User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,023
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il PSd’Az espulso dall’EFA!

    Vergogna.
    Il 17 aprile del 2021, contemporaneamente al centenario dalla sua nascita, si celebrerà anche il funerale di questo PSd’Az.

    Dal sito del quotidiano l’Unione Sarda:
    https://www.unionesarda.it/articolo/...JmbAi4cR5TSUgk

    effetto immediato
    Efa-Ale (Alleanza libera europea) espelle il Partito sardo d'Azione

    Non sono stati diffusi i motivi del provvedimento
    VENERDÌ 02 OTT 2020

    Il Psd'Az, partito di cui è segretario il presidente della Regione Christian Solinas, è stato espulso dall'Efa-Ale (European free alliance), organizzazione politica europea fondata nel 1981 che comprende 46 movimenti indipendentisti e autonomisti e che nell'Europarlamento aderisce al gruppo Verdi-Europei - Alleanza europea.
    Nella comunicazione della presidente Lorena Lòpez de Lacalle non sono specificate le ragioni dell'espulsione, solo che ha effetto immediato. Il partito del governatore era già stato sospeso nell'aprile del 2018, dopo la formalizzazione dell'alleanza con la Lega di Matteo Salvini stretta in occasione delle elezioni politiche. In quel caso l'Efa aveva richiamato le regole dell'organizzazione che vietano collaborazioni con partiti ritenuti xenofobi.
    "Il Psd'Az resterà per sempre tra i padri fondatori dell'Alleanza Libera Europea - scrive su Facebook il presidente del partito Antonio Moro - e ci rammarica non poter festeggiare, il prossimo 17 aprile, con gli amici dell'Efa-Ale i nostri cento anni di storia immacolata e gloriosa a difesa degli interessi del popolo sardo, della nostra Sardegna, del diritto all'autodeterminazione e per l'Europa dei Popoli".
    Per replicare alle accuse che sarebbero state mosse dal Bureau dell'Efa, Moro spiega che "l'alleanza tra il più antico partito indipendentista europeo, il nostro Psd'Az, e il più grande partito federalista italiano, la Lega, in Sardegna l'hanno decisa i sardisti e l'hanno premiata i cittadini sardi con un voto libero e democratico che prima ci ha restituito la rappresentanza nel Parlamento italiano e poi ci ha riportato alla guida della Sardegna".

    Roberto Murgia

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,023
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il PSd’Az espulso dall’EFA!

    https://www.e-f-a.org/2020/10/02/rea...the-ga-of-efa/
    October 2, 2020

    Read final statement of the GA of EFA
    EFA General Assembly, 1st-2nd October 2020
    Recapitulative Political Statement
    #BuildingBridges

    The European Free Alliance (EFA) promotes the right to self-determination and supports people’ aspirations to choose their own political future, including independence, greater autonomy or linguistic justice and cultural recognition for minorities.

    EFA, as a group of 47 political parties across Europe, believes that all peoples have the right to choose their own destiny and the best institutional framework in which to achieve their empowerment.

    The EFA General Assembly was held online, but was originally planned to be held in Flensburg to mark the centenary of the historic 1920 Danish-German border referendum. Our member parties the Südschleswigscher Wählerverband (SSW) and the Schleswigsche Partei (SP) represent the Danish and German minority communities on both sides of that border.

    The 1920 referendum continues to be seen as an example of peaceful cooperation, of compromise, and of commitment to democracy. It is only in the spirit of the Schleswig plebiscite that we will face the challenges of the future, by working together, and by building bridges.

    Discussions and decisions of the EFA GA 2020:

    1) The General Assembly opened with a declaration of solidarity with the people of Artsakh, calling for peace, an end to hostilities by Azeri forces, and a return to negotiations. EFA member party, the Democratic Party of Artsakh gave the Assembly an update on the current situation, and the EFA declaration of solidarity was adopted.

    2) The first day of the General Assembly marked the three year anniversary of the Catalan independence referendum, and a video message of friendship and solidarity from Esquerra Republicana de Catalunya’s Marta Rovira, who since the referendum has been forced into a political exile in Switzerland, was shown to the Assembly.

    3) Two new members were welcomed to EFA – Patto per l’Autonomia and Comitato Libertà Toscana. The Partito Sardo d’Azione was expelled from the party. The Autonomie e Ambiente, an alliance formed by 10 parties and movements in Italy which network for autonomy, independence and a federal Europe on democratic and non-violent grounds, also gave the GA a presentation on their activities.

    4) A new set of EFA statues were adopted. We are the only European Union Political Party to have incorporated the status of Observer MEP into its statutes, a new status for ex-MEPs from Scotland and Wales who have lost their seats due to Brexit. The new statutes also introduced a political charter to the Articles of Association, and the hosting of an EFA Congress in the year preceding European Elections in order to collaboratively prepare its manifesto.

    5) The EFA Working Plan 2020, Annual Report 2019, and the Strategy 2020-2022 was presented to the General Assembly, outlining the strategic goal of EFA and its activities and priorities for the next two years.

    6) A debate moderated by Ana Stanič on the Future of Europe was held, with Leader of Plaid Cymru Adam Price, Valentina Servera the President of EFAy, Jill Evans Vice-President of EFA and Observer MEP, Christian Allard Observer MEP, Jordi Solé MEP Secretary General of the EFA Party and President of the EFA EP Group. The future of the European Union was debated in light of the coronavirus crisis, and EFA presented a report on the post-pandemic future of the EU and the impact of the pandemic on communities seeking self-determination and linguistic justice. EFA will contribute to the Conference on the Future of Europe with practical proposals, following from EFA’s historic contribution to the Convention on the Future of Europe in 2003, with Neil MacCormick introducing the concept of ‘internal enlargement’ within the European Union.

    7) The General Assembly was given a presentation on the European Citizens’ Initiative on Cohesion Policy for the Equality of Regions and Sustainability of Regional Cultures by its co-ordinator Dr Attila Dabis, an initiative supported and promoted by EFA.

    8) Updates regarding the activities of Coppieters Foundation and EFA Youth were given to delegates, outlining past and future events, the impact of the pandemic on their activities, and outlining future strategies and avenues of co-operation.

    9) Motions that were approved by the GA on: Minority schools under attack in Latvia; Minority languages are professional skills; Catalonia: end of repression, dialogue, amnesty and self-determination; The Conference on the Future of Europe; Funding the Just Transition Mechanism; 100 years since the plebiscite in the Danish-German border region: Minorities building bridges; the EU must implement the citizens’ initiative MSPI to protect minorities in Europe; Situation in Turkey: attack on local democracy and equal representation; Biodiveristy in the European Rural Development Plan 2021-2030; For a just policy toward Bulgaria’s and Greece’s indigenous Macedonians; Situation in Palestine. An urgency motion on Macro-territorial strategy in the Mediterranean was also adopted.

    10) Declarations were adopted on: Support to extensive breeding in Corsica; The Turkish Minority of Western Thrace recommends Greece to implement the provisions of international and bilateral conventions; The EU should abolish geo-blocking for public broadcasting services; The EFA supports the application of the Danish-German border region as a UNESCO intangible cultural heritage; Ignoring Moravian heritage and rejecting rights of this Central European land in the Czech Republic in the long term; Rise of neo-fascist violence in Europe.

    11) Hişyar Özsoy, Member of Parliament and co-chair of the Foreign Affairs department of the HDP (People’s Democratic Party from Kurdistan) gave the Assembly an update regarding the suppression of the HDP party and the Kurdish community. MEP François Alfonsi, co-chair of the Kurdish Friendship Group in the European Parliament also intervened, outlined developments with the parliament and on EU level.

    12) EFA intends to hold its next General Assembly in Brussels in 2021 if possible. Should the pandemic continue to be an issue, the next General Assembly will also be held online.

  3. #3
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,023
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il PSd’Az espulso dall’EFA!

    Comunicato ufficiale di espulsione.


  4. #4
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,023
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il PSd’Az espulso dall’EFA!

    Ripropongo la lettura dell’analisi compiuta da Andria Pili, datata 1° febbraio2018.


    https://www.manifestosardo.org/sardo...FI0Fhkrwxcd930

    Sardofascismo 2.0
    1 Febbraio 2018

    [Andria Pili]

    L’alleanza fra PSdAz e Lega Nord per le prossime legislative sarebbe, nelle parole del segretario sardista Christian Solinas, non un «accordo elettorale» ma «culturale» basato su «autonomia e lavoro, identità, cultura e tradizione», per porre fine «al rapporto di sudditanza con lo Stato». Le reazioni interne al Partito, ostili all’accordo, pongono dei dubbi legittimi sulla democraticità della scelta di collaborare con il Carroccio. Tuttavia, non si può pensare che questa sia il frutto di un «golpe» del segretario – in cerca di un posto blindato per il Parlamento – e non la degenerazione annunciata di un partito, la cui azione non ha la sua ragione negli interessi della maggioranza del popolo sardo ma in quelli di un grumo di notabili ed esponenti del ceto politico il cui scopo è la salvaguardia di rendite di posizione. Basta dare un’occhiata a buona parte degli eletti del PSdAz nelle istituzioni per capire come i loro candidati vengano selezionati più sulla loro forza in termini di relazioni personali e clientelari, più che sul loro impegno indipendentista. Solo con una simile bussola è possibile concludere un’alleanza del tutto incoerente con l’obiettivo dell’emancipazione sarda, come quella decennale con il centrodestra in Regione.

    Già una volta il PSdAz si lacerò di fronte ad un accordo con un partito sciovinista italiano: il Partito Nazionale Fascista. Diversi suoi esponenti siglarono un patto con il prefetto Gandolfo, rappresentante del Duce, nel 1923, fondendosi nel PNF e dando vita al «sardofascismo». Al di là della questione antifascista, su come il Partito abbia tradito il suo patrimonio storico – comune ad ogni sardo democratico – confrontare passato e presente è utile per riflettere sul problema politico che viene posto: la politica delle alleanze tra sardismo e organizzazioni italiane. Il fascismo dei primi anni’20, come la Lega oggi, era un movimento fondato sul Nord Italia, occultante la difesa degli interessi del capitale e la sua missione restauratrice con una retorica populista reazionaria, revanscista, razzista, capace di farle recepire il consenso di una parte di classe media insoddisfatta per il peggioramento delle proprie condizioni di vita. Il rapporto tra PNF e PSdAz era, in pratica, fra lo Stato centrale e i rappresentanti della Sardegna, in cui il primo cercava di accreditarsi come portatore di migliorie per l’isola (Legge del Miliardo o l’autonomia). I sardofascisti si giustificarono affermando non solo che il fascismo fosse una rottura con la vecchia classe dirigente ma anche con un malinteso senso di pragmatismo, piuttosto diffuso anche oggi: con la fusione il programma sardista si sarebbe realizzato rapidamente.

    Pili e Solinas, sono accomunati, se non dall’opportunismo, dalla miopia politica: l’incapacità di vedere la reale base sociale reazionaria del potere dei propri alleati politici. Pili, dotato di un progetto economico più articolato della «economia dell’identità» di Solinas, realizzò le cooperative che avrebbero dovuto abbattere i monopoli, specie caseari, rafforzando il potere contrattuale di pastori e contadini. Tuttavia, vissero poco, dato che Mussolini – in continuità con i suoi predecessori – proseguì la politica volta a conciliare gli interessi del capitale settentrionale con quelli della classe dominante nelle periferie. La rivalutazione della lira fu il primo ostacolo alle esportazioni delle cooperative sarde, poi abbattute con l’allontanamento di Pili, sconfitto dalla fazione più conservatrice del PNF sardo, legata a quel blocco di potere che il Regime non aveva alcuna intenzione di abbattere. La Legge del Miliardo sarà ugualmente neutralizzata dalla resistenza dei proprietari terrieri sardi, ostili alle società che avrebbero dovuto compiere le bonifiche e l’elettrificazione delle campagne; inoltre, ben lungi dall’aver abbattuto il clientelismo, il fascismo ne inaugurò la nuova fase, basata sul potere di un partito-Stato nella distribuzione dei fondi pubblici.

    Dalla tragedia alla farsa: Salvini, volendo conquistare il governo, considera il PSdAz «la voce del popolo sardo» e seduce i tifosi di Solinas con un eloquio regionalista che nasconde un programma lesivo ai sardi, nei loro diritti nazionali e sociali. I punti chiave del programma leghista sono due: la flat tax e l’antieuropeismo. La prima aumenterebbe ulteriormente la diseguaglianza sociale; il secondo colpisce al cuore la tradizione del pensiero sardista, che ha sempre concepito il federalismo come necessario per slegarsi dalla nefasta influenza delle politiche governative. È chiaro come un’uscita dall’UE da Destra, con il pieno ripristino della sovranità statale italiana, sarebbe catastrofica per la Sardegna che, anche grazie al processo europeista, ha accresciuto la sua coscienza nazionale e la volontà di autodeterminarsi contro uno Stato centrale avvertito sempre più come distante e nemico. Nel programma del Centrodestra la proposta federalista è sempre più sbiadita – un «federalismo responsabile» riducente il diritto democratico dei popoli all’autodeterminazione in un premio elargito dallo Stato – e si chiede un adeguamento della spesa bellica alla media occidentale, chiudendo i margini per una revisione dell’occupazione militare in Sardegna.

    Il passato sostegno alle politiche neoliberali (precariato del lavoro e riforme universitarie) rivela come la Lega Nord non sia la forza di cambiamento che pretende di essere. Il suo responsabile economico, Claudio Borghi, a Cagliari mostrò la continuità leghista con il neocolonialismo: “la Sardegna potrebbe essere il granaio, l’allevamento (…) in cui produrre roba sana per l’Italia”; “la Sardegna può diventare il traino dell’Italia”. Insomma, la nostra isola è vista sempre come funzionale all’Italia; le proposte specifiche (zona franca e un fantomatico centro di ricerca) sono mosse dall’idea che l’isola dovrebbe attirare gli investimenti stranieri/italiani, divenendo un luogo in cui, per altri, sia conveniente produrre.

    Il sovranismo salviniano è la nuova versione dello sciovinismo italiano, analogo al protezionismo contro cui insorse, nell’ultimo quarto del XIX secolo, il pensiero sardista-autonomista, di fronte al disastro che tale politica aveva creato nell’isola. La questione sarda non può essere risolta senza affrontare i suoi nodi sociali ed economici. La dipendenza è legata alla distribuzione del potere politico, economico, sociale interno quanto esterno. La volontà di mutare i rapporti sociali esistenti è lo spartiacque fra un progetto sardista coerente ed uno incoerente, condannato alla sconfitta o alla riproposizione, entro uno Stato sardo, dei medesimi rapporti di oppressione. L’unico modo per emancipare la Sardegna è la lotta di massa contro il potere politico-economico italiano e la classe politica sarda, sua mediatrice; a questo fine la Lega Nord è assolutamente inutile e – al governo – sarebbe un nemico, come ogni partito che non intende abbattere lo stato di cose presente.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    13 Aug 2015
    Messaggi
    171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il PSd’Az espulso dall’EFA!

    Grande perdita non si è mai visto un esponente di questi pseudo partitini di estrema sinistra indipendentista europea una sola volta solidarizzare nei confronti del popolo sardo di fronte alla tirannia dello stato italiano.

    Mai che questi si siano presentati a difesa dei sardi contro le servitù militari nell'isola, mai ci hanno supportato nella rivendicazione del diritto di avere una nostra rappresentanza in sede europea, mai e poi mai, mentre i sardi sempre cari e buoni mandando delegazioni in Catalogna, Corsica, Paesi Baschi, Scozia in supporto delle lotte indipendentiste di quei territori.

    Ora perché la Sardegna governata dal Partito Sardo d'Azione non ha esultato di fronte all'ennesimo sopruso ricevuto dal governo italiano, ricevendo 125 clandestini, di cui 10 positivi, senza che questo nemmeno si degnasse di chiedere il permesso, dopo che l'isola è stata completamente devastata, con un incremento di contagi in pochi mesi del +154% e le terapie intensive piene, per colpa dello stesso governo italiano che ha impedito ogni genere di controllo sanitario, viene espulso il più antico partito facente parte quella pseudo alleanza.

  6. #6
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,023
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il PSd’Az espulso dall’EFA!

    Per chi volesse farsi un’idea della European Free Alliance /Alleanza Libera Europea (EFA/ALE), attualmente nel Gruppo Parlamentare europeo dei Verdi - Alleanza Libera Europea (The Greens – European Free Alliance, G/EFA), può essere utile qualche link che ne sintetizza l’evoluzione storica:

    https://it.wikipedia.org/wiki/Alleanza_Libera_Europea

    https://it.wikipedia.org/wiki/Verdi_...Libera_Europea

    https://www.academia.edu/23562818/LA...libera_europea

    https://www.e-f-a.org/

    https://hopeurope2.weebly.com/allean...--ale-efa.html

 

 

Discussioni Simili

  1. Sgarbi espulso dall'Aula
    Di Indra88 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 142
    Ultimo Messaggio: 30-06-20, 08:46
  2. Palamara è stato espulso dall'anm.
    Di incerto nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 20-06-20, 17:53
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-03-18, 23:03
  4. Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 01-08-16, 18:13
  5. Daki espulso dall'Italia
    Di novis nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-12-05, 15:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226