User Tag List

Pagina 9 di 10 PrimaPrima ... 8910 UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 99
Like Tree31Likes

Discussione: Raccontini senza impegno

  1. #81
    Color d'oriental zaffiro
    Data Registrazione
    05 Oct 2004
    Messaggi
    1,732
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da liutgarda Visualizza Messaggio
    @ Blue Che sono le palle di Mozart?
    Sono dei dolcetti sui quali @chicca.s è un po' fissata... ma forse è meglio se chiedi a lei: in materia è una vera esperta.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #82
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    06 Feb 2013
    Messaggi
    8,811
    Mentioned
    360 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da Blue Visualizza Messaggio
    Ripassino... qui.


    P.S. Di che cosa sa un "bosco al profumo di Parigi"?
    Di Chanel n°5.

  3. #83
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    06 Feb 2013
    Messaggi
    8,811
    Mentioned
    360 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da liutgarda Visualizza Messaggio
    @ Blue Che sono le palle di Mozart?
    Sono dolcetti tipici di Salisburgo, ho anche raccontato di come siano esplosi in volo. Nella tuta alare poteva esserci Blue, ci va pazza. Ne mangia una dozzina al giorno, poi si lamenta di acne e cellulite...

  4. #84
    socialdemocratico di m
    Data Registrazione
    21 Aug 2013
    Località
    tra la Ghisolfa e il West
    Messaggi
    46,661
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    349 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Era una notte buia e tempestosa.
    Quando d’improvviso echeggiò uno sparo, o forse era un bacio, o forse era una finestra che sbatteva perché qualcuno la aveva chiusa male. E si sa che nelle notti buie e tempestose le finestre chiuse male sbattono, e qualcuno potrebbe confondere il rumore della finestra che sbatte con quello di uno sparo, mentre qualcun altro, più romantico, potrebbe pensare ad un bacio particolarmente appassionato.
    Comunque la notte era buia, quindi non si poteva vedere, quindi non ci sono testimoni oculari.
    Però uno pensa che, se fosse una finestra che sbatte, sicuramente si sentirebbe una voce femminile gridare ad Alfredo o chi per lui: “chiudi quella cazzo di finestra che se continua a sbattere non riesco a dormireeeee!”
    Ma la notte era anche tempestosa, quindi il grido disperato avrebbe potuto essere coperto dal vento, oppure portato in una direzione diversa da quella da cui noi stiamo appostati con i nostri impermeabili e i nostri cappelli. L’ombrello no, perché il vento lo ha portato via.
    Però, però. C’è sempre il solito Pierino che è più intelligente degli altri e che ci viene a raccontare che, se abbiamo sentito la finestra sbattere, avremmo dovuto sentire anche il grido successivo, perché il vento portava i suoni verso di noi. Ma noi non abbiamo sentito nessun grido, quindi Alfredo non aveva chiuso male la finestra, e d’altra parte nessuno era stato colpito da una pallottola, altrimenti avremmo sentito l’inconfondibile “aaaaargh!” di chi viene colpito da una pallottola: lo abbiamo visto in tutti i film di John Wayne, e anche in quelli di Richard Widmark.
    Allora era un bacio. Ma i baci fanno rumore? E certo che fanno rumore, i baci veri s’intende, non quelli che ti dà la nonna insieme ai 50 euro per la serata. Un bacio di quelli veri fa un baccano che sveglia i santi del Paradiso, che si guardano in giro e si scoprono tristi anche là, perché li invidiano un po’, quelli capaci di darsi un bacio così. E poi due che si amano in quel modo fanno anche sbattere le porte della notte nel buio, e allora vedi che capisci cosa è stato a fare quel rumore.
    Ma … un momento: e dove sono questi che si amano tanto da darsi un bacio che fa sbattere le porte della notte e risveglia i santi del Paradiso? Io non li vedo. Ma è buio, non puoi vederli, e poi c’è la tempesta: era una notte buia e tempestosa.
    Quando d’improvviso echeggiò uno sparo, o forse era un bacio, o forse.
    Blue likes this.
    il mio caimano nero piangendo mi confidò
    che non approvava il progetto del metrò

  5. #85
    Forumista senior
    Data Registrazione
    17 Oct 2019
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,010
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    @ Blue.

    Che significa sclerare?

  6. #86
    Color d'oriental zaffiro
    Data Registrazione
    05 Oct 2004
    Messaggi
    1,732
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da liutgarda Visualizza Messaggio
    @ Blue.
    Che significa sclerare?
    Te lo spiego subito... mettiti comoda.



    Una specie d'amore

    Stamattina, la Polda si è alzata storta. Suo marito, che in genere si butta giù dal letto all'alba e porta fuori il cane, non c’è: non è a letto, non è in cucina e nemmeno in bagno. E il cane, vicino alla porta, mugola perché vuole uscire e sa che se prova a farla sul pavimento gli arriva una ciabattata sul didietro. Ma è allo stremo…

    La Polda, incazzata, si veste in fretta e porta giù la bestia per non correre rischi… "Appena torna, mi sente!" – ringhia tra sé. Intanto, il cane al guinzaglio la trascina di corsa dietro a una cana di suo gradimento e lei ha già il braccio che le fa male: quello che le hanno operato l'anno scorso quando si è rotta un tendine cadendo dalla scala. Tira, il maledetto, come tira… e lei, con una smorfia di dolore, si domanda chi è al guinzaglio di chi, perché è sempre il cane a decidere dove andare, a che velocità e per quanto tempo. Strano che suo marito non si lamenti mai quando la bestia la porta fuori lui. Polda ha l'impressione che con lui l'animale sia più calmo, meno prepotente… e questo la fa incazzare anche di più.

    Quando torna di sopra, l'umore è più nero del caffè forte che stamattina non ha ancora bevuto. Prima di preparare la moka, fa un giro per i 55 metri quadri del loro appartamento, a passo marziale e pronta a dirne quattro a quello smidollato che ha sposato, ma di lui non c’è traccia. La Polda è perplessa: vuoi vedere che è uscito per una commissione e, magari, gli è successo qualcosa? Si sarà sentito male, l'avranno investito e portato all'ospedale privo di conoscenza e senza documenti… già, perché uno che esce un attimo non pensa certo di portarsi appresso la carta d'identità. E se, putacaso, l'hanno portato all'ospedale svenuto e senza documenti addosso, non sapranno certo chi è e non possono avvisare la famiglia.

    "La famiglia… io!" – geme la Polda torcendosi le mani, indecisa se chiamare i carabinieri o l'ospedale. E' preoccupata confusa incazzata e non sa che cosa fare. Proprio in quel momento squilla il telefono e lei quasi si rompe una gamba per precipitarsi a rispondere. La sua voce… è salvo!
    "Razza di cretino, si può sapere dove sei finito!", gli grida al telefono. Lui accenna una spiegazione, ma alla Polda non interessa perché la sua voce lo sovrasta… e dalla sua bocca sgorgano, come onde in tempesta, le parole amare trattenute per una vita, aggravate dalla preoccupazione accumulata nell'ora precedente. Nell'impeto di tirar fuori tutta l'amarezza accumulata, si accalora grida si agita sclera e non misura più niente: né il tono di voce né quello che dice.

    Il silenzio, dall'altra parte, è totale… anche quando la Polda, a corto di argomenti e di fiato, ha svuotato il suo vaso di Pandora coniugale. Gliene ha dette tante, ma tante, che questo silenzio la sconcerta. Sibila un "Ci sei?" e riceve in risposta soltanto un sospiro esasperato. Lo incalza con un "Beh, non hai niente da dire?". E lui, con la voce appena più forte di un sussurro: "Sono alla stazione, sto partendo. Ti ho lasciato un biglietto sopra il comò. Ciao." E chiude la comunicazione.

    La Polda, stravolta, si precipita in camera da letto e solo in quel momento nota sul mobile un foglio piegato in due, sotto una foto incorniciata di quando erano in viaggio di nozze.

    Quando ci hanno scattato questa foto non lo sapevo ancora, ma avevo appena sposato un mostro… e, a starti vicino, un po' lo sono diventato anch’io. Mi manca l'aria perché tu hai occupato ogni spazio vuoto, hai cancellato tutti i colori fino a farmi diventare un'ombra insignificante e apatica. Me ne vado, per cercare di raccogliere quel poco di buono che di me è rimasto. Non sfogarti col cane, povera bestia: lui non ha colpe. E dagli una carezza per me.
    Addio, P.
    liutgarda and chicca.s like this.

  7. #87
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    22 Nov 2019
    Messaggi
    6,758
    Mentioned
    165 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da standing bull Visualizza Messaggio
    LA VERA STORIA DELLA COPERTINA DI ABBEY ROAD

    Capitolo 4

    novembre 1985, salotto di casa Starkey.

    Barbara, con la cornetta del telefono appoggiata tra orecchio e spalla, osserva perplessa la copertina di Abbey Road: da sinistra a destra appaiono nell’ordine George in jeans; Paul in completo grigio con ai piedi un paio di Birkenstock aperte su improbabili calzerotti verde pistacchio da tedesco a Rimini; Yoko tetramente nuda e con l’aria un po’ imbronciata della bambina che è riuscita ad andare al Luna Park e ha scoperto che non era poi così divertente; Ringo in abito scuro e John di bianco vestito; al termine delle zebre Linda che, con una patetica tenuta da peripatetica, una mini e calze a rete che evidenziano le gambe storte, una pelliccetta aperta di similqualcosa che evidenzia la scarsità del busto, sta lì appoggiata ad un lampione, con una sigaretta in bocca che le dà un’aria da Lili Marlen di periferia.
    Barbara guarda Ringo, Ringo guarda Barbara e scuote la testa: “tanto a me non mi stavano mai a sentire”.
    Avrebbe tanto voluto dirglielo che quella copertina fatta così era una chiavica, molto meglio l’idea originaria, quella dove c’erano solo loro quattro, ma cosa ci vuoi fare. Adesso è Barbara che scuote la testa, lo ha sentito raccontare fino allo sfinimento, dei disastri di quelle due, che poi non si capisce nemmeno a che titolo: una era una donnetta che avrebbe dovuto leccarsi i gomiti se trovava un ragioniere con un bel posto in banca, l’altra un cesso pubblico in tutti i sensi, anche quelli che mi sono dimenticata.
    E così quel disco, che era bellissimo, non aveva venduto praticamente niente: la gente guardava la copertina e non entrava nemmeno nel negozio per ascoltarlo

    Poi finalmente qualcuno all’altro capo del filo risponde alla telefonata, e Barbara inizia a parlare, un po’ seduttiva, forse un po’ troppo seduttiva, pensa Ringo.
    “Professor Brown, come sta? Anch’io grazie, sempre cavaliere lei. Mi accennava l’altra sera alla possibilità di rimediare …
    … ha visto che obbrobrio: credo anch’io che quel disco ha venduto poco e niente, con quella copertina …
    … va beh, dài, e certo che se al posto di Yoko ci fossi stata io, però il paragone, insomma …
    (sorride complice)
    … ma appunto lei mi diceva che si può rimediare: si stringe l’inquadratura per escludere la passeggiatrice, si copre la schifezza giapponese e si tolgono i calzerotti …
    … ma bisognerebbe ritornale al 1969, lei è sicuro?
    … e così cambierebbe il destino di quel disco … ma è veramente sicuro di riuscire a tornare nel 1969?
    … allora, d’accordo, a domani. non si preoccupi, sarò puntualissima: a mezzogiorno in punto sarò lì, al passaggio pedonale di Abbey Road …
    … ma cosa dice, professore? Certo che sarebbe interessante (sorride ancora), ma con questo tempo penso proprio che sotto il trench porterò un vestito e metterò anche delle belle scarpe da pioggia.
    … ma lo sa che io non l’ho mai vista una De Lorean?”

    chiusa la telefonata si rivolge al marito seduto sul divano con in mano un bicchiere di Lagavulin:
    “tutto a posto Ringo! vedrai domani che bella copertina che avrà questo disco. qualcosa mi dice che anche le vendite avranno avuto un cambiamento”
    poi si siede accavallando le gambe e beve una lunga sorsata dal suo bicchiere di Lagavulin 16 anni. tu guarda un po’ quelle due zoccole che hanno mandato a zoccole le vendite di album meraviglioso, se non ci pensassi io a mettere a posto le cose.

    Fine
    Very, very good!

  8. #88
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    22 Nov 2019
    Messaggi
    6,758
    Mentioned
    165 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da standing bull Visualizza Messaggio
    ragazze, non litigate. propongo una cena di pacificazione a Rivanazzano, con Bonarda, risotto all'onda e salame di Varzi: a finire, sul brut di Santa Maria della Versa esibizione della Remo Germani Tribute Band. l'enoteca del mio amico è sempre disponibile per due belle ragazze come voi.
    @standing bull A rivanazzano ormai le suorine hanno chiuso, e il ciabot non è più di moda.

    Ci sarebbe un osteria a voghera verso medassino che ha un vino spettacolare e dei buoni agnolotti col brasato.

    Però quando vado a voghera mi piglia lo spleen e la malinconia, manco la mia infanzia non fosse stata quella merda di azteco che di fatto è stata.

  9. #89
    https://www.pcosta.net
    Data Registrazione
    29 Dec 2011
    Messaggi
    8,773
    Inserzioni Blog
    18
    Mentioned
    654 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da standing bull Visualizza Messaggio
    LA VERA STORIA DELLA COPERTINA DI ABBEY ROAD

    Capitolo 4

    novembre 1985, salotto di casa Starkey.

    [...]
    … ma lo sa che io non l’ho mai vista una De Lorean?”

    chiusa la telefonata si rivolge al marito seduto sul divano con in mano un bicchiere di Lagavulin:
    “tutto a posto Ringo! vedrai domani che bella copertina che avrà questo disco. qualcosa mi dice che anche le vendite avranno avuto un cambiamento”
    poi si siede accavallando le gambe e beve una lunga sorsata dal suo bicchiere di Lagavulin 16 anni. tu guarda un po’ quelle due zoccole che hanno mandato a zoccole le vendite di album meraviglioso, se non ci pensassi io a mettere a posto le cose.
    Ringo: Ok, avete sistemato la foto, ma come avete fatto a convincere quei tre testoni - che già stavano litigando a morte - a mettersi d'accordo per usarla come copertina del disco?
    Barbara: bah... col solito sistema, li abbiamo ammazzati tutti e sostituiti con controfigure: con Paul è stato facile, ne avevamo rimasta una di quelle già pronte nel '67, quando lo dovemmo ammazzare e sostituire perché si opponeva a quella splendida copertina di Sergeant Pepper1, no, ma dico io... si potrà?
    Ringo: Ma non è stato un po' troppo "esagerato" come sistema?
    Barbara: Ma no, ha i suoi vantaggi: pensa a quel coglione americano che crede di aver ammazzato il vero John...
    Ringo: Cazzo! comunque avete fatto un lavoretto coi fiocchi... non me ne sono nemmeno accorto...
    Barbara: Ohé, cretinetti! hai un attacco di alzheimer? TUTTI E QUATTRO li abbiamo ammazzati e sostituiti... non è che ti sei immedesimato troppo nella parte?



    1) Cfr. Toro Seduto, "THE TRUE STORY OF SERGEANT PEPPER'S COVER", London, 1967
    Blue likes this.

  10. #90
    socialdemocratico di m
    Data Registrazione
    21 Aug 2013
    Località
    tra la Ghisolfa e il West
    Messaggi
    46,661
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    349 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Raccontini senza impegno

    Citazione Originariamente Scritto da trash Visualizza Messaggio
    Ringo: Ok, avete sistemato la foto, ma come avete fatto a convincere quei tre testoni - che già stavano litigando a morte - a mettersi d'accordo per usarla come copertina del disco?
    Barbara: bah... col solito sistema, li abbiamo ammazzati tutti e sostituiti con controfigure: con Paul è stato facile, ne avevamo rimasta una di quelle già pronte nel '67, quando lo dovemmo ammazzare e sostituire perché si opponeva a quella splendida copertina di Sergeant Pepper1, no, ma dico io... si potrà?
    Ringo: Ma non è stato un po' troppo "esagerato" come sistema?
    Barbara: Ma no, ha i suoi vantaggi: pensa a quel coglione americano che crede di aver ammazzato il vero John...
    Ringo: Cazzo! comunque avete fatto un lavoretto coi fiocchi... non me ne sono nemmeno accorto...
    Barbara: Ohé, cretinetti! hai un attacco di alzheimer? TUTTI E QUATTRO li abbiamo ammazzati e sostituiti... non è che ti sei immedesimato troppo nella parte?



    1) Cfr. Toro Seduto, "THE TRUE STORY OF SERGEANT PEPPER'S COVER", London, 1967

    e ottima l'idea di riagganciarsi a PID. però, se mi permetti, ci sarebbe un'incongruenza temporale su Barbara ...

    (PID: Paul Is Dead). Opinione di molte persone convinte che il vero Paul sia morto in un incidente d'auto nel 1967
    il mio caimano nero piangendo mi confidò
    che non approvava il progetto del metrò

 

 
Pagina 9 di 10 PrimaPrima ... 8910 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-09-17, 21:01
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 21-03-10, 21:51
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 07-11-08, 17:14
  4. Guerra senza fine. Afganistan: cresce l'impegno tricolore
    Di Gian_Maria nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-09-05, 16:34
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 07-04-02, 21:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226