User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33
Like Tree16Likes

Discussione: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

  1. #1
    Impegno sociale
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    27,102
    Mentioned
    338 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    Nothing less than a major milestone in global economic history and a huge victory for China over increasing US regional hegemony has been realized on Sunday with the signing of the biggest free trade deal ever among fifteen Asia Pacific Nations.

    Called the Regional Comprehensive Economic Partnership, or RCEP, the agreement was signed virtually during the annual summit of the 10-nation Association of Southeast Asian Nations (ASEAN), and effectively establishes the world's largest trading block that is expected to encompass almost one-third of all global economic activity, crucially without the United States.



    https://www.zerohedge.com/economics/...eal-coup-china

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Oct 2015
    Messaggi
    24,083
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    che c entra l india in quella mappa?
    in europa c'è chi paga e chi prende....


    http://www.europarl.europa.eu/news/i...i-stati-membri

  3. #3
    Voce dalla Madre Russia
    Data Registrazione
    11 Mar 2014
    Località
    Mosca, Russia
    Messaggi
    11,253
    Inserzioni Blog
    64
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    Alleanza senza gli USA.

    Bravo Cina!
    Indra88 and amaryllide like this.
    Мне ответил тот раскосый, что командовал допросом: "Сбил тебя наш летчик Ли Си Цин".

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    35,201
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    326 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    Non capisco che c'azzecchi l'Austraglia! che per l'appunto raglia sempre dove vuole il padrone!
    Possiamo concludere che tutto il peggio che succede in Italia e' dovuto alle elites PD ed al vaticano?
    Stupri, attentati, invasione, fallimenti, disoccupazione, emergenza sociale, denatalita',violenza verbale , suicidi, omicidi....

  5. #5
    Impegno sociale
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    27,102
    Mentioned
    338 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    Citazione Originariamente Scritto da animal Visualizza Messaggio
    Non capisco che c'azzecchi l'Austraglia! che per l'appunto raglia sempre dove vuole il padrone!
    l' australia ormai sta coi cinesi

  6. #6
    Impegno sociale
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    27,102
    Mentioned
    338 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    ACCORDO RCEP/ Le mani della Cina sul 30% del Pil mondiale (senza gli Usa)

    Si chiama Regional Comprehensive Economic Partnership (Rcep). È il più grande accordo commerciale di libero scambio tra i paesi dell’Asia-Pacifico

    Si chiama Regional Comprehensive Economic Partnership (Rcep) e la firma è arrivata ieri. È il più grande accordo commerciale di libero scambio tra i paesi dell’Asia-Pacifico, ma senza gli Stati Uniti, e vale il 30 per cento del Pil mondiale. Lo hanno firmato Cina, Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Giappone più i dieci Paesi Asean: Brunei, Laos, Myanmar, Malesia, Vietnam, Cambogia, Thailandia, Singapore, Filippine, Indonesia. L’inizio delle trattative va fatto risalire al 2012, poi la presidenza Trump ha segnato il ritiro degli Usa, ma non quello dei paesi alleati nell’area. “Sotto il profilo politico è una dimostrazione della sfiducia dei paesi asiatici verso gli Usa, ma certo non azzera le tensioni politiche nella regione né elimina la cooperazione militare in funzione anti-cinese tra molti di questi paesi e gli Usa” dice al Sussidiario Francesco Sisci, sinologo e giornalista, commentatore per varie testate in Asia e Usa.

    Balza all’occhio la firma di paesi che hanno paure della Cina e che sono alleati storici e militari degli Usa.

    Infatti l’accordo dimostra i dubbi e l’incertezza esistenti in Asia sulla posizione degli Stati Uniti. Nel 2012, alla fine della presidenza Obama, gli Usa e molti di questi paesi avevano firmato un accordo più ampio e più articolato con l’America, ma la presidenza Trump lo cancellò subito.

    La Cina ne faceva parte?

    No, non ne faceva parte, anche se non era esclusa in linea di principio. Quello che vediamo è che la Cina dimostra oggi di voler aprire di più i propri mercati, anche se non è pronta ad aprirli quanto gli Usa hanno chiesto.

    Perché la firma è arrivata durante la transizione istituzionale americana?


    Forse non c’è un progetto. Si tratta di un negoziato molto complicato. Ci si aspetta che il nuovo presidente eletto Biden rilanci l’accordo tra America e Asia, ma non si sa in effetti se lo farà, come lo farà e che continuità l’accordo firmato potrà avere.

    Allora è scritto sulla sabbia?

    Il problema di fondo è che gli Stati Uniti sono divisi su vantaggi e svantaggi della globalizzazione. I finanzieri e i produttori di nuove tecnologie hanno raccolto enormi profitti dal processo di globalizzazione e ancora di più ne guadagnerebbero se la Cina si aprisse come vorrebbero. Ma la classe media, i lavoratori degli Usa sono stati schiacciati e marginalizzati da questa prima fase di globalizzazione. Quindi si tratterebbe di avere un programma complessivo per il rilancio dell’America e una maggiore integrazione dei mercati secondo regole condivise. Forse Biden potrebbe farlo, ma ad oggi tale piano non c’è. Questo rende complicato pensare oggi a un rilancio puro e semplice del vecchio Tpp.


    Qual è il dato politico?

    C’è un problema enorme di affidabilità strategica e commerciale da parte degli Stati Uniti in Asia. Non a caso i mezzi stampa cinesi considerano questo accordo come una vittoria politica al di là dei risultati commerciali. Esso dimostra che gli Stati Uniti non sono in un momento estremamente felice per quanto riguarda il commercio e gli accordi commerciali nell’Asia-Pacifico.

    Le rivalità militari e strategiche?

    Rimangono, anzi continueranno ad essere forti, dalla contesa nel Mar Cinese Meridionale ai diritti umani a Hong Kong o ai sospetti di penetrazione cinese in molti paesi dell’area.

    Per non parlare di Taiwan.

    Le questioni strategiche e militari con Taiwan rimangono. Di certo, però, passi avanti per un accordo di libero scambio regionale potrebbero smussare alcune tensioni.

    Questa ratifica è un successo della Cina?

    Sì, anche se va detto che il quadro in realtà è molto più complicato che in passato, non è in bianco e nero. La Cina se volesse davvero portare avanti in maniera positiva e vantaggiosa questa firma dal punto di vista strategico, dovrebbe a questo punto, forte di questa vittoria politica, mettere in sordina tante questioni di confine e politiche.

    La lezione per Washington?

    Il Rcep dimostra agli Stati Uniti che la questione cinese non è solo una questione militare o puramente di accordi commerciali da strappare in maniera bilaterale, ma è un problema che va affrontato a 360 gradi.

    Secondo lei cosa farà Biden, al quale molti osservatori attribuiscono una posizione verso la Cina più intransigente di quella di Trump?

    Credo che l’America abbia bisogno di un piano di rilancio complessivo. Le sue infrastrutture sono a pezzi, le scuole sono scadenti, in media al di sotto di paesi come la Germania o il Giappone. Infine la classe media sta sparendo, mentre vi sono ultra-ricchi che monopolizzano tutte le risorse. Questi ultra-ricchi dovrebbero essere i primi a capire che devono contribuire al rilancio del loro paese. Oltre a finanziare scuole e ospedali nel terzo mondo le varie fondazioni dovrebbero rilanciare scuole e sanità nelle periferie americane. Se questo partisse con un programma di lungo termine, allora si darebbe anche maggiore credibilità a nuove idee di aree di libero scambio e la competizione con la Cina sarebbe posta anche su altre basi. Pechino stessa potrebbe vedere l’esempio della potenza militare americana, ma anche l’esempio della forza di rilancio degli Usa, che è stata finora la vera grande capacità del paese.
    https://www.ilsussidiario.net/news/a...i-usa/2093747/

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    74,328
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    648 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    Citazione Originariamente Scritto da Shiiva Visualizza Messaggio
    Alleanza senza gli USA.

    Bravo Cina!
    Ma di quale alleanza parli ????
    dDuck likes this.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    74,328
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    648 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    Citazione Originariamente Scritto da Indra88 Visualizza Messaggio
    l' australia ormai sta coi cinesi

    Perdi il tuo tempo.... l'Australia ospita installazioni militari USA sul suo territorio, e li si parla inglese non cinese.

  9. #9
    Impegno sociale
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    27,102
    Mentioned
    338 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    Citazione Originariamente Scritto da paulhowe Visualizza Messaggio

    Perdi il tuo tempo.... l'Australia ospita installazioni militari USA sul suo territorio, e li si parla inglese non cinese.
    vabbè però è chiaro che non rinunceranno mai alle relazioni commerciali con la cina, in nessuno scenario possibile

  10. #10
    Impegno sociale
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    27,102
    Mentioned
    338 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Asia-Pacific Countries Sign World's Largest Free Trade Deal In "Coup For China"

    qualche finto liberista(in realtà son tutti comunisti) amante dei cambi fissi e delle monete inventate dal nulla sa spiegarci come possano i paesi dell' asia pacifico non aver bisogno nè di cambi fissi nè di improbabili unificazioni monetarie per commerciare tra di loro nella più grande area di libero scambio del mondo?

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-09-16, 09:48
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-01-08, 16:46
  3. Cathay Pacific e Air China un pò più "vicine"
    Di landingFCO nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-05-05, 12:24
  4. world's largest economies
    Di Felix (POL) nel forum Hdemia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 07-01-05, 04:33
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02-12-04, 13:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226