User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Caro Grillo, noi non siamo politici, ci risponde per favore?

    Caro Grillo, noi non siamo politici, ci risponde per favore?



    Da non politici di professione, rivolgiamo qualche domanda, di pura e semplice politica, all'animatore del MoVimento 5 Stelle. Ci risponderà?

    La Woodstock di Grillo segna l’ingresso definitivo del movimento ispirato al blog del comico genovese nella vita politica italiana. Non più solo elezioni comunali o regionali: ora le 5 Stelle grilline puntano al parlamento nazionale. Beppe giura: il mio non è e non diventerà un partito.

    Questo è vero in parte. Con buona pace della retorica anti-leaderistica, palesemente strumentale a differenziare la sua figura dalla schiera grigia dei segretari in doppiopetto, Grillo non ci mette solo la faccia, senza la quale i suoi giovani entusiasti ma acerbi non prenderebbero un voto. Il suo carisma, la sua oratoria efficace perché sintonizzata sulla “pancia” dell’opinione pubblica, il fatto che sia lui – e i suoi collaboratori – a dettare l’agenda della protesta dal blog, il contatto che solo lui ha con le folle che gremiscono i suoi spettacoli: tutto questo fa di lui un capo a tutti gli effetti. È vero che il suo movimento non è strutturato secondo l’organizzazione classica di un partito (tessere, sezioni, gerarchia, riunioni ecc) in quanto basato sul concetto e la pratica di rete mutuate da internet (i “meetup”), pur tuttavia lo schema verticistico c’è, eccome. Di più: a parte il lavoro, ammirevole per tenacia sul campo, dei gruppi sparsi nella penisola, il rapporto è fra Grillo e i grillini, fra lui e la base. Dice: il programma è stato elaborato coi contributi via web dei tanti militanti. Ma i temi di fondo li decide Beppe coi suoi post quotidiani. E il collante emotivo e identificativo (fattore essenziale in qualsiasi aggregazione collettiva) è fornito dalla sua persona, dalla sua irruenza, dai suoi slogan.

    Le due giornate di Cesena ne sono state l’ultima riprova. È stato il suo discorso a calamitare l’attenzione politica, non certo le decine di band alternatesi sul palco. Sulla scelta di confezionare un evento intorno alla musica, il dato da trarne è sempre lo stesso: la volontà di distinguersi dalla politica istituzionalizzata, a partire dalle forme. Niente convention all’americana o congressi vecchio stampo, ma una kermesse gioiosa, giocosa, catartica. Un rito di liberazione di sapore esistenziale. Eppure, fra una schitarrata e l’altra, incombe l’ombra che ad un occhio senza pregiudizi appare caratteristica del grillismo: l’assenza di una visione finale. Dove vuole andare a parare, il movimento grillino? Beppe insiste col dire che loro “volano alto”, a differenza dei partiti che mestano e rimestano nel fango e nel vuoto d’idee.

    Mi spiace, ma non è così. I partiti sono finiti, nel senso che non solo non garantiscono la democrazia, ma ne sono l’antitesi. Però i contenuti proposti dalle 5 Stelle sono assolutamente insufficienti. Dopo aver reso l’Italia un’oasi ecosostenibile, che va a idrogeno (a Cesena c’era Rifkin, il profeta di tale fonte d’energia che cambia solo il carburante ma lascia intatto il sistema), dove i rifiuti sono interamente riciclati, le case si auto-alimentano, la mobilità corre in bicicletta e l’acqua ridiventa pubblica e dove le caprette ti fanno ciao, la nostra vita migliorerebbe di sicuro, ma noi non staremmo meglio. Perché tutti questi obbiettivi, di per sé sottoscrivibili, non modificherebbero di una virgola il principio cardine del paranoico modello di sviluppo che ci schiavizza: il dominio dell’Economia sull’Uomo. Grillo ammette che, dopo il comunismo, anche il capitalismo ha fallito, bene. Ma lo si supera forse evitando maniacalmente di buttare le cartacce per terra? O non si deve forse ripensare l’intero edificio sociale e culturale in cui siamo rimasti prigionieri?

    Beppe ci accuserebbe, come ha fatto in un articolo sul suo blog, di essere degli “invecisti”, perché denunciamo che invece di parlare di certi temi si limita ad altri, che per noi sono robetta da educande. Ma vorremmo rispondesse alle nostre domande: è contrario oppure no al sistema di vita che facciamo, ed è deciso o no a combattere le strutture che lo reggono (piovra bancaria internazionale, grandi industrie multinazionali, burocrazie mondiali)? Il problema principale del nostro tempo, la globalizzazione che mercifica gli uomini e livella le culture, è o non è per lui il grande tema che racchiude tutte le nostre disgrazie? Abbraccia o no, senza se e senza ma, la prospettiva della decrescita? E l’autonomismo locale – non il federalismo pataccaro della Lega – può essere la bussola per una gestione del potere pubblico liberata dal parassitismo degli Stati-nazione? E l’Europa, dobbiamo lasciarla in mano alla finanza e alle lobby santificate dal Trattato di Lisbona, o dobbiamo infonderle un’anima tentando una via europea diversa dall’iper-liberismo che da Washingon a Pechino stritola il pianeta?

    Abbiamo riassunto per sommi capi una possibile, si sarebbe detto una volta, piattaforma con cui discutere con Grillo e i grillini. Perché, questo è almeno il pensiero di chi scrive, il pericolo imminente che nonostante le parole d’ordine battagliere il loro movimento si faccia fagocitare dalla feccia parlamentare, si può evitare se solo si volesse sul serio “volare alto”. Sinceramente, non ci eccitiamo punto a sognare un’Italia ridotta ad una Svizzera linda, ordinata e pulita moltiplicata per dieci. Anzi, vivere in un posto simile ci darebbe la nausea. Semmai – e qui si vede che l’amico Beppe legge il nostro Massimo Fini, sdoganatore del primo ribelle della Storia – il nostro pensiero va alla Roma di Catilina, che lui ha citato a Cesena come esempio della rivolta da compiere. “Ora che il governo della Repubblica è caduto nelle mani di pochi prepotenti … ma chi, chi se è un uomo, può ammettere che essi sprofondino nelle ricchezze, che sperperino nel costruire sul mare e nel livellare i monti e che a molti manchi il necessario per vivere? Che costruiscano case e case l’una appresso all’altra e che molti non abbiano un tetto per la propria famiglia? Per noi la miseria in casa, i debiti, triste l’oggi e incerto il domani. Che abbiamo, insomma, se non l’infelicità del vivere?”. Grillo, se possiamo dirtelo: lascia perdere Rifkin e le pugnette tecno-ecologiste, e cerca un orizzonte più audace. Serve una ribellione, non cinque riformine.

    Che ne dice? Ci risponde?


    Caro Grillo, noi non siamo politici, ci risponde per favore?
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,833
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Rif: Caro Grillo, noi non siamo politici, ci risponde per favore?

    Puntare su poche cose è una strategia vincente. Le cose devono essere tangibili, inerenti alla vita quotidiana. Spiegare le cose sempre per massimi sistemi e porsi come battaglie principali solo lotte contro istituti e cose che il cittadino normale non vede nella sua vita non sono strategie produttive. Grillo già parla contro l' imperialismo statunitense, contro il capitalismo, contro la malavita bancaria. 2-3 anni fa creò scandalo polemizzando contro l' immigrazione e la tolleranza verso i rom; in quell' occasione deprecò letteralmente che patria e confini non sono più sacri come un tempo. Dopo sull' immigrazione ha polemizzato poco o niente per continuare ad attrarre un pubblico vagamente o del tutto orientato a sinistra, perchè più recettivo su tematiche come l' acqua pubblica, l' ambiente, la corruzione. Su alcuni temi come l' omologazione culturale creata dalla globalizzazione non so come la pensa (ne possiamo pretendere che si esponga su temi come sionismo e revisionismo storico, perchè avrebbe noie controproducenti sul piano del progresso politico, sono cose che si potranno affrontare in un secondo momento). Non sarà del tutto radicale come noi, può darsi, però sembra promuovere, patrocinare, qualcosa di costruttivo, di serio, proposte concrete e tangibili. Bisogna vedere se poi i militanti avranno le palle per andare fin dove sarà necessario, se non si faranno assorbire dal sistema mafioso-democratico come è avvenuto per la Lega Nord.
    Bene obiettare sulla favola dello sviluppo sostenibile, sul fatto che un' Italia rimodellata sulla Svizzera ordinata non cambierebbe sostanzialmente le cose e che, aggiungo io, sarebbe impossibile da realizzare, ma Grillo non crede alla possibilità di continuare con il corrente modello di sviluppo, quando attacca l' impiego dell' automobile.
    Infine, lo ripeto, strategicamente è bene puntare su alcuni temi importanti che hanno a che fare con la vita percepibile che facciamo, ad esempio l' acqua che usiamo per lavarci e per bere, una migliore razionalizzazione della gestione dei rifiuti, le altre cose si affonteranno man mano.
    Ultima modifica di Avanguardia; 02-10-10 alle 01:57

 

 

Discussioni Simili

  1. M5S: Grillo, siamo soli, non siamo né sinistra né destra
    Di Sebastiano nel forum MoVimento 5 Stelle
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 29-06-13, 20:52
  2. speriamo cha almeno a lei grillo risponde
    Di INCUBUS nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-05-13, 17:36
  3. Greenhill: i politici a favore
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 09-02-12, 00:20
  4. Staderini risponde a Beppe Grillo
    Di zulux nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-03-10, 10:50
  5. Prodi risponde a Grillo:i due comici a confonto...
    Di kanekorso nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 18-09-07, 22:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226