User Tag List

Pagina 3 di 9 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 90
Like Tree24Likes

Discussione: La sanità privata costa meno di quella statale?

  1. #21
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    55,780
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    96 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da standing bull Visualizza Messaggio
    vabbè. se avrai un giorno la sfortuna di dovere essere ricoverato in un ospedale, prova a chiamare così l'infermiere. vedrai come sarai trattato bene.
    questo succedeva 40 anni fa quando era ricoverato mi padre,,, oggi io sono sempre stato trattato bene. subito dopo il ricovovero in prima mattina, due gentile e belle fanciulle che mi hanno lavato tutto con panni caldi e saponi profumatissimi. quando ho chiamato sono sempre intevenuti solerti. analisi e cure adeguate e pronte.
    l'unico inconveniente è che non si è più trovata la mia protesi dentaria, che mi hanno tolto, e ho dovuto far rifare a mie spese perchè l'assicurazione dell'ospedale ha risposto picche. pare che le perdano tutte perchè mi hanno mostrato un armadio di pratiche per richieste di rimborsi..
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    Agnostico
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Messaggi
    32,656
    Mentioned
    199 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da Giustizia&Libertà Visualizza Messaggio
    @medisco prima di tutto per giudicare la tariffe svizzere devi anche capire come funziona il sistema tariffale. Quei 6'000 chf non sono solo il costo dell'operazione, ma il costo di tutto il pacchetto, quindi anche della visita preoperatoria con l'anestesista, della degenza in ospedale, dei farmaci che ti vengono dati dopo l'intervento, le radiografie e le analisi che devi fare nei giorni successivi, l'ammortamento delle apparecchiature utilizzate, ecc ecc...

    In pratica si sa già in partenza che per un'appendicectomia dovrai fare X giorni di ospedale, quindi i costi di degenza vengono messi insieme a quelli dell'intervento.

    Bisogna anche notare che i costi sono sempre quelli e non sono superiori per i casi più complicati. Quindi se durante l'intervento ci sono 300 complicazioni il costo resta sempre 6'000 chf. Se il paziente deve stare in ospedali più giorni del normale il costo resta sempre 6'000 euro. Se il paziente fa fatica a camminare e le infermiere devono aiutarlo per ogni cosa che fa il costo resta sempre lo stesso.

    Detto questo, è ovvio che in Italia si paga meno per un'appendicectomia, perché lo stipendio di un medico italiano è inferiore allo stipendio del cuoco negli ospedali svizzeri.

    Non è difficile capire perché in Svizzera il pacchetto "appendicectomia" (che ripeto, comprende tutto e non solo l'intervento in quanto tale, ma tutti i costi compresi quelli della televisione in camera) arriva a 6'000 CHF: perché per fare un'operazione chirurgica servono tipo cinque o sei persone se si considerano unicamente le persone presenti in sala operatoria e non anche quelle che puliscono e disinfettano la sala operatoria e fanno tutto quello che deve essere fatto per preparare l'ambiente.

    Tutte queste persone vengono pagate come minimo 20-25 chf/ora e ovviamente i medici ben di più di 20-25 chf ora: un radiologo in Svizzera guadagna 300'000 CHF all'anno.

    L'appendicectomia in Italia costa 1'700 euro, quindi è pari a uno stipendio mensile italiano nella media. Lo stesso vale per l'appendicectomia in Svizzera, visto che i 6'000 chf sono pari a uno stipendio svizzero medio.


    L'EOC non è un'azienda commerciale, ma una società pubblica. Se giocando con la parole vuoi far passare l'idea che una società equivale a un'azienda commerciale allora anche lo stato è un'azienda commerciale, visto che è di fatto una grande società che amministra un territorio.

    L'EOC è una società che è stata creata dal Canton Ticino per fornire servizi ospedalieri alla popolazione: non ha come scopo il profitto, ma è ovvio che che la gente che ci lavora deve essere pagata, per questo ci sono le tariffe. Le tariffe sono calcolate per coprire i costi di tutto il pacchetto (intervento, degenza, farmaci, ecc ecc...), non per fare profitto.

    Il motivo per cui le società pubbliche devono prendere soldi attraverso le tariffe è semplicemente che per ricevere soldi dalle casse malati devono usare questo sistema. Il sistema è studiato per permettere di creare un'equa concorrenza tra società private e statali.
    Quello che dici non cambia il discorso. Le tariffe svizzere sono più alte per una questione di costi più alti ma quel tariffario è un tariffario commerciale. Cioè stai vendendo la salute. E quella vendita di salute comprende i costi (ovviamente) ma anche i guadagni che ci DEVONO essere. Questo è un tariffario italiano per tariffe in forma diretta, cioè pagate dal paziente

    https://www.ui.torino.it/Public/Doc/Link/tariffario.pdf

    Un appendicectomia va dai 3000 ai 4000 euro. Un'operazione del genere all'ospedale pubblico costa 1700 euro. E non c'è nulla di scandaloso, il privato lavora per guadagnare. Il punto è capire chi ci dovrebbe mettere quella differenza tra costo e guadagno. In linea teorica sarebbe il cittadino a dover sborsare quelle differenze. O direttamente, o tramite assicurazioni. Un ciclo di Chemio costa 3 mila euro, un malato di tumore non raramente ne fa diversi di cicli. Per cui ripeto la domanda. In Italia un assicurazione da 200/300 euro al mese potrebbe coprire tutte queste spese? Un assicurazione da 200/300 euro potrebbe coprire i 100 mila euro che ci vogliono per un trapianto? Io ho i miei dubbi.
    "Voi non avete fermato il vento gli fate solo perdere tempo"
    www.forumviola.it

  3. #23
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    23 Dec 2014
    Messaggi
    12,085
    Mentioned
    80 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da standing bull Visualizza Messaggio
    vabbè. se avrai un giorno la sfortuna di dovere essere ricoverato in un ospedale, prova a chiamare così l'infermiere. vedrai come sarai trattato bene.
    No, andrei a chiamare così il collega che passa tutta la mattina davanti alle macchinette, mica chi lavora...

  4. #24
    socialdemocratico di m
    Data Registrazione
    21 Aug 2013
    Località
    tra la Ghisolfa e il West
    Messaggi
    47,734
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    361 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da Hockey Visualizza Messaggio
    No, andrei a chiamare così il collega che passa tutta la mattina davanti alle macchinette, mica chi lavora...
    beh, allora vai alla macchinetta del caffé e esterna ... con tanti auguri.
    il mio caimano nero piangendo mi confidò
    che non approvava il progetto del metrò

  5. #25
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    23 Dec 2014
    Messaggi
    12,085
    Mentioned
    80 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da standing bull Visualizza Messaggio
    beh, allora vai alla macchinetta del caffé e esterna ... con tanti auguri.
    Quindi se non faccio un cazzo da mattina a sera devo comunque prendere lo stipendio pieno e guai a chi mi dice qualcosa? Così, per sapere.

  6. #26
    Forumista senior
    Data Registrazione
    30 May 2018
    Messaggi
    4,627
    Mentioned
    27 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Non è possibile fare un "discorso generale". Bisognerebbe aggiungere delle indicazioni maggiori alla domanda.
    Esempio. E' un discorso che vale per la Svizzera? Per l'Italia? Per altri paesi europei? Per quali tipologie di cure? Eccetera eccetera. Le risposte potrebbero essere diverse a seconda dei casi.

    Per quanto riguarda l'Italia, da quello che ho potuto leggere, ad esempio qui:

    https://www.lavoce.info/archives/634...-nella-sanita/
    Per capire meglio quali siano le motivazioni della spesa diretta, risultano utili gli studi effettuati recentemente da Crea-Sanità. Se ne ricava che il ricorso al privato ha spesso a che fare con i tempi di accesso alle prestazioni e i relativi costi. I tempi di attesa nelle strutture pubbliche e private convenzionate risultano infatti notevolmente più lunghi, in alcuni casi anche dieci volte superiori, rispetto a quelli delle strutture private e rispetto a quelli delle prestazioni fornite nel pubblico in regime di intramoenia. Mentre i differenziali in termini di spesa tra ticket e costo della prestazione nel privato o in intramoenia sono molto meno accentuati (si tratta nella maggior parte dei casi di un rapporto di uno a due o di uno a tre).
    In pratica, leggendo quello che è scritto sopra, se io devo fare un analisi, e nel pubblico mi dicono che costa 100 euro e posso fare una prenotazione per farlo fra 5 mesi, e poi se chiedo al privato e mi dicono che la stessa analisi me la possono fare fra 15 giorni, ma mi costa 200 euro, se non ho problemi di spese, potrei preferire fare le analisi al privato.

    In linea generale, per quello che riguarda l'Italia, non credo che il costo di un analisi o di una cura in una struttura pubblica possa essere superiore a quella di una struttura privata, altrimenti andrebbe fuori mercato e chiuderebbe.


    Comunque, per andare fuori dal discorso sanità e fare un discorso più ampio riguardo privato e pubblico, volevo fare un altro esempio. Le autostrade.
    Tempo fa ricordo di certe discussione che dicevano che il pubblico aveva sempre perdite ed era quindi un costo per lo stato e per tutti i cittadini, mentre il privato non poteva avere perdite, altrimenti chiudeva, e quindi per i cittadini avere una gestione autostradale privata anzichè pubblica fosse conveniente.
    Però bisognerebbe anche rendersi conto che quando le autostrade erano statali, lo Stato faceva nuove autostrade e faceva la manutenzione di quelle esistenti, quindi ovviamente aveva alti costi, mentre il privato evitava di fare sia la costruzione delle nuove autostrade e sia la manutenzione di quelle esistenti, quindi, ovviamente, i costi erano bassi e i profitti altissimi.
    Bisogna fare quindi attenzione su cosa sia meglio e cosa sia peggio.

  7. #27
    Social liberal
    Data Registrazione
    26 May 2020
    Messaggi
    1,387
    Mentioned
    87 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da medisco Visualizza Messaggio
    Quello che dici non cambia il discorso. Le tariffe svizzere sono più alte per una questione di costi più alti ma quel tariffario è un tariffario commerciale. Cioè stai vendendo la salute. E quella vendita di salute comprende i costi (ovviamente) ma anche i guadagni che ci DEVONO essere.
    @medisco non è vero che ci DEVONO essere guadagni, perché l'EOC è nonprofit e anche le cliniche private.

    A me sembra che questa questione delle tariffe sia una polemica sterile. Anche le imposte sono tariffe. Non esistono servizi gratuiti, in un mondo o nell'altro si pagano sempre, a meno che non ci sia la schiavitù.

    Il Canton Ticino volendo potrebbe dire "ok, i costi dell'appendicectomia sono pari a 6'000 chf, 1'000 persone all'anno fanno questo intervento, quindi ci servono 60'000 chf". Quindi si procura questi 60'000 CHF con le imposte (cioè, tariffe per i cittadini), li mette nella cassa dell'EOC e man mano che le persone si operano li spende.

    Penso che non sia illegale farlo (un cantone con i suoi soldi fa quello che vuole), però sarebbe stupido, perché la legge svizzera impone ai ticinesi di avere la cassa malati, quindi non è che fai pagare la sanità due volte: semplicemente crei un ospedale statale come l'EOC e fai in modo che questo riceva i soldi per le appendicectomie dalle casse malati.
    Il sistema delle casse malati impone di emettere fatture per ogni singolo paziente e per ogni singola prestazione, perché è studiato per fare in modo che anche i privati possano partecipare all'offerta sanitaria. Quindi le società pubbliche come l'EOC per avere soldi dalle casse malati devono fatturare come i privati, ed è per questo che ci sono le tariffe.

    Dal punto di vista dei costi non cambia niente, perché per fare l'appendicectomia alle 1'000 persone che la dovranno fare ti servono 60'000 chf. In un modo o nell'altro li devi tirare dentro questi soldi.

    La polemica delle tariffe sarebbe sensata se fossero i pazienti a ricevere le fatture, ma non le ricevono i pazienti, bensì le casse malati, le quali applicano il principio della solidarietà come la sanità pubblica.


    Questo è un tariffario italiano per tariffe in forma diretta, cioè pagate dal paziente

    https://www.ui.torino.it/Public/Doc/Link/tariffario.pdf
    Di chi sono queste tariffe?


    Per cui ripeto la domanda. In Italia un assicurazione da 200/300 euro al mese potrebbe coprire tutte queste spese? Un assicurazione da 200/300 euro potrebbe coprire i 100 mila euro che ci vogliono per un trapianto? Io ho i miei dubbi.
    Certo che potrebbe coprirlo, infatti le casse malati svizzere i trapianti li coprono.


    Non dimentichiamoci che in Italia si guadagna 1000 euro al mese e se un'appendicite costa 6000 euro immaginate il costo di una cura oncologica

    Secondo te le casse malati in Svizzera non coprono le cure oncologiche? Ovviamente sì. È appunto per coprire le cure costose che esiste la cassa malati, perché se fosse solo per l'appendicectomia quasi tutti riuscirebbero a pagarla di tasca loro.

    Attualmente la cassa malati svizzera costa tipo 450 chf (416 euro) al mese con la franchigia minima. Se vuoi sapere quanto costerebbe il premio per pagare tutti i costi della sanità danese, sarebbe pari a 300 chf (270 euro) al mese. Per quanto riguarda l'Italia, invece il premio della cassa malati sarebbe di 158 chf (146 euro) al mese.
    Ci sono solo due cose per cui è lecito limitare la libertà individuale: la salute e la vita. Riconosci un fascista dal fatto che vuole opprimere la libertà individuale per via di stupidi piagnistei ma non per tutelare la salute e la vita.

  8. #28
    Agnostico
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Messaggi
    32,656
    Mentioned
    199 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da Giustizia&Libertà Visualizza Messaggio
    @medisco non è vero che ci DEVONO essere guadagni, perché l'EOC è nonprofit e anche le cliniche private.

    A me sembra che questa questione delle tariffe sia una polemica sterile. Anche le imposte sono tariffe. Non esistono servizi gratuiti, in un mondo o nell'altro si pagano sempre, a meno che non ci sia la schiavitù.

    Il Canton Ticino volendo potrebbe dire "ok, i costi dell'appendicectomia sono pari a 6'000 chf, 1'000 persone all'anno fanno questo intervento, quindi ci servono 60'000 chf". Quindi si procura questi 60'000 CHF con le imposte (cioè, tariffe per i cittadini), li mette nella cassa dell'EOC e man mano che le persone si operano li spende.

    Penso che non sia illegale farlo (un cantone con i suoi soldi fa quello che vuole), però sarebbe stupido, perché la legge svizzera impone ai ticinesi di avere la cassa malati, quindi non è che fai pagare la sanità due volte: semplicemente crei un ospedale statale come l'EOC e fai in modo che questo riceva i soldi per le appendicectomie dalle casse malati.
    Il sistema delle casse malati impone di emettere fatture per ogni singolo paziente e per ogni singola prestazione, perché è studiato per fare in modo che anche i privati possano partecipare all'offerta sanitaria. Quindi le società pubbliche come l'EOC per avere soldi dalle casse malati devono fatturare come i privati, ed è per questo che ci sono le tariffe.

    Dal punto di vista dei costi non cambia niente, perché per fare l'appendicectomia alle 1'000 persone che la dovranno fare ti servono 60'000 chf. In un modo o nell'altro li devi tirare dentro questi soldi.

    La polemica delle tariffe sarebbe sensata se fossero i pazienti a ricevere le fatture, ma non le ricevono i pazienti, bensì le casse malati, le quali applicano il principio della solidarietà come la sanità pubblica.




    Di chi sono queste tariffe?




    Certo che potrebbe coprirlo, infatti le casse malati svizzere i trapianti li coprono.





    Secondo te le casse malati in Svizzera non coprono le cure oncologiche? Ovviamente sì. È appunto per coprire le cure costose che esiste la cassa malati, perché se fosse solo per l'appendicectomia quasi tutti riuscirebbero a pagarla di tasca loro.

    Attualmente la cassa malati svizzera costa tipo 450 chf (416 euro) al mese con la franchigia minima. Se vuoi sapere quanto costerebbe il premio per pagare tutti i costi della sanità danese, sarebbe pari a 300 chf (270 euro) al mese. Per quanto riguarda l'Italia, invece il premio della cassa malati sarebbe di 158 chf (146 euro) al mese.
    Dici che un operaio paga di imposte per la sanità (non fare l'errore di considerare tutte le taste come solo costo sanitario) pari ad un ipotetico trapianto di cuore? Ovvio che la sanità pubblica si mantiene con le tasse, direi che non sarebbe nemmeno il caso di dirlo. Ma quanto paghiamo di tasse per la sanità? In questo ci aiuta a capirlo l'agenzia delle entrate

    Agenzia delle Entrate: il 21% dell’Irpef versato dai contribuenti italiani va a finanziare la sanità, il 20% la previdenza, l’11% l’istruzione e l’8,9% la difesa, l’ordine pubblico e la sicurezza
    https://www.ilsole24ore.com/art/fisc...rsiamo-ADg9GiS

    cosa capiamo con questo? Che possiamo calcolare quante delle nostre tasse vanno a finire nella sanità e quanto ci costa mensilmente. Il reddito medio italiano è di 34 mila euro l'anno. Una persona con un reddito del genere (non certo basso) con moglie e due figli a carico paga 7 mila euro l'anno di IRPEF, meno di 600 euro al mese. Leggendo l'articolo del sole24ore capiamo che finiscono nella sanità il 21% di queste tasse. cioè 122 euro al mese. Adesso invece ragioniamo con lo stipendio medio di un operaio italiano. Esso equivale a 24 mila euro lordi l'anno. L'operaio in questione, con moglie e due figli a carico, paga di IRPEF circa 3 mila euro l'anno, 250 euro al mese. Il famoso 21% che finisce nella sanità ci ridà una somma pari a 52 euro al mese. Adesso vorrei capire quale assicurazione garantirebbe a questo operaio ed alla sua famiglia tutte le cure con un premio di 52 euro al mese. E questo senza considerare un'altra cosa. Un sistema anche totalmente privato non porta ad una tassazione zero per i lavoratori. Lo stato dovrebbe garantire le cure alle persone in difficoltà economica, quindi una certa soglia di tassazione rimarrebbe comunque per rendere possibile le cure ai meno abbienti. Quindi un sistema del genere che aggravio economico comporterebbe all'operaio medio? Ma si potrebbe anche chiedere quale potrebbe essere l'aggravio economico per lo stipendio medio italiano. Questo per dirti che quando dici che la sanità "non è gratis" dovresti anche quantificarne il costo, altrimenti dici l'ovvio ma senza arrivare da nessuna parte.

    Le tariffe che ho postato dovrebbero essere di cliniche private affiliate alla FAIT.

    Per quanto riguarda le assicurazioni svizzere ho provato a fare un confronto delle tariffe on line e per una famiglia composta da marito, moglie e un figlio mi esce un'assicurazione da 1000 franchi al mese. Assicurazione con franchigia da 300 franchi a persona (tranne il bambino) e poi c'è la partecipazione alle spese che prevede un ulteriore esborso del 10% della prestazione fino ad un massimo di 700 franchi. Quindi ai 1000 franchi al mese c'è da aggiungere altri 1000 possibili franchi annuali. io continuo a fare il confronto con l'operaio che paga 52 euro al mese per la sanità e mi chiedo ancora quanti soldi dal già misero stipendio si toglierebbero a questo operaio? Ah, mi son dimenticato di aggiungere che, come avevo descritto prima, in Svizzera oltre all'assicurazione si paga anche una quota delle tasse per la sanità (presumo per coprire chi guadagna poco). Un sistema del genere porterebbe un aggravio nei costi delle persone meno facoltose di molte centinaia d'euro al mese.
    "Voi non avete fermato il vento gli fate solo perdere tempo"
    www.forumviola.it

  9. #29
    Social liberal
    Data Registrazione
    26 May 2020
    Messaggi
    1,387
    Mentioned
    87 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da medisco Visualizza Messaggio
    Dici che un operaio paga di imposte per la sanità (non fare l'errore di considerare tutte le taste come solo costo sanitario) pari ad un ipotetico trapianto di cuore? Ovvio che la sanità pubblica si mantiene con le tasse, direi che non sarebbe nemmeno il caso di dirlo. Ma quanto paghiamo di tasse per la sanità? In questo ci aiuta a capirlo l'agenzia delle entrate



    https://www.ilsole24ore.com/art/fisc...rsiamo-ADg9GiS

    cosa capiamo con questo? Che possiamo calcolare quante delle nostre tasse vanno a finire nella sanità e quanto ci costa mensilmente. Il reddito medio italiano è di 34 mila euro l'anno. Una persona con un reddito del genere (non certo basso) con moglie e due figli a carico paga 7 mila euro l'anno di IRPEF, meno di 600 euro al mese. Leggendo l'articolo del sole24ore capiamo che finiscono nella sanità il 21% di queste tasse. cioè 122 euro al mese. Adesso invece ragioniamo con lo stipendio medio di un operaio italiano. Esso equivale a 24 mila euro lordi l'anno. L'operaio in questione, con moglie e due figli a carico, paga di IRPEF circa 3 mila euro l'anno, 250 euro al mese. Il famoso 21% che finisce nella sanità ci ridà una somma pari a 52 euro al mese. Adesso vorrei capire quale assicurazione garantirebbe a questo operaio ed alla sua famiglia tutte le cure con un premio di 52 euro al mese. E questo senza considerare un'altra cosa. Un sistema anche totalmente privato non porta ad una tassazione zero per i lavoratori. Lo stato dovrebbe garantire le cure alle persone in difficoltà economica, quindi una certa soglia di tassazione rimarrebbe comunque per rendere possibile le cure ai meno abbienti. Quindi un sistema del genere che aggravio economico comporterebbe all'operaio medio? Ma si potrebbe anche chiedere quale potrebbe essere l'aggravio economico per lo stipendio medio italiano. Questo per dirti che quando dici che la sanità "non è gratis" dovresti anche quantificarne il costo, altrimenti dici l'ovvio ma senza arrivare da nessuna parte.

    Le tariffe che ho postato dovrebbero essere di cliniche private affiliate alla FAIT.

    Per quanto riguarda le assicurazioni svizzere ho provato a fare un confronto delle tariffe on line e per una famiglia composta da marito, moglie e un figlio mi esce un'assicurazione da 1000 franchi al mese. Assicurazione con franchigia da 300 franchi a persona (tranne il bambino) e poi c'è la partecipazione alle spese che prevede un ulteriore esborso del 10% della prestazione fino ad un massimo di 700 franchi. Quindi ai 1000 franchi al mese c'è da aggiungere altri 1000 possibili franchi annuali. io continuo a fare il confronto con l'operaio che paga 52 euro al mese per la sanità e mi chiedo ancora quanti soldi dal già misero stipendio si toglierebbero a questo operaio? Ah, mi son dimenticato di aggiungere che, come avevo descritto prima, in Svizzera oltre all'assicurazione si paga anche una quota delle tasse per la sanità (presumo per coprire chi guadagna poco). Un sistema del genere porterebbe un aggravio nei costi delle persone meno facoltose di molte centinaia d'euro al mese.
    @medisco quindi tu consideri una famiglia di tre persone (mamma, papà e figlio), giusto?

    Ok. Mancano dei dettagli: lavora anche la madre o solo il padre? Sembrerebbe, dalla descrizione che hai messo, che lavora solo il padre, che poi mantiene tutta la famiglia. Assumiamo che sia così.

    Assumiamo che la madre non abbia né reddito né sostanza. Se è così allora può avere i sussidi per la cassa malati, che fanno scendere il premio per lei da 450 CHF a 120 CHF. Per il figlio, se è ancora minorenne, si parla di 100 CHF. Se ha meno di 25 anni ha anche una riduzione, seppur inferiore, ma se non ha attività lucrativa in teoria ha diritto anche lui a sussidi quindi può scendere a 120 CHF come la madre.

    Assumiamo che il figlio sia minorenne. Il padre con la franchigia minima (300 chf) paga: 450 + 100 + 120 = 670 chf al mese. Lo stipendio medio in Ticino è di 5'300 chf, quindi dopo aver pagato i 670 gli restano ancora 4'630 CHF. Se poi invece ha uno stipendio basso avrà diritto anche lui a dei sussidi per la cassa malati, quindi la spesa si riduce ulteriormente.

    È comunque ovvio che da questo punto di vista il sistema italiano è migliore perché redistribuisce di più, nessuno lo mette in discussione. Però il sistema svizzero si può facilmente correggere: basta inserire il principio della proporzionaltà nella legge della cassa malati e a quel punto i ricchi pagheranno premi più alti, le persone del ceto medio premi bassi e i poveri non pagheranno.

    Quindi è falsa l'idea che il principio della solidarietà tra ricchi e poveri si può applicare solo nella sanità pubblica: si può fare anche in un sistema come quello svizzero.

    Comunque al di là dei costi della cassa malati, nella sanità svizzera non ci sono tempi di attesa disumani, hai l'appuntamento nel giro di pochi giorni e la qualità delle cure è alta. La Svizzera è al primo post nell'Health Consumer Index: https://en.wikipedia.org/wiki/Euro_h...consumer_index

    Guarda invece com'è messa la sanità italiana nella classifica.

    Quello che dici è giusto: la sanità è pagata anche con le imposte, perché il cantone paga il 55% delle cure in degenza. Comunque le imposte in Svizzera sono relativamente basse, intorno al 10% per la fascia di reddito che stiamo considerando, quindi i costi della cassa malati sono compensati da imposte basse. Nonostante le imposte basse lo stato svizzero funziona meglio di quello italiano, infatti non crollano i ponti.

    Comunque il punto della discussione non è quello di difendere il sistema della casse malati, lasciamolo stare.

    La domanda è se converebbe un sistema in cui lo stato (non la cassa malati) paga le cure anche in cliniche private convenzionate, così l'operaio che paga 52 euro al mese per la sanità può curarsi anche in cliniche private. Visto che molti adesso si rivolgono al privato per via degli elevati tempi di attesa delle strutture statali mi sembra giusto che lo stato rimborsi le prestazioni private, perché altrimenti le persone pagano di tasca loro.

    Abbiamo visto che non è vero che le cliniche private convenzionate costano di più rispetto ai servizi statali, anzi, spesso costano pure meno, quindi non bisogna aumentare le imposte per includere anche i privati nel servizio sanitario.
    Ci sono solo due cose per cui è lecito limitare la libertà individuale: la salute e la vita. Riconosci un fascista dal fatto che vuole opprimere la libertà individuale per via di stupidi piagnistei ma non per tutelare la salute e la vita.

  10. #30
    Social liberal
    Data Registrazione
    26 May 2020
    Messaggi
    1,387
    Mentioned
    87 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La sanità privata costa meno di quella statale?

    Citazione Originariamente Scritto da CapitanFracassa Visualizza Messaggio
    Io non sono di uno schieramento. Guardo la matematica e quello che conviene in questo momento. Ora è il momento dello stato imprenditore, poi passata la bufera si potrà tornare a riaprire i mercati.

    Non ho tempo di spiegare ma paradossalmente, a livello matematico in dottrina, lo stato è più efficiente del privato perchè riproduce la situazione di equilibrio del mercato privato in concorrenza perfetta, cioè l'ottimo paretiano, ovvero la massima produzione possibile col massimo soddisfacimento della popolazione, tale per cui qualsiasi situazione diversa provocherebbe meno produzione e meno bisogni soddisfatti; il prezzo (che è uguale al ricavo marginale nel libero mercato che nessuno può controllare, ovvero il prezzo è una linea orizzontale rispetto alla quantità prodotta) cala fino a pareggiare il costo marginale di produzione.

    In sostanza quando c'è concorrenza tra i privati i profitti si riducono molto fino ad azzerarsi, che è di fatto il livello di produzione di un'azienda statale di produzione senza scopo di profitto. Questo lo si nota nei beni collettivi come la sanità cioè con l'obiettivo di coprire la maggior parte della popolazione, dove in lombardia i soldi pubblici per finanziare i profitti del privato convenzionato dovevano essere usati per ampliare l'offerta sanitaria degli ospedali statali al prezzo di costo.
    Infatti i privati combattono per allearsi e non avere concorrenza per non mangiarsi fra di loro, cioè fuggono dal liberismo che non vogliono, e in questo modo tengono alti i prezzi con una quantità domandata e quindi prodotta minore nel complesso.

    Altro punto a favore dello stato è il monopolio naturale, cioè un mercato dove i costi fissi sono così elevati che in concorrenza fallirebbero tutti i privati, perchè la curva del costo marginale e medio è addirittura superiore al prezzo, e dove l'obiettivo è mantenere la copertura maggiore possibile dei bisogni dei cittadini, quindi conviene avere un monopolio con tariffe calmierate, che ovviamente non può essere affidato ai privati che punteranno a ridurre i costi e la manutenzione per aumentare il margine di profitto.
    @CapitanFracassa si ok, questa è la teoria.

    In pratica invece puoi vedere anche tu dai dati che ho messo che i privati sono più efficienti, fanno tariffe più basse.
    Ci sono solo due cose per cui è lecito limitare la libertà individuale: la salute e la vita. Riconosci un fascista dal fatto che vuole opprimere la libertà individuale per via di stupidi piagnistei ma non per tutelare la salute e la vita.

 

 
Pagina 3 di 9 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Fine della sanita pubblica a favore di quella privata
    Di vituperiopisa nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-05-16, 11:33
  2. fine della sanita PUBBLICA a favore di quella PRIVATA
    Di vituperiopisa nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-05-16, 11:32
  3. Impresa statale socialista e iniziativa privata a Cuba.
    Di Gianky nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-07-14, 22:23
  4. Il Nobel Krugman lascia la superfacolta` privata per un college statale
    Di MaIn nel forum Internazionale Progressista
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-03-14, 00:31
  5. Sanità pubblica o Sanità privata
    Di Bladerunner60 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 188
    Ultimo Messaggio: 13-03-08, 11:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226