendo sperimentare loro la possibilità, nel web, non solo di trasferire informazioni o di vivere momenti superficiali, ma anche di creare una comunità di appartenenza, di partecipazione a quella che è la Chiesa, attraverso una vicinanza che si fa sempre più stretta con il Santo Padre.

    D. - Accedere al “profilo” del Papa su Facebook è un po’ la notizia che ha fatto il giro del mondo. Dopo un giorno dall’avvio di “Pope2you”, qual è stato il risultato dei contatti?

    R. - Il risultato dei contatti è stato un risultato enorme. Solo nella prima giornata di ieri sono state inviate - tra il sito “Pope2you” direttamente, e tramite Facebook - un totale di quasi 10 mila cartoline, senza contare i numeri dei visitatori unici - molte decine di migliaia - e dei contatti alla pagina di “Pope2you” che hanno superato, nella sola giornata di ieri, il mezzo milione. Una precisazione: quello che è su Facebook non è un profilo, ma è uno spazio di condivisione perché, ovviamente, il Papa non ha bisogno di un profilo nel quale presentarsi e non ha neanche bisogno di un profilo nel quale creare un dialogo “uno a uno” con i suoi fedeli. Il dialogo con lui è un dialogo incardinato nelle nostre realtà quotidiane di scuola, di lavoro, di parrocchia. è stimolato da lui ma poi si concretizza nella condivisione con i nostri amici della rete.

    D. - Lei, don Paolo, è un profondo conoscitore di quelle che il Papa definisce nuove relazioni digitali. Quali sono secondo lei i pregi e i difetti di uno scenario del quale è praticamente impossibile fissare dei confini?

    R. - Parto dai difetti, per arrivare ai pregi. C’è un grande difetto, o meglio un rischio più che un difetto, ed è legato al fatto che questi strumenti modificano il nostro modo di relazionarci con le persone. Se questi strumenti diventano gli unici strumenti utilizzati - in Giappone ci sono notizie di malattie legate ad un utilizzo compulsivo dello strumento - rischiano di modificare negativamente la nostra relazione con gli altri. Comunque rimane una multirelazione, perché noi siamo multimediali per vocazione e per struttura umana. Gli elementi positivi sono come potenzialità insite in questi strumenti. Per esempio, Facebook ci ha rimesso in bocca la parola “amicizia”. Noi sappiamo, come cristiani, che possiamo dire qualcosa di importante sulla parola amicizia e il Papa ce lo indica chiaramente nel suo messaggio. E questo credo sia anche il valore aggiunto di “Pope2you”: far sperimentare davvero come uno strumento che tutti usano - come Facebook o come lo sono anche gli altri strumenti che noi proponiamo - possa diventare uno strumento anche utile per vivere bene la nostra esperienza multimediale.

    D. - In che modo vengono formate le nuove generazioni di sacerdoti e di laici, che devono e dovranno interagire con questo mondo?

    R. - Il discorso è ovviamente complesso, perché naturalmente i grandi mutamenti tecnologici richiedono una grande preparazione e conoscenza degli strumenti stessi. La cosa più importante, dopo la conoscenza degli strumenti, è sicuramente la strutturazione, secondo me, di una forte identità. Paradossalmente, più andiamo nell’era digitale, più noi come uomini dobbiamo strutturarci con un forte spessore umano. Questa è un’idea che secondo me è da costruire, perché non è detto poi che si conoscano effettivamente questi strumenti, che spesso vengono invece utilizzati in modo molto superficiale.

    D. - La Chiesa sta conquistando sempre nuovi spazi di annuncio in territori certamente inusuali: da Youtube all’i-Phone, per giungere ora al portale che lei dirige. Si possono intravedere, secondo lei, le prospettive di questa nuova frontiera dell’evangelizzazione?

    R. - Diciamo che dai tempi in cui chiamava i migliori pittori per affrescare le sue chiese, la Chiesa ha sempre cercato di comunicare al meglio il suo messaggio. La Chiesa lo ha fatto nel mondo del cinema, in cui è stata avanguardista, la Chiesa l’ha fatto nel mondo della televisione, della radio: pensiamo a Marconi, pensiamo alla Radio Vaticana. La prospettiva allora è questa: a prescindere da come si evolveranno gli strumenti, la Chiesa sarà sempre in grado, perché maestra di umanità, di portare con questi strumenti una lettura attenta, serena e nello stesso tempo anche una lettura propositiva.

    Papa Ratzinger blog [2]: <strong>Mezzo milione di contatti dopo il primo giorno sul web di "Pope2you" il portale vaticano pensato per i giovani (Radio Vaticana)</strong>
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderato con i moderati
    Data Registrazione
    04 May 2005
    Località
    Bolzano/Bozen
    Messaggi
    40,237
    Mentioned
    150 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Mezzo milione di contatti dopo il primo giorno sul web di "Pope2you"

    Interessante iniziativa. Sarà possibile chattare con ratzinger? :mmm: O con il suo segretario? hefico: :gluglu:

 

 

Discussioni Simili

  1. mezzo milione di danni al giorno per i casefici campani
    Di fedege52 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-04-08, 13:23
  2. mezzo milione di danni al giorno per i casefici campani
    Di fedege52 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-04-08, 08:07
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-03-07, 14:18
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-06-06, 23:33
  5. E. e il "milione e mezzo" di posti di lavoro .....
    Di Guido Di Tacco nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-02-06, 02:20

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226