User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 41
Like Tree13Likes

Discussione: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    04 Oct 2018
    Messaggi
    8,339
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    281 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    B. mette paura a Salvini: ora la Lega è pro-Mediaset

    Tregua - Il leader del Carroccio, dopo aver favorito la fuga di tre azzurri, fa marcia indietro e ritira il no al testo che salva il Biscione.
    L’espressione che si usa in questi casi è tregua armata. Ma è proprio questo lo stato dell’arte tra Lega e Forza Italia il giorno dopo lo scippo del partito di Matteo Salvini a quello di Silvio Berlusconi. L’uscita di Laura Ravetto, Federica Zanella e Maurizio Carrara è stata vissuta come un atto di guerra.
    https://www.ilfattoquotidiano.it/in-...iaset/6011320/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Drugrillo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    43,365
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    500 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    Qualcuno si stupisce?
    È dal '99 che la lega di è venduta a Silvio
    PATRIMONIALE PROGRESSIVA SU IMMOBILI, DEPOSITI, PRODOTTI FINANZIARI, RENDITE E SUCCESSIONI!

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    22 Mar 2020
    Messaggi
    875
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    Ma il testo,pro Mediaset chi lo ha scritto?

    Mi sembra i 5S
    anticomunista likes this.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    04 Oct 2018
    Messaggi
    8,339
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    281 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    Citazione Originariamente Scritto da buonsen Visualizza Messaggio
    Ma il testo,pro Mediaset chi lo ha scritto?

    Mi sembra i 5S
    Ma allora è tornato l'inciucio 5S-Lega?

  5. #5
    Pornocrate
    Data Registrazione
    04 Nov 2016
    Località
    Tuscia Laziale e Veneto Centrale
    Messaggi
    10,695
    Mentioned
    121 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    Partendo dal presupposto che il Fatto Quotidiano è una cornucopia di stronzate scritto in modo che sia ben evidente, una lettura più aderente alla realtà è che:
    Salvini, impulsivo come al solito, prima spara le parole poi connette il cervello.
    Da perfetto ingenuo, prima dice no a Mediaset perchè Dio solo sa cosa cosa c'ha nel cervello, poi i papaveri grossi della lega l'avreanno preso per un braccio in disparte e gli avranno strillato nelle orecchie "che cazzo stai facendo, deficiente ?!?!?!?!?! Guai a te se ti metti contro Mediaset !!!!!!".
    E allora Salvini ha fatto la retromarcia.
    Giorgetti e Bagnai gli dovrebbero fare da tutori, seguirlo come la sua ombra, perchè quello non si sa quello che può dire e fare.
    Bossi almeno aveva la scusa che era ubriaco, tipo Eltsin.
    Salvini sembra non avere quel problema.
    Lui ha l'ingenuità e l'impulsività di un ragazzone: in un mondo di vipere e adulatori, lui dura pochissimo.
    Se facessimo il paragone con i soldati, Salvini non ha certo l'abilità di un tiratore scelto cecchino cacciatore che attira il nemico dove gli fa comodo, si apposta e aspetta pazientemente fino ad incularlo, sarebbe piuttosto il capofila di un assalto frontale che aizza gli altri ad uscire allo scoperto, e lui esce per primo e si fa inculare subito.
    Se sarete quello che dovete essere, metterete fuoco in tutta l'Italia.

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    04 Oct 2018
    Messaggi
    8,339
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    281 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    SALVINI HA UN GRANDE NEMICO: GIANNI LETTA - SA CHE “L’EMINENZA AZZURRINA” È IL REGISTA DI UN PIANO POLITICO CHE PUNTA A SFANCULARE I SOVRANISTI E AD AVVICINARE IL CAV AL GOVERNO - NON SOLO: SA CHE LETTA DISCUTE SUI FUTURI VERTICI DELL'ARMA CON IL MINISTRO DELLA DIFESA, CI SONO I SUOI BIGLIETTINI SUI TAVOLI DOVE SI DECIDE UNA NOMINA, LO RITIENE IL CREATORE DI GRUPPI “RESPONSABILI” - UN TERRORE FINALE LO ASSILLA: “NON È CHE GIANNI LETTA STA PUNTANDO AL QUIRINALE?”
    È quando vede il volto di Gianni Letta sovrapporsi a quello di Berlusconi che Salvini perde i lumi. È accaduto anche stavolta al leader della Lega di scambiare il Cavaliere con il «mio nemico». Perché ai suoi occhi Letta è l'interprete di un disegno politico ostile, che vive come una minaccia. E l'ex sottosegretario alla Presidenza non fa nulla per smentire questa tesi: insiste con Berlusconi affinché abbracci il proporzionale così da affrancare Forza Italia, posizionarla al centro dei giochi, trasformarla nell'ago della bilancia dei nuovi equilibri e far saltare i disegni di governo al capo dei sovranisti.
    D'altronde quelli di Letta e Salvini sono mondi inconciliabili: il primo raramente incrocia il secondo, e di certo parla più con Conte, Zingaretti e Di Maio di quanto non faccia con il segretario del Carroccio. Salvini vede impronte del «mio nemico» dappertutto. A parte i colloqui riservati al Colle, scopre che Letta discute sui futuri vertici dell'Arma con il ministro della Difesa, viene a sapere sempre dei suoi bigliettini sui tavoli dove si decide una nomina, lo ritiene il regista di certe manovre parlamentari per la nascita di gruppi «responsabili», lo considera l'artefice delle interviste da «padre della Patria» di Berlusconi a cui «guarda caso il giorno dopo risponde Bettini».
    Ecco cosa intendeva quando ha gridato agli «inciuci». Cosa che stava per fare all'ultimo vertice di centro-destra, prendendo a pretesto la storia del doppio relatore per la Finanziaria: «Silvio, questa cosa non mi sta bene. E poi scusa, prima ti irrigidisci con il governo e mi dici che non hai risposto al telefono a Conte, e poi ti metti a fare il dialogante?».
    È che a «Silvio» piace la ritrovata centralità politica, questo corteggiamento dei vecchi nemici che ora lo trattano da statista. Persino Bersani aspetta di capire «cosa farà in futuro, perché è del Ppe e non c'entra nulla coi sovranisti. Certo poi bisogna impostare il dialogo con cautela, perché il modo in cui è stato scritto l'emendamento su Mediaset è un po' naif...».
    Dietro quella norma Salvini ha rivisto la sagoma di Letta, e siccome da Arcore nessuno lo aveva informato per tempo l'ha considerata la prova del tradimento. «Ma non l'hanno fatta per noi», ha provato a giustificarsi Berlusconi. Che gli ha detto la verità solo quando ha scagionato «Gianni», contrario in effetti alla soluzione sostenuta dall'azienda, perché a suo dire «provoca scalpore e rimanda il problema solo di sei mesi». Il fatto è che Salvini addebita a Letta ogni complotto, e in ogni caso l'altro giorno era intenzionato a dare un segnale al Cavaliere «perché i miei non li tengo più».
    Perciò ha attaccato senza calcolare la proporzionalità del gesto e il fatto che - spaccando plasticamente la coalizione - forniva il destro alle teorie di Letta e al gioco del Pd. Raccontano che Berlusconi abbia accolto la notizia con un moto di fastidio e insieme di compiacimento: «Davvero vuole colpire Mediaset? Ma se lui vive nelle mie tivvù».
    Il giorno dopo però ha accondisceso a trovare una mediazione, perché solo il Colle varrebbe forse l'unità del centrodestra. E non è nemmeno detto, siccome al Cavaliere - impegnato a contare i voti necessari per il più alto incarico - Salvini aveva già dato garanzie. Tranne poi cadere di nuovo vittima del raptus: «Non è che al Quirinale sta puntando Gianni Letta?».
    ...
    https://www.dagospia.com/rubrica-3/p...nza-253449.htm

  7. #7
    Pornocrate
    Data Registrazione
    04 Nov 2016
    Località
    Tuscia Laziale e Veneto Centrale
    Messaggi
    10,695
    Mentioned
    121 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    Comunque la Lega oggi viene data al 25 mentre il PD è sempre inchiodato sul 20, senza considerare i decimali per entrambi.
    Segno che Salvini è parte della Lega, ma non è la Lega.
    Per fortuna.
    Le sinistre sono messe maluccio, e i 5stelle peggio. Molto peggio.
    Dario likes this.
    Se sarete quello che dovete essere, metterete fuoco in tutta l'Italia.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Dec 2010
    Messaggi
    20,072
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".

    Citazione Originariamente Scritto da incerto Visualizza Messaggio
    SALVINI HA UN GRANDE NEMICO: GIANNI LETTA - SA CHE “L’EMINENZA AZZURRINA” È IL REGISTA DI UN PIANO POLITICO CHE PUNTA A SFANCULARE I SOVRANISTI E AD AVVICINARE IL CAV AL GOVERNO - NON SOLO: SA CHE LETTA DISCUTE SUI FUTURI VERTICI DELL'ARMA CON IL MINISTRO DELLA DIFESA, CI SONO I SUOI BIGLIETTINI SUI TAVOLI DOVE SI DECIDE UNA NOMINA, LO RITIENE IL CREATORE DI GRUPPI “RESPONSABILI” - UN TERRORE FINALE LO ASSILLA: “NON È CHE GIANNI LETTA STA PUNTANDO AL QUIRINALE?”
    È quando vede il volto di Gianni Letta sovrapporsi a quello di Berlusconi che Salvini perde i lumi. È accaduto anche stavolta al leader della Lega di scambiare il Cavaliere con il «mio nemico». Perché ai suoi occhi Letta è l'interprete di un disegno politico ostile, che vive come una minaccia. E l'ex sottosegretario alla Presidenza non fa nulla per smentire questa tesi: insiste con Berlusconi affinché abbracci il proporzionale così da affrancare Forza Italia, posizionarla al centro dei giochi, trasformarla nell'ago della bilancia dei nuovi equilibri e far saltare i disegni di governo al capo dei sovranisti.
    D'altronde quelli di Letta e Salvini sono mondi inconciliabili: il primo raramente incrocia il secondo, e di certo parla più con Conte, Zingaretti e Di Maio di quanto non faccia con il segretario del Carroccio. Salvini vede impronte del «mio nemico» dappertutto. A parte i colloqui riservati al Colle, scopre che Letta discute sui futuri vertici dell'Arma con il ministro della Difesa, viene a sapere sempre dei suoi bigliettini sui tavoli dove si decide una nomina, lo ritiene il regista di certe manovre parlamentari per la nascita di gruppi «responsabili», lo considera l'artefice delle interviste da «padre della Patria» di Berlusconi a cui «guarda caso il giorno dopo risponde Bettini».
    Ecco cosa intendeva quando ha gridato agli «inciuci». Cosa che stava per fare all'ultimo vertice di centro-destra, prendendo a pretesto la storia del doppio relatore per la Finanziaria: «Silvio, questa cosa non mi sta bene. E poi scusa, prima ti irrigidisci con il governo e mi dici che non hai risposto al telefono a Conte, e poi ti metti a fare il dialogante?».
    È che a «Silvio» piace la ritrovata centralità politica, questo corteggiamento dei vecchi nemici che ora lo trattano da statista. Persino Bersani aspetta di capire «cosa farà in futuro, perché è del Ppe e non c'entra nulla coi sovranisti. Certo poi bisogna impostare il dialogo con cautela, perché il modo in cui è stato scritto l'emendamento su Mediaset è un po' naif...».
    Dietro quella norma Salvini ha rivisto la sagoma di Letta, e siccome da Arcore nessuno lo aveva informato per tempo l'ha considerata la prova del tradimento. «Ma non l'hanno fatta per noi», ha provato a giustificarsi Berlusconi. Che gli ha detto la verità solo quando ha scagionato «Gianni», contrario in effetti alla soluzione sostenuta dall'azienda, perché a suo dire «provoca scalpore e rimanda il problema solo di sei mesi». Il fatto è che Salvini addebita a Letta ogni complotto, e in ogni caso l'altro giorno era intenzionato a dare un segnale al Cavaliere «perché i miei non li tengo più».
    Perciò ha attaccato senza calcolare la proporzionalità del gesto e il fatto che - spaccando plasticamente la coalizione - forniva il destro alle teorie di Letta e al gioco del Pd. Raccontano che Berlusconi abbia accolto la notizia con un moto di fastidio e insieme di compiacimento: «Davvero vuole colpire Mediaset? Ma se lui vive nelle mie tivvù».
    Il giorno dopo però ha accondisceso a trovare una mediazione, perché solo il Colle varrebbe forse l'unità del centrodestra. E non è nemmeno detto, siccome al Cavaliere - impegnato a contare i voti necessari per il più alto incarico - Salvini aveva già dato garanzie. Tranne poi cadere di nuovo vittima del raptus: «Non è che al Quirinale sta puntando Gianni Letta?».
    ...
    https://www.dagospia.com/rubrica-3/p...nza-253449.htm
    Vabbè dai tempo un paio d'anni ... con tutto il casino che c'è stato e soprattutto ci sarà ed ammesso che per allora Silvio sia ancora con noi, FI sarà ridotta al lumicino e non è per nulla sicuro che i suoi vori (come peraltro quelli di Renzie dall'altra parte) servano ancora ... stiamo disquisendo del "sesso degli angeli"

  9. #9
    Quia Multi Sumus
    Data Registrazione
    24 Apr 2019
    Messaggi
    9,743
    Mentioned
    86 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".


  10. #10
    Quia Multi Sumus
    Data Registrazione
    24 Apr 2019
    Messaggi
    9,743
    Mentioned
    86 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ci vuole poco a spaventare lo "statista".


 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 65
    Ultimo Messaggio: 14-11-16, 13:11
  2. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 24-12-15, 00:42
  3. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 09-06-13, 01:04
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-11-07, 16:05
  5. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-11-07, 01:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226